Ancora un incendio nel vibonese, in fumo uliveti e diversi ettari di macchia mediterranea

I vigili del fuoco del Comando provinciale di Vibo Valentia ed almeno un mezzo aereo, sono alle prese con un incendio di vaste dimensioni sviluppatosi nell'area di Monte Poro.

Il rogo è divampato fra la frazione Caria di Drapia ed il territorio comunale di Spilinga dove si è propagato in località Aramoni.

Le fiamme hanno già distrutto alcuni uliveti e diversi ettari di macchia mediterranea.

Il vibonese in fiamme, in fumo oltre 70 ettari di macchia mediterranea

Sono stati oltre 20 gli interventi effettuati, a partire dalle 8 di oggi (lunedì 10 luglio), dai vigili del fuoco del Comando provinciale di Vibo Valentia.

L’attività dei pompieri ha interessato i Comuni di: Pizzoni, Nicotera, Zungri, Filadelfia, Limbadi (Frazione Motta Filocastro), Drapia, Ionadi, Mileto, Cessaniti (Frazione Favelloni) e Vibo Valentia.

Particolarmente impegnative si stanno rilevando le operazioni di spegnimento dell’incendio divampato, verso le 5 di questa mattina, in località Galluppi di Drapia.

Nonostante l'intervento delle squadre di terra e di un Canadair coordinato da un Dos (Direttore operazioni di spegnimento) dei vigili del fuoco, sono andati in fumo oltre 50 ettari di bosco di castagno, leccio, faggio e pino.

Un altro intervento di spegnimento è, attualmente, in corso a Motta Filocastro, frazione di Limbadi dove le fiamme hanno divorato 20 ettari di macchia mediterranea, uliveto, querceto e castagneto.

Sul posto operano un Dos e una squadra, il cui provvidenziale intervento ha permesso di preservare alcune abitazioni.

Un’altra squadra e due operatori Tas (Topografia applicata al soccorso) sono, infine, impegnati, da ieri, nella ricerca della pensionato scomparsa da Filogaso alcuni giorni fa.

I Carabinieri della compagnia di Tropea intensificano i controlli del territorio

Nel corso di questo fine settimanai Carabinieri della Compagnia di Tropea hanno eseguito un servizio di controllo del territorio che li ha visti operare in tutta la giurisdizione.

In particolare, i militari a Drapia hanno tratto in arresto un soggetto 37enne di nazionalità polacca, colpito da mandato di arresto europeo; il provvedimento è stato emesso  dall’Autorità Giudiziaria polacca per aver commesso, in Polonia,  i reati di truffa e appropriazione indebita.

I militari di Zungri hanno sorpreso un 23enne di Zambrone alla guida di un trattore sprovvisto della patente di guida, mai conseguita.

A Limbadi i Carabinieri hanno denunciato un47enne del posto per false dichiarazioni, relativo ad un presunto sinistro stradale, in realtà mai avvenuto, finalizzate ad ottenere il risarcimento dei danni; inoltre hanno denunciato un 60enne, pregiudicato del luogo, per inosservanza dei provvedimenti emessi dall’Autorità Giudiziaria, non essendosi presentato più volte presso il presidio dell’Arma per l’apposizione della firma di controllo.

A Nicotera i militari dell’Arma hanno deferito un 60enne, originario della provincia di Palermo, per i reati di truffa e calunnia; gli operanti hanno accertato che il soggetto aveva preso a noleggio un veicolo da lavoro consegnando al proprietario un assegno che, all’atto dell’incasso, è risultato smarrito. Inoltre, sempre a Nicotera, i Carabinieri hanno denunciato un 42enne del luogo per inosservanza dei provvedimenti emessi dall’Autorità Giudiziaria, poiché lo stesso è stato sorpreso più volte a colloquiare con soggetti pregiudicati del luogo; i militari hanno inoltre deferito una 34enne reggina, responsabile della mancata esecuzione di provvedimento emesso dal giudice.

Infine, i Carabinieri a Tropea hanno provveduto a segnalare, alla Prefettura di Vibo Valentia, due soggetti, un 28enne ed un 21enne rinvenuti in possesso di sostanza stupefacente per uso personale.

  • Pubblicato in Cronaca

In casa con una pistola e decine di proiettili, arrestato

Intensa attività di controllo del territorio da parte dei carabinieri della Compagnia di Tropea che, con l'ausilio delle Stazioni territoriali, hanno condotto una serie di azioni finalizzate alla ricerca di armi e droga.

In particolare, nel corso di un servizio svolto nella frazione Caria di Drapia, i militari hanno tratto in arresto un 69enne del luogo cui, nel corso di una perquisizione domiciliare, è stata sequestrata una pistola calibro 7.65 con matricola abrasa e 100 munizioni.

L'arma ed i proiettili detenuti illegalmente sono stati sottoposti a sequestro, mentre per l'uomo l'Autorità giudiziaria di Vibo Valentia ha disposto la detenzione domiciliare.

  • Pubblicato in Cronaca

E' morto all'ospedale di Catanzaro il falegname 66enne caduto da un tetto nel vibonese

Ancora una morte bianca nel vibonese. All'ospedale "Pugliese" di Catanzaro, dove era ricoverato da oltre quindici giorni, si è spento, infatti, Agostino Cilurzo, il falegname 66enne di Caria di Drapia, nel Vibonese, rimasto vittima di un incidente sul lavoro lo scorso 29 ottobre.

Il decesso è sopraggiunto in seguito alle complicazioni derivanti dalle gravi ferite riportate dopo la caduta dal tetto di un capannone sul quale stava eseguendo alcuni lavori.

L'incidente sul lavoro si era verificato lo scorso 29 ottobre quando, dopo un volo di oltre quattro metri, l'artigiano era stato trovato riverso a terra dalla moglie.

Sul posto erano intervenuti i sanitari del 118 che avevano chiesto il supporto dell'elisoccorso. Trasportato in prognosi riservata all'ospedale "Pugliese" di Catanzaro, Cilurzo si è spento dopo due settimane di agonia.

Negli ultimi giorni di ottobre, un altro operaio di 52 anni originario di Dasà, nel vibonese, era morto nell'ospedale del capoluogo di regione dopo essere caduto da un ponteggio mentre lavorava in un cantiere edile a Maierato.

  • Pubblicato in Cronaca

Ancora un incidente sul lavoro nel vibonese, grave un falegname di 66 anni

Un falegname di 66 anni è rimasto vittima di un incidente sul lavoro. L' uomo, ricoverato in gravissime condizioni all'ospedale Pugliese di Catanzaro, è caduto da un'altezza di quattro metri, mentre stava eseguendo alcuni lavori sul tetto di un capannone ubicato nel comune di Drapia, nel vibonese.

Chiamati dalla moglie, che ha sentito il rumore prodotto dall'impatto al suolo del corpo, sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 che hanno chiesto l'intervento dell'eliambulanza. Dal canto loro, i carabinieri hanno avviato le indagini per cercare di fare luce su quanto accaduto. Quello di oggi è il secondo incidente sul lavoro verificatosi nel vibonese nelle ultime 48 ore. A Maierato, infatti, un episodio analogo è costato la vita ad un muratore di 52 anni, Domenico Fatiga, deceduto ieri a Catanzaro dopo una notte di agonia.

 

  • Pubblicato in Cronaca

Incidente pullman studenti a Drapia: interrogazione di Mirabello all'assessore Musmanno

Il consigliere regionale Michele Mirabello, dopo l'incidente avvenuto il 28 ottobre nel tratto del bivio per Gasponi di Drapia-Tropea, dove si è sfiorata la tragedia, a causa del malfunzionamento del sistema frenante di un autobus, del consorzio Cometra, ha presentato un’interrogazione a risposta scritta all’assessore alle Infrastrutture, Lavori Pubblici e Mobilità, Roberto Musmanno. Mirabello ha sottolineato come "il Decreto Legislativo n. 422 del 1997 attribuisce alle Regioni e agli Enti Locali le funzioni e i compiti in materia di trasporto pubblico, inoltre, la Regione con Legge regionale n. 67/2012 'Norme peri servizi di trasporto pubblico locale' testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla Legge regionale 56/2013, stipula dei contratti di servizio con i consorzi di trasporto pubblico locale tra i quali risulta anche quello del consorzio interessato alla vicenda". Proprio per questo, il consigliere, ha chiesto "quali urgenti iniziative si intendono intraprendere al fine di scongiurare ulteriori incidenti sulle autolinee di trasporto pubblico locale; in che modo l’assessorato di competenza pensa di intervenire nei confronti dei consorzi convenzionati affinché assicurino una corretta manutenzione dei mezzi adibiti al trasporto pubblico al fine di garantire l’incolumità degli utenti; e se l’assessorato, possiede dati certi su quando avviene ordinaria e straordinaria manutenzione dei mezzi".

 

 

 

 

Incidente pullman studenti: Mirabello (PD) avanza dubbi sulla manutenzione dei mezzi pubblici

"Un episodio - secondo quanto dichiarato da Michele Mirabello, consigliere regionale del Partito Democratico - che solleva molti interrogativi quello che è successo ieri mattina all’altezza della curva 'Cupulea' della Sp 17, nel tratto che va Sant’Angelo di Drapia-Tropea. L'incidente, dovuto sicuramente ad un guasto, ha fatto sì che un autobus,  con a bordo diversi studenti, andasse fuori strada. Per fortuna grazie alla encomiabile prontezza ed alla professionalità dell’autista Michele Pontoriero, si è evitata una sciagura. Restano forti dubbi in ordine allo stato di manutenzione di mezzi pubblici che, lo voglio ricordare, in regime di convenzione si occupano di un servizio importantissimo come il trasporto pubblico locale. Sul punto, a breve interrogherò l’assessore regionale Musmanno per sollecitare un’attenzione particolare del dipartimento regionale trasporti". "Non si può inoltre non rilevare ancora una volta- sottolinea l'esponente del PD -  la necessità di una maggiore attenzione sul tema della sicurezza della strada teatro dell'incidente. La tragedia per fortuna solo sfiorata deve farci riflettere.  Esprimo la mia più totale vicinanza agli studenti ed alle loro famiglie, che hanno subito  un forte choc e che hanno necessità di avere garanzia che il servizio di trasporto pubblico locale venga reso in maniera assolutamente  affidabile e sicura".

 

Sottoscrivi questo feed RSS