A San Calogero la premiazione per la terza edizione del premio internazionale “A. De Marco”

Colorite tele, versi silenziosi, pennellate di amore, emozioni in arte, per la terza edizione della mostra-concorso internazionale di arte contemporanea “Antonio De Marco”, svoltasi nei giorni scorsi a San Calogero, grazie all’iniziativa dell’associazione culturale “Gaudium”, presieduta da Pasquale Addisi, e patrocinata dall’amministrazione comunale guidata da Nicola Brosio.

Per dieci giorni il pubblico sancalogerese ha avuto modo di ammirare e poi votare le opere di Lena Emanuele; Alba Nisticò; Irene Monti; Gabriella Prestia; Vera Console; Sara Dolfini; Gino Di Mari; Paola Siciliano; Grazia Varone; Italo Cosenza; Antonella Di Renzo; Maria Rosaria Valenti; Melissa Contartese; Mattia Barbalaco; Domenico Valente; Vittorio Pinto; Fortunato Pedullà e di trenta artisti moldavi, esposte nella sala consiliare divenuta, per l’occasione un galleria d’arte.

Opere rappresentative delle diverse tecniche e stili, curate nell’esposizione da Adele Canale, Maria Maddalena Cicciù e Salvatore Berlingieri e sottoposte al giudizio della giuria presieduta dalla nota critica Mara Ferloni, moglie del compianto Antonio De Marco, e composta dal presidente della Gaudium Pasquale Addisi, da Salvatore Berlingieri, Loredana Gallo, dal sindaco Nicola Brosio e dall’assessore alla Cultura Caterina Grillo.

A conquistare il gradino più alto Alba Nisticò con l’opera “Silence”, seguita da un ex equo con Luigi Di Mari e Mattia Barbalaco rispettivamente con le opere “Ragazza araba” e “Ritratto d’artista”. Terzo posto per Paola Siciliano con “Magma”, mentre il premio della critica è andato all’artista Sara Dolfini per l’opera “Il tempo del tempio”.

Per quando riguarda la giuria popolare invece si è registrato un altro ex equo tra Luigi Di Mari e Grazia Varone, quest’ultima con l’opera “Oltre l’orizzonte”.

Per tutti loro iscrizione di diritto all’associazione Gaudium e una mostra personale nella galleria di Milano. Una mostra-concorso tutta incentrata sulla figura dell’intellettuale calabrese Antonio De Marco, dalla cui nobile penna hanno preso vita immagini, storie e tradizioni di una Calabria ricca di cultura e capace ancora di emozionare.

Con l'iniziativa, inserita nella tre giorni dell’Art festival Calabria, la Gaudium si pone nel panorama artistico nazionale come autorevole circolo culturale per promuovere l’arte in tutte le sue forme.

Un’associazione nata da poco grazie alla tenacia di Pasquale Addisi e Maria Maddalena Cicciù e seguita nella direzione artistica da Mara Ferloni, critico d’arte, giornalista e presidente dell’associazione Ages di Roma.

Chiuso il sipario della terza edizione del premio “Antonio De Marco” il direttivo della Gaudium è già al lavoro per preparare i prossimi appuntamenti, ad iniziare dalla programmazione della personale degli artisti vincitori.

  • Pubblicato in Cultura

Gli sequestrano il furgone dopo un incidente e aggredisce i carabinieri, arrestato

I carabinieri della Stazione di San Calogero hanno tratto in arresto un ambulante di nazionalità marocchina, Zahir Haj, di 56 anni, residente a Stefanaconi,  nel Vibonese.

In particolare, l'uomo è stato arrestato poichè durante i rilievi, effettuati in seguito ad un incidente stradale, ha aggredito, in stato di ebbrezza alcolica, i militari.

Dopo aver ripetutamente inveito si è scagliato contro gli uomini dell'Arma, cercando di colpirli con calci e pugni, in seguito al sequestro del suo furgone rimasto coinvolto nell’incidente.

Una volta portato in caserma, per il cittadino marocchino sono scattati gli arresti per resistenza e violenza a pubblico ufficiale e guida in stato di ebbrezza.

Dopo le formalità di rito, l'uomo è stato posto ai domiciliari, in attesa del rito direttissimo.

 

A San Calogero il Premio internazionale d’arte contemporanea Antonio De Marco

La pittura per onorare la figura di Antonio De Marco, fine intellettuale, profondamente innamorato della sua terra, la Calabria.

È questa l’idea lanciata dall’associazione "Gaudium", presieduta da Pasquale Addisi, che ha fatto propria l’idea dell’artista Maria Maddalena Cicciù, sposando un premio giunto alla terza edizione e che, quest’anno, approda a San Calogero grazie alla sinergia creatasi tra l’associazione con sede a Milano, la Pro loco e l’amministrazione comunale di San Calogero.

Una sinergia che si estenderà anche in altre iniziative culturali.

Il premio, riservato agli artisti di ogni nazionalità, è strutturato come concorso – mostra di opere pittoriche dedicato, si è detto, all’insigne figura di Antonio De Marco, originario di Feroleto della Chiesa (RC), poeta, scrittore e giornalista ammirato per la sua poderosa produzione, come stremo difensore dei diritti della sua terra di Calabria.

L’idea del concorso assume un significato particolare dato il legame esistente con la moglie di De Marco, Mara Ferloni, artista, critico d’arte, giornalista e direttore Ages-Roma, e la stessa associazione Gaudium.

La partecipazione alla mostra concorso è subordinata al versamento della quota di 10 euro, quale spesa logistica amministrativa, da versare sul conto corrente della Gaudium, iban IT90W0312701629000000002554 nonché alla sottoscrizione.

Le opere a concorso dovranno pervenire, unitamente alla scheda di adesione (anticipata per email all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) e alla ricevuta di avvenuto versamento della quota entro il 19.12.2018, possono essere consegnate a mano (personalmente o su delega di un fiduciario) o spedite al seguente indirizzo: Amministrazione comunale di San Calogero, piazza Nicola Calipari, 89842 San Calogero (VV), avendo cura di apporre sull’imballaggio la dicitura “Opera per la mostra-concorso premio internazionale d’arte contemporanea”. Saranno accettate opere realizzate in piena libertà di stile, con una delle seguenti tecniche: olio, tempera, acrilico o mista, le cui dimensioni non devono superare la dimensione di 100x150 e il peso di cinque chilogrammi. Il concorso inizia il 20 dicembre 2018 e terminerà il 29 dello stesso mese.

Le opere del concorso verranno esposte all’interno della sala consiliare di San Calogero fino alla data di premiazione. Il concorso prevede uno speciale riconoscimento per i primi tre classificati, gli stessi esporranno per tre mesi nella galleria d’arte della Gaudium a Milano. Per altre informazioni contattare la referente dell’associazione ai seguenti recapiti: Marilena Cicciù, email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. telefono 3283322803.

  • Pubblicato in Cultura

Maltempo nel Vibonese, riunita l'unità di crisi

"Il Prefetto di Vibo Valentia coordina, dalla tarda mattinata di oggi, un'unità di crisi per monitorare gli effetti del maltempo in atto nel territorio provinciale di Vibo Valentia.
Particolarmente attenzionati i comuni di Spilinga, Ricadi, Joppolo, Drapia, Nicotera, Limbadi, San Calogero".

È quanto si apprende da una nota stampa diramata dalla Prefettura di Vibo Valentia.

San Calogero, si dimettono i consiglieri Maruca, Preiti e Zinnà

Riceviamo e pubblichiamo

"Dopo aver attentamente riflettuto sulle recenti risultante della sentenza della Corte d’appello di Catanzaro, la quale, in maniera chiara e concisa ha decretato l’incandidabilità del sig. Nicola Brosio, sindaco di San Calogero, non possiamo esimerci da alcune valutazioni di carattere politico ma anche e soprattutto di carattere morale.
Non è nostra intenzione speculare sulle vicessitudini del primo cittadino, ma ci saremmo aspettati da parte sua un gesto di responsabilità e di rispetto della collettività sancalogerese, ma purtroppo così non è stato.
Ed infatti, dopo tre anni in cui abbiamo assistito ad un immobilismo politico da parte di questa amministrazione, la quale si è unicamente limitata ad portare avanti l’ottimo lavoro svolto dalla commissione straordinaria, subiamo per l’ennesima volta le scelte scellerate di codesti soggetti.
Uniche delibere degne di nota, vanno ravvisate nei vari incarichi fiduciari destinati a parenti e soci, la delibera con cui il sindaco si è fatto riconoscere la contribuzione professionale pregressa in spregio alla legge, ma soprattutto alla popolazione ed il dissesto finanziario.
Un vero record per questo Sindaco e per questa amministrazione, infatti sono stati i primi ad essere sciolti per infiltrazioni mafiose, i primi a decretare il dissesto finanziario ed il primo ad essere dichiarato incadidabile.
Noi consiglieri di opposizione, non possiamo che prendere atto di ciò, e consapevoli del fatto che la morale ha un valore fondamentale prima di ogni cosa, abbiamo deciso per rispetto delle Istituzioni, di rassegnare le dimissioni dalla carica ricoperta. Ed infatti per come già anticipato nell’ultimo consiglio, nel quale abbiamo assistito ad una difesa estrema del primo cittadino, con attacchi gratuiti all’operato dei giudici di secondo grado, non possiamo che discostarci da tali soggetti.
Infatti, nel tempo ed in attesa di questa pronuncia, abbiamo cercato di mantenere bassi i toni dello scontro politico, limitandoci a criticare l’operato, ma alla luce della sentenza e delle considerazioni del sindaco su di essa, il quale comunque vede la responsabilità".

I consiglieri comunali di San Calovero Giuseppe Maruca, Giuseppe Preiti e Vincenzo Zinnà

  • Pubblicato in Politica

Piante di marijuana in un casolare del Vibonse, 58enne finisce nei guai

I carabinieri della Stazione di San Calogero hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, il 58enne del luogo, Emilio Rosello.

Nel corso di una perquisizione effettuata in un casolare ubicato in un'area rurale, l’uomo è stato trovato in possesso di otto piante di marijuana. Poco distante, i militari hanno rinvenuto coltivati altri quattro arbusti della stessa sostanza.

Una volta sequestrato lo stupefacente, gli uomini dell’Arma hanno proceduto all’arresto di Rosello che, al termine delle formalità di rito, è stato posto ai domiciliari.

  • Pubblicato in Cronaca

Omicidio Soumalya Sacko, fermato l'uomo indagato

Nella prima mattinata di oggi i carabinieri del Comando provinciale di Vibo Valentia hanno eseguito un fermo d'indiziato di delitto, emesso dalla Procura della Repubblica di Vibo Valentia, nei confronti di Antonio Pontoriero, di 43 anni.

L'uomo è accusato dell'omicidio di Soumalya Sacko, il 29enne maliano, ucciso il 2 giugno scorso a San Calogero, nel Vibonese (Per leggere la notizia clicca qui).

Oltre che per la morte del migrante, Pontoriero è accusato di porto e detenzione illegale d'arma.

 

Migrante ucciso nel Vibonese, avviso di garanzia per un 43nne di San Calogero

Sono giunte probabilmente ad una svolta, le indagini per l'omicidio, avvenuto il 2 giugno scorso a San Calogero, nel Vibonese, di Soumalia Sacko, di 30anni.

 Nel pomeriggio di oggi, i carabinieri della Compagnia di Tropea e della Stazione di San Calogero hanno, infatti, notificato ad un 43enne del luogo, un avviso di garanzia con contestuale notifica di accertamenti tecnici non ripetibili.

Il migrante maliano è stato ucciso in prossimità di una fornace abbandonata, mente si trovava in compagnia di due connazionli, rimasti feriti dai colpi di fucile sparati da uno sconosciuto.

Sottoscrivi questo feed RSS