Calabria, la Regione autorizza la ripresa degli sport di squadra

“A decorrere dal 6 luglio 2020 è consentita la ripresa degli sport di contatto e squadra, nel rispetto delle misure minime adottate con la presente Ordinanza, fermo restando l’opportunità di adottare soluzioni di efficacia superiore e l’applicazione delle ulteriori prescrizioni previste a livello regionale e nazionale”.

E’ quanto dispone un’ordinanza emessa oggi dal presidente della giunta regionale della Calabria, Jole Santelli.

Dopo aver previsto che “In base all’evoluzione dello scenario epidemiologico le misure indicate potranno essere rimodulate”, il provvedimento ribadisce “la necessità per tutte le persone che effettuano tali attività, di mantenere comportamenti rispettosi dell’igiene, nonché del distanziamento interpersonale con divieto di assembramenti e dell’uso di protezioni delle vie aeree, ogni qualvolta le indicazioni lo prevedano”.

Coronavirus, Calabria: nessun nuovo positivo nelle ultime 24 ore

Nelle ultime 24 ore non è stato registrato nessun nuovo caso di coronavirus in Calabria, dove, ad oggi, sono stati effettuati 94.880 tamponi.

Le persone risultate positive al covid sono 1.181, quelle negative sono 93.699.

Territorialmente, i casi positivi sono così distribuiti:

- Catanzaro: 1 in reparto; 1 in isolamento domiciliare; 182 guariti; 33 deceduti.

- Cosenza: 1 in isolamento domiciliare; 433 guariti; 34 deceduti.

- Reggio Calabria: 2 in reparto; 16 in isolamento domiciliare; 256 guariti; 19 deceduti.

- Crotone: 1 in isolamento domiciliare; 112 guariti; 6 deceduti.

- Vibo Valentia: 1 in reparto; 1 in isolamento domiciliare; 77 guariti; 5 deceduti.

Dall'ultima rilevazione, le persone che si sono registrate sul portale della Regione Calabria per comunicare la loro presenza sul territorio regionale sono in totale 8323.

Nuovo caso di coronavirus nel Vibonese

C'é un nuovo caso di coronavirus in Calabria.

E' quanto si apprende dal bollettino della Regione, dal quale si  evince che "il positivo di oggi è un asintomatico rientrato [a Pizzo] dalla Svizzera".

Pertanto, a fronte dei 93.060 tamponi effettuati, i positivi sono complessivamente 1.181.

Territorialmente, i casi positivi sono così distribuiti:

- Catanzaro: 1 in reparto; 1 in isolamento domiciliare; 182 guariti; 33 deceduti.

- Cosenza: 2 in isolamento domiciliare; 432 guariti; 34 deceduti.

- Reggio Calabria: 2 in reparto; 17 in isolamento domiciliare; 255 guariti; 19 deceduti.

- Crotone: 1 in isolamento domiciliare; 112 guariti; 6 deceduti.

- Vibo Valentia: 1 in reparto; 2 in isolamento domiciliare; 76 guariti; 5 deceduti.

Dall'ultima rilevazione, le persone che si sono registrate sul portale della Regione Calabria per comunicare la loro presenza sul territorio regionale sono in totale 8.109

 

Un paziente su cinque positivo al coronavirus ha tra 19 e 50 anni

Il 22% dei pazienti positivi al tampone per coronavirus ha tra 19 e 50 anni.

Lo afferma un’analisi dell’Istituto Superiore di sanità, che rende chiarissimo come in tutte le fasce di età, compresi i giovani, si debbano rispettare le norme di distanziamento sociale.

“In questi giorni stiamo le cronache riportano molti esempi di violazioni delle raccomandazioni, soprattutto da parte dei giovani - sottolinea Silvio Brusaferro, presidente dell’ISS -. Questi dati confermano come tutte le fasce di età contribuiscono alla propagazione dell’infezione, e purtroppo gli effetti peggiori colpiscono gli anziani fragili. Rinunciare a una festa o a un aperitivo con gli amici, non allontanarsi dall’area dove si vive e rinunciare a rientrare a casa è un dovere per tutelare la propria salute e quella degli altri, soprattutto i più fragili”.

Dall’analisi, su 8342 casi positivi al 9 marzo alle ore 10, emerge che l’1,4% ha meno di 19 anni, il 22,0% è nella fascia 19-50, il 37,4% tra 51 e 70 e il 39,2% ha più di 70 anni, per un’età mediana di 65 anni. Il 62,1% è rappresentato da uomini. Sono 583 gli operatori sanitari positivi.

Il tempo mediano trascorso tra la data di insorgenza dei sintomi e la diagnosi è di 3-4 giorni. Il 10% dei casi è asintomatico, il 5% con pochi sintomi, il 30% con sintomi lievi, il 31% è sintomatico, il 6% ha sintomi severi e il 19% critici. Il 24% dei casi esaminati risulta ospedalizzato. L’analisi conferma che il 56,6% delle persone decedute ha più di 80 anni, e due terzi di queste ha 3 o più patologie croniche preesistenti.

Coronavirus, Calabria: nessun nuovo positivo nelle ultime 24 ore

Nelle ultime 24 ore non è stato registrato nessun nuovo caso di coronavirus in Calabria, dove, ad oggi, sono stati effettuati 93.892 tamponi.

Le persone risultate positive al covid sono 1.181, quelle negative sono 92.711.

Territorialmente, i casi positivi sono così distribuiti:

- Catanzaro: 1 in reparto; 1 in isolamento domiciliare; 182 guariti; 33 deceduti.

- Cosenza: 2 in isolamento domiciliare; 432 guariti; 34 deceduti.

- Reggio Calabria: 2 in reparto; 17 in isolamento domiciliare; 255 guariti; 19 deceduti.

- Crotone: 1 in isolamento domiciliare; 112 guariti; 6 deceduti.

- Vibo Valentia: 1 in reparto; 1 in isolamento domiciliare; 77 guariti; 5 deceduti

Dall'ultima rilevazione, le persone che si sono registrate sul portale della Regione Calabria per comunicare la loro presenza sul territorio regionale sono in totale 6.828.

Le zanzare non trasmettono il coronavirus

Sia la zanzara tigre (Aedes albopictus) che la zanzara comune (Culex pipiens) non sono in grado di trasmettere il coronavirus.

Lo dimostrano i dati preliminari di uno studio condotto da un gruppo di entomologi e virologi dell’Istituto superiore di sanità, in collaborazione con l’Istituto zooprofilattico sperimentale delle Venezie, proprio per valutare, attraverso prove d'infezione sperimentale, la competenza vettoriale delle due specie di zanzare.

La ricerca ha mostrato che il virus, una volta penetrato all’interno della zanzara mediante un pasto di sangue infetto, non è in grado di replicarsi e quindi di essere successivamente inoculato dalla zanzara attraverso una puntura.

I risultati definitivi, che saranno pubblicati a breve dall’Iss e dall’IzsVe, forniranno quell’evidenza sperimentale, finora teoricamente ipotizzata, che permetterà di escludere in modo scientifico il coinvolgimento delle zanzare nella possibile trasmissione del Covid-19, rispondendo in modo chiaro e definitivo alle legittime preoccupazioni legate al ruolo delle zanzare nella trasmissione di numerose malattie.

Preoccupazioni rese ancora più attuali dall’emergenza coronavirus e dall’inizio della stagione calda.

Violazione delle norme anticontagio, sanzionati due locali

I carabinieri della Compagnia di Corigliano Calabro (Cs) hanno continuato anche nel fine settimana appena trascorso a prestare la massima attenzione affinché la movida sul litorale coriglianese si svolgesse nel rispetto delle norme di legge, oltre a proseguire  nella repressione allo spaccio di sostanze stupefacenti.

In particolar modo nella notte fra venerdì e sabato sono stati ispezionati diversi locali notturni presenti nella centrale piazza Portofino della località di Schiavonea, anche con l’ausilio specializzato degli uomini del Nucleo ispettorato del lavoro di Cosenza. Il resoconto è stato quello della sospensione di un’attività commerciale in quanto trovata con oltre il 20% del personale dipendente in nero. Alla stessa sono state anche contestate le sanzioni amministrative per il mancato rispetto dei protocolli di sicurezza per contrastare la diffusione del Covid-19 e per la somministrazione di alcolici ad un minorenne. L’importo totale delle sanzioni ammonta a circa 17 mila euro. In un’altra attività commerciale sono invece risultate non rispettate le misure ed i protocolli da attuare in tema di contenimento del Covid-19, oltre ad essere accertata la somministrazione di alcoli ad un minorenne. Anche in questo caso sono scattate salate sanzioni pecuniarie nei confronti del titolare.

È continuata, dopo le operazioni delle ultime settimane, anche la repressione alla vendita di sostanze stupefacenti nella zona, infatti sono stati sorpresi due giovani del posto con quasi 10 grammi di marijuana divisi in dosi e sicuramente destinate alla vendita ad altri giovanissimi. Per tale motivo la sostanza rinvenuta addosso ai due ragazzi, oltre a dei trita-erba, è stata sottoposta a sequestro, mentre i due sono stati denunciati a piede libero alla Procura della Repubblica di Castrovillari per detenzione di marijuana ai fini di spaccio.

  • Pubblicato in Cronaca

Un altro caso di coronavirus in Calabria

In Calabria ad oggi sono stati effettuati 91.818 tamponi.

Le persone risultate positive al coronavirus sono 1.180 (+1 rispetto a ieri), quelle negative sono 90.638.

Il nuovo paziente affetto da covid è stato riscontrato in provincia di Crotone.

Territorialmente, i casi positivi sono così distribuiti:

- Catanzaro: 1 in reparto; 1 in isolamento domiciliare; 182 guariti; 33 deceduti.

- Cosenza: 2 in isolamento domiciliare; 432 guariti; 34 deceduti.

- Reggio Calabria: 2 in reparto; 17 in isolamento domiciliare; 255 guariti; 19 deceduti.

- Crotone: 1 in isolamento domiciliare, 112 guariti; 6 deceduti.

- Vibo Valentia: 1 in reparto; 1 in isolamento domiciliare; 76 guariti; 5 deceduti.

Dall'ultima rilevazione, le persone che si sono registrate sul portale della Regione Calabria per comunicare la loro presenza sul territorio regionale sono in totale 5.105.

Sottoscrivi questo feed RSS