Fucile e pistola in due terreni demaniali, indagano i carabinieri

Un fucile ed una pistola. E’quanto hanno rinvenuto, nel corso di due diversi servizi, i carabinieri delle Stazioni di Platì (Rc) e Sant’Ilario dello Ionio, in collaborazione con i colleghi dello Squadrone eliportato Cacciatori di Calabria e del Goc di Vibo Valentia.

In particolare, in un terreno demaniale in località Passo di Sava del comune di Platì, i militari hanno trovato un fucile di fabbricazione artigianale privo di matricola e una cartuccia calibro 8.

In un altro terreno demaniale, nei pressi del cantiere per i lavori di ristrutturazione del “Castello di Condojanni”, a Sant’Ilario dello Ionio, hanno rinvenuto una pistola a tamburo priva di matricola.

Le armi e le munizioni sono state sequestrate e messe a disposizione dell’autorità giudiziaria, in attesa del successivo invio al Ris di Messina dove saranno sottoposte agli accertamenti del caso.

Pistola e munizioni in una cassaforte, 33enne in manette nel Vibonese

Un 33enne, R.F., di Sant’Onofrio (Vv) è stato arrestato con l'accusa di detenzione illegale di armi e munizioni.
 
In particolare, nel corso di una perquisizione domiciliare, i carabinieri della locale Stazione hanno trovato una pistola Beretta calibro 7,65, con matricola punzonata e due caricatori con 23 proiettili dello stesso calibro.
 
L’arma e le munizioni erano custodite in una cassaforte.
 
In un armadio della camera da letto è stata invece rinvenuta una valigetta con all’interno un altro caricatore calibro 22 e parti di un’altra pistola.
 
Al termine della perquisizione il 33enne è stato dichiarato in arresto e trasferito nella casa circondariale di Vibo Valentia.
 

Pistola, marijuana e munizioni in un garage: indagano i carabinieti

Durante un servizio di controllo del territorio, i carabinieri della Compagnia di Palmi (Rc), dello Squadrone eliportato Cacciatori Calabria e del Nucleo cinofili di Vibo Valentia hanno scoperto una pistola calibro 7,65 con matricola abrasa, 33 cartucce dello stesso calibro, mezzo chilo di marijuana e materiale per il confezionamento della droga.

In particolare, durante una serie di perquisizione eseguita in terreni ed abitazioni nell’area aspromontana, gli uomini dell'Arma hanno rinvenuto in un garage, materiale per il confezionamento dello stupefacente, un bilancino di precisione, 500 grammi di marijuana, una pistola calibro 7,65 con matricola abrasa e 33 munizioni dello stesso calibro.

Il materiale trovato è stato sequestrato in attesa di essere sottoposto agli accertamenti del caso.

Trovato con una pistola e numerose munizioni, arrestato

I carabinieri della Compagnia di Palmi (Rc), dello Squadrone eliportato Cacciatori Calabria e del Nucleo cinofili di Vibo Valentia hanno tratto in arresto Angelo Macrì, 38 anni, di Delianuova, perché trovato in possesso di una pistola calibro 7,65 con matricola abrasa e di 120 cartucce dello stesso calibro.

Nell’ambito di tale operazione sono stati sottoposti a perquisizione vari terreni ed abitazioni nell’area aspromontana, tra cui quella di Macrì che, all’arrivo dei carabinieri, avrebbe tentato di darsi alla fuga uscendo dalla porta posteriore della propria abitazione, ma è stato prontamente bloccato dai militari che avevano nel frattempo cinturato la zona.

L'uomo è stato trovato con indosso una pistola calibro 7,65 con caricatore pieno inserito e circa altre 120 munizioni dello stesso calibro.

 

Pistola, munizioni e marijuana: i carabinieri di Serra arrestano un 35enne

I carabinieri della Compagnia di Serra San Bruno, supportati dai colleghi dello Squadrone eliportato Cacciatori “Calabria”, hanno arrestato un 35enne, Giuseppe Maiolo, con l'accusa di produzione di sostanza stupefacente, detenzione illegale di arma comune da sparo e munizioni.

In particolare, durante una perquisizione domiciliare in contrada Umbro, a Dinami, l'arrestato ha spontaneamente consegnato ai militari alcuni cartoni in polistirolo contenenti 240 piantine di canapa indiana allo stato embrionale.

Durante il controllo, gli uomini dall'Arma hanno rinvenuto altri 500 semi della stessa pianta.

Inoltre, in un magazzino situato nelle vicinanze dell’abitazione, i carabinieri hanno trovato 50 proiettili calibro 9x21, una pistola Star Mark calibro 22, con relativo caricatore e 4 proiettili dello stesso calibro.

Inevitabile quindi l'arresto di Maiolo, il quale, al termine delle formalità di rito è stato posto ai domiciliari.

Droga, pistola e munizioni in un box, manette per un 41enne

I poliziotti del Commissariato di Corigliano-Rossano hanno arrestato S.R., di 41 anni, con l’accusa di detenzione e spaccio di sostanza stupefacente, ricettazione e detenzione illegale di armi e munizioni.

In particolare, durante una perquisizione personale e domiciliare, l’uomo è stato trovato in possesso di 5 mila e 600 euro, di cui non ha saputo giustificare la provenienza e di un mazzo di chiavi sul quale non ha fornito alcuna indicazione.

I poliziotti hanno quindi scoperto che le chiavi servivano per aprire la porta di un box, nel quale sono stati rinvenuti: 50 grammi di cocaina, 200grammi tra hashish e marijuana, sostanza da taglio, due bilancini di precisione, materiale per il confezionamento delle dosi e una pistola Beretta calibro 9 con matricola abrasa, completa di caricatore ed oltre 50 munizioni dello stesso calibro. 

Dopo aver sequestrato il tutto, gli agenti hanno avviato le indagini per cercare di capire se l’arma sia stata utilizzata per commettere reati.    

L’arrestato, invece, dopo le formalità di rito, è stato tradotto nel carcere di Castrovillari.

Sorpreso con una pistola e alcune dosi di droga, arrestato

I carabinieri della Stazione di Verzino (Kr) e del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Cirò Marina hanno tratto in arresto un 38enne di Pallagorio per detenzione illegale di armi e sostanza stupefacente.

In particolare, durante una perquisizione personale e locale, i militari hanno rinvenuto e sequestrato una pistola calibro 38 con 57 cartucce, 9 grammi di marijuana e una dose di cocaina.

Terminate le formalità di rito, l’arrestato è stato posto ai domiciliari.

  • Pubblicato in Cronaca

Bunker, pistola e munizioni rinvenuti nel Reggino

I carabinieri della Compagnia di Locri  e dello Squadrone “Cacciatori” di Calabria hanno passato al setaccio centri abitati e campagne, con perquisizioni e rastrellamenti, nelle zone impervie pre-aspromontane.

In particolare, a Ciminà, i militari, nel corso di una perquisizione a casa di un 40enne, hanno scoperto e sequestrato un bunker ricavato nel sottotetto, accessibile attraverso due botole murate di cui una ricavata in una credenza.

Nel corso dello stesso servizio, gli uomini dell'Arma hanno rinvenuto, in un terreno demaniale in località “Quarantena”, occultata in un tubo in plastica, una pistola Glock, circa 600 cartucce di diverso calibro e 2 chili di polvere da sparo con 35 metri di miccia a lenta combustione.

Tenuto conto dell’alta pericolosità di quanto rinvenuto, sul posto sono intervenuti gli artificieri del Comando provinciale carabinieri di Reggio Calabria, che hanno messo in sicurezza l'area e distrutto l'esplosivo, dopo averlo campionato e analizzato.

La pistola rinvenuta, invece, è stata sequestrata per essere sottoposta agli accertamenti balistici che saranno eseguiti dagli esperti del Ris di Messina.

Sottoscrivi questo feed RSS