Incidente stradale nel Vibonese, morto un motociclista

Tragico incidente stradale nel Vibonese, dove un centauro di 55 è morto sulla provinciale tra Rombiolo e San Calogero.

La vittima, originaria della frazione Presinaci di Rombiolo, dopo aver perso il controllo della moto è finita contro un muro.

Lo sfortunato motociclista è morto sul colpo. Inutile l'intervento dei sanitari del 118.

La dinamica dell'incidente è al vaglio dei carabinieri della Stazione di San Calogero.

  • Pubblicato in Cronaca

Kalashnikov rinvenuto nel Vibonese, denunciato un pensionato

Durante una perquisizione a casa di V.R, 72 anni, di San Calogero (Vv), i carabinieri della locale Stazione, hanno rinvenuto, nell'intercapedine del muro perimetrale di un manufatto adiacente alla casa, un fucile d’assalto Kalashnikov Ak M70, due caricatori bifilari e 30 cartucce calibro 7.62, tutto in perfetto stato d’uso.

Estese le ricerche all'area circostante, i militari hanno trovato, in un vecchio frigorifero coperto da un cumulo di rifiuti, una pistola semiautomatica Beretta calibro 9X21, due caricatori e 48 cartucce dello stesso calibro

Dopo aver sequestrato il materiale rinvenuto, i carabinieri hanno denunciato in stato di libertà il pensionato, per i reati di detenzione abusiva di armi e munizioni e detenzione illegale di arma da guerra.

A San Calogero si è discusso di “Donne, Chiesa e cultura nella società attuale"

 Si e svolto sabato scorso (4 maggio), presso la sala del Consiglio comunale di San Calogero, il dibattito sul tema: “Donne, Chiesa e cultura nella società attuale caratterizzata dal postmodernismo”.

All’incontro organizzato dall’assessore alla Cultura del comune di San Calogero, Caterina Grillo, hanno partecipato il parroco di Calimera, don Francesco Pontoriero, il sindaco Nicola Brosio e i fondatori del Centro studi Theotokos e autori del volume: “Canti di donne nella Settimana Santa in Calabria. Teologia e Antropologia”, Anna Rotundo e Martino Michele Battaglia.

L’incontro, moderato dall’assessore Grillo, ha visto una nutrita partecipazione di cittadini che hanno seguito con attenzione le tematiche trattate.

Dopo i saluti di rito del sindaco e dell’assessore alla Cultura, il parroco di Calimera, don Pontoriero, ha dato il via agli interventi, sottolineando come nei riti della Settimana Santa in Calabria, i canti in vernacolo eseguiti da gruppi di donne animano i riti paraliturgici, espressione di una pratica sempre viva nel contesto popolare calabrese.

Dagli interventi di Rotundo e Battaglia è emerso uno spaccato importantissimo relativo alla sacra drammatizzazione dell’incontro tra il Risorto e sua Madre, detto "Cumpunta", "Affruntata", "Ncrinata", "Svelata", che si svolge in diversi centri calabresi domenica di Pasqua.

A tal proposito, Anna Rotundo vede nella caduta del manto nero che avvolge la Madonna, l’emancipazione e la liberazione delle donne: cadendo il manto, svanisce la morte di Cristo. Quella morte che è anche la morte della religione come sacrificio, come violenza dell’uomo sull’altro uomo e come prevaricazione. Il manto azzurro e l’abito splendente della Madonna incarnano un nuovo modo di vivere in una società diversa, basata su quei valori femminili che invitano all’accoglienza, all’ascolto, alla vita, e che devono essere vissuti anche dagli uomini per la costruzione di una vera civiltà dell’amore. Alle donne e particolarmente alla Maddalena, falsamente presentata nella tradizione come prostituta penitente, in realtà Apostola degli apostoli, Cristo affida il messaggio della risurrezione, quale segno tangibile di un riscatto che eleva le donne a protagoniste nel contesto socioculturale della “nuova società” e della “nuova vita”.

Martino Michele Battaglia, ha quindi evidenziato il rapporto che intercorre tra religiosità popolare e antropologia, folklore ed etnostoria e come tutto ciò caratterizza determinati eventi in cui la donna rappresenta elemento sostanziale e imprescindibile nel contesto rituale e sociologico. Rifacendosi al critico letterario Giuseppe Rando, Battaglia ha sottolineato come Anna Rotundo, all’interno del libro “Canti di donne nella Settimana Santa in Calabria. Teologia e Antropologia”, inserito nella nuova collana “Nuances”, abbia saputo rileggere i canti tradizionali re-interpretandoli e riattualizzandoli, ridando ad essi una nuova vita.

 

  • Pubblicato in Cultura

In trasfera nel Vibonese per rubare un'auto, arrestati quattro rosarnesi

Quattro persone originarie di Rosarno (Rc) sono state arrestate dai carabinieri della Stazione di San Calogero (Vv), perché sorprese a bordo di un'auto rubata a Jonadi, nel Vibonese.

In particolare, durante un servizio di controllo del territorio, i militari hanno notato una Smart Fourfour sfrecciare lungo una strada di campagna, prossima alla Statale 18.

Gli uomini dell'Arma si sono, quindi, lanciati all'inseguimento del veicolo, che è stato bloccato dopo pochi chilometri.

I carabinieri hanno identificato i quattro occupanti dell'auto, ovvero B.P.G. di 36 anni, G.G. (41), S.G. (29) e D.F. (28), i quali una volta compiuto il furto stavano ritornando a Rosarno, cercando di passare inosservati attraversando le campagne sancalogeresi.

I quattro sono stati, quindi, arrestati per il reato di furto aggravato in concorso e su disposizione della Procura della Repubblica di Vibo Valentia sono stati posti ai domiciliari, in attesa della celebrazione del rito direttissimo.

L’autovettura è stata riconsegnata al legittimo proprietario.

  • Pubblicato in Cronaca

A San Calogero la premiazione per la terza edizione del premio internazionale “A. De Marco”

Colorite tele, versi silenziosi, pennellate di amore, emozioni in arte, per la terza edizione della mostra-concorso internazionale di arte contemporanea “Antonio De Marco”, svoltasi nei giorni scorsi a San Calogero, grazie all’iniziativa dell’associazione culturale “Gaudium”, presieduta da Pasquale Addisi, e patrocinata dall’amministrazione comunale guidata da Nicola Brosio.

Per dieci giorni il pubblico sancalogerese ha avuto modo di ammirare e poi votare le opere di Lena Emanuele; Alba Nisticò; Irene Monti; Gabriella Prestia; Vera Console; Sara Dolfini; Gino Di Mari; Paola Siciliano; Grazia Varone; Italo Cosenza; Antonella Di Renzo; Maria Rosaria Valenti; Melissa Contartese; Mattia Barbalaco; Domenico Valente; Vittorio Pinto; Fortunato Pedullà e di trenta artisti moldavi, esposte nella sala consiliare divenuta, per l’occasione un galleria d’arte.

Opere rappresentative delle diverse tecniche e stili, curate nell’esposizione da Adele Canale, Maria Maddalena Cicciù e Salvatore Berlingieri e sottoposte al giudizio della giuria presieduta dalla nota critica Mara Ferloni, moglie del compianto Antonio De Marco, e composta dal presidente della Gaudium Pasquale Addisi, da Salvatore Berlingieri, Loredana Gallo, dal sindaco Nicola Brosio e dall’assessore alla Cultura Caterina Grillo.

A conquistare il gradino più alto Alba Nisticò con l’opera “Silence”, seguita da un ex equo con Luigi Di Mari e Mattia Barbalaco rispettivamente con le opere “Ragazza araba” e “Ritratto d’artista”. Terzo posto per Paola Siciliano con “Magma”, mentre il premio della critica è andato all’artista Sara Dolfini per l’opera “Il tempo del tempio”.

Per quando riguarda la giuria popolare invece si è registrato un altro ex equo tra Luigi Di Mari e Grazia Varone, quest’ultima con l’opera “Oltre l’orizzonte”.

Per tutti loro iscrizione di diritto all’associazione Gaudium e una mostra personale nella galleria di Milano. Una mostra-concorso tutta incentrata sulla figura dell’intellettuale calabrese Antonio De Marco, dalla cui nobile penna hanno preso vita immagini, storie e tradizioni di una Calabria ricca di cultura e capace ancora di emozionare.

Con l'iniziativa, inserita nella tre giorni dell’Art festival Calabria, la Gaudium si pone nel panorama artistico nazionale come autorevole circolo culturale per promuovere l’arte in tutte le sue forme.

Un’associazione nata da poco grazie alla tenacia di Pasquale Addisi e Maria Maddalena Cicciù e seguita nella direzione artistica da Mara Ferloni, critico d’arte, giornalista e presidente dell’associazione Ages di Roma.

Chiuso il sipario della terza edizione del premio “Antonio De Marco” il direttivo della Gaudium è già al lavoro per preparare i prossimi appuntamenti, ad iniziare dalla programmazione della personale degli artisti vincitori.

  • Pubblicato in Cultura

Gli sequestrano il furgone dopo un incidente e aggredisce i carabinieri, arrestato

I carabinieri della Stazione di San Calogero hanno tratto in arresto un ambulante di nazionalità marocchina, Zahir Haj, di 56 anni, residente a Stefanaconi,  nel Vibonese.

In particolare, l'uomo è stato arrestato poichè durante i rilievi, effettuati in seguito ad un incidente stradale, ha aggredito, in stato di ebbrezza alcolica, i militari.

Dopo aver ripetutamente inveito si è scagliato contro gli uomini dell'Arma, cercando di colpirli con calci e pugni, in seguito al sequestro del suo furgone rimasto coinvolto nell’incidente.

Una volta portato in caserma, per il cittadino marocchino sono scattati gli arresti per resistenza e violenza a pubblico ufficiale e guida in stato di ebbrezza.

Dopo le formalità di rito, l'uomo è stato posto ai domiciliari, in attesa del rito direttissimo.

 

A San Calogero il Premio internazionale d’arte contemporanea Antonio De Marco

La pittura per onorare la figura di Antonio De Marco, fine intellettuale, profondamente innamorato della sua terra, la Calabria.

È questa l’idea lanciata dall’associazione "Gaudium", presieduta da Pasquale Addisi, che ha fatto propria l’idea dell’artista Maria Maddalena Cicciù, sposando un premio giunto alla terza edizione e che, quest’anno, approda a San Calogero grazie alla sinergia creatasi tra l’associazione con sede a Milano, la Pro loco e l’amministrazione comunale di San Calogero.

Una sinergia che si estenderà anche in altre iniziative culturali.

Il premio, riservato agli artisti di ogni nazionalità, è strutturato come concorso – mostra di opere pittoriche dedicato, si è detto, all’insigne figura di Antonio De Marco, originario di Feroleto della Chiesa (RC), poeta, scrittore e giornalista ammirato per la sua poderosa produzione, come stremo difensore dei diritti della sua terra di Calabria.

L’idea del concorso assume un significato particolare dato il legame esistente con la moglie di De Marco, Mara Ferloni, artista, critico d’arte, giornalista e direttore Ages-Roma, e la stessa associazione Gaudium.

La partecipazione alla mostra concorso è subordinata al versamento della quota di 10 euro, quale spesa logistica amministrativa, da versare sul conto corrente della Gaudium, iban IT90W0312701629000000002554 nonché alla sottoscrizione.

Le opere a concorso dovranno pervenire, unitamente alla scheda di adesione (anticipata per email all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) e alla ricevuta di avvenuto versamento della quota entro il 19.12.2018, possono essere consegnate a mano (personalmente o su delega di un fiduciario) o spedite al seguente indirizzo: Amministrazione comunale di San Calogero, piazza Nicola Calipari, 89842 San Calogero (VV), avendo cura di apporre sull’imballaggio la dicitura “Opera per la mostra-concorso premio internazionale d’arte contemporanea”. Saranno accettate opere realizzate in piena libertà di stile, con una delle seguenti tecniche: olio, tempera, acrilico o mista, le cui dimensioni non devono superare la dimensione di 100x150 e il peso di cinque chilogrammi. Il concorso inizia il 20 dicembre 2018 e terminerà il 29 dello stesso mese.

Le opere del concorso verranno esposte all’interno della sala consiliare di San Calogero fino alla data di premiazione. Il concorso prevede uno speciale riconoscimento per i primi tre classificati, gli stessi esporranno per tre mesi nella galleria d’arte della Gaudium a Milano. Per altre informazioni contattare la referente dell’associazione ai seguenti recapiti: Marilena Cicciù, email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. telefono 3283322803.

  • Pubblicato in Cultura

Maltempo nel Vibonese, riunita l'unità di crisi

"Il Prefetto di Vibo Valentia coordina, dalla tarda mattinata di oggi, un'unità di crisi per monitorare gli effetti del maltempo in atto nel territorio provinciale di Vibo Valentia.
Particolarmente attenzionati i comuni di Spilinga, Ricadi, Joppolo, Drapia, Nicotera, Limbadi, San Calogero".

È quanto si apprende da una nota stampa diramata dalla Prefettura di Vibo Valentia.

Sottoscrivi questo feed RSS