Maxi sequestro di cocaina al porto di Gioia Tauro

Ennesimo maxi sequesto di droga al porto di Gioia Tauro, dove i finanzieri del Comando provinciale di Reggio Calabria, in sinergia con i funzionari dell'Agenzia delle dogane e dei monopoli di Gioia Tauro, hanno intercettato un container al cui interno sono stati rinvenuti 270 chili di cocaina.

Lo stupefacente era stato nascosto in un carico di cotone proveniente dal Guatemala e destinato a Valencia, in Spagna. 

Una volta tagliata ed immessa sul mercato, la cocaina avrebbe fruttato circa 55 milioni di euro.

L'operazione, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria,  è stata condotta tramite l'analisi di rischi e riscontri effettuati dalle fiamme gialle su 2000 container provenienti dal Sud America.

Operazione "Nikita": vedova al vertice di un sodalizio dedito al traffico di droga

Durante un’operazione scattata all’alba di oggi, i carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria e dello Squadrone eliportato Cacciatori hanno eseguito un provvedimento di custodia cautelare in carcere nei confronti di sei persone accusate a vario titolo di associazione finalizzata all’acquisto, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

I destinatari  della misura, emessa dal tribunale di Reggio Calabria su richiesta della procura distrettuale reggina, sono:  Giovanni Argirò, di 40anni; Mario Bottari (47); Teresa Pizzata (56); Giuseppe (33), Rosario (30) e Antonio Musolino (25).

Per tutti l’accusa, a vario titolo, è di associazione finalizzata all’acquisto, detenzione e vendita di sostanze stupefacenti.

Il provvedimento giunge al termine di un’indagine, nel corso della quale i militari della Compagnia di Locri hanno fatto luce su un “sodalizio familiare” attivo a Benestare (Rc), costituito da Teresa Pizzata ed i suoi tre figli, Giuseppe, Rosario ed Antonio Musolino.

Per gli  investigatori, il  nucleo familiare avrebbe rifornito di cocaina ed eroina sia semplici consumatori, che altri spacciatori, tra i quali figurerebbero Giovanni Argirò e Mario Bottari.

Dalle intercettazioni sarebbe emerso il ruolo direttivo svolto dalla donna che, vedova, in qualità di capofamiglia avrebbe tenuto in mano le redini del sodalizio.

Durante le indagini gli investigatori hanno scoperto, in un vallone ubicato in un’area demaniale situata di fronte all’abitazione degli indagati, alcuni nascondigli che sarebbero stati realizzati al fine di occultare la droga.

Inoltre, nell’ambito dell’operazione, denominata “Nikita”, gli uomini dell’Arma hanno eseguito una serie di perquisizioni che hanno portato al rinvenimento, a casa di uno degli indagati, di 5 chili di marijuana.

Gli arrestati, al termine delle attività di rito sono stati condotti presso la casa circondariale di Reggio Calabria.

Cocaina nascosta nel giardino, 42enne finisce in manette

I carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Crotone e di un’unità cinofila di Vibo Valentia, hanno tratto in arresto un 42enne del luogo per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

In particolare, durante una perquisizione domiciliare, i militari hanno rinvenuto, in una cassetta metallica conservata nel salone, un involucro in cellophane con 84 grammi di cocaina e due bilancini elettronici.

La perquisizione ha interessato anche il giardino dell'abitazione dove, in un fusto rinvenuto sotto terra, gli uomini dell'Arma hanno trovato 1965 grammi di cocaina.

Dopo aver sequestrato la droga, i militari hanno tratto in arresto il 42enne, il quale, al termine delle formalità di rito, è stato tradotto presso la casa circondariale di Crotone.

 

In auto con 11 grammi di cocaina, arrestato

I carabinieri della compagnia di Corigliano Calabro hanno tratto in arresto un 28enne accusato di detenzione di sostanza stupefacente.

In particolare, durante un posto di controllo in prossimità della statale 106, i militari della Stazione di Trebisacce hanno fermato una Mercedes Classe B con a bordo tre persone.

Durante l'attività, il conducente del veicolo avrebbe cercato di disfarsi, gettandolo fra le sterpaglie a bordo strada, di un involucro all'interno del quale gli uomini dell'Arma hanno rinvenuto 11 grammi di cocaina.

L'uomo, D.G.D. 28enne del luogo, è stato pertanto portato in caserma e tratto in arresto.

 

In auto con la cocaina, arrestato

I carabinieri della Stazione di Cirò hanno tratto in arresto un 43enne del luogo per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Fermato e controllato a bordo della propria autovettura, l’uomo è stato trovato in possesso di un involucro con all’interno cinque dosi di cocaina del peso complessivo di 4,5 grammi e di 1.625 euro in banconote di vario taglio.

Lo stupefacente ed il denaro sono stati sequestrati.

L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato sottoposto agli arresti domiciliari

 

Munizioni e cocaina in una carrozzeria, arrestato 35enne

I carabinieri della Stazione di Cutro, durante un servizio finalizzato alla repressione dei reati in materia di armi e droga svolto nella città di Crotone, hanno tratto in arresto un carrozziere di 34 anni del luogo.

In particolare, nel corso di una perquisizione presso la carrozzeria dell’uomo, i militari hanno rinvenuto 22 cartucce calibro 38, 42 cartucce calibro 22 e 44 grammi di cocaina.

Il trentaquattrenne è stato, pertanto, tratto in arresto ed al termine delle formalità di rito, è stato tradotto presso la casa circondariale di Crotone.

  • Pubblicato in Cronaca

Sorpreso in auto con cocaina e un coltello, arrestato

I carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Crotone hanno arrestato un 46enne di Castelfidardo (AN), ritenuto responsabile di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Durante un controllo alla circolazione stradale, l’atteggiamento dell’uomo ha destato sospetti, pertanto i carabinieri hanno eseguito una perquisizione personale e veicolare, rinvenendo all’interno del vano portaoggetti posto sotto il volante, un coltello a serramanico della lunghezza di 21 centimetri e tre involucri con all’interno cocaina.

La sostanza stupefacente e l’arma sono stati posti in sequestro.

La posizione dell’uomo è ora al vaglio della Procura della Repubblica presso il tribunale di Crotone.

 

  • Pubblicato in Cronaca

Sorpreso in auto con cocaina e documenti falsi, arrestato

Durante un servizio di controllo, i poliziotti della questura di Reggio Calabria hanno tratto in arresto un cittadino georgiano, trovato in possesso di droga e documenti falsi.

L'uomo, già destinatario di un decreto d'espulsione emesso dalla questura di Bari, è stato fermato al volante di un'auto ed alla richiesta dei documenti ha esibito una carta d'identità ed una patente di guida lituani.

Insospettiti dal comportamento del trentottenne, gli agenti hanno effettuato una perquisizione personale nel corso della quale hanno rinvenuto un involucro d'alluminio con 20 grammi di cocaina.

Una volta accertata la falsità dei documenti, i poliziotti hanno scoperto la vera identità dell’uomo, ovvero, D.G., cittadino georgiano di 38 anni, già noto alle forze dell'ordine  per furto.

Dopo l'arresto, in seguito al giudizio direttissimo, il trentottenne è stato sottoposto all'obbligo di dimora nel comune di residenza con la prescrizione di non allontanarsi e di essere quotidianamente reperibile. 

  • Pubblicato in Cronaca
Sottoscrivi questo feed RSS