Vibo: Sarà Lo Schiavo il candidato a Sindaco del Pd

VIBO VALENTIA - Sarà Antonio Maria Lo Schiavo il candidato alla carica di sindaco del centrosinistra per le prossime elezioni comunali di Vibo Valentia. A decretarlo, gli elettori che hanno preso parte alle primarie svoltesi ieri. Con 2490 preferenze, pari al 48% dei votanti, Lo Schiavo l’ha spuntata sull’ex Consigliere regionale Pietro Giamborino (2075) e sull'esponente di Sinistra ecologia e libertà, Francesco Colelli (563). Un risultato che premia l’area del Pd vicina alle posizioni del deputato Bruno Censore e del Consigliere regionale Michele Mirabello. Ad uscire, ancora una volta, sconfitto è, invece, l’ex Presidente della Provincia di Vibo Valentia, Francesco De Nisi che aveva speso le sue energie a sostegno della candidatura di Pietro Giamborino.

Reitano (PD): Da De Raffele una polemica sterile e inutile

Botta e risposta, tra il segretario cittadino del Pd ed il presidente del consiglio comunale in pectore, Giuseppe De Raffele. Oggetto del contendere gli interventi da mettere in campo per cercare di preservare gli uffici del Giudice di pace. L’invito che Reitano,  aveva rivolto, ieri, al sindaco Rosi, affinché facesse quanto in suo potere per non perdere l’opportunità offerta dal decreto Milleproroghe con il quale sono stati riaperti i termini per avviare le procedure necessarie a cercare di salvare in extremis gli uffici del Giudice di pace, era stato, immediatamente rispedito al mittente da De Raffele che in una nota, dai toni piuttosto piccati, aveva replicato che l’amministrazione “non ha bisogno delle sollecitazioni del Pd”. Non si è fatta attendere la controreplica del segretario cittadino del Partito democratico che in un comuncato scrive: “Non sono abituato a replicare a critiche sterili, polemiche inutili o a note di dubbio gusto e livello, ma la risposta alquanto nervosa formulata dal Presidente del consiglio in pectore, fa sorgere il dubbio che lo stesso non abbia letto con attenzione la nota inviata dal sottoscritto”.  Reitano, non usa il fioretto e affonda una serie di stoccate all’indirizzo di De Raffele. “Ormai dopo quattro anni di amministrazione - scrive – il sig. De Raffele, piuttosto che lanciarsi in polemiche assolutamente pleonastiche, avrebbe dovuto tracciare un bilancio della sua attività amministrativa, degli interventi realizzati per Serra e per i cittadini perché, ad onor del vero a differenza di quanto decantato nel suo comunicato, non riusciamo a vederli. Lo stesso De Raffele dovrebbe rendere edotta la cittadinanza dei progetti che lui stesso ha seguito direttamente, come ad esempio la raccolta differenziata; oltre che utilizzare i social network per fare propaganda e dire che preferisce bere acqua dal rubinetto, dovrebbe dire che tipo di attività ha posto in essere per realizzare l’autonomia del nostro sistema idrico dalla Sorical, ma, soprattutto, dovrebbe dire oggi cosa intende realizzare e quali sono i nuovi programmi”. “ Dopo quattro anni di amministrazione – prosegue la nota - non ci possono essere alibi e non si possono richiamare esperienze concluse e già valutate dagli elettori, ma si devono tracciare bilanci dove indicare gli obiettivi raggiunti. Lo scontro tutto interno alla maggioranza serrese relativo al rimpasto di giunta ha trascinato il nostro paese nell’immobilismo totale e forse dovrebbe chiarire ai cittadini anche questo. Gli argomenti sarebbero davvero tanti e numerosi gli spunti per criticare quella che passerà alla storia come la peggiore amministrazione comunale”. Messa da parte la sciabola, Reitano, precisa: “La mia, comunque, era una nota strettamente politica che ricalcava il percorso di opposizione costruttiva che, per il bene della nostra cittadina, abbiamo sempre seguito. Opposizione che, pur nello scontro proprio del dibattito politico, non ha mai avuto simili cadute di stile. Al di là della violenza verbale e dell’attacco, francamente inefficace e inutile e del linguaggio utilizzato, assolutamente inadeguato per un Presidente del Consiglio in pectore, ribadiamo la nostra disponibilità affinché si possa trovare una soluzione positiva per la vicenda. Aspettiamo fiduciosi le mosse della maggioranza forzista e l’avvio dell’iter per il mantenimento dell’Ufficio e speriamo che, almeno questa volta, vengano rispettati i termini previsti nel decreto e chiediamo che ci sia una volontà e un impegno reale”. “Per il resto – conclude Reitano - stia tranquillo De Raffele perché tra un anno, circa, saranno i serresi ad esprimere un giudizio su di lui e su questa amministrazione e sono certo che non sarà affatto positivo.

  • Pubblicato in Politica

Giudice di Pace: Reitano (Pd), "il Sindaco convochi un consiglio comunale e avvii l’iter per consentirne il mantenimento"

SERRA SAN BRUNO - “La notizia relativa alla riapertura dei termini entro i quali gli enti locali interessati possono chiedere il mantenimento delle sedi del Giudice di Pace deve portarci ad agire con prontezza per evitare, almeno questa volta, che si arrivi alla scadenza senza l’avvio della attività necessarie per il mantenimento della sede". Questo l'incipit di una nota con al quale il segretario cittadino del Pd, Paolo Reitano, sollecita l'amministrazione comunale ad avviare le procedure necessarie al mantenimento del Giudice di pace. " La proroga dei termini, fissata nel decreto Milleproroghe al 30 luglio 2015 - continua Reitano - dà una nuova possibilità che non può e non deve essere vanificata. Chiediamo, pertanto, al Sindaco e alla sua maggioranza di attivarsi immediatamente affinché vengano avviate tutte le procedure previste, indispensabili al mantenimento e alla riapertura di una sede giudiziaria che riveste una notevole importanza per l’intero comprensorio delle Serre Vibonesi. L’amministrazione comunale adesso dovrà assumersi una grande responsabilità, in quanto dovrà decidere se mantenere l’ufficio o non considerare l’opportunità data dal legislatore nazionale; questa sua responsabilità diretta sorge non solo perché il Comune è l’ente direttamente interessato ma, soprattutto, perché unico legittimato ad avviare le procedure per ottenere il mantenimento. L’inserimento della riapertura dei termini nel decreto Milleproroghe, dimostra come anche l’impegno del nostro deputato Bruno Censore ha prodotto i risultati sperati per una situazione che sembrava ormai irrimediabilmente compromessa. Considerata, quindi, la notevole importanza della questione e la nuova opportunità che oggi viene data, chiediamo che il Comune di Serra San Bruno, capofila dell’intero comprensorio, questa volta si attivi con celerità per individuare il personale da destinare agli uffici giudiziari, per garantire il ripristino di una sede che rappresenta un importante presidio per tutto il nostro territorio. Il partito democratico serrese è pronto, senza indugio e come già ha fatto nel recente passato, a collaborare affinché si raggiunga il risultato da tutti sperato, perché la protezione dei servizi indispensabili, della nostra comunità e la tutela dei cittadini devono prescindere dai colori politici e dalle appartenenze partitiche. Chiediamo al Sindaco, quindi, di valutare l’opportunità di convocare un consiglio comunale aperto per discutere, insieme a chi vorrà dare il proprio contributo, della questione e trovare così una soluzione definitiva e positiva, prima che la situazione assuma i caratteri dell’irrimediabilità e chiediamo che lo stesso si attivi, in qualità di Sindaco capofila, per coinvolgere tutti i Sindaci dei Comuni del comprensorio. Nel caso contrario la responsabilità politica cadrà sui di lui e sulla maggioranza forzista serrese. Dal canto nostro noi siamo pronti a condurre insieme questa lotta, a dare il nostro contributo in maniera decisa, forte e soprattutto concreta per evitare, almeno questa volta, di arrivare impreparati alla scadenza prevista per luglio. Per la maggioranza serrese è arrivata l’ora di svegliarsi e compiere quelle attività che hanno come unico obiettivo la salvaguardia e la tutela dei diritti del cittadino, per difendere un servizio fondamentale e vitale per la nostra comunità. Nel caso contrario faremo battaglia e la nostra opposizione sarà dura e intransigente.”

 

  • Pubblicato in Politica

Il Caso Lanzetta e le amnesie del Pd

E’ riesploso come un fulmine, su un cielo tutt’altro che sereno, il caso “Lanzetta”. La farmacista diventata ministro, prima di diventare, anzi no, assessore della giunta Oliverio. Sono arcinote le ragioni per le quali l’ex sindaco di Monasterace ha declinato l’invito a far parte del governo regionale. Nel ribadirle, l’altro ieri, in un lungo ed articolato comunicato, ha voluto citare Pasolini: "la mia indipendenza, che è la mia forza, implica la solitudine, che è la mia debolezza". Una frase lapidaria, dalla quale traspaiono rabbia ed amarezza. Osservato, qualche giorno di ritirata strategica, la Lanzetta ha, quindi, deciso di passare al contrattacco per lanciare un duro j’accuse ai vertici del Pd calabrese. Forte di quel comunicato diramato, nel bel mezzo della buriana, da Palazzo Chigi, nel quale si leggeva che la vicenda De Gaetano non era “sufficientemente chiarita”, l’ex ministro ha deciso di sparare a palle incatenate per colpire nel mucchio. La reazione, altrettanto dura, è stata affidata ai cinque segretari provinciali calabresi che, in una nota congiunta, hanno replicato a muso duro. Una replica, il cui contenuto segue, sorprendentemente, il canovaccio di un lungo articolo apparso, un anno fa, sul settimanale “Panorama”, con il titolo: “I misteri del ministro Lanzetta”. Cosa ci fosse di misterioso nella carriera politica dell’allora ministro, il giornalista lo chiariva, facendo riferimento esplicito a “Francesco Antonio Siciliano”, ovvero il vice dell’allora sindaco di Monasterace, “ genero di Vincenzo Ruga, condannato in via definitiva per associazione mafiosa e considerato il boss dell’omonima cosca della Locride, combattuta tenacemente negli anni scorsi dalla Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria guidata da Giuseppe Pignatone (ora procuratore a Roma) e dal suo aggiunto Nicola Gratteri”. Significativo, anche, il passaggio successivo nel quale si legge: “Ma la vera débâcle di Lanzetta pare riguardare la sua gestione economica di Monasterace. La Corte dei conti della Calabria, con due diverse delibere, ha infatti certificato il default del comune”. Or bene, i cinque segretari provinciali, con riferimento all’ex sindaco di Monasterace, nella loro replica, scrivono: “la composizione della sua passata giunta comunale non le consente assolutamente di dare lezioni di moralità a chicchessia”. Non meno caustico il giudizio espresso sull’operato amministrativo, laddove si legge: “a Monasterace la ricordano come il sindaco che ha portato il suo Comune al dissesto economico e finanziario”. Dichiarazioni forti che inducono ad una riflessione dalla quale scaturisce una serie di domande. Possibile che, solo adesso, i maggiorenti del Pd calabrese siano venuti a conoscenza dei rapporti parentali del vice dell’ex sindaco Lanzetta? Come e perché il Pd ha fatto diventare un’icona antimafia un sindaco che avrebbe nominato nella sua giunta nientemeno che il genero di un boss di ‘ndrangheta? Quando, unicamente, in ragione del suo essere ritenuta “vittima della mafia”, la Lanzetta ha scalato i vertici delle istituzioni, possibile che tra i componenti del Pd calabrese nessuno si sia ricordato della “composizione della sua giunta”? Tanto più che, apparentemente, l’unica ragione per la quale, da una farmacia di provincia, la Lanzetta è stata proiettata alla guida di un dicastero, va ricercata nella mancata nomina a via Arenula del giudice anti ‘ndrangheta Nicola Gratteri. Allora, per dare prova dell’impegno nel contrasto alla criminalità organizzata del nascente governo Renzi, il Pd ripiegò sull’ex sindaco di Monasterace del quale, nel 2012, Bersani aveva detto: “é sotto pressione e sotto ricatto delle mafie”. Se, come lasciano intendere i cinque segretari provinciali, la Lanzetta “non può dare lezioni di moralità” perché nella sua giunta, in posizione di vice, aveva nominato nientemeno che il genero di un boss, per quale motivo hanno taciuto finora, permettendo, con il loro silenzio, che diventasse simbolo di legalità e addirittura ministro? Venuta meno la specchiata attività anti mafia ed alla luce dei, poco lusinghieri, risultati amministrativi, che le attribuiscono, i segretari provinciali e con loro l’intero Pd dovrebbero spiegare agli italiani quali siano stati i meriti che hanno indotto il loro partito a nominarla ministro e, se non fosse stata lei a rinunciare, addirittura assessore nella giunta regionale che dovrebbe risollevare le sorti della Calabria.

  • Pubblicato in Diorama

Consiglio Regionale Mirabello (Pd) eletto presidente della commissione Sanità

Il consigliere regionale del Partito Democratico, Michelangelo Mirabello, è stato eletto presidente della III Commissione permanente (Sanità, Attività sociali, culturali e formative), vicepresidente, invece, Sinibaldo Esposito mentre il segretario è Giuseppe Gioudiceandrea. Un riconoscimento che giunge dopo le polemiche interne seguite alla richiesta avanzata dal Pd vibonese di indicare Mirabello come capogruppo democrat all’interno del parlamentino calabrese. Ma che i democratici vibonesi non fossero estranei alle dinamiche della Regione lo dimostra la nascita della candidatura di Mario Oliverio a presidente della giunta regionale. Una candidatura nata e discussa in un noto ristorante di Spadola, nel vibonese, alla presenza dello stesso Oliverio, di Carlo Guccione e del deputato, Bruno Censore, all’epoca dei fatti consigliere regionale di minoranza come lo stesso Guccione. Proprio per questo pare che non ci sia stata la da parte di Oliverio la necessità di nominare un assessore regionale del vibonese, ne dei censoriani di rivendicarne uno.

  • Pubblicato in Politica

Sinistra ecologia e libertà: "Non siamo omologati al Pd"

Riceviamo e pubblichiamo

 

Generosi, leali, partecipazione, coinvolgimento, sono stati gli aggettivi e sostantivi più ricorrenti tra gli intervenuti all’assemblea regionale di SEL Calabria, tenutasi ieri all’hotel Lamezia, nonostante le avverse condizioni climatiche. Erano presenti la maggior parte dei dirigenti e degli amministratori “Sellini” ed il neo Consigliere Regionale Gianni Nucera. Il coordinatore regionale, Mario Melfi, è partito nella introduzione, dalla Conferenza Programmatica ed Organizzativa, “Human Factor” di Milano, evidenziando che SEL Calabria, ha anticipato di qualche mese il nuovo percorso che intende mettere in campo. Un progetto politico di sinistra che veda partiti, associazioni, movimenti, che vogliono battersi sulle tematiche più importanti che affliggono i cittadini e che si propongono la gestione della cosa pubblica. SEL, insieme a quanti hanno dato vita alla lista “La Sinistra per cambiare la Calabria” stilerà un documento da presentare nei territori. Mario Melfi, si è poi addentrato nei problemi della politica Regionale. Siamo stati generosi e leali. Generosi: perché non abbiamo inseguito il “particulare”, l’interesse del nostro partito, che pur poteva starci, dopo le elezioni europee, con l’affermazione della lista “L’altra Europa”, ma abbiamo guardato al solo esclusivo interesse dei calabresi. Governare i processi di cambiamento, ridare una speranza ai giovani inoccupati, alleviare i disagi delle famiglie. Leali: perché abbiamo mantenuto la barra dritta, nonostante gli sbandamenti del PD, il richiamo di alcune sirene che volevano tirarci fuori dalla primarie (che sapevamo di non poter vincere), ma che avrebbero dato alla Calabria, un panorama politico che risorgeva dalle macerie lasciate dal Governo di centro destra. Partecipazione e Coinvolgimento: perché solo riconosciuto il nostro ruolo politico, dal Governatore e dal PD, sarà possibile sostanziare questi due sostantivi. Sarebbe un errore per la Calabria se si pensasse che ci si può trattare come “i parenti poveri” della famiglia ricca: invitati solo quando se ne ha bisogno. Non si dimentichi che abbiamo vinto la sfida, sconfitto gli scettici e rappresentiamo per volontà degli elettori, superando il 4%, l’unico vero partito che non può essere omologato al PD. Adesso troppo alta è la posta in gioco di questa regione: povertà, diritti negati, sanità allo sfascio, lavoro che non c’è, territori che scivolano a mare, rifiuti che abbondano nelle strade. Rispetto a tante problematiche occorre la massima partecipazione,  occorre il coinvolgimento della Sinistra. Su questi temi abbiamo le idee chiare, ad iniziare dal reddito di cittadinanza e che intendiamo portare avanti con il nostro Consigliere Regionale Gianni Nucera. Bene ha fatto il Presidente Oliverio a dare le prime risposte, ma è palese che l’impegno di un uomo solo non basta, né basta la formulazione di mini giunte. Certo, siamo rispettosi dei ruoli e della legge che essa assegna, ma la programmazione politica non può passare che da una sinergia politica, anche perché dopo il 2014 ci sarà il 2019 e saremo chiamati a rispondere ai calabresi TUTTI, NESSUNIO ESCLUSO.    

Firmato: Mario Melfi – Coordinatore Regionale SEL Calabria

  • Pubblicato in Politica
Sottoscrivi questo feed RSS