Vibo, il plauso del sindaco agli allievi agenti di polizia

Il più caloroso benvenuto a nome della Città arriva dal sindaco Maria Limardo, agli allievi della Polizia di Stato del 208° Corso di formazione per Allievi Agenti, che  hanno iniziato il loro percorso a Vibo Valentia.

“Voglio rivolgere loro un saluto di benvenuto – sottolinea il sindaco Limardo – ed un plauso per la loro coraggiosa scelta di vita a difesa dei cittadini e della loro incolumità. Il loro sarà sicuramente un percorso difficile e impegnativo ma, sicuramente, affrontato con grande spirito di sacrifico e con passione e che alla fine darà loro tante soddisfazioni. Solo chi ha queste credenziali è capace di superare una duro e pericoloso compito come quello che sarà loro affidato”.

Il corso che si svilupperà nell’arco di otto mesi, terminando il 28 aprile 2020, vedrà impegnati ragazzi di età media di 26 anni, provenienti per lo più da Sicilia, Calabria, Puglia e Basilicata.

“Questo anche perché – prosegue il sindaco Limardo – Vibo è considerata un’eccellenza fra le scuole di polizia a livello nazionale e rappresenta l'ultimo presidio di formazione dei poliziotti presente nel Meridione. Per la città e per tutto il territorio riveste un’importanza enorme, rappresentando, quindi, come spesso è stato evidenziato anche dai rappresentanti delle Forze dell’Ordine, uno dei “baluardi” della legalità in un territorio come quello vibonese che ha bisogno di segnali forti di legalità, registrando secondo le statistiche una presenza della realtà criminale abbastanza vasta  e di un tessuto sociale che ha bisogno di sentirsi tutelato. Confidiamo quindi che i rappresentanti istituzionali dal ministero dell'Interno a tutti gli organismi preposti mantengano e migliorino possibilmente sempre più questo importante presidio di legalità” 

 

  • Pubblicato in Politica

Conferenza dei sindaci, Tassone risponde a Limardo: “Convocazione imminente, contatti con Cotticelli subito dopo Ferragosto”

“Subito dopo Ferragosto provvederò a contattare il commissario Saverio Cotticelli al fine di stabilire una data per lo svolgimento della Conferenza dei sindaci nella quale sviscerare tutti i problemi della sanità vibonese ed individuare le soluzioni più opportune”.
 
Il sindaco di Serra San Bruno e presidente della Conferenza dei sindaci Luigi Tassone risponde a stretto giro di posta al sollecito del primo cittadino di Vibo Valentia Maria Limardo sostenendo che alla riunione “prenderanno parte anche la deputazione nazionale, i consiglieri regionali ed i rappresentanti sindacali”.
 
“La Conferenza dei sindaci – precisa, però, Tassone – per come è stata correttamente e tempestivamente informata il sindaco Limardo, non ha avuto luogo nel mese di luglio per l’indisponibilità del commissario Cotticelli, la cui autorevole presenza, proprio alla luce della complessità della situazione, è da ritenersi assolutamente necessaria. Ribadisco che la nostra attenzione verso la tematica sanitaria è elevata: il diritto alla tutela della salute per noi è sempre stato al primo posto”.

 

  • Pubblicato in Politica

Sanità vibonese, Limardo: "Situazione gravissima, il sindaco di Serra convochi la Conferenza dei sindaci"

"La gravissima situazione in cui ormai da troppo tempo versano sia la struttura ospedaliera di Vibo Valentia sia i servizi sanitari in generale erogati ha indotto il sindaco di Vibo Valentia, Maria Limardo a sollecitare il sindaco di Serra San Bruno nella sua qualità di presidente della Conferenza dei sindaci in materia sanità, la convocazione della conferenza.

Un precedente invito formulato il 13 giugno, nell’imminenza del suo insediamento, è caduto nel vuoto e non è più possibile procrastinare la riunione dell’importante organismo. Le condizioni dell’ospedale Jazzolino e la costruzione della nuova struttura che stenta a decollare sono fonte di vivissima preoccupazione. Reparti chiusi o a rischio chiusura, carenze strutturali nonché di personale medico e paramedico ed evidenti deficienze organizzative mettono a serio rischio il diritto alla salute dei cittadini.

Si aggiunga che i lavori di costruzione del nuovo ospedale tra sequestri e rallentamenti vari, frenano le iniziali ottimistiche previsioni.

E’ divenuto dunque di assoluta urgenza un incontro in sede di Conferenza dei sindaci per avviare quell’indispensabile confronto finalizzato a fare il punto sulla generale situazione della sanità e individuare una linea di decisivi interventi per scongiurare ogni possibile rischio di chiusura dell’ospedale e consentire la piena operatività di tutti i reparti.

Il sindaco Limardo ha chiesto che la Conferenza sia convocata con urgenza anche alla presenza dei vertici provinciali dell’Aspdi Vibo Valentia, della Regione Calabria, dei consiglieri regionali e della deputazione nazionale al fine di rimettere al centro di ogni questione la tutela del malato e la garanzia della salvaguardia dei suoi diritti".

E'quanto si legge in una nota diffusa dalla segreteria del sindaco di Vibo Valentia, Maria Limardo.

  • Pubblicato in Politica
Sottoscrivi questo feed RSS