Chiaravalle C.le. Emanuela Neri riconfermata nella Commissione Pari opportunità della Provincia di Catanzaro

Sono stati ufficializzati da parte della Provincia di Catanzaro i componenti della Commissione Pari Opportunità. Dei venti componenti, dodici vengono scelti dal Consiglio Provinciale e otto sono nominati dal Presidente. La nuova Commissione sarà composta da: Anna Altomare, Carmelina Audino, Giovanna Arona, Daniela De Fazio, Caterina Ermio, Rosa Elia, Stefania Figliuzzi, Rosella Gallelli, Vincenza Matacera, Marta Monteleone, Sonia Munizzi, Emanuela Neri, Daniela Palaia, Giulia Pucci, Rosy Rubino, Maria Antonietta Sacco, Raffaela Sestito, Anna Maria Sirianni, Donatella Soluri e Catia Trapasso. Confermata, quindi, il consigliere comunale del Pd a Chiaravalle C.le Emanuela Neri. “E’ stata una bella notizia quella della riconferma in commissione” afferma la Neri. "Un segnale importante che fa ben sperare. Quando si lavora bene si ottengono gratificazioni. Quello dell'abbattimento di ogni forma di discriminazione è un tema a me molto caro. Prima dell'estate grazie all'associazione femminile che ho l'onore di presiedere e grazie all'emittente televisiva Telejonio abbiamo avviato la prima stagione di un forum tutto al femminile: L'altra Metà del Cielo. Un format che vuole dare voce alle donne che per diversa origine e professionalità, contribuiscono quotidianamente a combattere la battaglia contro le discriminazioni.  Mi auguro che la mia presenza in commissione possa aiutare me e le altre componenti a mettere in campo iniziative come questa e come tante altre". Oltre a far parte della commissione Provinciale, la Neri è presidente dell’ associazione Sulle Note del Tempo, che da anni lavora per l’affermazione dei diritti delle donne e contro la violenza di genere, in un territorio in cui molti dei soprusi a danno delle donne avvengono nelle quattro mura domestiche e lì rimangono per il timore, molte volte, di non poter trovare un valido aiuto al di fuori della famiglia. “Da sempre ho vissuto nella consapevolezza”, continua “che la libertà di scelta, la libertà di espressione,  la libertà di vivere come meglio si crede debba essere uguale per tutti e nel rispetto dell'altro. Oggi lotto perché ancora molto è da fare non solo in paesi considerati sottosviluppati, ma anche e soprattutto nella nostra società che si ritiene tanto avanzata e che invece, quotidianamente, fa vedere il peggio dell'arretratezza culturale. La nostra è una terra difficile dove il ruolo della donna è ancora confinato nella donna madre e moglie curatrice del focolare domestico. Dove arretratezza e retaggi culturali ci costringono a dover lottare di più per poter realizzare i nostri sogni.  Dove ancora, e parlo da dirigente di un partito e da consigliere comunale,  una donna che fa politica rimane ai margini se non si impone con la forza.  Dove una donna che intraprende una carriera politica e lavorativa è perché è la donna di un uomo potente. Non accetto di vivere in una società del genere, non accetto di educare mia figlia a questo e di farla vivere così. Nel mio piccolo ci provo, provo ad insegnarle ad essere libera e a fare della sua libertà come individuo, il motore per realizzare i suoi sogni. Attraverso la commissione si può fare un lavoro di sensibilizzazione nelle scuole e in tutti i luoghi dove si formano le coscienze di domani e dove il rispetto dell'altro può essere trasmesso come valore che rende migliore il mondo”. In conclusione, Emanuela Neri spera di “continuare a lavorare bene con le colleghe riconfermate e allo stesso modo di trovare feeling e sinergie con le nuove compagne di viaggio. Auguro, inoltre, a tutte buon lavoro e ringrazio il presidente della provincia e il consiglio nella sua interezza per questa nomina”.

Chiaravalle: la soddisfazione del Pd per la nomina di Maida a rappresentante dell’Upi Calabria nella Consulta delle autonomie locali 

Riceviamo e pubblichiamo 

"Tutto il gruppo dirigente del Circolo Pd di Chiaravalle C. le esprime la propria soddisfazione in merito alla carica a rappresentare l’Upi Calabria in seno alla Consulta delle autonomie locali conferita al componente del direttivo e consigliere comunale Giuseppe Maida.

'Esprimo la mia soddisfazione per l’incarico ricevuto dal consigliere Maida, risultato di un lavoro costante sul territorio. Augurandogli buon lavoro sono certa che saprà svolgere al meglio la sua funzione, indirizzandola sempre alla tutela degli interesse collettivi. A Giuseppe Maida vanno le mie personali congratulazioni e quelle dell’intero gruppo che rappresento. Un valore aggiunto quello che saprà dare in un ambito così importante come quello della Conferenza permanente regionale, organismo consultivo in materia di programmazione socio assistenziale istituito dalla Regione Calabria – Dipartimento Lavoro, Formazione e Politiche sociali'".

Emanuela Neri - Segretario circolo Pd Chiaravalle Centrare - Capogruppo Pd in consiglio comunale

  • Pubblicato in Politica

Chiaravalle C.le, il PD attacca l'amministrazione sulla viabilità cittadina: "sarebbe ora di mettersi all'opera"

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa a firma del Circolo cittadino del PD di Chiaravalle Centrale sulla situazione delle strade comunali.

"Un pensionato di Porto Garibaldi, una piccola frazione nel Ferrarese, è costretto a pagare una multa salatissima per aver tappato una buca davanti casa. Questa vicenda conferma che non conviene sostituirsi alle autorità eseguendo lavori su luoghi pubblici, infatti la sua azione, nonostante fosse a fin di bene e giovasse a tutti i cittadini, gli è costata una multa molto cara. Inizialmente la multa era di 849 euro, ma visto che il pensionato l’ha pagata entro i 5 giorni dalla contestazione della violazione, ha potuto usufruire di uno sconto del 30% ed ha così pagato una multa di 594 euro…...

E bene si, ci vorrebbe a Chiaravalle Centrale qualche pensionato in questione, sarebbe un buon metodo per l’Amministrazione di fare cassa. Siamo stanchi del continuo e classico criterio dello scarica barile che dall'inizio del mandato ha caratterizzato questa maggioranza. Deresponsabilizzazione, questo il filo conduttore. La colpa è sempre di altri e la soluzione è sempre demandata ai cittadini che si devono adoperare il più possibile. Sarebbe ora di mettersi all'opera ed utilizzare risorse per i servizi iniziando dalla viabilità, sistemando centinaia di buche sparse su tutta la rete stradale comunale, evitando di nascondersi dietro la solita frase, “non ci sono soldi”. All’interno del programma elettorale della maggioranza, si dichiarava l’intenzione di dedicarsi alla “Tutela, salvaguardia, rivalutazione delle zone rurali”, ma neanche questo, così come tutti gli altri punti programmatici, è stato rispettato.

L’attuale Amministrazione comunale, mai presente sul territorio, sempre più impegnata e chiusa ad occupare qualche spazio di celebrità ed autoreferenzialità nelle stanze borghesi di potere, si è dimenticata che oltre la piazza centrale c’è un’intera comunità che deve essere rispettata e tutelata. Forse il problema è che quelle strade gli amministratori le percorrono solo durante il periodo elettorale, e nemmeno, almeno per mera presa visione, durante la messa in opera delle toppe volanti in cemento di poco tempo fa.

Basta una pioggerellina e le nostre strade, rappezzate alla meno peggio, formano crateri più o meno grandi, pericolosissimi per i ciclisti ed i motociclisti, ingannevoli per le sospensioni delle auto e per gli pneumatici. A Chiaravalle Centrale va di moda la strada a pois, “cemento-asfalto” con impronte di pneumatico centrale e bordo rialzato, stile pizza napoletana, forse per evitare problemi di aderenza.

Si ricorda che appena l'altro ieri, 03 Aprile 2018, vengono raccolte le firme da alcuni cittadini di contrada Felicetta, per richiedere all’Amministrazione l’urgente sistemazione delle strade di quella zona.

Il Circolo cittadino del PD di Chiaravalle, solidale con l’iniziativa, vuole dare voce anche agli altri cittadini di altre contrade e, non poche, rispetto ad una problematica seria da affrontare celermente e senza indugi o giustificazioni.

Il circolo del PD, vuole semplicemente mettere in evidenza che con le giornate calde di primavera ed estive, sarebbe il caso di porre rimedio a questo scempio, magari utilizzando le giuste risorse finanziarie per asfaltare i tratti danneggiati senza soluzione di continuità.

Oltre a mettere a rischio l’incolumità dei cittadini, lo stato in cui versano le strade, soprattutto nelle zone periferiche della Città, in particolare delle contrade Foresta, Catalimeni, Bonaficienza, Felicetta, Pellegrino, Cerasara, per citarne solo alcune, (come si può notare dalle foto) ci lasciano un senso di vergogna anche nei confronti dei concittadini che rientrano per le feste o per il periodo estivo.

Il tempo è spesso puntuale nel farci capire molte cose in ritardo".

Chiaravalle Centrale, Commissione finanze: dura presa di posizione dei consiglieri Neri e Tino

Si sono ritirati sull’Aventino, per protestare contro le “condizione di inagibilità” che impediscono alla Commissione consiliare per la programmazione, lo sviluppo e le finanze di svolgere al meglio la “funzione di garanzia e controllo”.

A determinare la scelta dei consiglieri comunali Emanuela Neri e Gregorio Tino, l’elezione alla presidenza della Commissione, dell’assessore al bilancio, finanze e programmazione, Claudio Foti.

I due esponenti della minoranza hanno annunciato la decisione di non partecipare ai lavori, “fino a quando non verrà rimossa”, quella che ritengono una “grave anomalia che mette in una situazione di controllore/controllato l’assessore delegato alle materie di competenza della commissione stessa”.

“L’incompatibilità – denunciano Neri e Tino - emerge chiaramente in quanto, per l’ennesima volta, l’organo viene convocato dal suo presidente, nonché assessore al ramo, per un atto di mera ratifica delle scelte e della programmazione già licenziate dall’esecutivo, svuotando di fatto il ruolo istituzionale della commissione. Ancor più grave – concludono - è il fatto che gli atti sulla quale la commissione dovrebbe pronunciarsi ed eventualmente elaborare proposte o indicazioni, sono già stati pubblicati ufficialmente dispiegando tutti gli effetti.

Chiaravalle C.le: la minoranza chiede la convocazione urgente della Commissione Elettorale

Riceviamo e pubblichiamo una nota stampa a firma dei Consiglieri Comunali di minoranza al Comune di Chiaravalle Centrale, Giuseppe Maida, Francesco Maltese, Emanuela Neri e Gregorio Tino dove chiedono al sindaco Mimmo Donato, in vista del prossimo adempimento della commissione elettorale che dovrà, nei tempi previsti dalla norma, procedere alla designazione degli scrutatori per le prossime elezioni governative indette per giorno 4 Marzo 2018, una convocazione urgente della Commissione Elettorale.

I sopracitati consiglieri, attraverso il proprio rappresentante, Dott.ssa Emanuela Neri, intendono sottoporre alla valutazione della commissione la proposta di effettuare il sorteggio degli scrutatori prediligendo, tra tutti, le fasce più deboli: disoccupati, giovani, donne in difficoltà e altre categorie svantaggiate che potrebbero, attraverso la nomina di scrutatore, ottenere un piccolo aiuto, evitando quindi il rischio che vengano sorteggiate persone, che avendo già un impiego, potrebbero non avere bisogno di questo compenso.

  • Pubblicato in Politica

Chiaravalle Centrale, l'assessore Foti sfida ancora il Pd: non avete argomenti

Non accenna a placarsi la polemica tra maggioranza ed opposizioni a Chiaravalle Centrale. Un botta e risposta che va avanti ormai da mesi e al quale, a quanto pare, nessuna delle due fazioni ha intenzione di porvi fine. Dalla Casa della Salute ai temi di ordinaria amministrazione, non esiste campo sul quale Amministrazione e minoranza non si scontrano duramente. Questa volta tocca a Claudio Foti, assessore comunale ai Lavori Pubblici, che attacca frontalmente Emanuela Neri, esponente di minoranza e commissario cittadino del Partito Democratico. 

“Mentre nel mondo cresce l'attesa per scoprire le sconvolgenti rivelazioni del Pd locale sulla reale situazione della Casa della Salute di Chiaravalle, sono costretto a registrare l'ennesimo rifiuto da parte della segretaria renziana, Emanuela Neri, ad un confronto pubblico sui temi da lei sollevati”. Afferma in una nota l'assessore comunale Claudio Foti, ironizzando sul convegno promosso dal Partito Democratico per il prossimo lunedì pomeriggio a Palazzo Staglianò.

“La campagna elettorale è iniziata - continua Foti - e lunedì vedremo una prima sfilata di candidati al Parlamento, proprio qui nella nostra città. Aspiranti deputati e senatori alla riscossa! Uno spettacolo davvero deprimente, nella forma e nei contenuti. Strano, però, che neanche questo clima di fermento politico smuova la Neri dal suo secco no al confronto con la mia persona. Eppure, persino il suo Renzi ha accettato la sfida televisiva con Di Maio. Lei no. Lei dice che il confronto si fa solo in consiglio comunale. Come se Renzi dicesse: io parlo solo a Montecitorio! Ovviamente, non è così. E lei lo sa bene. Probabilmente, la segretaria del Pd è consapevole di non avere argomenti tali da poter affrontare un serio confronto dialettico con gli esponenti dell'attuale maggioranza. Le sue dichiarazioni, forzate e strumentali, sono esclusivamente finalizzate a tenere buona la sua parte politica, di fronte agli insuccessi degli ultimi anni. Come dire: siamo ancora qui, tranquilli... Una magra consolazione per una sezione di partito che continua a prendere, da anni e anni, scoppole elettorali e, nonostante ciò, si lancia senza imbarazzo in proclami entusiastici, stile propaganda Urss anni '70. Del resto, cosa potevamo aspettarci da chi organizza ancora incontri come quello di lunedì prossimo? Le elezioni incombono e la gioiosa macchina da guerra del Pd di Chiaravalle ha avviato i motori”.

  • Pubblicato in Politica

Chiaravalle Centrale. Il circolo PD discute della Casa della Salute

Lunedì 6 novembre alle ore 17,30 nei locali di Palazzo Staglianò a Chiaravalle Centrale si terrà un incontro organizzato dal circolo PD di Chiaravalle Centrale riguardante la situazione della Casa della Salute. Interverranno Giovanni Puccio, responsabile organizzazione PD Calabria, Franco Pacenza, delegato del Presidente Oliverio per la Sanità, Michele Mirabello, Presidente della Commissione Sanità della Regione Calabria, Ernesto Magorno, Segretario Regionale Pd Calabria e Bruno Censore, deputato Pd. Il circolo PD di Chiaravalle Centrale vuole trattare l’annoso tema della Casa della Salute e lo fa invitando i rappresentanti delle istituzioni che si occupano direttamente di Sanità in Calabria e i dirigenti di partito che hanno seguito e seguono tutto l’iter. L’ incontro dibattito è aperto alla partecipazione di tutti i cittadini.

  • Pubblicato in Politica

Chiaravalle C.le. Il gruppo PD replica a Donato e Foti

Riceviamo e pubblichiamo:

Sulle  affermazioni del Sindaco in risposta al documento politico di importante contenuto trasmesso dal Pd, non ci soffermiamo proprio, volendo tenere alto il livello del dibattito politico. Reputiamo, infatti, che un sindaco eletto avrebbe dovuto dare risposte improntate sul merito delle questioni poste dai consiglieri di minoranza rappresentanti del popolo  e non utilizzare sfottò che sembrano usciti dal bar sport. Giusto un appunto riguardante le ultime elezioni comunali. Dati alla mano, i risultati ottenuti dal Partito democratico e quelli ottenuti dal Consigliere Neri parlano chiaro. Forse, più che essere il gruppo Pd a non aver accettato la sconfitta, sembrerebbe essere la maggioranza a non mandare giù di non poter governare in modo dittatoriale perché non eletta attraverso un plebiscito. Per tale motivo le regole democratiche impongono il confronto con la maggioranza dei cittadini che non li ha votati. Se dopo un anno e mezzo di gestione Donato la situazione di Chiaravalle Centrale è ancora quella lasciata dalle passate amministrazioni, come dichiarato dall’assessore Foti, la maggioranza dovrebbe farsi qualche domanda e arrivare alla conclusione che gestire la cosa pubblica è altra cosa rispetto a ciò che oggi si sta facendo. Quando arriveremo a discutere delle responsabilità, nel bene e nel male, dell’attuale amministrazione? Tra un decennio? Noi del PD potremmo proporre al Governo di allungare il mandato elettorale del Comune di Chiaravalle Centrale a 20 anni, se questo è il tempo che serve a Foti per cambiare qualche lampadina nel centro storico, tappare qualche buca e incidere sulla cosa pubblica.  

Per quanto riguarda il confronto pubblico, accettiamo volentieri la sfida lanciataci. Non possiamo che ritenerci soddisfatti. Finalmente Foti si trova sulla stessa lunghezza d’onda del gruppo Pd e non solo, di tutta la minoranza. Finalmente dopo un anno e mezzo di continue richieste di confronto pubblico la maggioranza è pronta. Accettiamo la sfida lanciata dall’assessore Foti e ci permettiamo di scegliere come location il luogo pubblico per eccellenza, il Consiglio Comunale.  Luogo aperto a tutti e deputato al confronto democratico. A maggior ragione, alla luce della determina n° 87 del 20/10/2017, e relativo impegno di spesa, che affida all’emittente televisiva TeleJonio, il servizio di comunicazione istituzionale del comune e la  ripresa integrale  con trasmissione dei consigli comunali.

Gruppo PD Chiaravalle Centrale

  • Pubblicato in Politica
Sottoscrivi questo feed RSS