Beccato con alcuni grammi di marijuana, giovane finisce in manette

Un 23enne, B.S., è stato arrestato dai poliziotti del Commissariato di Corigliano - Rossano (Cs), con l’accusa di detenzione e spaccio di sostanza stupefacente.

In particolare, il giovane, durante un controllo effettuato mentre si trovava in una frazione del comune della Sibaritide, è stato trovato in possesso di 10 grammi di marijuana.

Inoltre, a casa del ragazzo, gli agenti hanno rinvenuto altri 38 grammi della stessa sostanza, un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento della droga.

Per B.S. è quindi scattato l’arresto con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Coniugi con l'hobby della marijuana, arrestati

I poliziotti del Commissariato di Corigliano-Rossano hanno tratto in arresto i coniugi S.F. e A.L., di 40 e 30 anni, per il reato di detenzione di sostanze stupefacenti.

In particolare, gli agenti, durante una perquisizione a casa della coppia, hanno rinvenuto sul balcone due piante marijuana.

Inoltre, in un orto adiacente l'abitazione, i poliziotti hanno trovato un involucro con 40 grammi della stessa sostanza.

A nascondere la droga sarebbe stato A.L., il quale sarebbe stato notato dagli agenti, mentre saltava da una finestra con un involucro in mano.

Inevitabile, quindi, l'arresto dei due coniugi.

  • Pubblicato in Cronaca

Marijuana e cocaina in casa, manette per un 39enne

I poliziotti del Commissariato di Rossano (Cs) hanno arrestato P.C., di 39 anni, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

In particolare, durante una perquisizione personale, l'uomo è stato trovato in possesso di 500 euro.

Insospettiti dalla circostanza, gli agenti hanno deciso di estendere il controllo a casa del 39enne, dove hanno rinvenuto 181 grammi di marijuana, 12 grammi di semi della stessa sostanza, 6 grammi di cocaina, sostanza da taglio e due bilancini di precisione, su uno dei quali c'era ancora cocaina.

Pertanto, P.C. è stato arrestato e posto ai domiciliari.

  • Pubblicato in Cronaca

Terreni occupati abusivamente, sequestrati ettari di agrumeti

I carabinieri forestale della Stazione di Corigliano (Cs) hanno sequestrato diversi ettari di agrumeti a carico di 5 persone.

In particolare, i destinatari della misura, nel corso degli anni, avrebbero occupato abusivamente alcuni terreni demaniali lungo le sponde del fiume Crati, impiantando coltivazioni di agrumi e trasformando in maniera permanente il corso d’acqua, il tutto in una zona individuata come ad alto rischio inondazione.

  • Pubblicato in Cronaca

Cocaina, marijuana e hashisc: arrestato un 45enne

I poliziotti del Commissariato di Corigliano-Rossano hanno tratto in arresto, in flagranza del reato di detenzione di sostanza stupefacente ai fini dello spaccio, V.P., di 45 anni.

In particolare, l'arrestato, durante una perquisizione personale e domiciliare, è stato trovato in possesso di cocaina, marijuana e hashisc.

Inoltre, nel corso del controllo a casa dell'uomo, gli agenti hanno trovato alcune piante di marijuana e materiale per il confezionamento dello stupefacente.

Il 45enne è stato quindi arrestato con l'accusa di detenzione di sostanza stupefacente ai fini dello spaccio.

  • Pubblicato in Cronaca

Violenza sessuale ai danni di una minorenne, smascherato il presunto responsabile

I poliziotti del Commissariato di Corigliano-Rossano, in seguito alla denuncia di una violenza sessuale consumata ai danni di una minorenne del luogo, hanno notificato l’ordine di esecuzione di misura cautelare del divieto d’avvicinamento ai luoghi abitualmente frequentati dalla persona offesa, emessa dal gip del Tribunale di Castrovillari, nei confronti di un 34enne residente a Rossano.

Il provvedimento giunge al termine di un’indagine avviata a maggio scorso, in seguito alla segnalazione con la quale una minorenne aveva denunciato di essere stata seguita da un uomo, il quale dopo averla bloccata in un palazzo, l’avrebbe palpeggiata mostrandole le parti intime.

Gli agenti hanno quindi visionato alcuni filmati ripresi dagli impianti di videosorveglianza presenti nella zona in cui sarebbe stata consumata la violenza.

Gli investigatori hanno quindi individuato la targa dell’auto del destinatario della misura.

Il dato, associato alle informazioni comunicate dalla vittima, ha permesso ai poliziotti d’individuare il presunto responsabile della violenza.

  • Pubblicato in Cronaca

Droga, pistola e munizioni in un box, manette per un 41enne

I poliziotti del Commissariato di Corigliano-Rossano hanno arrestato S.R., di 41 anni, con l’accusa di detenzione e spaccio di sostanza stupefacente, ricettazione e detenzione illegale di armi e munizioni.

In particolare, durante una perquisizione personale e domiciliare, l’uomo è stato trovato in possesso di 5 mila e 600 euro, di cui non ha saputo giustificare la provenienza e di un mazzo di chiavi sul quale non ha fornito alcuna indicazione.

I poliziotti hanno quindi scoperto che le chiavi servivano per aprire la porta di un box, nel quale sono stati rinvenuti: 50 grammi di cocaina, 200grammi tra hashish e marijuana, sostanza da taglio, due bilancini di precisione, materiale per il confezionamento delle dosi e una pistola Beretta calibro 9 con matricola abrasa, completa di caricatore ed oltre 50 munizioni dello stesso calibro. 

Dopo aver sequestrato il tutto, gli agenti hanno avviato le indagini per cercare di capire se l’arma sia stata utilizzata per commettere reati.    

L’arrestato, invece, dopo le formalità di rito, è stato tradotto nel carcere di Castrovillari.

Terreni occupati abusivamente, sequestrati 50 ettari di agrumeti

I carabinieri forestale del Gruppo di Cosenza hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo di terreni, emesso dal gip del Tribunale di Castrovillari, nei confronti di 18 indagati.

In particolare,  il provvedimento giunge in seguito alle indagini, condotte dai militari della Stazione di Corigliano, durante le quali è emerso che alcuni proprietari e agricoltori di Corigliano Calabro, Terranova da Sibari e San Demetrio Corone avrebbero, nel corso degli anni, occupato abusivamente parte di terreni, sia demaniali che privati, impiantando agrumeti in assenza di concessione demaniale e di nullaosta idraulico.

Dopo aver accertato che le coltivazioni ricadono negli argini del fiume Crati e che l’area interessata dalle piantagioni è sottoposta a vincolo paesaggistico ed è classificata a rischio elevato di inondazione, gli uomini dell’Arma forestale hanno posto i sigilli ad oltre 50 ettari di agrumeti.

Contestualmente sono state denunciate 18 persone, accusate d’invasione di terreni demaniali, deviazione di acque e deturpamento.

  • Pubblicato in Cronaca
Sottoscrivi questo feed RSS