Economia, Sgrò: “Comprare prodotti calabresi, una spinta alla ripresa”

Uno slogan che dice già tutto: “100 per 100 Calabria”. Perché per aiutare concretamente l'economia del territorio basta davvero poco.

È sufficiente quel piccolo gesto consapevole che prevede l'acquisto di prodotti regionali di qualità nella propria spesa quotidiana. Questo è lo scopo dell'omonima campagna di sensibilizzazione lanciata dal progetto culturale “Naturium” in collaborazione con “Urban Market”. “Una scelta d'amore” secondo l'imprenditore soveratese Giovanni Sgrò, promotore dell'iniziativa.

“Esistono centinaia di aziende calabresi che meritano il nostro supporto, marchi storici prestigiosi e coraggiose  start-up innovative - spiega Sgrò - che operano nel settore agroalimentare e vantano prodotti eccellenti. Con la nostra campagna di comunicazione intendiamo incentivare il più possibile la promozione e il consumo di selezionatissimi prodotti regionali di grande qualità, con un giusto rapporto di convenienza, per superare con spirito di solidarietà, tutti assieme, un momento di oggettiva difficoltà per la nostra terra”. “Vino, olio, ortofrutta, salse, conserve, marmellate, sottoli, sottaceti, specialità gastronomiche fresche e lavorate, salumi, carne, pesce, latte e prodotti lattiero caseari, pasta, dolci, marchi storici dall'origine tracciata, garantita e controllata insieme a trend emergenti e innovativi: questa è la Calabria, patria della buona cucina d'eccellenza e di qualità, prodotti accuratamente selezionati da preferire oggi per aiutare la notra economia a rinascere” recita il manifesto “Naturium”.

Tra le prime proposte, un approfondimento dedicato alla distilleria “Caffo” di Limbadi, protagonista di importanti acquisizioni nazionali e internazionali (Ferro China Bisleri, Elisir Borsci San Marzano, Petrus Boonekamp) che oggi si vanno ad affiancare al “numero uno” delle vendite tra tutti gli amari d’erbe: il “Vecchio Amaro del Capo”.

  • Pubblicato in Cultura

Catanzaro, il progetto culturale Naturium case study per una tesi di laurea

Il progetto culturale “Naturium” case study per una tesi di laurea. Tra i freschi neo dottori in Economia Aziendale presso l’università “Magna Graecia” di Catanzaro c'è, infatti, la 22enne di Davoli Roberta Procopio.

 E' sua una approfondita ricerca, tra marketing e retail, dedicata proprio al “caso” Naturium: progetto culturale, nato a Soverato, che Giovanni Sgrò ha trasformato anche in un'idea imprenditoriale di successo, tra Montepaone e Cosenza, ispirandosi alle sue personali passioni per l'ambiente, l'ecologia, la sostenibilità, il biologico, la vita sana e a contatto con la natura.

“Ho deciso di sviluppare questa mia tesi di laurea - spiega Roberta Procopio - basandomi anche sulle numerose attività di divulgazione scientifica e culturale promosse da Naturium, in Calabria ma anche a Roma, Bologna e Milano, che hanno permesso di avvicinare tante persone all’alimentazione bio. Un settore in continua crescita, caratterizzato dalla particolare sensibilità dei consumatori che richiedono, più che in altri contesti, informazione trasparente e prodotti alimentari di elevata qualità, la cui produzione, soprattutto, non pregiudichi le condizioni ambientali. Dall’analisi è emerso che Naturium non punta alla mera vendita dei prodotti biologici, ma pianifica costantemente eventi e iniziative con l’obiettivo di instaurare rapporti, relazioni, migliorando la consapevolezza sull'importanza del biologico come chiave per vivere in salute, circondati da un ambiente sano e naturale. L’obiettivo dell’elaborato è stato quello di analizzare questi momenti unici di divulgazione e intrattenimento, realizzati grazie all’ausilio e alla combinazione delle conoscenze e delle competenze di diversi professionisti come medici, scrittori, imprenditori, divulgatori scientifici e opinion leader che sono stati capaci di far vivere una esperienza immersiva totale, mentale ed emozionale, a migliaia di persone nel corso degli ultimi anni”.

Le iniziative e gli eventi Naturium sono diventati il centro delle attività e il principale vettore per comunicare la propria filosofia, divulgando messaggi e valori di sostenibilità.

  • Pubblicato in Cultura

Scuola estiva Plef, il plauso di Naturium: la Calabria che esprime valore

La Calabria come esempio positivo: nel lavoro, nell'impegno sociale, nei progetti per un mondo più equo, giusto e sostenibile.

È quanto hanno potuto ammirare gli ospiti, provenienti da tutta Italia, iscritti alla “Scuola estiva Plef 2019”. Non è la prima edizione.

La “Planet Life Economy Foundation” egregiamente guidata da Emanuele Plata propone annualmente una settimana alla scoperta del territorio calabrese e delle imprese che vi operano, facendosi guidare dal gruppo cooperativo “Goel”. Una scelta che indica, già nelle premesse, il senso dell'iniziativa: “Goel” rappresenta fin dal 2003, nella Locride, l'emblema del riscatto attraverso il lavoro legale e un’opposizione attiva alla ‘ndrangheta. Un percorso di cambiamento oggetto di studio e confronto da parte dei partecipanti alla scuola estiva “Plef”.

Gli incontri con Vincenzo Linarello e con il vescovo di Locri-Gerace, le visite aziendali (al Lanificio Leo, presso la casa editrice Rubbettino, alla Comunità Progetto Sud, alla cooperativa sociale Idea, presso l'azienda Callipo) e le escursioni turistico-culturali e gastronomiche, sono state quotidianamente accompagnate da momenti di sintesi e riflessione.

Un lavoro di gruppo, espresso in un rapporto finale, ha concluso la significativa esperienza calabrese, destinata a ripetersi negli anni. Giovanni Sgrò, fondatore del progetto culturale “Naturium”, ha sostenuto e promosso l'importanza della “Scuola estiva Plef” per il nostro territorio. “Una iniziativa che accende i riflettori sulla Calabria vera - ha sottolineato. - La Calabria dell'impegno e del riscatto, del lavoro che passa attrverso il sacrificio e dell'amore per l'identità di questa nostra regione. Proprio su queste specifiche potenzialità bisogna puntare: la grande eredità storica, la natura ancora incontaminata, il turismo culturale ed enogastronomico e, non ultimo, quel principio di sostenibilità che deve essere la guida del presente”.

Soverato: l'ex Comac si apre alla cultura, all'arte e alla creatività

Benessere e natura, bellezza e creatività. Concetti che si intrecciano, in senso olistico, per dare vita ad una originale “due giorni” di eventi che animeranno l'area dell'ex Comac di Soverato, il 15 e il 16 luglio prossimi.

L'iniziativa nasce dal vivace e proficuo incontro tra il progetto culturale “Naturium”, ideato dall'imprenditore Giovanni Sgrò, e l'Accademia di belle arti di Catanzaro, presieduta dall'ex deputato Pino Soriero.

Proposta subito sposata dal sindaco Ernesto Alecci, dal consigliere delegato al Turismo, Lele Amoruso, e dall'intera amministrazione comunale.

Il programma, in fase di elaborazione, prevede una serie di “contaminazioni” artistiche che occuperanno la scena dell'ex fabbrica dismessa: una grande finestra aperta sullo straordinario panorama della costa jonica calabrese.

Protagonisti saranno i docenti e gli studenti dell'Accademia, insieme ai tanti relatori che si avvicenderanno tra seminari, workshop, momenti di confronto, spettacoli, musica e gastronomia.

Non mancherà, infatti, lo spazio dedicato al benessere del cibo, ovvero dell'alimentazione sana, biologica e naturale declinata secondo i principi della sostenibilità e della filosofia del rispetto.

Si parte, dunque, il 15 e il 16 luglio con l'intenzione di strutturare un appuntamento fisso nel calendario della stagione estiva soveratese, da riproporre di anno in anno con un continuo arricchimento di idee e proposte.

Naturium e la dieta ciclica, come aiutare le donne a vivere meglio

Il progetto culturale “Naturium” questa settimana propone un focus sulla cosiddetta dieta ciclica.

Attraverso una serie di iniziative sul territorio, tra le province di Cosenza e Catanzaro, verrà, infatti, presentato il libro “Cyclicity diet” di Ennio Avolio e Claudio Pecorella (editore Falco).

“La dieta ciclica aiuta la donna a vivere meglio e più a lungo” è scritto nella locandina del primo appuntamento in programma che avrà luogo venerdì 20 aprile alle ore 18.30, presso la galleria commerciale “Marconi” di Rende (Cs).

Negli ultimi decenni la comunità scientifica mondiale si è sempre più focalizzata sull’importanza dell’alimentazione nella prevenzione di molti tipi di malattie cronico-degenerative.

Vari protocolli nutrizionali, alcuni basati su argomentazioni e dati scientifici, altri un po’ meno, si sono susseguiti nel corso degli anni avendo come messaggio quello di allungare l’aspettativa di vita delle persone.

I protocolli di nutrizione, generalmente, vengono adattati sulla popolazione maschile, questo perché è più semplice valutare le modifiche di parametri corporei ed ematici senza l’interazione degli ormoni femminili.

Lo studio effettuato sulla “Cyclicity diet”, di cui tratta questo libro, supera proprio questo stereotipo e mette la donna al centro di studi sulla composizione corporea e l’assunzione di cibo, in riferimento alle variazioni ormonali che avvengono durante il ciclo mestruale.

Naturium, un venerdì goloso con i gustosi e nutrienti pancake 

Pancake: gustosi, semplici e nutrienti. Tornano il 13 ottobre i venerdì culturali di “Naturium”, accompagnati dalle ricette della brava Lucia. L'evento toccherà le province di Catanzaro e Cosenza, a partire dal centro commerciale Marconi di Rende.

Alle 18 in punto, verrà illustrata la ricetta originale dei pancake: ispirazione originale americana che prevede una base da preparare con uova, latte e farina, a cui aggiungere zucchero, olio e lievito in polvere. Per servire i pancake non può mancare lo sciroppo d’acero. Ma esistono tante varianti del prodotto, tutte da scoprire. I pancake nutrienti sono una ricetta per realizzare una colazione sana e genuina, adatta ai bambini, agli adulti e soprattutto a chi segue una dieta ipocalorica o soffre di diabete. Ricchi di sostanze nutritive essenziali e poveri di grassi, questi pancake accompagnano alla perfezione la vostra colazione o il vostro brunch, e per i più golosi, anche una sana merenda.

Gli errori da non fare: usare i preparati pronti, sono cari e non sono ugualmente genuini; non lasciar riposare la pastella, questo aiuta a sciogliere eventuali piccoli grumi (che in teoria non si formano se la lavorate bene); mettere troppo burro, si brucia subito e diventa nero, meglio ungere la padella e farne sciogliere un pezzetino minuscolo al centro; usare olio evo, se non si può usare il burro (nemmeno vegetale) allora è meglio preferire l’olio di semi vari o di girasole, inodore ed insapore. I pancake integrali, infine, sono tra i piatti per la colazione consigliati dai nutrizionisti. Questo tipo di colazione sana, infatti, prevede una ricetta bilanciata e ricca di fibre. Accompagniamo i pancake integrali con frutta fresca, frutta secca, yogurt, marmellate e composte fatte in casa, tè verde, latte e caffè, ovviamente l’immancabile sciroppo d’acero e godiamoci una colazione (o, perché no, una merenda) sana ed equilibrata. Venerdì, appuntamento da non perdere! 

Soverato, Naturium: campagna per l'energia pulita

La campagna per l'energia pulita condotta dal progetto culturale “Naturium” si arricchisce di nuovi strumenti di comunicazione. A Soverato, Montepaone e Satriano sono stati installati dei totem informativi contenenti materiale divulgativo, volantini e brochure con notizie utili per cambiare gestore in poco tempo a vantaggio del pianeta e della sostenibilità ambientale. La scelta suggerita da “Naturium” si chiama “LifeGate Energy”.

“LifeGate Energy” fornisce energia cento per cento italiana, cento per cento rinnovabile, ad “Impatto Zero®” e gas naturale a imprese e privati. Dal 2005 offre alle aziende l’opportunità di agire in modo concreto nel rispetto dell’ambiente e allo stesso tempo di ottenere benefici in termini di ritorno di immagine e competitività. Sono già migliaia, ormai, le imprese che utilizzano l’energia di “LifeGate” in tutta Italia.

Nei primi sei mesi del 2015, grazie alle migliaia di imprese che hanno utilizzato l’energia rinnovabile di “LifeGate”, sono stati evitati oltre nove milioni di kg di CO2: un dato paragonabile all’impatto ambientale generato dalla mobilità di oltre 6.900 autovetture diesel con una percorrenza media annua diecimila chilometri. “LifeGate”, inoltre, stima le emissioni di CO2 legate alla produzione e alla distribuzione dell’energia rinnovabile e all’utilizzo del gas compensandole con il progetto “Impatto Zero®”, mediante crediti di carbonio generati da progetti di efficienza energetica e da interventi di creazione e tutela di foreste in crescita in Italia e nel mondo.  Ora quest’opportunità è messa a disposizione di tutti, anche per la fornitura di luce nelle case private.

Il progetto “Naturium”, in piena sintonia con questi principi, promuove l'energia pulita e italiana di “LifeGate Energy” come una scelta di salute per noi stessi, per il benessere delle generazioni future e per l'ambiente che ci circonda. “Contribuisci alla salvaguardia dell’ambiente e sostieni l'indipendenza energetica dell'Italia” è lo slogan della campagna di comunicazione che sta accompagnando questa iniziativa, in Calabria.

Sottoscrivi questo feed RSS