Emanuela Neri, PD: "Utilizzare fondi statali per rilanciare le aree interne"

Continua, con tutte le difficoltà del momento, il lavoro all’interno della segreteria provinciale. Obbiettivo principale, tracciare un percorso che possa rimettere in cammino il partito nella nostra provincia soprattutto in una fase delicata come quella che stiamo vivendo. Il segretario provinciale Gianluca Cuda ha immaginato di assegnarmi una delega che ritengo molto importante. Aree interne e pari opportunità. Entrambi temi a cui tengo molto e sui quali tanto impegno ho messo negli anni di attività sia politica che sociale.

Oggi diventa forse tutto un po’ più difficile. Da Marzo è cambiato il mondo. Dunque non è stato e non sarà semplice. Credo però che se si metteranno in campo scelte giuste e audaci si potrà venire fuori da questo triste periodo.

Per anni si è sentito parlare di aree interne, da decenni si parla di strategie e investimenti. Purtroppo però i frutti ad oggi non sono tangibili e l’abbandono negli anni di questi territori diventa un macigno in questo momento. Le imprese che resistono ancora, le nostre poche risorse, le intelligenze rimaste stanno subendo un ulteriore colpo in un territorio già profondamente provato. C’è bisogno di cambiare strategia, c’è bisogno di riorganizzare, di ripartire da interventi concreti e tangibili che da subito siano fonte di respiro. Ridare fiducia ai cittadini, intervenire con aiuti agli operatori economici, alle famiglie, potenziare i servizi, tutelare la scuola e arginare il fenomeno della dispersione scolastica che potrebbe in questa fase acuirsi ancora di più con il danno sociale e culturale che questo comporta. Coinvolgere in progetti importanti gli operatori turistici aiutandoli a resistere per essere pronti, appena si potrà tornare alla normalità. Se non faremo questo, rischiamo davvero al rientro da questo bruttissimo sogno di non trovare più nessuno.

Nonostante la paura, nonostante le tante difficoltà forse, attraverso l’immissione di fondi importanti, da un momento di crisi profonda si può arrivare ad aprire ad un possibile sviluppo delle nostre aree. Tanti sono stati gli aiuti economici e tanti ancora sembra stiano per essere messi in campo. Per esempio notizia di questi giorni è proprio quella che vede risorse statali arrivare in Calabria per ben 10 milioni di euro destinati al sostegno della rete dei servizi e scuole per l’infanzia. Fondi da utilizzare per consolidare ed ampliare la rete dei servizi educativi dei bambini tra 0 e 6 anni garantendo il funzionamento delle strutture pubbliche e private. I bambini hanno diritto di vivere la loro infanzia in strutture specializzate e con personale educativo che possa trasmettere loro le basi giuste. A questo poi si aggiunge che da sempre la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro è un problema forte nei nostri paesi che oggi sta rappresentando un dramma per i genitori che lavorano. La notizia di questi importanti fondi a disposizione potrebbe permettere finalmente degli investimenti seri su questo tema. Vorrei lanciare pertanto un invito a tutti i sindaci delle aree interne della provincia di Catanzaro di mettere in campo tutte le iniziative al fine di intercettare questi fondi magari anche attraverso un progetto in sinergia in modo da essere più incisivi e determinanti. Forse è arrivato il momento di pensare ad iniziative comuni che possano fornire i servizi ad un bacino ampio che guarda in un’ottica di unità territoriale.

Mi auguro che da questa negatività nascano delle opportunità per ripensare ad un futuro che veda l’intero territorio delle aree interne al centro di un progetto serio di rilancio e di ripopolamento.

 Emanuela Neri

segreteria provinciale PD

  • Pubblicato in Politica

Chiaravalle Centrale. Arriva il commissariamento per il circolo PD

A chiusura della querelle esplosa nelle scorse settimane all'interno del circolo del Partito Democratico di Chiaravalle Centrale è arrivata la decisione del commissario regionale. Attraverso un comunicato diramato a tutti gli organi di stampa, Stefano Graziano, ha disposto il commissariamento del circolo "con l'obiettivo di salvaguardare l'unità del partito in vista dell'importante appuntamento amministrativo dell'anno prossimo". Sentito il segretario provinciale di Catanzaro Gianluca Cuda e i rappresentanti istituzionali del territorio, il commissario dem ha nominato Libero Notarangelo, consigliere regionale, con l'intento di "riportare serenità nell'intera comunità democratica e rasserenare il clima politico organizzativo in vista delle prossime elezioni amministrative. Il gruppo dirigente del Pd deve guardare con responsabilità a questa scadenza. Diventa, quindi, fondamentale - conclude Graziano - evitare spaccature e divisioni per mettere in campo una proposta politica unitaria che guardi alla risoluzione dei problemi e ai bisogni dei cittadini e non all'interesse del singolo o di gruppi". il segretario dimissionario Emanuela Neri era stata sfiduciata dalla maggioranza del direttivo e aveva deciso di rimettere il proprio mandato nelle mani del segretario provinciale. In seguito, erano arrivati nei suoi confronti numerosi attestati di stima da parte di rappresentanti politici del PD a livello provinciale, regionale e nazionale. Il commissario Graziano, quindi, per evitare ulteriori divisioni ed evitare la nascita di correnti distinte all'interno di un circolo importante come quello di Chiaravalle Centrale ha deciso di affidare il circolo ad una persona esterna che dovrà lavorare nel tessere le trame che porteranno alla presentazione delle candidature alle prossime elezioni comunali del 2021.

PD Chiaravalle C.le. Emanuela Neri si dimette dalla carica di segretario cittadino

Riceviamo e pubblichiamo:

Sono stati giorni intensi quelli trascorsi. Giorni in cui sono stata protagonista mio malgrado di un susseguirsi di articoli di giornale che mettevano in piazza ciò che invece avrebbe dovuto rimanere un sano dibattito politico all’interno di un partito. La mia amata Chiaravalle ha dovuto assistere alla peggiore delle scene politiche, figlie di una logica di altri tempi. Non ho risposto e non risponderò alla miriade di cattiverie ed infamie che sono state dette con altre cattiverie ed infamie. Voglio comunicare con questa lettera la mia decisione. Vi voglio semplicemente rendere partecipi della mia scelta in quanto ciò che è accaduto è sotto gli occhi di tutti ed ognuno si è già fatto una propria idea.  Credo fortemente che ciò che rende forte una persona è la capacità di scegliere ed io nel bene e nel male nella vita ho sempre scelto. Avere il coraggio delle proprie scelte e assumersene la responsabilità. Solo così ci si può ritenere veramente delle donne e degli uomini liberi. È doveroso da parte mia prima di tutto soffermarmi sulle tante attestazioni di solidarietà, vicinanza politica ed umana nonché sui piccoli gesti ricevuti da persone semplici oltre che da dirigenti politici e da figure istituzionali del partito a tutti i livelli. Con questa lettera vorrei ringraziare ognuno di loro perché con le bellissime parole spese sulla mia persona mi hanno fatto capire che il percorso intrapreso è comunque quello giusto e che la politica, come dice un mio caro amico, “è un’altra cosa “e, a questo punto, che anche io, permettetemi di dire, “sono un’altra cosa”. Raccogliendo tutto questo sentimento ho deciso oggi di fare questa pubblica dichiarazione perché è grazie ad ognuno di loro, infatti, che ho ancor di più consapevolezza di appartenere ad una comunità politica nella quale resiste ancora il senso del rispetto delle persone e il rifiuto di ogni discriminazione. Ho potuto constatare che, insieme a me, tantissime persone perbene non si piegano all’idea dell’uso distorto delle regole per puro fine di lotta politica e di discriminazione dell’altro che sacrifica senza voltarsi indietro anche “un compagno” iscritto allo stesso partito. Ho potuto accertare che le persone disposte ad impegnarsi per il bene comune e ad abbracciare l’idea della buona politica e della partecipazione condivisa e democratica, sono la maggioranza, nemiche di ogni personalismo e di ogni “senso di proprietà” che negli anni ha procurato solo guasti, facendo allontanare tante persone e soprattutto tante ragazze e ragazzi e che ha soprattutto fatto perdere l’occasione ad una intera generazione di scrivere il futuro di Chiaravalle e dei chiaravallesi. Credo profondamente nelle idee di rinnovamento, nell’idea che chi fa politica e sceglie di farla deve stare vicino alla comunità che ha l’onore di rappresentare ma soprattutto deve guardare ai bisogni di quelle persone.  Questo sicuramente implica “sottrarre tempo alla propria professione, alla propria famiglia e ai propri figli” così come dichiarato, in maniera esemplare da Lucia Bongarzone e Teresa Esposito, rispettivamente Responsabile Nazionale Pari Opportunità e Responsabile Regionale Democratiche. Ma è doveroso non delegare a qualcun altro il proprio futuro. Non ho mai dato importanza al “titolo da mostrare”, alla nomina da proteggere, all’incarico pubblico da difendere ad ogni costo, anche al prezzo di offendere le persone con gesti che non si possono ascrivere alla dialettica civile ed educata. Ciò a cui credo è invece che le idee e la passione politica debbano esprimersi in modi diversi dando importanza alla comunità e non al proprio interesse personale. Non ritengo che per fare ciò sia necessario una carica credo invece sia possibile farlo anche da semplice iscritta e non necessariamente da dirigente. Anzi, per certi aspetti, servire la propria collettività senza cariche può essere ancora più radicale e rivoluzionario. Non sono di certo io a non vivere più e a non respirare più se non sarò protagonista, il palcoscenico scelgo di lasciarlo ad altri sempre se, ovvio, sapranno conquistarlo. Questa triste pagina, mi ha fatto venire in mente un avvenimento tramandato dall’antichità che riporta al bellissimo agire di una donna, madre fiera che di fronte ad un figlio conteso rabbiosamente da un’altra donna e di fronte al pericolo di un Re astuto che decide di tagliarlo a metà al fine di capire chi è la vera madre, decide per il bene del figlio di tenerlo in vita rinunciando alla sua metà. Credo fermamente che nella vita di ciascuno ci sono momenti in cui, come quella madre del racconto biblico, debba prevalere la saggezza per il bene comune. Ciò non significa rinunciare o piegare la testa di fronte alla prepotenza e all’arroganza altrui bensì significa preservare un’idea di un’esperienza collettiva, organizzare le forze in campo, lavorare da subito per allargare e per aggregare tante altre persone con le quali condividere le proprie convinzioni, restando in campo con più forza e determinazione.

Per tali motivi, per il bene della mia collettività e del mio partito, rinuncio volontariamente all’incarico di segretario cittadino del Pd. Un incarico assegnatomi nell’ultimo congresso dalla maggioranza degli iscritti dell’assemblea ed è a loro che mi rivolgo il mio senso di gratitudine nell’avermi dato l’onore di guidare il partito nella nostra comunità. E anche in questo caso scelgo con questo gesto di essere un’altra cosa. Scelgo di mantenere fede alle mie idee, scelgo di contrastare il passato e la conservazione e scelgo di ritornare ad essere una semplice iscritta e militante di questa splendida comunità che è rappresentata dal Partito Democratico.

Emanuela Neri

  • Pubblicato in Politica

Chiaravalle, caso Neri: parte del Pd contesta le scelte della segreteria provinciale

" Apprendiamo con assoluto stupore dalla stampa e dai media che si è riunita a Chiaravalle Centrale, la Segreteria Provinciale del PD di Catanzaro alla presenza del Segretario Gianluca Cuda, della responsabile regionale della conferenza delle donne Pd Teresa Esposito e con la partecipazione dell’ On. Libero Notarangelo per esprimere solidarietà all’ex segretaria del locale Circolo Pd di Chiaravalle Centrale (attuale componente della Segreteria provinciale) in ordine alla sfiducia presentata dalla maggioranza dei componenti del direttivo. Premesso che, in un partito plurale e democratico ogni componente ha la libertà di esprimere le proprie idee, anche le proprie simpatie e di conseguenza la propria solidarietà verso una propria componente, appare alquanto inusuale che un Segretario provinciale, massima figura di garanzia in un partito, venendo a conoscenza di una richiesta formale come soggetto in indirizzo, intenda non dare seguito anzitutto ad una risposta scritta ufficiale al mittente e soprattutto non ritenga necessario, al fine di poter dare luogo ad un confronto democratico, sentire tutte le parti coinvolte non rispettando così le scelte espresse dalla maggioranza del Direttivo del Circolo del suo Partito al quale lo stesso dovrebbe garantire imparzialità, uguaglianza e unità. Non senza osservare che, prima della notifica della sfiducia, il segretario provinciale Cuda, previo avviso telefonico anche al Presidente provinciale del Partito Drosi, veniva contattato telefonicamente sulla vicenda e rispondendo solo la prima volta rappresentava la volontà di incontrare, entro qualche giorno, il rappresentante del Direttivo che lo aveva diligentemente chiamato. Appuntamento mai arrivato e telefono oramai divenuto irreperibile.

Nella nota stampa presentata sui media si leggono una serie di inesattezze e contraddizioni che vanno oltre il sentimento di solidarietà e sui quali ci preme fare chiarezza. Sul punto, nel suddetto comunicato si parla impropriamente di “attacco politico pubblico” .

Al riguardo, ci sembra opportuno evidenziare che la sfiducia, per come statuito dalle norme che regolamentano il partito, è stata ampiamente motivata con un documento ufficiale trasmesso ai vari organi nazionali e regionali di ben otto pagine e sottoscritto, lo ripetiamo, dalla maggioranza dei componenti del direttivo. Questa è democrazia e rispetto delle regole! Sul punto, per mero scrupolo, si ribadisce che il Segretario può essere sfiduciato attraverso una mozione motivata (come nel caso di specie), approvata col voto favorevole della maggioranza dei componenti del Direttivo.

Invero, nel documento presentato nei giorni scorsi, viene espressamente chiesto di “prendere atto” della sfiducia e contestuale revoca del segretario cittadino.

Invece, sulla richiesta di provvedimenti disciplinari, che nel precedente comunicato stampa non avevamo intenzionalmente menzionato, è opportuno evidenziare che unico organo deputato, per come disciplinato dallo Statuto, a doversi pronunciare, è la Commissione di Garanzia che valuterà il contenuto del ricorso presentato (articoli 39, 47 e 48 dello Statuto ). Risulta inoltre alquanto inadeguato e fuori luogo aver associato, sempre da fonti giornalistiche, alla discussione sulla mozione di sfiducia l’argomento sulla parità di genere. Invero, il circolo di Chiaravalle Centrale ha sempre avuto (ed ha), come dovrebbe ben sapere il Segretario Provinciale, una forte rappresentanza femminile. Appare pertanto strumentale e fuorviante voler far passare una decisione presa, in modo democratico, attraverso un documento circostanziato e trasmesso in modo ufficiale a tutti i livelli, come una discriminazione di genere, ancor più se riferita ad un circolo dove da anni oramai si sono sempre adottate le regole delle pari opportunità sia in termini di rappresentanza degli organi costitutivi del Circolo stesso ed anche nelle competizioni elettorali.

Inoltre, sempre da alcuni titoli di stampa, viene enunciato che la stessa Segreteria Provinciale ha respinto la mozione di sfiducia di cui in oggetto.

Sul punto, e dispiace evidenziarlo, evidentemente è stato preso un forte abbaglio in quanto i circoli hanno pieno potere, rispettando le norme statutarie ed il codice etico, di sfiduciare con maggioranza il proprio segretario senza che vi sia interferenza alcuna .

Si ribadisce, inoltre, che non esiste documento ufficiale a firma del Partito Democratico dal quale si evince ciò che è stato pubblicato e diffuso sulla stampa nei giorni scorsi dalla Segreteria Provinciale. Ed ancora, appare molto grave l’affermazione che si legge sempre nella predetta nota, ovvero della necessità di “dare avvio ad una nuova fase politica volta ad allargare il consenso verso il partito e ciò si può ottenere soltanto rimuovendo non utili incrostazioni”.

Sul punto, si precisa che il Circolo Pd di Chiaravalle Centrale si è sempre contraddistinto negli anni tanto da renderlo il primo partito e questo grazie soprattutto ai tanti iscritti che hanno creduto e lavorato, alcuni dei quali appartenenti attivamente da più di cinquanta anni e che hanno affrontato anche periodi storici difficili e per i quali si chiede di avere massimo rispetto. Pertanto alla luce di quanto sopra si conferma che, in ottemperanza alle direttive dello statuto del Pd e del codice etico, la Dr.ssa Neri non riveste più il ruolo di Segretario del Circolo Di Chiaravalle Centrale e si diffida la stessa dal voler intraprendere iniziative ed utilizzare tale carica in nome e per conto del Locale Circolo .

Inoltre, al fine di fare ulteriore chiarezza in ordine alla notizia trasmessa da una emittente televisiva, è opportuno precisare che non si è pronunciata sulla questione alcuna segreteria regionale in quanto la stessa, allo stato, non esiste poiché il partito regionale risulta commissariato .

Infine, il direttivo del circolo, nella sua maggioranza, è ben lieto, al fine di esprimere ulteriormente le proprie motivazioni, di avere un confronto democratico, per come richiesto anche nel documento di sfiducia, con il segretario Provinciale Gianluca Cuda".

"La maggioranza dei componenti del Direttivo del Circolo Pd di Chiaravalle Centrale".

  • Pubblicato in Politica

Chiaravalle C.le. Emanuela Neri esprime solidarietà al Presidente provinciale della UILDM Giovanni Sestito

Riceviamo e pubblichiamo:

 

E’ strano come ancora nel 2020 si possano leggere storie come quelle del presidente della UILDM di Chiaravalle C.le. Leggo e rimango basita di come a distanza di mesi Giovanni abbia dovuto scrivere parole come quelle di questi giorni per far valere un diritto. E rimango ancora più incredula del fatto che nessuna reazione è seguita alle sue parole che mi rimbombano in testa da ieri: “sono chiuso in casa da mesi senza poter effettuare visite mediche e uscire a fare minima vita di relazione”. L’articolo diramato a mezzo stampa nella giornata del 13 Agosto dovrebbe essere arrivato a chi di competenza e avrebbe dovuto aver già fatto scattare una soluzione immediata.

Invece sembra essere passato inosservato. Ciò che si cela dietro il grido di allarme di Giovanni non può trovare spiegazione nell’emergenza, sicuramente certa, del covid. Il problema è molto più profondo ed è molto più atavico.

Ne abbiamo discusso nel mese scorso in un bellissimo momento di confronto. Un wabinar organizzato dall’associazione femminile Sulle note del tempo, associazione che mi onoro di presiedere. Il tema della diversità affrontato e discusso in tutta la sua dura attualità  “DISABILITÀ POST COVID – LA DIVERSABILITÀ COME FATTORE DI TRASFORMAZIONE COMUNITARIA”. È stato proprio in quella occasione che il presidente della UILDM insieme a tanti altri che vivono quotidianamente queste difficoltà hanno lanciato nuovamente il loro grido di protesta. La questione del diritto alle pari opportunità, il diritto all’uguaglianza, il diritto di vivere in un mondo che deve essere accessibile a tutti. Adulti, bambini, vecchi, disabili ognuno deve vedersi garantito il diritto di vivere una vita dignitosa e deve poter partecipare alla vita sociale di questo paese.

L’ Italia purtroppo è lontanissima dai livelli degli standard europei ma in Italia c’è poi la dura vita in Calabria. Questo non è più accettabile. Noi viviamo la drammaticità di un sistema sanitario inefficace e inefficiente che non riesce a garantire i livelli minimi di assistenza a nessuno immaginiamo cosa può significare vivere da calabrese la diversità.

Allora è impossibile lasciare da solo chi cerca di vivere dignitosamente. Chi non fa altro che reclamare quelli che sono solo diritti. La politica non può e non deve voltarsi dall’altra parte. Mi unisco per il piccolo e umile ruolo che ricopro alla richiesta di intervento fatta da Giovanni ai vertici dell’asp e all’assessore regionale alle politiche sociali. Mi unisco alla sua battaglia che è la battaglia di chi come lui vive momenti difficili. Battaglia che deve diventare una battaglia di civiltà alla quale dobbiamo unirci tutti.

Chiedo anche io a chi di dovere di intervenire. Capendo tutte le difficoltà del momento ma non potendole accettare come giustificazioni perché la “non vita” non si può accettare per nessuno in una società civile e democratica fondata su una costituzione che garantisce uguaglianza, libertà e pari diritti per tutti i cittadini.

 

 

Emanuela Neri

Segretario Circolo Pd Chiaravalle C.le

  • Pubblicato in Politica

“Aree di crisi industriali: idee e proposte. Per un Sud per l’impresa”, se ne parlerà a Lamezia Terme

“Il Partito democratico nelle scorse settimane ha presentato una proposta per una nuova politica industriale. È arrivato il momento di fare scelte strategiche e concentrare le risorse sugli investimenti. L’accordo raggiunto nel vertice dell’Unione europea sulle risorse del Recovery fund che assegna 209 miliardi all’Italia, di cui molti a fondo perduto, può rappresentare una straordinaria occasione per la Calabria e il Mezzogiorno. Innestare innovazione, sostenere la transizione green e digitalizzare le imprese: sono questi solo alcuni degli spunti per rilanciare un Sud che non può essere immaginato senza imprese. L’obiettivo? Trasformare il Mezzogiorno in una opportunità di crescita”.

È quanto afferma il consigliere regionale e responsabile nazionale “Crisi industriali” del Pd Carlo Guccione che domani (mercoledì 22 luglio), insieme al responsabile nazionale “Lavoro” del Pd Marco Miccoli, inizierà un tour nazionale per le aree industriali in crisi per fare il punto della situazione e superare le attuali criticità per lo sviluppo produttivo delle varie aree.

“Aree di crisi industriali: idee e proposte. Per un Sud per l’impresa”.

È questo il titolo dell’iniziativa del Partito Democratico organizzata dal responsabile nazionale Crisi industriali Pd Carlo Guccione e dal responsabile nazionale Lavoro Pd Marco Miccoli. “Ripartiamo, Calabria". Ed è proprio da qui, infatti, che parte il tour nazionale. Dall’area ex Sir di Lamezia Terme – spiega Guccione - dove furono investiti oltre 230 miliardi di vecchie lire per la realizzazione dell’intero complesso, fino all’ex area industriale Vibo Marina – Bivona – Triparni – Porto Salvo. Un Sud per l’impresa orientato all’innovazione e alle sfide che il dopo Covid ci pone davanti e che devono coinvolgere in toto il Mezzogiorno e le aree interne anche attraverso il Piano Sud 2030, rendendo la politica di coesione europea e nazionale realmente aggiuntiva e non sostitutiva alle politiche ordinarie”.

Dunque, prima tappa a Lamezia Terme dove domani, mercoledì 22 luglio, si terrà un incontro alle ore 11 nell’area produttiva Papa Benedetto XVI, ex Sir.

Nel pomeriggio alle ore 17 si terrà un secondo appuntamento all’hotel Cala del Porto a Vibo Marina. Insieme a Marco Miccoli e Carlo Guccione interverranno amministratori locali, consiglieri regionali, forze sociali ed esponenti del Partito democratico.

  • Pubblicato in Politica

Sondaggi, boom di consensi per Fratelli d'Italia

Un vero e proprio boom di consensi per il partito di Giorgia Meloni che in un anno guadagna quasi il 10 per cento (esattamente + 9,4 per cento rispetto a luglio del 2019).

E’ quanto emerge dal sondaggio Monitor Italia, nato dalla collaborazione tra Agenzia Dire e Istituto Tecne’, con interviste effettuate tra ieri ed oggi.

Con il 16 per cento, Fratelli d’Italia diventa, quindi, il terzo partito italiano alle spalle della Lega (24,9 per cento) e del Pd (20,2 per cento).

Il M5s non va oltre il 15 per cento, mentre Forza Italia si ferma all’8,3 per cento.

Appaiati, La Sinistra e Azione al 2,9 per cento, mentre Italia viva si attesta al 2,7 per cento.

Infine, +EU al 1,9 per cento ed i Verdi all’1,6 per cento.

Rimane bassa la fiducia nell’operato di Conte e dei suoi ministri.

Solo il 29,8 per cento degli intervistati approva la linea del governo, contro il 65,8 per cento che ne censura l’operato.
Il 4,4 per cento, invece, non esprime alcuna posizione.

Dasà, Scaturchio (Pd): “Positiva l’azione di Tassone, basta con chi divide e si erge a capocorrente”

“Esprimo viva soddisfazione per la sentenza del Tar che ha confermato l’elezione a consigliere regionale di Luigi Tassone, al quale manifesto il mio convinto sostegno per la sua azione politica, fatta di concretezza e lungimiranza, e che invito a creare un momento di confronto al fine di rafforzare la crescita del Partito democratico, combattere con più efficacia le destre populiste e promuovere nuovi interventi che affrontino i problemi del territorio. Penso, in particolare, alle difficoltà del settore turistico determinate dalle conseguenze della diffusione del Covid-19, al sempre presente tema dell’occupazione, alla necessità di sostenere i sindaci alle prese con criticità di sistema come, ad esempio, la gestione dei rifiuti”.
 
Il segretario del Circolo del Pd di Dasà, Giovanni Scaturchio, interviene sulla sentenza che ha ribadito la permanenza di Tassone a Palazzo Campanella e sostiene di essere “contrariato per il ricorso di Raffaele Mammoliti, che va nella direzione opposta della storia della sinistra, che ha sempre messo al primo posto le idee e non le persone.
 
“L’esito del ricorso – aggiunge Scaturchio – era scontato e la cosa era nota a tutti. Viene da domandarsi perché Mammoliti si sia fatto illudere da qualcuno procedendo con un ricorso generico e senza speranze. Forse adesso avrà tempo e modo per ritagliarsi un ruolo, grazie all’appoggio del suo capocorrente del momento che, forte della sua investitura, lavora per rimodellare il partito in Calabria, ma che nei fatti produce divisioni e non unità. Con questo sostegno potrà probabilmente ottenere una candidatura in posizione utile alla Camera dei deputati. Da canto mio – conclude - auspico una nuova stagione in cui il Partito democratico ritrovi il senso dei valori della sinistra e la determinazione per affrontare le questioni aperte in Calabria, che ha bisogno di una classe dirigente in grado di produrre sviluppo e benessere per il territorio”.
  • Pubblicato in Politica
Sottoscrivi questo feed RSS