Covid, i presidenti delle Regioni "arancioni" scrivono al governo: «Subito i ristori»

I presidenti delle cinque regioni finite ieri in zona arancione, tra cui il calabrese Nino Spirlì, hanno inviato una lettera congiunta al Governo con la quale chiedono rassicurazioni circa l’immediata messa in campo dei relativi ristori economici.

La missiva, oltre che da Spirlì, è stata sottoscritta dai presidenti Stefano Bonaccini (Emilia Romagna), Attilio Fontana (Lombardia), Nello Musumeci (Sicilia) e Luca Zaia (Veneto) ed è indirizzata al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e ai ministri Roberto Speranza (Salute), Roberto Gualtieri (Economia e Finanze), Francesco Boccia (Affari regionali) e Federico D’Incà (Rapporti con il Parlamento).

I cinque presidenti di Regione – consapevoli del fatto che la disposizione relativa alle nuove zone arancioni «è stata adottata in base ai dati elaborati dalle autorità scientifiche e alle indicazioni della Cabina di regia che si è riunita l'8 gennaio a fronte della preoccupante diffusione del virus Covid-19» –, nel prendere atto della decisione, sottolineano che «non si può fare a meno di rimarcare quale ricaduta drammatica il provvedimento abbia su imprenditori e operatori impegnati in attività produttive, commerciali, ricettive, turistiche, gastronomiche, sportive e ricreative».

«Il provvedimento impone, infatti – spiegano –, ulteriori restrizioni alla mobilità dei cittadini e alla normale conduzione delle attività economiche dei tessuti produttivi, già duramente messi alla prova e segnati da un punto di vista finanziario, economico e operativo da precedenti provvedimenti restrittivi e dal lungo lockdown primaverile».

«Alla luce di questa situazione di profondissima crisi in cui si dibattono migliaia e migliaia di imprese dei nostri territori – continuano i presidenti di Regione –, siamo pertanto con la presente a chiedere che il Governo ci fornisca doverose e puntuali rassicurazioni circa un’immediata messa in campo di ristori e della loro quantificazione, onde evitare ulteriori penalizzazioni a queste categorie e affinché venga scongiurato il rischio – assai concreto – che interi comparti vengano definitivamente cancellati dalla geografia economica delle nostre Regioni».

  • Pubblicato in Politica

Tombolata di solidarietà organizzata dalle associazioni di Chiaravalle Centrale

Quando la solidarietà da' i numeri. Le seguenti associazioni: AVIS, Il paese dei balocchi, Maneggio Sirio, Sulle note del tempo e la UILDM, organizzano una tombolata di beneficenza online, giorno 5 gennaio alle ore 15.00 su piattaforma web. Ricchi premi per i vincitori. Il tutto nel clima di amicizia e all'insegna della solidarietà. Tutti, bimbi e adulti, sono invitati a partecipare.  Le cartelle verranno spedite gratuitamente sull'email o altro dispositivo elettronico, a gentile richiesta. La piattaforma sulla quale si svolgerà l'evento sarà GoToMeeting.

Partecipate e buon divertimento.

Covid, il Comune di Serra San Bruno avvia l’attività di screening per chi rientra per le festività

In considerazione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, il Comune di Serra San Bruno, in occasione delle festività natalizie, ha promosso un’attività di monitoraggio con tampone antigenico per i giorni del 19 e 20 dicembre dalle ore 16 alle ore 20. Lo screening – che avrà luogo nei locali della Protezione civile C.O.M. n. 7, ubicati presso la sede del Distretto Asp (in via Alfonso Scrivo, ingresso lato scuola) – è destinato a coloro i quali rientreranno in comune per le festività, ed è organizzato in collaborazione con l’associazione Cives (Coordinamento infermieri volontari emergenza sanitaria) Vibo Valentia presieduta da Maurizio Arena e grazie al contributo volontario del dottor Vincenzo Grenci e del dottor Salvatore Regio.

Per prenotarsi è necessario inviare un messaggio whatsapp al numero 3314633226 entro la giornata di giovedì indicando nome, cognome e indirizzo di domicilio o residenza.

 

I tamponi sono destinati a persone residenti o domiciliate nel comune di Serra San Bruno.

Covid: alberi di Natale e cartelli fuori dai Comuni in tutta Italia, nuova protesta delle Mascherine tricolori

Nuova protesta delle Mascherine tricolori in tutta Italia: fuori da numerosi Comuni è stato lasciato un albero di Natale volutamente spoglio e addobbato con diversi cartelli recanti le scritte 'mutuo', 'affitto', 'bollette', 'tassa rifiuti' e lo slogan "non si muore solo di Covid".

L'inziativa, come si legge in una nota, si propone di "evidenziare gli unici e veri regali che troverà il popolo italiano: pagamenti che non conoscono Covid, quarantene e Dpcm vari".

"Nulla è stato fatto - spiegano le Mascherine tricolori - se non piccole briciole fatte passare per 'potenze di fuoco incredibili'. Sta di fatto che numerose categorie come piccole imprese, partite iva, precari e disoccupati, non riapriranno i battenti perché sono state, nella realtà dei fatti, lasciate sole dal governo degli spot".

La protesta ha raggiunto i capoluoghi da Nord a Sud, per sottolineare come questo 'Natale negato', sia l'unico regalo sotto l'albero del governo Conte che, oltre ad aver "rubato l'affetto dei cari, ha lasciato in dote solo tasse".

"L'incapacità del governo - concludono le Mascherine tricolori - è messa in luce da decreti ad uso e consumo per gli show televisivi e le dirette Facebook del premier Conte, che hanno saputo solo mettere in difficoltà migliaia di amministrazioni comunali lasciate sole senza linee guida precise e attuabili".  

 

 

  • Pubblicato in Politica

Covid, studio dell'Iss: "Il caldo rende il virus meno contagioso"

Il decadimento del virus Sars-CoV-2, responsabile della pandemia Covid-19, è sensibile all’aumento della temperatura ambientale, come dimostrato per altri virus. E’ quanto ha potuto osservare un team di ricercatori del dipartimento di Malattie iInfettive dell’Istituto superiore di sanità in uno studio pubblicato sulla rivista Clinical Microbiologi and Infection dell’European Society of Clinical Microbiology and Infectious Diseases.

Gli esperimenti condotti in vitro hanno dimostrato che innalzando la temperatura fino a 28°C, la temperatura massima prevista per il mese di giugno, la carica virale subisce un drastico decadimento entro le prime 24 ore dall’emissione di droplet infette, mentre per raggiungere gli stessi livelli di decadimento alla temperatura di 20-25°C (temperatura ambiente) sono necessari tre giorni.

“I nostri dati aiutano a spiegare il perché le condizioni ambientali estive più sfavorevoli per il virus ne abbiano rallentando la diffusione e il contagio – spiega il virologo Fabio Magurano che ha coordinato lo studio - Al contrario l’abbassamento delle temperature permette al virus di resistere di più e nel contempo giustifica una maggiore capacità delle goccioline respiratorie di persistere e diffondersi nell’ambiente, favorendo la diffusione del virus e il contagio”.

Emergenza covid, Tassone: "Sensato sospendere le attività didattiche fino al 28 novembre"

 
“Registriamo che finalmente, da parte del presidente facente funzioni Nino Spirlì e del Governo regionale di centrodestra, è stata scelta la via del buonsenso e che sono state deposte quelle argomentazioni, forzate per giustificare una determinata posizione politica, che raccontavano di una dichiarazione di “zona rossa” come provvedimento punitivo nei confronti della nostra regione. La realtà è che non bisogna cadere nel panico, ma occorre mantenere altissima l’attenzione".
 
È quanto scrive in una nota il consigliere regionale della Calabria, Luigi Tassone (Pd).
 
"La sospensione di tutte le attività didattiche fino al 28 novembre, stabilita con ordinanza regionale, è una scelta difficile ma certamente sensata.
 
L’andamento del contagio - conclude Tassone - si sta mantenendo indicativamente costante, ma è fondamentale mantenere alta l’attenzione. Bisogna lavorare ancora molto per recuperare i forti ritardi che la Calabria ha accumulato sul fronte dell’organizzazione sanitaria. Continuiamo a fare il possibile per garantire la sicurezza rispettando le regole, proteggendo noi stessi e i nostri cari”.
  • Pubblicato in Politica

Emergenza Covid, Graziano (UdC): "Sia tutelato diritto ad essere informati"

«Emergenza Covid, che sia tutelato il diritto di tutti i cittadini ad essere puntualmente informati sull’andamento della pandemia sul territorio. È inaccettabile la censura posta dall’Asp di Cosenza sui dati giornalieri. Ognuno ha bisogno di sapere come si evolve la diffusione del virus nel proprio comune. Così facendo non si contrasta l’infodemia. Tutt’altro! Si rischia di sopprimere le regole della trasparenza a cui sono soggetti gli enti pubblici. Non è che, per caso, così facendo, l’Azienda sanitaria vuole nascondere le immense falle che si sono create sul sistema di tracciamento territoriale dei positivi?»

 È quanto dichiara il Presidente del Gruppo UdC in Consiglio regionale, Giuseppe Graziano, in polemica con la direzione generale dell’azienda sanitaria di Cosenza che da più giorni sta omettendo il dato comune per comune dei positivi.

 «Si è creato un vuoto di informazioni – dice Graziano – sull’andamento dell’epidemia nella provincia di Cosenza. E questo è inaccettabile. Non è bastato nemmeno l’appello lanciato nei giorni scorsi dall’Fnsi, il sindacato dei giornalisti e rivolto proprio ai vertici dell’Asp di Cosenza, affinché si continuasse ad avere un quadro completo, quotidianamente aggiornato, sui casi di positività comune per comune. È proprio vero quello che dice la Federazione della stampa, in questo modo si rischia di innescare un processo controproducente con i cittadini, che non sapendo più quanti positivi hanno attorno, abbasserebbero la guardia contro un virus infido e meschino».

«Credo però – aggiunge il capogruppo dell’UdC – che dietro alla decisione dell’azienda sanitaria non ci sia alcuna intenzione nobile ma solo la voglia di voler spegnere i riflettori sulle deficienze della struttura commissariale. La quale, di fatto, ha perso il controllo sul tracciamento dei positivi. E questo perché si sta impiegando una vita ad attivare i nuovi laboratori per il processamento dei tamponi dilatando i tempi di riscontro sugli esiti, nonostante la Regione Calabria con propri fondi abbia acquistato già a maggio scorso tutte le strumentazioni necessarie; perché i tamponi non vengono più forniti alle Usca territoriali e perché non è stato fatto nulla per potenziare con nuovo personale le squadre operative mediche ed infermieristiche che operano sul territorio. Insomma, l’Asp non dà più i numeri con la scusa di voler “tranquillizzare” i cittadini ma in realtà non li dà perché non li ha e quelli che ha sono vecchi di almeno una settimana. Questo è l’ennesimo fallimento prodotto dal Decreto Calabria e dalla gestione commissariale delle aziende sanitarie».

 «Da parte, mia rimarrò vigile e attento – conclude Graziano – e mi impegnerò quotidianamente ad incalzare quanti oggi gestiscono il sistema sanitario in Calabria e in provincia di Cosenza richiamandoli ai loro doveri e ai loro impegni nel caso in cui se ne dimentichino. Perché qui si sta giocando a Stratego sulla pelle dei cittadini».

 

  • Pubblicato in Politica

Emergenza Covid, ad Arena scatta il primo screening di massa

Adottare tutte le misure possibili di contenimento e prevenzione a tutela della salute pubblica per l’emergenza Coronavirus i cui dati in queste ultime settimane registrano un aumento preoccupante in provincia di Vibo Valentia.

Con questo chiaro intento, l’amministrazione comunale d’Arena - centro Covid free stando ai dati ufficiali diffusi dal Dipartimento provinciale dell’Asp vibonese e tra i primi comuni ad intraprendere una simile iniziativa che rappresenta un’innovazione dal punto di vista procedurale - ha deciso di avviare uno screening di massa attraverso tamponi rinofaringei a risposta rapida, una soluzione che, considerata l’alta attendibilità del test, consentirebbe di poter intervenire istantaneamente, contenendo un’eventuale diffusione del virus nelle more del completamento, da parte dell'Azienda sanitaria provinciale di Vibo Valentia, delle eventuali e prescritte indagini epidemiologiche.

In sostanza, dalla prossima settimana, nell’ambito dell’emergenza sanitaria connessa alla diffusione del Covid-19 e al fine del contenimento del contagio del virus, il Comune d’Arena avvierà una campagna di screening rivolta ai cittadini residenti, su base volontaria, per mezzo di tamponi antigenici rapidi, un’iniziativa che assume una importanza decisiva per contenere il diffondersi del virus. Si tratta, dunque, di un sistema di più ampio controllo del fenomeno sul territorio, di prevenzione e di tutela della salute cittadina anche in considerazione dei tempi lunghi che richiede l’esito del risultato dei tamponi molecolari, come peraltro sottolineato in maniera perentoria dal Dipartimento prevenzione dell’Asp di Vibo Valentia che nei giorni scorsi, con una nota, ha evidenziato sull’intero territorio provinciale “un incremento significativo dei nuovi casi di infezione SARS-Cov2 rispetto alla data di insorgenza della malattia, un notevole ritardo nella lavorazione dei tamponi nasofaringei e nella trasmissione dei relativi referti e una situazione che determina un ritardo nella ricostruzione dei contatti dei casi positivi.

Lo screening, che sarà condotto grazie alla fattiva collaborazione dei medici di medicina generale che operano sul territorio, comincerà a metà settimana prossima, riguarderà prioritariamente coloro i quali garantiscono i servizi essenziali ai sensi del Dpcm del 3 novembre scorso (dipendenti e operatori degli uffici pubblici, commercianti, pendolari che operano in comuni dove si sono registrati contagi, soggetti a rischio) e interesserà in questa prima fase circa 300 persone.

“Chi volesse effettuare il test - – fa sapere il sindaco d’Arena, Antonino Schinella  - dovrà obbligatoriamente prenotarsi al numero 3209173815 attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 18:00”.

Sottoscrivi questo feed RSS