Serra, domani scuole chiuse per allerta meteo

Scuole chiuse domani (11 gennaio) a Serra San Bruno, in virtù di un'ordinanza sindacale emanata oggi.

Il provvedimento si è reso necessario a causa dell'allerta meteo di colore "giallo",  con la quale l'Arpacal ha segnalato la possibilità di forti venti e nevicate "abbondanti a quote montane".

In considerazione della "nevicata in atto", per la quale si "prevedono accumuli moderati e/o abbondanti" e del conseguente "rischio per la pubblica incolumità", è stata pertanto disposta, "a titolo precauzionale, la sospensione delle attività didattiche e la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado ricadenti nel territorio comunale per il giorno 11/09/2019".

Serra: previste precipitazioni intense, allerta meteo fino alla mezzanotte di domani

A causa di possibili "precipitazioni intense", il sindaco di Serra San Bruno, Luigi Tassone, ha diramato un avviso di allerta meteo, valido fino alla mezzanotte di domani (10 gennaio).

Nell'avviso diffuso dal Comune, in seguito al messaggio di allertamento unificato trasmesso dall'Arpacal,  s'invitano i cittadini a prestare particolare attenzione nelle zone di: "viale della Libertà, via De Gasperi, via Calcarella, corso Umberto I, Terravecchia zona chiesa Matrice (via Fiume, via San Biagio, ecc..), via A. Scrivo, corso Vittorio Emanuele III e via Aldo Moro".

Possibile rischio idrogeologico, invece, lungo il corso dei fiumi Ancinale (tra Santa Maria e San Rocco) e Garusi (tra località Leonà e l'innesto nell'Ancinale).

Segnalato, infine, pericolo frana nelle località: San Rocco, Guido, Pittina, Scorciatina ed in via San Brunone (innesto con località Ombrellino).

  • Pubblicato in Cronaca

Serra: ancora una notte di freddo polare, la minima tocca i -7,3°C

Temperatura polare a Serra San Bruno, dove la notte scorsa la colonnina di mercurio è scesa a -7,3°C.

L'aria gelida proveniente dai Balcani, che si sta abbattendo sull'Italia centro-meridionale, non sta risparmiando neppure la Calabria. 

Le previsioni per le prossime ore segnalano una nuova ondata di freddo e maltempo, che colpirà soprattutto l’Italia meridionale.

Mentre nelle regioni centro-settentrionali continuerà a splendere il sole, con temperature invernali soltanto nelle ore notturne, al Centro-Sud, tra domani e dopodomani, sono previste copiose nevicate, fino a bassa quota.

Il gelo dovrebbe, quindi, cedere il passo ad abbondanti precipitazioni che porteranno tanta neve fino a quote collinari sull’Appennino.

 

Serre, in arrivo il grande freddo

"Nell'arco di una settimana ci attendono due irruzioni artiche che, oltre a causare un drastico calo termico, porteranno nevicate sulle regioni centrali adriatiche al Sud e in Sicilia".

È quanto prevedono i meteorologi del Centro Epson meteo, per i quali: "il primo fronte artico raggiungerà le Alpi e il settore adriatico nella seconda parte di mercoledì 2 gennaio, per poi propagarsi, tra giovedì e venerdì, a tutta l'Italia".

La colonninna di mercurio subirà un drastico crollo, con temperature fino a 8-10°C gradi inferiori alle medie stagionali sia al Centro che al Sud.

Il fine settimana dell'Epifania sarà, invece, caratterizzato "dall'attenuazione delle correnti gelide, con un conseguente rialzo termico".

All'inizio della prossima settimana: "si prospetta la seconda irruzione artica che determinerà uno scenario molto simile alla prima irruzione con nevicate fin sulle coste sul medio-basso Adriatico e a bassissima quota fra Sicilia e Calabria".

Per quanto riguarda il territorio delle Serre, domani la temperatura si attesterà tra i - 3° ed i 6° C. Dopodomani dovrebbero fare capolino deboli nevicate, con la temperatura massima che non supererà i 3°C, mentre la minima toccherà i -2°C.

Situazione analoga per venerdì 4 gennaio, quando la colonnina di mercurio oscillerà tra -1° e -6°C.

Deciso peggioramento per sabato 5, quando  la temperatura minima scederà fino a -10°C.

L'aria gelida concederà una giornata di relativa tregua per l'Epifania; mentre a partire da lunedì 7 le temperature ritorneranno abbondantemente sotto zero.

 

  • Pubblicato in Cronaca

Serra, diramato avviso di allerta meteo "Arancione"

Allerta meteo di colore "Arancione", per il territorio comunale di Serra San Bruno dove, tra la mezzanotte di oggi e quella di domani (4 novembre), potrebbero essere registrate “precipitazioni intense

Nell'avviso diramato dal Comune, in seguito al messaggio di allertamento unificato trasmesso dall'Arpacal,  s'invitano i cittadini a prestare particolare attenzione nelle zone di:

"viale della Libertà, via De Gasperi, via Calcarea, corso Umberto I, Terravecchia zona chiesa Matrice ( via Fiume, via San Biagio, ecc..), via A. Scrivo".

 Possibile rischio idrogeologico è stato segnalato, invece, lungo il corso dei fiumi Ancinale(tra Santa Maria e San Rocco) e Garusi (tra località Leonà e l'innesto nell'Ancinale).

Segnalato, infine, pericolo frana nelle località: San Rocco, Gumo, Pittina, Scorciatina ed in via San Brunone (innesto con località Ombrellino).

  • Pubblicato in Cronaca

Serre: temperatura in picchiata, domani arriva il gelo

Brusco calo delle temperature a partire dalle prossime ore, quando la perturbazione di origine atlantica arrivata ieri sull’Italia, inizierà a far sentire i suoi effetti sulle regioni meridionali.

Per domani, lunedì 27 novembre, la Protezione civile ha emesso un avviso di allerta gialla per rischio idrogeologico sull’Abruzzo, sul versante tirrenico, su quello ionico meridionale della Calabria e tirrenico nord orientale della Sicilia.

Dal primo pomeriggio di domani la Calabria e la Sicilia saranno interessate da venti forti settentrionali con raffiche di burrasca o burrasca forte.

La situazione peggiorerà ulteriormente nel corso della settimana,  quando una nuova perturbazioni di origine artica raggiungerà il Centro Sud ed il Nord Est della Penisola.

Sulle Serre la temperatura prevista, tra lunedì e mercoledì, oscillerà tra i -2 e gli 11 gradi

 

Meteo: le fiamme di Lucifero non risparmieranno le Serre

Lucifero, questo il nome che i meteorologi hanno dato all'anticiclone africano che sta per abbattersi sull'Italia.

Il motivo è presto detto. A partire da domani, la Penisola sarà investita dall’ondata di calore “più intensa di questa stagione”.

A determinare una brutale impennata delle temperature, sarà proprio “l'anticiclone africano” che, secondo gli esperti del portale 3bmeteo.com, “richiamerà direttamente dal Sahara una massa d'aria rovente che interesserà gran parte” della Penisola.

Le prime ad essere investite saranno le regioni settentrionali e le Isole, “mentre con il passare dei giorni il grande caldo riguarderà il Sud Italia. Le zone più calde nel corso della settimana saranno: Valpadana, aree interne di Toscana, Umbria, Lazio, Marche, Campania, Basilicata, Puglia e Sardegna. Non sono infatti da escludersi picchi anche di 40-41°C. Tra le città che potrebbero sfiorare i 39-40°C Bologna, Ferrara, Firenze, Terni, Viterbo, Roma, Nuoro, Foggia. Le temperature saranno più contenute lungo le coste grazie alle brezze; tuttavia la sensazione di caldo sarà aumentata dal tasso di umidità”.

Clima caldo anche di sera, mentre la notte i valori non scenderanno sotto i 24-25°C, specie nei grandi centri urbani.

L’ondata d' aria africa investirà anche le Serre dove, il caldo intenso inizierà a farsi sentire a partire da domani.

Da venerdì 4 agosto è prevista, quindi, una serie di giornate da bollino rosso. La colonnina di mercurio si attesterà, infatti, sui 35 gradi e non scenderà, mai, al di sotto dei 18°.

Serre, domani arriva la pioggia

"Da domani, domenica 16 luglio e per le successive 24-36 ore, si prevedono venti forti settentrionali, con raffiche di burrasca e possibili mareggiate lungo le coste esposte". Lo comunicano dalla Protezione civile Calabria in un messaggio di allertamento per previsioni meteorologiche avverse.

Come segnalato dagli esperti di 3bmeteo.com, la perturbazione è legata alle correnti "in discesa dai Balcani che mantengono in vita una moderata instabilità nonché temperature localmente anche sotto le medie del periodo".

In particolare, domani sono previste precipitazioni, anche a carattere temporalesco su Calabria e Sicilia orientale, con rovesci e temporali sparsi, localmente anche di moderata intensità

"Le correnti più fresche di Grecale -Tramontana favoriranno un ulteriore calo delle temperature al Sud e sul medio Adriatico. Al Nord le massime oscilleranno tra 28 e 31°C, al Centro tra 25 e 27°C sulle Adriatiche, 30-32°C sulle Tirreniche. Al Meridione le massime oscilleranno tra 26 e 31°C. Sulle Isole maggiori le massime potrebbero ancora toccare i 31-33°C in Sardegna, 28-31°C in Sicilia".

Tempo instabile anche sulle Serre. La giornata di domani sarà caratterizzata, infatti, da piogge e rovesci anche a carattere temporalesco. Complessivamente, nell'arco delle ventiquattr'ore, sono previsti 16 mm di pioggia.

Durante la giornata la temperatura massima registrata sarà di 19°C, la minima di 10°. 

La colonnina di mercurio rimarrà, costantemente, sotto i 30° fino a venerdì prossimo (21 luglio)

Sottoscrivi questo feed RSS