Sorpreso con un chilo di marijuana nel trolley, 19enne finisce in manette

I carabinieri della Compagnia di Cosenza hanno tratto in arresto un 19enne di nazionalità nigeriana trovato in possesso di un chilo di marijuana.

In particolare, i militari, durante un servizio di perlustrazione in via Popilia, hanno notato il ragazzo aggirarsi disorientato, chiedendo informazioni su dove andare ai passanti.

Insospettiti da tale comportamento, gli uomini dell'Arma hanno prima chiesto i documenti al cittadino extracomunitario e successivamente proceduto all’ispezione del suo trolley, nel quale hanno rinvenuto un chilo di marijuana.

Il nigeriano, dunque, al termine delle formalità di rito, è stato trattenuto presso le camere di sicurezza della Stazione carabinieri di Cosenza Nord e successivamente tradotto presso il Tribunale di Cosenza per la celebrazione dell’udienza di convalida.

Sgominata organizzazione dedita al traffico di droga, eseguite 45 misure cautelari (I nomi)

È stata battezzata "Valle d'Esaro", l'operazione con la quale, a partire dall'alba di oggi, gli uomini del Servizio centrale operativo e delle Squadre mobili di Cosenza e Catanzaro, con il supporto di pattuglie di diversi Reparti prevenzione crimine e delle Squadre mobili delle Questure di Reggio Calabria, Monza-Brianza, Viterbo e L’Aquila, hanno dato esecuzione all’ordinanza di applicazione di misure cautelari nei confronti di 45 indagati, accusati, a vario titolo, di partecipazione ad un'associazione, armata, finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanza stupefacente.

L’ordinanza cautelare è stata emessa dal gip presso il Tribunale di Catanzaro, su richiesta della locale Direzione distrettuale antimafia, per i reati di traffico e spaccio di marijuana, hashish e cocaina.

Ad alcuni degli indagati sono stati contestati, anche, i reati di estorsione, ricettazione, porto e detenzione abusive di armi.

L'operazione rappresenta l'epilogo di un'indagine durante la quale gli investigatori della polizia di Stato, con il coordinamento della Dda di Catanzaro, hanno fatto luce su  un’organizzazione criminale finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Il sodalizio, attivo nel territorio della Valle dell’Esaro, sarebbe riconducibile ad esponenti della famiglia Presta, grazie al legame con Francesca Presta, detto Franco, ritenuto figura di spicco della ‘ndrangheta cosentina.

Per gli investigatori, l'organizzazione avrebbe avuto il controllo nei comuni di Tarsia, Roggiano Gravina, San Lorenzo del Vallo, Spezzano Albanese, Acri, nei quali avrebbe esercitato il proprio potere "con una capillare e asfissiante imposizione dei propri spacciatori nelle varie piazze di spaccio, nonché di quella dei canali di approvvigionamento e rifornimento della sostanza stupefacente".

Durante l'indagine sarebbe emerso anche il legame con esponenti delle cosche di Platì (Rc), dai quali sarebbe arrivata la cocaina.

Contestualmente all’esecuzione delle misure cautelati, grazie agli accertamenti effettuati dal personale specializzato della IV Divisione del Servizio centrale operativo, è stato eseguito un provvedimento di sequestro di terreni, edifici, imprese individuali, beni mobili e immobili, riconducibili ad alcuni degli indagati, in particolare a Francesco Ciliberi, Antonio, Giuseppe e Roberto Presta, per un valore complessivo di circa 2 milioni di euro. 

I destinatari della custodia cautelare in carcere sono: Armando Antonucci, 32enne di Tarsia; Sergio Cassiano, 45enne di Terranova di Sibari; Francesco Ciliberti, 35enne di San Lorenzo del Vallo; Cristian Ferraro 39enne di Spezzano Albanese; Michele Fusaro, 30enne di Spezzano Albanese; Fabio Giannelli, 31enne di Roggiano Gravina; Antonio Giannetta, 54enne di Oppido Mamertina; Luigi Gioiello, 35enne di San Marco Argentano; Roberto Iantorno, 30enne di Spezzano Albanese; Mauro Marsico, 44enne di Roggiano Gravina; Attilio Martorelli, 47enne di Roggiano Gravina; Massimo Orsini, 34enne di Roggiano Gravina; Mario Palermo, 31enne, di Roggiano Gravina; Marco Patitucci, 33enne di Roggiano Gravina; Antonio Presta, 56enne di Roggiano Gravina; Giuseppe Presta 32enne di Roggiano Gravina; Roberto Presta, 43enne, di Roggiano Gravina; Giovanni Sangineto, 53enne di Castrovillari; Costantino Scorza, 65enne di San Lorenzo del Vallo; Mario Sollazzo, 33enne di Roggiano Gravina.

Agli arresti domiciliari sono finiti, invece: Lorenzo Arciuolo, 38enne di Roggiano Gravina; AlessandroAvenoso, 41enne di Tarsia; Domenico Cesare Cardamone, 58ennedi Rossano; Rocco D’Agostino, 28enne di Roggiano Gravina; Damiano Diodati, 32enne di Terranova di Sibari; Gianpaolo Ferraro, 41enne di Acri; Roberto Eugenio Gallo, 53enne di San Marco Argentano; Giovanni Garofalo, 33enne di Paola; RemoGraziadio, 28enne di Roggiano Gravina; Erik Grillo, 25enne di Lungro; Francesco Iantorno 41enne, di Spezzano Albanese; Francesco Iantorno, 35enne di Spezzano Albanese; Antonio Orsini, 48enne di Roggiano Gravina; Filippo Orsino, 30enne di Roggiano Gravina; Vincenzo Santamaria, 39enne di Tarsia; Raffaele Sollazzo, 25enne di Mottafollone.

Obbligo di dimora per: Domenico Caputo, 42enne di Mendicino; Giuseppe Ferraro, 20enne di Acri; Cristian Garita, 45enne di Altomonte; Salvatore Miraglia, 47enne di Roggiano Gravina; Antonio Pacifico, 63enne di Roggiano Gravina; Giuseppe Palermo, 26enne di Roggiano Gravina; Giovanni Domenico Petta, 41enne di San Marco Argentano.

Infine, obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per: Massimiliano Mungo, 47enne di San Marco Argentano; e Sandro Vomero, 48enne di Roggiano Gravina.

Picchia la compagna in presenza di una minorenne, arrestato

Un cittadino romeno, A.A.D., di 43 anni è stato arrestato a Cosenza, con l'accusa di maltrattamenti in famiglia.

L'arresto è scattato in seguito ad un intervento degli agenti della polizia di Stato che, giunti a casa del 43enne, hanno trovato la compagna,  una donna romena di 47 anni, con chiari segni di percosse sul volto.

La malcapitata, in lacrime, ha riferito ai poliziotti di essere stata minacciata, presa a pugni e trascinata per i capelli.

Testimone delle violenze, la figlia minore della vittima che ha dovuto assistere all’ennesima aggressione subita dalla madre.

Ai poliziotti la donna ha raccontato di aver subito in passato altre aggressioni da parte dell’uomo e di aver trovato, esasperata dall’ennesimo episodio, il coraggio di sporgere denuncia.

Una volta arrestato l'uomo è stato tradotto presso la casa circondariale di Cosenza.

  • Pubblicato in Cronaca

Trovato il cadavere del 50enne scomparso venerdì

È stato trovato il corpo senza vita di Dino Mazzei, il 50enne di Cosenza di cui si erano perse le tracce venerdì scorso.

Il cadavere dell'uomo è stato individuato questa mattina, nei pressi del ponte di Calatrava.

Secondo le indiscrezioni trapelate, Mazzei sarebbe stato travolto da un'auto il cui conducente non si è fermato a prestare soccorso.

In seguito all'impatto, il corpo del 50enne sarebbe finito oltre il guardrail, dove è stato trovato.

 

  • Pubblicato in Cronaca

Costringeva moglie e figlia a prostituirsi, arrestato

I carabinieri del Comando provinciale di Cosenza, al termine di un'indagine coordinata dalla Procura della Repubblica della città bruzia, hanno arrestato un uomo di 53 anni accusato di favoreggiamento della prostituzione e maltrattamenti in famiglia.

Ai domiciliari è finito anche il figlio 27enne dell'uomo, indagato per maltrattamenti.

I dettagli dell'operazione saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si svolgerà oggi, alle 10.30, presso il Comando provinciale dei carabinieri di Cosenza. 

  • Pubblicato in Cronaca

Perseguita la ex, misura cautelare per un 28enne

I poliziotti della Questura di Cosenza hanno dato esecuzione all’ordinanza di applicazione della misura cautelare del divieto di avvicinamento alla parte offesa e ai luoghi da lei frequentati, emessa dal gip presso il Tribunale di Cosenza, su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di un uomo, T.M. ventottenne dell’hinterland cosentino, ritenuto responsabile del reato di stalking.

Le indagini, condotte dagli investigatori della 3’ sezione della Squadra mobile, hanno permesso di acclarare le ripetute minacce e violenze psicologiche e fisiche dell’uomo, che non accettava di essere stato lasciato dalla sua compagna.

In una circostanza, il destinatario della misura avrebbe persino inseguito la donna, costringendola a fargli visionare il suo telefono cellulare per verificare con chi intratteneva comunicazioni.

Le reiterate condotte avrebbero provocato alla vittima un grave stato di ansia e di paura ed un fondato timore per la propria incolumità, tanto da costringerla a cambiare le proprie abitudini di vita.

La donna ha infine trovato il coraggio di denunciare gli atti persecutori al personale specializzato della Squadra mobile.

  • Pubblicato in Cronaca

Droga, due giovani denunciati e uno segnalato al prefetto

Durante un servizio di controllo del territorio, svolto con l’ausilio di equipaggi del Reparto prevenzione Crimine, i poliziotti della Questura di Cosenza hanno denunciato un uomo, J.K. di 21 anni e una donna, O.F. di 19 anni, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Gli agenti hanno fermato il ragazzo è la ragazza, i quali, durante una breve fuga, avrebbero cercato, rispettivamente, di disfarsi di due involucri contenenti marjuana e di nascondere un borsello al cui interno sono stati trovati un bilanciano di precisione e 365 euro in banconote di piccolo taglio.

Nel corso di un altro servizio di controllo, i poliziotti hanno segnalato alla Prefettura della città bruzia un 23enne sorpreso a fumare hashish.

  • Pubblicato in Cronaca

La polizia trova eroina e munizioni nella roccaforte del Clan degli zingari

Cinquanta grammi d'eroina e dieci cartucce calibro 22.

È quanto hanno rinvenuto i poliziotti della Questura di Cosenza in alcune cassette di derivazione della Telecom, ubicate nel quartiere roccaforte del “Clan degli zingari”.

Il materiale trovato, dopo i rilievi tecnici eseguiti dal personale della polizia scientifica, è stato sequestrato per essere sottoposto ad ulteriori accertamenti investigativi.

 

  • Pubblicato in Cronaca
Sottoscrivi questo feed RSS