Calabria: minorenne muore travolto da un’auto sulle strisce pedonali

Questa notte, presso il lungomare Stefano Pugliese di Cirò Marina, un 26enne, mentre era alla guida di un’autovettura, ha investito un 17enne che stava attraversando la strada in corrispondenza delle strisce pedonali. Nonostante il soccorso prestato dai sanitari del 118, il ragazzo si è spento in ambulanza durante la corsa verso l’ospedale di Crotone.

La dinamica dell’incidente è al vaglio dei carabinieri dell’Aliquota radiomobile della locale Compagnia.

Per l’automobilista è scattata la denuncia per il reato di omicidio stradale.

Cirò Marina: raccolta sangue presso la Compagnia Carabinieri

Cirò Marina  - Nella giornata del 30 aprile scorso  è stata organizzata, presso la caserma della Compagnia Carabinieri di Cirò Marina (Kr), una raccolta di sangue con il coinvolgimento dei militari e dei loro familiari. Ciò allo scopo di favorire il conseguimento dell’autosufficienza nella provincia, particolarmente importante in periodi di forti criticità, come quello provocato dal Covid-19 che ha compromesso la regolare raccolta di sangue.

L’attività, promossa con l’Avis di Cirò Marina, è stata svolta nel cortile della caserma, con l’utilizzo di un’autoemoteca dell’Avis provinciale di Crotone.

Rintracciata la minorenne scomparsa ieri

Cirò Marina - E’ stata trovata in buone condizioni, intorno alle 9.40 di oggi, la minorenne di cui ieri si erano perse le tracce a Strongoli, nel Crotonese.

La ragazza è stata rintracciata dai Carabinieri, in piazza Kennedy, a Cirò Marina.

L’attività di ricerca, cui hanno partecipato anche i Vigili del fuoco del Comando Provinciale di Crotone che si sono avvalsi dell’ausilio di unità cinofile del nucleo regionale, erano state avviate questa mattina in seguito all’attivazione da parte della Prefettura pitagorica, del Piano di emergenza persone scomparse.

  • Pubblicato in Cronaca

Padre e figlio arrestati per traffico di droga

Cirò Marina - I Carabinieri della Compagnia di Cirò Marina (Kr) hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari, emessa dal gip del Tribunale di Crotone, su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di padre e figlio, di 49 e 27 anni.

Gli indagati, entrambi residenti a Strongoli, sono accusati di traffico di stupefacenti in relazione a quanto emerso nel corso un’indagine condotta dai militari del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Cirò Marina tra il 2019 ed il 2020.

In particolare, per gli investigatori gli arrestati avrebbero effettuato numerose cessioni di droga ad acquirenti provenienti da diverse località della provincia di Crotone e dell’area Ionio-Cosentina.

Durante le attività investigative, gli uomini dell'Arma hanno sequestrato complessivamente oltre un chilo e mezzo tra hashish, marijuana e cocaina ed eseguito 8 arresti in flagranza.

Infine, nel corso dell'esecuzione del provvedimento di custodia cautelare, i Carabinieri di Cirò Marina e dell’unità cinofila dello Squadrone Cacciatori “Calabria”, hanno rinvenuto nella disponibilità di padre e figlio, 600 grammi di marijuana, 5 grammi di cocaina, bilancini di precisione e materiale vario per il confezionamento della droga.

 

Furgone carico di merce pericolosa, scatta il sequestro

Cirò Marina - I Carabinieri del Nucleo radiomobile della Compagnia di Cirò Marina (Kr) hanno denunciato un venditore ambulante di nazionalità cinese, per i reati di introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi, vendita di prodotti industriali con segni mendaci e ricettazione.

In particolare, durante un normale controllo della circolazione stradale, l’uomo è stato fermato a bordo del suo Fiat Ducato, nel quale i militari hanno trovato oltre 2.700 articoli di vario genere destinati alla vendita, tutti privi del previsto marchio “Ce” o con marchio “Ce” contraffatto.

La merce, tra cui molti giocattoli ritenuti pericolosi, è stata sequestrata.

L’uomo è stato sanzionato con una multa da mille euro.

Maltrattamenti in famiglia, misura cautelare per padre e figlio

Cirò Marina - I Carabinieri della Compagnia di Cirò Marina (Kr) hanno eseguito la misura cautelare del divieto di avvicinamento alla persona offesa e ai luoghi da essa frequentati, emessa dal Tribunale di Crotone su proposta della locale Procura della Repubblica, per il reato di maltrattamenti in famiglia, nei confronti di un uomo e del figlio maggiorenne.

I due avrebbero costretto, rispettivamente, la moglie e la madre, a ripetuti atti vessatori, minacce e comportamenti molesti.

  • Pubblicato in Cronaca

Rintracciato l’anziano di cui si erano perse le tracce ieri

Savelli - E’ stato trovato questa mattina da un carabinieri libero dal servizio il pensionato di Savelli (Kr), di cui si erano perse le tracce intorno alle 19 di ieri.

Le ricerche, avviate intorno alle 21.30 dai Carabinieri forestale della locale Stazione e dai militari della Compagnia di Cirò Marina sono andate avanti per tutta la notte.

L’anziano, che era in discrete condizioni, una volta accompagnato nella Stazione carabinieri di Savelli è stato affidato ai familiari.

  • Pubblicato in Cronaca

Covid, Calabria: zona rossa rafforzata in 5 comuni

Nei giorni 3, 4 e 5 aprile, nei comuni di Cirò, Cirò Marina, Cutro, Mesoraca e Roccabernarda (tutti provincia di Crotone) sarà in vigore la “zona rossa rafforzata” e saranno limitati gli spostamenti ai fini del contenimento della diffusione del Covid-19.

Lo prevede l’ordinanza numero 20 firmata oggi dal presidente della Regione, Nino Spirlì.

Il provvedimento arriva in seguito all’interlocuzione con il direttore del dipartimento di Prevenzione dell’Azienda sanitaria provinciale di Crotone, con il prefetto di Crotone e con i sindaci dei Comuni interessati.

«Nei giorni 3, 4 e 5 aprile 2021, nel territorio dei Comuni di Cirò, Cirò Marina, Cutro, Mesoraca e Roccabernarda, nella provincia di Crotone, non è consentito - è scritto nell’ordinanza -, lo spostamento di cui all’art. 1 comma 4, primo periodo, del Decreto-legge 13 marzo 2021, n. 30. Inoltre, dalle ore 20 alle ore 5 del giorno successivo sono consentiti esclusivamente gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, da situazioni di necessità, ovvero per motivi di salute».

«È in ogni caso fortemente raccomandato, per la restante parte della giornata - si specifica -, di non spostarsi, salvo che per esigenze lavorative, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi. Dalle ore 5 fino alle ore 20 è consentita la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze, e la consegna a domicilio».

È fatto inoltre divieto alle persone fisiche residenti nei comuni interessati «di spostarsi per raggiungere le seconde case, salvo che per comprovati motivi di necessità o urgenza».

  • Pubblicato in Cronaca
Sottoscrivi questo feed RSS