Seguici su Facebook

Detenuto ai domiciliari nascondeva marijuana, arrestato

Gli agenti del Commissariato di Corigliano-Rossano hanno tratto in arresto F.C.A., 27 anni, residente a Taranto, ma domiciliato nella frazione Corigliano.

Ancorché detenuto ai domiciliari, l’uomo, durante una perquisizione, è stato trovato in possesso di 11 grammi di marijuana, un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento dello stupefacente.

Dopo l’arresto, il 27enne è stato posto nuovamente ai domiciliari.

  • Pubblicato in Cronaca

Eseguono lavori senza autorizzazione, denunciati

Durante alcune attività di controllo del territorio, i carabinieri forestale della Stazione di Rossano (Rc) hanno denunciato tre persone per abusivismo edilizio e violazione della normativa ambientale.

In particolare, uno dei denunciati è accusato di aver realizzato, in un’area sottoposta a vincolo, in località “Pantano –Martucci di Corigliano Rossano, una recinzione in cemento armato di 30 metri nei pressi della spiaggia, senza essere in possesso del necessario nulla-osta paesaggistico ambientale.

In un’altra attività di controllo, i militari si sono imbattuti in uno sbancamanto realizzato, senza autorizzazione, in località Masciarda, nel Comune di Scala Coeli (Cs).

Inevitabile, quindi, la denuncia per l’esecutore materiale dei lavori e per il committente, cui sono state elevate anche sanzioni amministrative per un importo complessivo di 4 mila euro.

Una delle sanzioni è stata elevata per violazione delle misure anticontagio.

  • Pubblicato in Cronaca

Sorpreso con alcune dosi di marijuana, arrestato

Un sorvegliato speciale, A.M., di 32anni è stato arrestato dalla polizia di Stato, a Rossano, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

In particolare, dopo aver sorpreso l’uomo, intento a cedere ad un giovane quattro grammi di marijuana, i poliziotti  ne hanno perquisito la casa dove hanno trovato altri 16 grammi della stessa sostanza, due bilancini di precisione e 1.700 euro in banconote di vario taglio.

Arrestato in flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, il 32enne, al termine delle formalità di rito, è stato posto ai domiciliari, in attesa del rito direttissimo.

  • Pubblicato in Cronaca

Dichiara di dover andare a fare la spesa, i militari scoprono la verità e lo denunciano

Un uomo di 64 anni è stato denunciato dai carabinieri forestale della Stazione di Rossano (Cs), per falsità ideologica commessa in atto pubblico. L’uomo, durante un controllo, è stato trovato senza l’autocerficazione che, una volta fornita dai militari, ha compilato dichiarando di essere uscito per andare a fare la spesa.

Gli uomini dell’Arma hanno, quindi, deciso di controllarne gli spostamenti, riscontrando l’infondatezza della dichiarazione resa in fase di controllo.

Inevitabile quindi la denuncia.

  • Pubblicato in Cronaca

Sorpresi in un casolare a confezionare droga, due giovanissimi nei guai

Due ragazzi, P.V., 22 anni di Rossano e P.V., 21 anni, di nazionalità ucraina, sono stati tratti in arresto con l’accusa di detenzione ai  fini di spaccio di sostanza stupefacente.

A stringere le manette attorno ai polsi dei giovani sono stati i poliziotti del Commissariato di Corigliano-Rossano.

I particolare, gli agenti hanno sorpreso gli arrestati in un casolare, dove erano intenti a confezionare un centinaio di grammi di marijuana.

Inoltre, durante il controllo sono stati rinvenuti un bilancino di precisione e 600 euro in banconote di vario taglio.

Contestualmente sono state denunciate altre tre persone che si erano recate nel casolare per acquistare la droga.

Tutte e cinque sono stati sanzionati infine per aver violato le misure previste per il contenimento del Covid-19.

  • Pubblicato in Cronaca

Falso e tentata truffa su un finanziamento regionale, denunciati due tecnici

I carabinieri forestale delle Stazioni di Rossano (Cs) e Scala Coeli hanno sequestrato un bosco di 24 ettari di proprietà comunale.

Il provvedimento è scattato in seguito ad un controllo effettuato in località “Masciarda-Catananni” nel Comune di Scala Coeli, in un'area oggetto di un finanziamento regionale nel settore agricolo-forestale il cui progetto prevedeva la ricostituzione di un bosco danneggiato da incendio.

Durante diversi sopralluoghi i militari hanno accertato che la superficie oggetto dell’erogazione del finanziamento, per oltre il 50 per cento, è formata da un rimboschimento artificiale di conifere e non per come rappresentato negli elaborati progettuali caratterizzato da un bosco ceduo di latifoglie miste con presenza di piccole aree a conifere.

Inoltre, il bosco di latifoglie interessato dal progetto si presenta in ottimo stato vegetativo e non reca evidenze di passaggio del fuoco se non per lievi punti.

Una delle particelle inserite nel progetto che sarebbero dovute essere caratterizzate dal passaggio del fuoco non risulterebbe neppure nel catasto incendi aggiornato dal Comune.

Infine, la documentazione fotografica a corredo del progetto non corrisponderebbe ai luoghi oggetto del finanziamento.

I militari hanno quindi sequestrato l’area interessata dal progetto e denunciato due progettisti e direttori dei lavori che, a vario titolo, dovranno rispondere dei reati di falso in atto pubblico, tentata truffa aggravata finalizzata a far percepire indebitamente un finanziamento di 145 mila euro a favore del Comune di Scala Coeli.

Sono al vaglio degli investigatori le eventuali responsabilità degli amministratori in merito alla vicenda.

  • Pubblicato in Cronaca

Fornisce documenti falsi per sottrarsi ad un mandato d'arresto europeo, 23enne romeno catturato in Calabria

 I carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Rossano (Cs) hanno eseguito un mandato d'arresto europeo emesso in Romania a carico di P.I.C., di 23 anni.

Il cittadino romeno è stato inoltre tratto in arresto con l'accusa di possesso di documenti d'identificazione falsi.

In particolare, il giovane, già condannato per vari reati nel suo Paese d'origine, è stato individuato durante un controllo effettuato nel parcheggio di un supermercato ubicato in viale Sant’Angelo, a Rossano

Alla richiesta dei documenti, il giovane ha esibito una carta d'identità ed una patente di guida romene che, durante le successive verifiche, sono risultati falsi.

Scoperta quindi la verà identità del giovane e la presenza a suo carico di un mandato d'arresto europeo emesso nel luglio dello scorso anno, per i reati di furto aggravato, guida senza patente e guida di veicolo non immatricolato, i carabinieri hanno proceduto all'arresto.

Al termine delle formalità di rito, il 23enne è stato trasferito nella casa circondariale di Castrovillari.

  • Pubblicato in Cronaca

Occupazione di terreno e smaltimento illecito di rifiuti, 5 denunce

Altre cinque persone sono state deferite dai carabinieri della Stazione di Rossano in merito al sequestro, con contestuale denuncia di un uomo, avvenuto nei giorni scorsi in località “San Giuseppe”, nel comune di Pietrapaola, dove è stata accertata l’occupazione abusiva di un suolo di proprietà delle Ferrovie dello Stato.

Le ulteriori indagini hanno portato al sequestro del terreno e al deferimento di altre cinque persone, tre soci di una ditta di costruzioni, l’amministratore e il liquidatore.

Sul suolo, recintato abusivamente, è stato trovato un vero e proprio deposito incontrollato di mezzi e attrezzature abbandonati da tempo.

I rifiuti, costituiti prevalentemente da silos-tramoggia e veicoli fuori uso, erano stati stoccati a cielo aperto sul suolo nudo, senza alcuna forma di impermeabilizzazione del terreno.

Pertanto, agli indagati sono stati contestati l’occupazione arbitraria di suolo di proprietà delle Ferrovie dello Stato e l'illecito deposito, abbandono, stoccaggio e smaltimento di rifiuti speciali non pericolosi, in area sottoposta a vincolo paesaggistico ambientale, in quanto ricadente nella fascia di rispetto dei 150 metri dal torrente Acquaniti.

  • Pubblicato in Cronaca
Sottoscrivi questo feed RSS