In auto con 60 Kg di materiale pirotecnico, tre persone in manette

Gli agenti della squadra mobile e del Reparto prevenzione crimine “Calabria Settentrionale” di Cosenza, hanno tratto in arresto P. G., P. M. e B. F., rispettivamente di 67, 28 e 27 anni, per il reato di detenzione di arma clandestina, porto abusivo di armi, inosservanza relativa alle modalità per il trasporto di armi ed esplosivi, inosservanza all’obbligo di tenuta del registro delle operazioni giornaliere e ricettazione in concorso.  

In particolare, i tre sono stati sorpresi lungo la Statale 106, nei pressi di Rocca di Neto, a bordo di un’autovettura nel cui bagagliaio sono stati rinvenuti 60 chili di materiale pirotecnico, trasportato in maniera illegale e senza alcuna cautela.

Una volta ultimato il controllo, gli agenti hanno tratto in arresto i tre occupanti del veicolo, i quali, al termine delle formalità di rito, sono stati posti ai domiciliari.

  • Pubblicato in Cronaca

Articoli pirotecnici detenuti illegalmente, denunciati tre cittadini cinesi

Oltre 160 chili di articoli pirotecnici classificati f2, sono stati sequestrati dagli agenti della Squadra di polizia amministrativa della questura di Crotone, in collaborazione con gli uomini del Reparto prevenzione crimine di Cosenza, della polizia municipale della città pitagorica e del Nucleo regionale artificieri di Catanzaro.

Il sequestro ha interessato materiale detenuto e messo in vendita abusivamente, da tre cittadini cinesi di età compresa tra i 48 e 43 anni.

Per i tre commercianti è scattata, quindi, la denuncia all'autorità giudiziaria.

  • Pubblicato in Cronaca

Trasportavano "botti" illegali: denunciati due ragazzi

Due ragazzi sono stati denunciati dai Carabinieri per concorso in fabbricazione o commercio abusivi di materiale esplodente. I militari dell'Arma del Nucleo Operativo e Radiomobile di Locri, perquisendo l'automobile all'interno della quale stavano viaggiando i giovani, hanno scoperto più di 160 artifizi pirotecnici realizzati artigianalmente, tre batterie di tubi monocolpo che disponevano di 300 colpi. Complessivamente la polvere pirica rinvenuta era pesante circa 6 chilogrammi. Si è trattata di una delle azioni messe in atto dal Gruppo Carabinieri di Locri, volte a stroncare i rischi legati all'utilizzo dei "botti" proibiti che vengono fatti esplodere nei giorni a cavallo tra l'anno vecchio e quello nuovo. Durante la notte di Capodanno sono stati più di quaranta i Carabinieri, suddivisi in venti pattuglie, impegnati per controllare l'area di competenza. 

La Polizia ha sequestrato 200 chili di materiale pirotecnico: sanzionate 6 persone

Nell’ambito di mirati e specifici servizi volti in particolar modo alla vigilanza sulla produzione, commercio e detenzione di artifici pirotecnici ed alla prevenzione e repressione degli illeciti in materia, personale della Polizia di Stato, su impulso del Questore di Crotone Luigi Botte, ha effettuato numerosi controlli amministrativi in occasione delle festività natalizie e di fine anno. In particolare, nelle giornate del 30 e 31 dicembre scorsi, nel capoluogo pitagorico, sono state controllate numerose attività di commercio su area pubblica in forma itinerante (bancarelle). Tale attività ha portato al sequestro di circa 200 chilogrammi di materiale pirotecnico messo in vendita illegittimamente, nonché alla contestazione della violazione amministrativa prevista nei confronti di venditori ambulanti che hanno esercitato il commercio su area pubblica senza la prescritta autorizzazione. Le sanzioni amministrative comminate ammontano a più di 30.000 euro.

 

  • Pubblicato in Cronaca
Sottoscrivi questo feed RSS