La madre rifiuta di dargli i soldi, lui la maltratta: arrestato

Cosenza - I Carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Cosenza hanno eseguito una misura cautelare in carcere, emessa dal gip del Tribunale bruzio su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di un 41enne del luogo ritenuto responsabile dei reati di maltrattamenti in famiglia, estorsione continuata e lesioni personali aggravate.

Il provvedimento giunge in seguito ad una serie di episodi che hanno visto il presunto responsabile maltrattare la madre 64enne con la quale vive.

Le indagini hanno avuto origine in seguito ad una segnalazione fatta dalla donna al 112, il 9 febbraio scorso.

Giunti sul posto, gli uomini dell’Arma hanno raccolto la testimonianza della presunta vittima che ha riferito di aver litigato con il figlio, in seguito all’ennesima richiesta di denaro avanzata da quest’ultimo.

Peraltro, il 41enne era da poco uscito dal carcere, dopo aver scontato una pena per maltrattamenti e richieste estorsive ai danni della madre.

La donna ha raccontato, inoltre, che ad ogni richiesta di denaro negata, sarebbe stata aggredita verbalmente.

Pertanto, alla luce di quanto emerso nel corso delle indagini, l’uomo è stato arrestato e condotto nel carcere di Cosenza.

  • Pubblicato in Cronaca

"Conosci Cosenza", la nuova guida fotografica alla scoperta della città dei Bruzi

Fresca di stampa è da oggi disponibile “Conosci Cosenza: itinerario guidato nella città storica”, guida sulla città dei bruzi realizzata dal giornalista Piero Carbone. Il lavoro, curato da "Atlantide - Centro studi nazionale per le arti e la letteratura" e da "Serigrafisud edizioni", con il progetto grafico di Franco Mazzulla, finito di stampare presso la Universal book, è composto da cinquantotto pagine il cui testo è corredato da centocinquanta foto.

Una guida tascabile, un mini album fotografico con testo itinerante alla scoperta della città antica,  che accompagna passo dopo passo il visitatore nell’antica città che diede i natali a personaggi illustri come Bernardino Telesio, e ne mostra le numerose bellezze.

Scritta in maniera semplice e scorrevole, la guida fornisce importanti informazioni su vie, fiumi, ponti, edifici pubblici, chiese, case nobiliari, monumenti della Cosenza “vecchia”, senza tralasciare aneddoti e leggende. La sua realizzazione - spiega l’autore - «è il risultato di un percorso di conoscenza e documentazione maturato negli anni attraverso la partecipazione a diverse visite guidate nella città antica, motivato dall’amore e dal senso di appartenenza legati al luogo di nascita. Un lavoro che vuole offrire un primo contatto in favore di quanti vogliano conoscere la parte più bella di Cosenza: ricca di storia, archeologia, arte e cultura. Un filo conduttore che si inserisce tra vicoli, piazze, chiese e monumenti. Un itinerario guidato, utile allo studente, al cittadino, al turista, che invita a scoprire una città nella città, perché la Cosenza distesa sul colle Pancrazio (altri sei colli la cingono: Triglio, Mussano, Venneri, Gramazio, Guarassano, Torrevetere) fino al margine dei fiumi Crati e Busento, è un gioiello separato dalla città nuova».

  • Pubblicato in Cultura

Sorpreso con cocaina e marijuana, 30enne finisce in manette

Cosenza - I Carabinieri della Stazione di Cosenza Centro hanno arrestato, in flagranza di reato, un 30enne del posto accusato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

L’uomo, fermato dai militari per un normale controllo, è stato trovato in possesso di 37 grammi di cocaina e 10 di marijuana.

Inoltre, a casa dell’arrestato sono stati rinvenuti altri 300 grammi di cocaina e 100 di marijuana.

Il 30enne è stato, quindi, arrestato e posto ai domiciliari in attesa dell’udienza di convalida.

Droga, documenti e soldi falsi: manette per un 40enne

La scorsa notte, nell’ambito dei servizi di controllo del territorio disposti nel capoluogo bruzio, i Carabinieri della Stazione di Cosenza Principale hanno arrestato un 40enne pakistano per i reati di possesso di documenti di identificazione falsi, possesso di banconote contraffatte e detenzione di sostanza stupefacente.

L’uomo, fermato a piedi mentre camminava nei pressi dell’autostazione, era sprovvisto di documenti e pertanto è stato accompagnato a casa, dove i militari hanno effettuato una perquisizione nel corso della quale hanno rinvenuto una carta d’identità elettronica, un permesso di soggiorno intestati a persone diverse ed un passaporto tunisino risultato falso. Durante l’attività, gli uomini dell’Arma hanno rinvenuto anche una banconota da 50 euro falsa, una dose di cocaina ed un bilancino di precisione con un’agenda sulla quale erano stati annotati alcuni nominativi con degli importi in denaro che lasciano presumere possano essere potenziali assuntori di droga.

L’immigrato è stato, quindi, dichiarato in arresto e trattenuto presso le camere di sicurezza del Comando provinciale carabinieri di Cosenza, in attesa del rito direttissimo.

In questura con un passaporto falso, arrestato

Cosenza - I poliziotti dell’ufficio immigrazione della Questura di Cosenza hanno arrestato in flagranza, per il reato di possesso e fabbricazione di documenti di identificazione falsi, un extracomunitario di 25 anni.

In particolare, il giovane si era presentato in questura per la conversione del permesso di soggiorno esibendo un passaporto risultato contraffatto.

Durante l’attività d’analisi del documento, gli agenti hanno scoperto che erano state inserite diverse pagine false, tra le quali quella con i dati anagrafici, su un passaporto valido, emesso in Guinea, ma destinato ad un’altra persona.

Per tali ragioni, il 25enne è stato arrestato, in attesa dell’udienza che sarà celebrata con il rito direttissimo.

  • Pubblicato in Cronaca

Atti persecutori e furto aggravato, 50enne in manette a Cosenza

Cosenza - Nel pomeriggio di ieri, la polizia di Stato ha eseguito un’ordinanza d'applicazione degli arresti domiciliari, emessa dal gip presso il Tribunale di Cosenza, su richiesta della locale Procura della Repubblica, a carico di V.M., 50 anni, del luogo, ritenuto responsabile dei reati di atti persecutori e furto aggravato.

In particolare, secondo quanto ricostruito dalle indagini, l’uomo, sin dal mese di ottobre 2019, avrebbe posto in essere una condotta aggressiva e minacciosa nei confronti del presidente di un’associazione e dei suoi collaboratori, ai quali avrebbe rivolto continue minacce di morte e offese, arrivando ad aggredire in una circostanza uno dei suoi membri e tentando in un’altra di investirne un altro con l'auto.

Il 50enne, avrebbe inoltre effettuato furti d’abbigliamento, mobili e suppellettili che l’associazione aveva raccolto e destinato in forma gratuita alle persone bisognose.

Durante alcuni furti, l’uomo, nonostante fosse stato visto, avrebbe continuato a sottrarre il materiale, rivolgendo minacce di morte agli operatori e al presidente.

L’uomo, dopo le formalità di rito, è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

  • Pubblicato in Cronaca

Arrestato per estorsione, viene trovato in possesso di un ingente quantitativo di droga: 31enne in manette a Cosenza

Cosenza - Un 31enne, Z.T., di nazionalità marocchina è stato arrestato dalla polizia di Stato, a Cosenza.

L’uomo, residente nella frazione Serra Pedace di Casali del Manco (Cs), avrebbe estorto del denaro ad un giovane cui avrebbe venduto della droga.

Fermato dagli agenti della Squadra mobile è stato trovato in possesso di una mazza da baseball e di circa mille euro che gli sarebbero stati consegnati dalla presunta vittima.

E’ seguita quindi una perquisizione a casa del 31enne, nelle cui vicinenze i poliziotti hanno rinvenuto otto chili di marijuana, 80 grammi d’hashish, 30 grammi d’eroina, diversi bilancini di precisione e circa 150 litri di gasolio verosimilmente rubato.

L’arrestato, al termine delle formalità di rito, è stato rinchiuso nella casa circondariale del capoluogo bruzio.

Cosenza: vede i carabinieri e scarica la droga nel bagno, arrestato

Cosenza - Un 37enne di Cosenza è stato arrestato dai carabinieri, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

In particolare, durante una perquisizione domiciliare, l’uomo avrebbe cercato di disfarsi della droga che aveva in casa, scaricandola nel bagno.

Per sua sfortuna, lo stupefacente ha ostruito le tubature di scarico della palazzina, permettendo agli uomini dell’arma di recuperare 300 grammi di marijuana.

Nella casa, invece, sono stati trovati: due grammi d’hashish, un bilancino di precisione ed oltre 2.700 euro in banconote di piccolo taglio

Dopo essere stato arrestato in flagranza, il 37enne, in seguito all’udienza di convalida, è stato sottoposto alla misura dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Sottoscrivi questo feed RSS