Seguici su Facebook

Maltempo: in arrivo forti venti, allerta gialla in Calabria

Un’area di bassa pressione dalla Russia si spingerà verso il Mediterraneo centrale determinando, dalla prossima settimana, un netto peggioramento delle condizioni atmosferiche.

Già da domani si assisterà ad una intensificazione della ventilazione dai quadranti orientali, a cui seguirà un brusco calo delle temperature e precipitazioni a carattere nevoso fino a quote basse.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse.

I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche.

L’avviso prevede dal primo pomeriggio di domani, domenica 22 marzo, venti forti o di burrasca dai quadranti orientali su Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Marche e Toscana, con possibili mareggiate lungo le coste esposte.

Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per la giornata di domani, domenica 22 marzo, allerta gialla su alcuni settori di Calabria e Sicilia.

 

Maltempo, oltre 300 interventi dei vigili del fuoco

Sono stati oltre 300 gli interventi effettuati dai vigili del fuoco calabresi nel corso dell'ondata di maltempo che ha interessato la regione.
 
Nella sola provincia di Catanzaro, i pompieri hanno risposto ad oltre 100 richieste provenienti, prevalentemente, dalla zona del litorale tirrenico, ovvero i comuni di Lamezia Terme, Falerna Gizzeria e Nocera Terinese.
 
Allagamenti, soccorso a persone rimaste bloccate nelle autovetture, verifiche infiltrazioni nelle abitazioni, smottamenti e rimozione di ostacoli hanno visto impegnate le squadre ordinarie e quelle appositamente predisposte con il richiamo in servizio del personale di turno libero.
 
La fase emergenziale , attivata dalle prime ore di domenica scorsa, si è chiusa ieri con il miglioramento delle condizioni meteo.

Maltempo, treno bloccato dall'acqua in una galleria

Disagi anche alla circolazione ferroviaria a causa delle intense precipitazioni che si stanno riversando sulla Calabria.
 
La situazione più critica è stata vissuta, intorno alle 12.15 di oggi, dai passeggeri di un convoglio impegnato sulla tratta Lamezia Terme - Catanzaro.
 
In particolare, a causa della gran quantità d'acqua, il treno è rimasto bloccato in una galleria nel comune di Marcellinara. 
 
Dopo il vano tentativo di raggiungere il convoglio con due locomotive, bloccate in entrambe le direzioni a causa di fango e detriti presenti sui binari, sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco che hanno effettuato il trasbordo dei passeggeri su un treno diretto a Catanzaro Lido.
 
 
 
 
  • Pubblicato in Cronaca

Maltempo, allagamenti e smottamenti nel Catanzarese

Danni e disagi per l'ondata di maltempo che si sta abbattendo sulla Calabria.
 
Tante le richieste d'intervento arrivate al 115.
 
In particolare, nel Catanzarese da questa mattina dodici squadre dei vigili del fuoco sono al lavoro per fronteggiare allagamenti, smottamenti e infiltrazioni d'acqua nelle abitazioni.
 
Nel dettaglio, gli uomini dei distaccamenti volontari di Girifalco, Taverna e Martirano sono intervenuti per effettuare operazioni di prosciugamento e rimozione di ostacoli dalla sede stradale.
 
Una squadra del nucleo Saf (speleo alpino fluviale), invece, è stata mobilitata a Gimigliano, in prossimità del santuario della Madonna di Porto, dove alcune persone sono rimaste bloccate in seguito all'esondazione del fiume Corace.
 
 
Disagi e allagamenti anche nella zona industriale di Martelletto, nel comune di Settingiano, dove i vigili del fuoco ed i volontari dell'associazione Diavoli Rossi di Tiriolo sono stati impegnati a lungo per ripristinare le normali condizioni di sicurezza.
 
Infine, a Lamezia Terme un'abitazione è stata sfiorata dal cedimento di un muro di contenimento.
  • Pubblicato in Cronaca

Il forte vento fa volare via il tetto di un capannone

Danni e disagi in Calabria a causa del maltempo abbattutosi su tutta la regione.
 
Le conseguenze più serie sono state provocate dalle raffiche di vento che hanno divelto alberi e scoperchiato tetti.
 
A Catanzaro, ad esempio, il tetto di un capannone è letteralmente volato via a causa della furia dei venti.
Le lamiere di copertura sono finite sui binari della rete delle Ferrovie della Calabria e nel parcheggio di un attività commerciale.
 
Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco del locale Comando provinciale che hanno liberato la strada ferrata ed il parcheggio.
 
Per tutta la durata delle operazioni, peraltro rese difficoltose dalle forti folate di vento, la linea ferroviaria è stata chiusa al traffico.
 
 
  • Pubblicato in Cronaca

Maltempo in Calabria, frana sulla Strada provinciale 109

Prosegue senza sosta l'opera dei vigili del fuoco del comando di Catanzaro per far fronte ai danni provocati dal maltempo.
 
La squadra del distaccamento volontario di Taverna è intervenuta sulla strada provinciale 109 della Sila, tra i comuni di Taverna e Sorbo San Basile, per uno smottamento che ha parzialmente occupato la sede stradale.
 
L'intervento dei pompieri, che hanno rimosso il materiale franato e messo in sicurezza la zona, ha permesso di ripristinare la circolazione stradale.
 
Disagi anche sulla provinciale 25 "Arsanise-Catanzaro", dove i vigili del fuoco hanno dovuto rimuovere un albero caduto sulla sede stradale a causa del forte vento.

L'ondata di maltempo flagella la Calabria, disagi in tutta la regione

Il maltempo che sta funestando la Calabria ha causato danni e disagi in buona parte della regione.

Numerosissime le chiamate giunte nelle ultime ore al 115 dei vigili del fuoco.

Diverse le situazioni critiche nel Vibonese, in particolare a Serra San Bruno, Sant’Onofrio, Maierato, Francavilla Angitola, Brognaturo, Sorianello e Vazzano, il crollo di alcuni alberi ha bloccato la circolazione stradale.

Non va meglio nel Catanzarese, dove i vigili del fuoco sono dovuti intervenire per liberare diverse auto rimaste impantanate a causa dell’allegamento della sede stradale, in prossimità della facoltà di farmacia dell’Università Magna Graecia, nella frazione Roccelletta di Borgia.

Situazione analoga nei pressi  della Cittadella regionale, dove si è allagato il  sottopassaggio della provinciale che conduce a San Floro.

A Girifalco e Taverna, invece, il forte vento  ha divelto diversi alberi. Nel centro silano è stata parzialmente chiusa la strada provinciale 31 a causa dei rami e dei tronchi caduti sulla sede  stradale.

La forza di Eolo si è fatta sentire anche a Simeri Crichi, Zagarise e Pentone, dove sono stati scoperchiati i tetti di alcune abitazioni.

Le raffiche di vento hanno provocato ingenti danni anche nel Crotonese, con i vigili del fuoco impegnati in decine d’interventi a Scandale, Isola di Capo Rizzuto e Cutro.

Diverse le emergenze anche nel Reggino.

A Reggio Calabria, fango e detriti hanno bloccato l’accesso alla strada che porta all'aeroporto.

A Stilo, invece, a causa delle forti piogge, è crollata una casa fatiscente; mentre a Riace si è reso necessario l’intervento dei pompieri per mettere in sicurezza un palo della rete telefonica pericolante.

Situazioni critiche anche nei comuni di: Africo, Brancaleone, Siderno, San Luca e Stilo mentre per la Zona Tirrenica - Bagnara Calabra, Cittanova, Polistena, Reggio Calabria, Rosarno, San Roberto, Terranova Sappo Minulio.

Fortunatamente, allo stato, non si segnalano danni a persone.

Maltempo, la Prefettura di Vibo Valentia ha convocato l'unità di crisi

"In via preventiva, la Prefettura di Vibo Valentia sta monitorando, da ieri pomeriggio, domenica 10 novembre, la situazione del territorio, in considerazione del previsto maltempo. Già stamani, il prefetto ha disposto, per le ore 12,30, la convocazione dell’Unità di crisi che, in via preventiva, ha fatto il punto di situazione, senza che fossero evidenziate criticità. Tale riunione conseguiva alla ricezione (ieri, domenica 10) del messaggio di allertamento unificato con codice Arancione per le Cale 3 e 8, che ricomprendono, tra l’altro, il territorio vibonese. Intorno alle ore 14 odierne è poi pervenuto il messaggio di allertamento unificato con codice Arancione su cala 3 e codice Rosso su cala 8. A seguito di tale secondo messaggio meteo, il prefetto ha ritenuto di riconvocare la medesima Unità di crisi nel pomeriggio odierno. Non sono state comunque segnalate criticità particolari. Il monitoraggio continua senza interruzioni e l’Unità di crisi si intende permanentemente allertata e, ove necessario, il prefetto provvederà ad ulteriore convocazione della medesimo organismo in prefettura".

È quanto si legge in una nota diffusa dalla Prefettura di Vibo Valentia.

  • Pubblicato in Cronaca
Sottoscrivi questo feed RSS