Seguici su Facebook

Danni causati dal maltempo, la Provincia di Vibo Valentia interviene sulle strade provinciali

Sono stati effettuati nel corso della notte e sono proseguiti per l’intera giornata odierna i lavori di messa in sicurezza delle strade provinciali, danneggiate dalle piogge torrenziali abbattutesi sull’intero territorio Vibonese. 

Tecnici e cantonieri della Provincia di Vibo Valentia, (con il supporto degli operai di ditte specializzate in lavori pubblici e stradali), coordinati dall’ingegnere, Gaetano del Vecchio, responsabile provinciale del settore Viabilità, hanno eseguito interventi tempestivi per evitare danni più seri. Interventi, definiti dall’ingegnere, Del Vecchio «di primo impatto, per rimuovere i detriti sul piano viabile e scongiurare eventuali pericoli per le persone e la circolazione stradale, anche quella di primo soccorso, più che mai necessaria in questo periodo di emergenza coronavirus».  

A causa dell’ondata di maltempo si è, dunque, dovuto intervenire: sulla Cessaniti-Pannaconi; sulla S.P. 95, fra Vibo Marina-Pizzo e bivio Angitola; sulla strada provinciale n. 5 Maierato-Pizzo; sulla S.P. 11, la Vibo-Triparni; sulla ex strada statale 606, tra Vibo Valentia (la zona del carcere) e S. Onofrio.

Problemi sono stati arginati anche: lungo la S.P. 31 che conduce a Limbadi; lungo la S.P. 32, la variante di Nicotera; lungo la S.P. 30, la Badia di Limbadi; lungo la S.P. 33 a Jonadi, sulle strade provinciali numero 10 e 77. Inoltre si è dovuto provvedere alla chiusura della S.P. 10 (Mileto-San Giovanni) e della S.P. 3 (strada di collegamento tra Maierato e il bivio Angitola), entrambe hanno subito un crollo della carreggiata. La S.P. n. 55, nella zona di Maierato, presenta invece gravi fenomeni di movimenti franosi, per cui si è resa necessaria la chiusura immediata, poiché il versante è in movimento e il terreno di sottoscarpa sta subendo dei dilavamenti. Per i problemi più seri, relativi alle frane delle strade che sono crollate (la S.P. 10 e la S.P. 5) occorrerà, invece, predisporre una perizia di interventi molto più corposi e significativi.

Maltempo nel Vibonese, riaperta la statale 18

E’ stata riaperta la strada statale  18 'Tirrena Inferiore', nel tratto compreso tra il km 463,000 e il km 463,700, a San Calogero, in provincia di Vibo Valentia.

L’arteria stradale era stata chiusa a causa delle conseguenze dovute all’ondata di maltempo abbattutasi sul Vibonese (Per leggere la notizia clicca qui).

  • Pubblicato in Cronaca

Maltempo nel Vibonese, decine d'interventi dei vigili del fuoco

Sono stati complessivamente 30 gli interventi effettuati, tra la notte scorsa ed oggi, dai vigili del fuoco del Comando Provinciale di Vibo Valentia per far fronte all’ondata di maltempo che si è abbattuta sul Vibonese.

La gran parte degli interventi, dovuta ad esondazioni, smottamenti e alberi caduti, ha interessato i comuni di Vibo Valentia, Maierato, Francavilla Angitola, Pizzo, Briatico e Sant’Onofrio.

In particolare, a Maierato, nella tarda serata di ieri, l’esondazione di un canale ha investito, con fango e detriti, lo stabilimento della “Callipo Conserve”.

Da segnalare numerose frane sulle strade e lo sgombero di due case a Vena Inferiore e Longobardi.

  • Pubblicato in Cronaca

Maltempo nel Vibonese, chiusa la statale 18

È stata provvisoriamente chiusa al traffico la strada statale 18 “Tirrena Inferiore”, in entrambe le direzioni, in località San Calogero, in provincia di Vibo Valentia, a causa di un allagamento.

Sul posto sono presenti le squadre Anas impegnate nella gestione della viabilità e nelle operazioni di pulizia e ripristino del piano viabile.

 

  • Pubblicato in Cronaca

Maltempo, fiumi di fango devastano il Vibonese

Danni considerevoli sono stati provocati dalla pesante ondata di maltempo che da alcune ore si abbatte sul territorio vibonese.

Tre frane si sono verificate sui territori di Maierato, Francavilla Angitola e Pizzo. 

Una vera e propria “tempesta” di fango e detriti dalla collina si è riversata a valle e ha invaso anche lo stabilimento di Pippo Callipo, dove si sono contati almeno 60 centimetri di fango e detriti.

Situazione simile anche sulla strada statale 18 di Pizzo Calabro, all’altezza del ristorante Mocambo dove la strada si è trasformata in un torrente.

Disagi anche su via nazionale a Pizzo.

Si contano ovunque, lungo questo versante della provincia, rami di alberi e tronchi spezzati lungo la strada.

Problemi sono stati segnalati anche in viale Affaccio a Vibo Valentia ed a Vibo Marina e Bivona per via di una serie di allagamenti.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri delle Stazioni di Maierato, Pizzo, Filadelfia, San Gregorio d'Ippona, Mileto, Cessati, San Costantino e della Radiomobile della Compagnia di Vibo Valentia.

Dal canto loro, i vigili del fuoco del Comando provinciale di Vibo Valentia hanno provveduto alle operazioni di soccorso e messa in sicurezza delle strade alluvionate.

La situazione è al momento sotto controllo sebbene la quantità di pioggia caduta metta ancora a serio rischio l’area investita dalla pesante ondata di maltempo

Maltempo, diversi interventi dei vigili del fuoco

Tanti disagi a causa dell'ondata di maltempo che si è abbattuta sulla Calabria.

Nella giornata di ieri, infatti, i vigili del fuoco del Comando provinciale di Catanzaro sono stati chiamati a fronteggiare numerose situazioni critiche.

In particolare, nel capoluogo di regione hanno soccorso un autobus rimasto bloccato con la ruota posteriore a causa del cedimento del manto stradale.

In un altro intervento, invece, è stata messa in sicurezza un'auto che una frana stava trascinando in un burrone.

A Marcellinara, invece, i vigili del fuoco hanno rimosso un albero d'alto fusto che, a causa del vento, si abbattuto sulla sede stradale finendo su un veicolo in transito.

Fortunatamente il conducente della vettura è rimasto illeso.

Numerosi altri interventi sono stati espletati, in tutto il territorio provinciale, per mettere in sicurezza insegne, alberi divelti ed aree allegate.

  • Pubblicato in Cronaca

Maltempo, diversi interventi dei vigili del fuoco

Giornata pesante per i vigili del fuoco del Comando provinciale di Crotone, impegnati a far fronte alle numerose chiamate ricevute in seguito al maltempo abbattutosi su tutto il Crotonese.
 
In particolare, nel porto della città pitagorica è stata recuperata una barca della polizia nautica affondata dopo aver imbarcato acqua.
 
A Cirò Marina, invece, i pompieri del locale distaccamento sono stati chiamati a mettere in sicurezza una canna fumaria.
 
Diversi anche gli interventi causati dal forte vento che ha divelto lampioni, alberi, insegne, etc.
.
  • Pubblicato in Cronaca

In arrivo venti forti e calo delle temperature, allerta gialla in Calabria e Sicilia

Una perturbazione che si sta avvicinando dall’Europa nord-orientale, attraverso la regione balcanica, determinerà sul nostro Paese, un deciso rinforzo del vento dai quadranti settentrionali, a cui seguirà un rilevante calo termico, soprattutto sulle regioni del centro-sud.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse, che estende ed integra quello diramato nella giornata di ieri.

L’avviso prevede dalle prime ore di domani, lunedì 23 marzo, venti forti o di burrasca, prevalentemente dai dai quadranti settentrionali, su Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata e Calabria, con possibili mareggiate lungo le coste adriatiche e ioniche.

Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per la giornata di domani, allerta gialla su gran parte di Calabria e Sicilia

  • Pubblicato in Cronaca
Sottoscrivi questo feed RSS