Reddito di cittadinanza, denunciati 4 'furbetti'

A Rizziconi, i carabinieri hanno denunciato 4 presunti “furbetti” del Reddito di cittadinanza.

L’attività d'accertamento, che ha interessato 234 domande presentate da altrettanti percettori del beneficio, ha permesso di far emergere alcune irregolarità nelle procedure di attestazione e nel possesso dei requisiti necessari ad accedere alla provvidenza.

Nello specifico, le anomalie riscontrate a carico di 4 cittadini di nazionalità straniera, hanno consentito di stimare un danno erariale per oltre 18 mila euro.

Gli esiti derivati dall’attività di accertamento sono stati segnalati alla Procura della Repubblica di Palmi, e all’ Inps al fine di chiedere la sospensione dei sussidi.

  • Published in Cronaca

Vivono in Argentina, ma incassano l'assegno sociale in Italia: denunciati

I finanzieri della Tenenza di Tropea (Vv) hanno effettuato una serie di controlli finalizzati ad accertare la regolarità delle richieste di assegno sociale.

La misura assistenziale, che rappresenta uno dei principali strumenti di protezione sociale, viene corrisposta, in presenza di determinate condizioni reddituali, personali e patrimoniali, ai cittadini ultra 65enni, residenti e dimoranti abitualmente in Italia.

Le investigazioni svolte dalle fiamme gialle di Tropea hanno permesso di accertare come due persone - marito e moglie - stabilmente residenti in Argentina, avrebbero richiesto all’Inps l’erogazione dell’ assegno sociale, attestando falsamente di essere residenti nella provincia di Vibo Valentia.

In seguito agli accertamenti, è emerso che i due, lungi dall’essere effettivamente residenti in Italia, vi avrebbero fatto ritorno solo sporadicamente, permanendo sul territorio nazionale per brevi periodi e, quindi, non sarebbero stati in possesso dei requisiti previsti dalla legge per l’erogazione del beneficio.

I coniugi, pertanto, sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Vibo Valentia, che ha richiesto ed ottenuto dal gip un decreto di sequestro di 120 mila euro, pari alle somme erogate da Inps a favore degli indagati.

  • Published in Cronaca

False dichiarazioni per il reddito di cittadinanza, diverse segnalazioni nel Vibonese

Sempre alta l’attenzione dei carabinieri e della Procura di Vibo Valentia nel contrastare le truffe ai danni dello Stato e tutte le condotte che a qualsiasi titolo finiscono col causare danni all’erario.
È passato quasi un anno da quando i militari hanno iniziato una campagna di controlli sulle modalità di percezione di contributi per il contrasto alla povertà e sostegno alle fasce sociali economicamente più deboli, implementati in periodo di pandemia.

Punto di partenza sono stati i così detti “buoni spesa covid” erogati dai Comuni. Le verifiche, condotte su tutto il territorio provinciale, hanno fatto emergere irregolarità su 854 posizioni che hanno portato ad una segnalazione alla Procura della Repubblica dei percettori del beneficio per falsa attestazione a pubblico ufficiale della propria identità o delle proprie caratteristiche personali e per indebita percezione di erogazioni ai danni dello Stato, poiché gli stessi avrebbero prodotto dichiarazioni mendaci sullo stato di disagio economico e sulle qualità del loro nucleo familiare al fine di ottenere il contributo o per riceverlo indebitamente da più Comuni.

Nello stesso arco temporale, i controlli condotti sui percettori del reddito di cittadinanza, di concerto con i carabinieri del Nucleo ispettorato del lavoro di Vibo Valentia, hanno consentito di interrompere, con comunicazione all’ Inps, in qualità di ente erogatore, e deferimento alla Procura di Vibo Valentia per i profili di responsabilità penale, l’elargizione del contributo economico a 87 beneficiari in quanto risultati essere colpiti da condanna o sottoposti a misura cautelare.

Solo nell’ultimo mese, i militari della Stazione di Sant’Onofrio hanno provveduto alla segnalazione all’autorità giudiziaria di tre persone, tutte con precedenti di polizia, risultate, dai primi accertamenti, percepire indebitamente il reddito di cittadinanza.

In un caso è stato appurato che un artigiano, nonostante l’attività svolta, avrebbe richiesto ed ottenuto il sussidio per circa dodici mensilità. In un’altra circostanza sarebbe invece stata accertata una falsa dichiarazione di residenza al fine di attestare fittiziamente l’esistenza di un nucleo familiare unipersonale creando, in modo fraudolento, i presupposti per accedere al beneficio. Il caso più eclatante ha riguardato però un soggetto arrestato nell’operazione Rinascita-Scott e tuttora detenuto che, sulla scorta degli accertamenti sin qui compiuti, risulterebbe avere acquisito il diritto al contributo, quando ancora era libero, omettendo di dichiarare la convivenza con un fratello e successivamente lo ha mantenuto nonostante la perdita della libertà personale. Complessivamente è stato stimato un danno per le casse dello Stato di circa 20 mila euro

  • Published in Cronaca

Reddito di cittadinanza, altri 170 furbetti scoperti in Calabria

I Finanzieri della Tenenza di Scalea, nell’ambito delle attività finalizzate al monitoraggio e al controllo della spesa pubblica legata al“Reddito di cittadinanza”, operando in sinergia con l’Inps, hanno scoperto 170 persone che, con presunti escamotage, hanno indebitamente percepito il beneficio economico.

L’attività investigativa svolta dalle fiamme gialle, condotta su un territorio comprendente 14 comuni dell’Alto tirreno cosentino, si è sviluppata attraverso un’attenta e meticolosa verifica che, partendo dalle informazioni contenute nelle banche dati messe a disposizione dall’Inps sulla base dell’intesa stipulata con il Corpo, ha consentito di individuare una variegata platea di presunti indebiti percettori.

Tra questi figurano anche pubblici amministratori che continuavano silenti a percepire il sussidio omettendo di comunicare all’Inps:

• le variazioni occupazionali e le variazioni di reddito, verificatesi durante il periodo di percezione del Reddito di cittadinanza;

• l’attività lavorativa in essere all’atto della presentazione dell’istanza per il riconoscimento del sussidio;

• la sottoscrizione della prevista “dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro”.

In altri casi, i  militari hanno rilevato che alcune persone risultavano fiscalmente a carico di nuclei familiari differenti da quelli dichiarati nelle Dichiarazioni uniche sostitutive

Particolari, infine, i casi delle “residenze di comodo”, in cui i soggetti controllati avevano trasferito, in modo fittizio, la loro residenza al fine di rappresentare, in fase di dichiarazione, un nucleo familiare che escludeva il familiare produttore di reddito.

L’importo complessivo delle somme indebitamente conseguite, a seguito del calcolo eseguito dalle fiamme gialle, ammonta ad oltre 1,3 milioni di euro.

Al termine dell’indagine sono state avviate le operazioni finalizzate a irrogare le sanzioni amministrative di revoca e/o decadenza del beneficio e il recupero delle somme indebitamente percepite.

Mafiosi con il Reddito di cittadinanza, oltre 200 mila euro sequestrati nel Vibonese

Ammonta a 212 mila euro l’importo sequestrato a carico di 28 persone residenti nel Vibonese, ritenute responsabili di aver percepito indebitamente il Reddito di cittadinanza.

La misura è stata disposta dal gip del tribunale di Vibo Valentia, su richiesta della locale Procura della Repubblica, in seguito a un’indagine condotta dai finanzieri della Tenenza di Tropea, in collaborazione con l’Inps, durante la quale è emerso che alcuni beneficiari del sussidio destinato alle persone in difficoltà, avrebbero omesso di dichiarare l’esistenza di condanne ostative (anche associazione di tipo mafioso) o misure cautelari personali.

Pertanto, i militari hanno dato esecuzione al decreto, sequestrando il denaro depositato sui conti correnti intestati a 28 persone, tra le quali figurerebbero anche esponenti di spicco ed affiliati alle cosche vibonesi, già coinvolti nelle operazioni “Costa Pulita”, “Ossessione”, “Cerbero” e “Rinascita Scott”.

 

'Ndrangheta: reddito di cittadinanza ad esponenti dei clan vibonesi, scatta il sequestro dei beni

La Procura della Repubblica di Vibo Valentia, nell’ambito dell’attività finalizzata a verificare la regolarità della fruizione del “reddito di cittadinanza”, ha richiesto ed ottenuto dall’ufficio gip del Tribunale di Vibo Valentia l’emissione di un sequestro preventivo delle somme di denaro indebitamente percepite da parte di soggetti residenti nella provincia di Vibo Valentia.  L’indagine ha evidenziato come 23 persone abbiano indebitamente percepito il sussidio economico, rendendo false dichiarazioni all’atto della richiesta, ovvero omettendo di comunicare informazioni dovute e rilevanti durante l’erogazione del beneficio. Il sequestro - di oltre 80 mila euro - è stato eseguito oggi da personale della Sezione di Pg – aliquote Carabinieri e Guardia di finanza, dal Nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di finanza di Vibo Valentia e dalle Stazioni Carabinieri del Comando provinciale di Vibo Valentia, a carico dei beneficiari del sussidio economico.  Nel corso delle indagini è stato rilevato che i destinatari del sussidio, all’atto della presentazione della domanda o durante l’erogazione del beneficio stesso, avevano omesso di comunicare di essere sottoposti a misura cautelare personale, anche a seguito di convalida dell’arresto o del fermo. Tra gli indagati figurano soggetti che al momento dell’inoltro della domanda all’Inps o comunque durante l’erogazione del beneficio, erano stati sottoposti a misure cautelari personali per reati particolarmente gravi, quali associazione per delinquere di tipo mafioso, estorsione, rapina, violazione di norme in materia di armi, sostanze stupefacenti ed atti persecutori.

Reddito di cittadinanza anche al boss della 'ndrangheta: sequestri e denunce

La guardia di finanza di Crotone ha scoperto che il presunto boss della locale di ‘ndrangheta di San Leonardo di Cutro percepiva illecitamente, grazie ad omesse dichiarazioni, il reddito di cittadinanza.

Si tratta di A.M., arrestato il 29 maggio 2019 per associazione mafiosa, traffico di droga, riciclaggio, estorsione ed usura.

Inoltre, estendendo le indagini e tramite la collaborazione e l’interscambio informativo con l’Inps, i finanzieri crotonesi hanno scoperto altre 7 persone - familiari conviventi di soggetti arrestati insieme ad A.M. nell’ambito dell’operazione “Malapianta” - che percepivano il reddito di cittadinanza con false dichiarazioni.

 In particolare, le fiamme gialle hanno passato al setaccio una lista di condannati definitivamente, ovvero attualmente imputati e detenuti per associazione mafiosa ed altri reati socialmente pericolosi.

Dal controllo è emerso che il presunto capo della locale di ‘ndrangheta di San Leonardo di Cutro e le altre 7 persone considerate appartenenti alle famiglie fedeli alla cosca, percepivano il reddito di cittadinanza nonostante conducessero un tenore di vita molto alto, come dimostrato dai numerosi beni di lusso sequestrati al termine dell’operazione “Malapianta”.

Il danno accertato per le casse dello Stato ammonta a 92 mila euro.

Le indagini hanno, inoltre, permesso di scoprire tra i beneficiari del sussidio, 17 titolari di partite iva - tra cui anche un avvocato - tutti risultati evasori totali, non avendo mai presentato le dichiarazioni dei redditi.

Due persone, residenti stabilmente in Germania, sono riuscite, invece, ad ottenere 15 mila euro, avendo dichiarato falsamente la loro residenza in provincia di Crotone. Altri 11 destinatari del Reddito di cittadinanza sono riusciti ad ottenere il beneficio grazie a false attestazioni.

L’attività svolta dai finanzieri pitagorici ha permesso, inoltre, di  scoprire l’indebita percezione del sostegno economico anche da parte di una persona di Cirò Marina, posta ai domiciliari, nel gennaio 2018, nell’ambito dell’operazione contro la ‘ndrangheta cirotana denominata “Stige”. L’uomo avrebbe  percepito, illecitamente, il reddito di cittadinanza da aprile 2019, per un totale di 9.500 euro.

Continuando a scandagliare i presunti affiliati alla ‘ndrangheta, i finanzieri hanno infine scovato altri tre indebiti percettori della prestazione sociale intenti a lavorare in nero. Tra questi S.G., già condannato, con sentenza passata in giudicato, per associazione a delinquere di stampo mafioso e spaccio di sostanze stupefacenti nell’ambito dell’operazione condotta nei confronti della ‘ndrangheta crotonese denominata “Heracles”.

Tutti sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Crotone che ha assunto la direzione delle indagini e ha incaricato la guardia di finanza di svolgere, nei confronti dei responsabili, anche gli accertamenti patrimoniali necessari per eseguire ulteriori sequestri.

  • Published in Cronaca

Reddito di cittadinanza alle famiglie di 'ndrangheta, decine di denunce

È stata denominata “Jobless Money 2”, l’operazione con la quale i carabinieri della Compagnia di Gioia Tauro (Rc) e del Nucleo ispettorato del lavoro di Reggio Calabria hanno denunciato 50 persone.

In particolare, durante un’attività di controllo che ha interessato l'erogazione del Reddito di cittadinanza, gli uomini dell’Arma hanno individuato 50 pratiche irregolari, molte delle quali riconducibili a persone legate da rapporti familiari alla cosca di ‘ndrangheta Bellocco – Pesce di Rosarno.

Tra queste figurerebbero, non solo persone già condannate per associazione a delinquere di stampo mafioso e figure apicali della ‘ndrangheta del mandamento Tirrenico, ma anche donne che, intenzionalmente, avrebbero omesso di segnalare agli enti competenti la presenza, all’interno del loro nucleo familiare, di soggetti detenuti per reati di ‘ndrangheta.

Durante l’analisi della documentazione presentata da alcuni beneficiari del sussidio, gli investigatori dell’Arma hanno, inoltre, riscontrato false attestazioni riguardo la residenza ed il reddito familiare.

Le irregolarità riscontrate avrebbero originato un danno erariale stimato circa 357 mila euro. Grazie all’indagine, è stato possibile bloccare ulteriori erogazioni del beneficio per un importo di circa 127 mila euro.

Gli esiti delle indagini sono stati segnalati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palmi, alla quale è stato chiesto il nulla osta all’interruzione del sussidio per tutti e 50 gli indagati.

Subscribe to this RSS feed