Scossa di terremoto in Calabria

Un terremoto di magnitudo 2.2 è stato registrato poco dopo le 3.32 della notte scorsa, al largo della costa jonica catanzarese.

I sismografi dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia hanno localizzato l'ipocentro ad una profondità di 34 chilometri.

I comuni più vicini all'area in cui è stato individuato l'epicentro sono: Stalettì, Soverato, Squillace, Montauro e Sellia Marina.

Non sono stati segnalati danni.

  • Pubblicato in Cronaca

Ospedale di Soverato, Wanda Ferro (FDI) chiede di garantire il funzionamento del reparto di chirurgia

«Intervenire al più presto per garantire la ripresa dell’attività chirurgica nell’ospedale di Soverato».

È quanto chiede il deputato di Fratelli d’Italia Wanda Ferro, commentando le notizie, pubblicate anche dalla stampa, di un sostanziale fermo del reparto di Chirurgia per carenza di personale medico.

«Pur comprendendo il particolare momento di difficoltà legato all’emergenza coronavirus - dice Wanda Ferro - diventa urgente garantire la sostituzione del personale andato in pensione e di quello assente per gravi ragioni di salute, così da non privare l’ospedale soveratese di un importante reparto come quello della Chirurgia, in cui vengono trattate anche le urgenze. L’ospedale di Soverato è un presidio sanitario di vitale importanza per tutto il territorio del basso jonio catanzarese, e va salvaguardato anche per evitare ulteriori pressioni sui nosocomi già impegnati nel trattamento dei pazienti covid».

  • Pubblicato in Politica

Chiaravalle: 52 tamponi positivi, scatta la quarantena per 5 comuni

"Dopo l’esito dei tamponi eseguiti su tutti gli ospiti e sul personale presso il centro per anziani Salus di Chiaravalle Centrale, ho firmato con un’ordinanza che dispone la ‘chiusura’ di Chiaravalle Centrale, Soverato, Cenadi, Torre di Ruggero, Vallefiorita (Cz)".
 
E' quanto si legge in una nota della presidente della Regione Calabria, Jole Santelli.

È da questi comuni, infatti, che proviene il personale operante presso la struttura nella quale si sono verificati 40 tamponi positivi tra gli ospiti, con ulteriori 10 persone da sottoporre nuovamente a valutazione e 12 positivi tra il personale, con 5 persone da rivalutare.
Una incidenza che, insieme al Dipartimento Tutela della Salute, Politiche Sanitarie abbiamo valutato come rilevante anche alla luce del fatto che potrebbe determinare un grave ampliamento dei focolai di infezione, non diversamente contenibile.
L’ordinanza - prosegue la nota -prevede il divieto di allontanamento dai territori comunali da parte di tutti gli individui ivi presenti, riducendo drasticamente ogni possibilità di socializzazione, limitando al massimo ogni spostamento; il divieto di accesso nel territorio comunale; la sospensione delle attività degli uffici pubblici, fatta salva l'erogazione dei servizi essenziali e di pubblica utilità.
Possono transitare in ingresso e in uscita dai singoli territori comunali gli operatori sanitari e socio-sanitari, il personale impegnato nei controlli e nell'assistenza alle attività riguardanti l’emergenza, nonché gli esercenti delle attività consentite sul territorio e quelle strettamente strumentali alle stesse, con obbligo di utilizzo di dispositivi di protezione individuale e fermo restando la limitazione della presenza fisica del personale per quanto strettamente indispensabile.
L’ordinanza - conclude Santelli - prevede anche adeguate disposizioni per la gestione dei casi all’interno dell’Rsa interessata e un supporto ai cittadini residenti nei Comuni interessati per la risoluzione delle problematiche specifiche che potrebbero verificarsi alla luce del provvedimento". 

 

Soverato, con il Rotary alla scoperta dei Siculi e di Poliporto: grande successo di partecipazione

La storia e la protostoria di Soverato. Successo di partecipazione per la visita guidata alle tombe sicule di località “San Nicola” e a Poliporto.

Iniziativa organizzata dai giovani dell'Interact Club, guidati dal presidente Giulio Carchidi, e patrocinata dal Club Rotary e dal progetto culturale “Naturium”.

A condurre l'itinerario turistico-culturale, il prof. Ulderico Nisticò che ha arricchito la giornata con un approfondito inquadramento storico dell'intera area jonica. Per come spiegato da Nisticò, il popolo indoeuropeo dei Siculi ridiscese l'Italia, dalle Alpi fino all'isola cui diede il nome, ben prima dell'VIII secolo a. C. Anticipando, dunque, l'arrivo delle genti greche sulle coste dell'odierna Calabria. I fondatori di Locri, ad esempio, trovarono già i Siculi sull'Aspromonte e, dopo violenti scontri armati, si fusero con loro.

Giovanni Gnolfo, lo studioso salesiano che diede inizio agli interessi archeologici su Soverato, individuò insiediamenti siculi nell'area e, lungo la costa, alcune loro tombe. Resti di queste caratteristiche sepolture a grotticella artificiale, indizio di un probabile rito di incinerazione, sono ancora ben visibili in località “San Nicola” e si possono oggi visitare attraversando uno stretto passaggio pedonale che richiederebbe urgenti interventi di manutenzione.


Lo specchio d'acqua antistante questi eccezionali reperti protostorici custodisce la Poliporto greca e romana. Ruderi di un approdo, o di un probabile insediamento commerciale, che affiorano durante le mareggiate invernali, ovvero manufatti frammisti a scogli naturali.

Secondo le osservazioni della Sovrintendenza eseguite nel 1926, si tratterebbe di granai di età romana.

Ma una riflessione etimologica sul nome Poliporto autorizza a supporre una preesistenza in età greca. Non sono mancati, del resto, negli anni i ritrovamenti di monete, toponimi e probabili insediamenti ellenici (in tempi relativamente recenti, in località Santicelli).

Commenti positivi unanimi alla fine del tour guidato, con l'invito a ripetere periodicamente attività analoghe anche su altre zone. Un plauso è stato rivolto al Rotary Club, al presidente Domenico Scopelliti e alla delegata Interact Maria Abbruzzo, che hanno saputo valorizzare al meglio la bella intuizione del giovane e dinamico presidente Interact, Giulio Carchidi.  

 

 

Soverato, iniziativa dei giovani Interact di riscoperta archeologica

La Soverato archeologica al centro di una iniziativa dei giovani dell'Interact, guidati dal dinamico presidente Giulio Carchidi.

Domani 12 settembre, a partire dalle ore 10 circa, visita guidata condotta dallo storico Ulderico Nisticò.

Scenario della passeggiata sarà località San Nicola, nella zona nord di Soverato, dove insistono tracce di antichissimi insediamenti siculi. Sono le sepolture a grotticella artificiale rilevate, nel secolo scorso, dallo studioso salesiano Giovanni Gnolfo.

Probabile indizio di un rito funebre di incinerazione, le tombe sono prospicienti l'area, molto interessante da un punto di vista archeologico, di Poliporto. Ai granai di età romana che riemergono dopo le mareggiate, si associa una etimologia (Poliporto, forse inteso come “porto antico”) che può aiutare a presupporre una preesistenza di età greca.

Luoghi, dunque, della storia e della memoria che i ragazzi dell'Interact, pienamente supportati dal Club Rotary di Soverato e dal suo presidente Domenico Scopelliti, intendono valorizzare per come meritano. 

Soverato, successo per il torneo Rotary: fondi contro la poliomielite

Un'idea semplice, un grande risultato per un alto e nobile scopo umanitario. Successo per il torneo di beneficenza organizzato dal Rotary Club di Soverato, finalizzato a raccogliere fondi a sostegno della campagna internazionale per la eradicazione della poliomielite.

I locali del Circolo Velico si sono riempiti di soci e appassionati che, numerosissimi, hanno dato vita ad avvincenti sfide di burraco. Una partecipazione notevole che ha gratificato tutti, dal presidente, Domenico Scopelliti, alle socie Bianca Lopez e Fulvia Gioffré, che hanno coordinato gli aspetti organizzativi dell'evento.

“Il Rotary Club conferma la sua funzione sociale aggregante - ha commentato il presidente Scopelliti - ma anche e soprattutto l'impegno finalizzato a migliorare il contesto in cui viviamo. Da questo punto di vista, per i rotariani è da sempre particolarmente importante la campagna contro la poliomielite nel mondo, malattia contro la quale il Rotary è impegnato da oltre 30 anni”.

Il percorso per l'eradicazione della polio è stato lungo e difficoltoso, con il Rotary alla guida dello sforzo globale dal 1985.

Per passare da 350.000 casi di polio nel 1988 ai soli 10 casi di oggi c'è voluto  tempo, denaro, dedizione con migliaia di persone determinate a porre fine a questa malattia. “Grazie agli sforzi del Rotary e dei suoi partner - ha spiegato Scopelliti - oltre 16 milioni di persone sono in grado di camminare oggi, invece di essere paralizzate.

In totale, oltre 2,5 milioni di bambini sono stati vaccinati dal 1988”. In questi anni, gli operatori sanitari e i volontari del Rotary hanno scalato montagne, attraversato deserti e navigato per raggiungere isole remote, rischiando la vita per potare il vaccino ai bambini contro questa malattia.

Il Rotary ha finanziato l'acquisto di oltre 1.500 motociclette e 6.700 altri veicoli, oltre a 17 barche, per consentire questi viaggi. “Un impegno che continua” ha concluso Scopelliti, ringraziando tutti i presenti.

Soverato, al via la campagna ambientale del Rotary “Clean Up”

In questi giorni potrà capitarvi spesso di incontrare in spiaggia gruppi di volontari con maglietta e cappellino del Rotary. 

Èiniziata, infatti, la campagna “Clean Up”. Un progetto di tutela ambientale che il Rotary Club e l'Interact di Soverato hanno fatto proprio con grande entusiasmo e convinzione. L'obiettivo concreto è quello di ripulire i nostri lidi dalle dannose cicche di sigaretta che costituiscono un grave danno per la salute e per il mare.

A tale scopo vengono distribuiti, a centinaia tra i turisti, dei conetti posacenere lavabili e riciclabili.

I mozziconi sono un concentrato incredibile di agenti inquinanti. Come tali provocano danni serissimi all’intero ecosistema ed in particolare a fiumi e mari. I filtri delle sigarette sono fatti di acetato di cellulosa: una sostanza sintetica che impiega decenni a decomporsi. Assieme ad altri composti plastici, si dissolve nell'acqua ed entra nella catena alimentare. Attraverso il pesce, queste sostanze arrivano anche all'uomo. Ma c'è anche un intento più generale da parte del Rotary di Soverato ed è quello di sensibilizzare sui temi dell'amore e del rispetto per la natura.

“Basta un piccolo gesto per fare tanto” spiega il presidente del Club, Domenico Scopelliti.

Gli fa eco Giulio Carchidi, giovanissima guida dell'Interact: “Il nostro impegno serve per cambiare in meglio il mondo in cui viviamo”. Valori e ideali che si declinano in una serie di iniziative sul territorio. “Sono davvero poche le cause che hanno più conseguenze globali e di vasta portata della tutela ambientale - sottolinea Scopelliti, da poco insediato nella carica di presidente. - Dalle risposte al cambiamento climatico, che mette a rischio l'intero sistema alimentare, alla lotta all'inquinamento, proteggere il nostro ambiente è un compito davvero impegnativo e che ci coinvolge tutti, indistintamente. I Rotariani di Soverato e di tutto il mondo sono pronti alla sfida”.

Alta moda a Soverato, per Azzurra Di Lorenzo “una scelta di cuore”

C'è tanto amore per la Calabria e tanta voglia d'impegnarsi per restituire a questa terra una immagina positiva e di bellezza dietro l'organizzazione dell'evento di alta moda che la stilista Azzurra Di Lorenzo ha presentato oggi in conferenza stampa presso la Bcc di Montepaone Lido.

Al suo fianco, nella sala convegni dell'istituto bancario, il manager di eventi Vittorio Davoli. La sfilata si terrà domenica 18 agosto, nell'anfiteatro all'aperto sul Lungomare di Soverato, a partire dalle ore 22.30.

“Sarà l'occasione - ha spiegato Azzurra Di Lorenzo - per raccontare la mia storia attraverso le mie creazioni”. Una storia di successo, di una giovane calabrese che ha conquistato il grande palcoscenico della haute couture milanese ma che non ha mai dimenticato le sue radici. Da qui la sua decisione, due anni fa, di aprire un atelier anche nella sua regione, a Soverato, pur mantenendo ben salda la presenza a Milano con un affermato show-room. “Una scelta di cuore” ha dichiarato Azzurra Di Lorenzo, manifestando tutto il suo amore per la città “Perla dello Jonio” e per la Calabria tutta. La decisione di portare un evento di alta moda a Soverato rappresenta un passaggio chiave di questo percorso di “ritorno” nella propria terra.

“Noi giovani siamo chiamati a cambiare la narrazione di questa nostra regione, in prima persona, dimostrando il nostro valore, la nostra forza, le nostre capacità” ha ribadito Azzurra Di Lorenzo. Una fitta schiera di sponsor la sosterrà in questa sua iniziativa, a cominciare dalle amministrazioni comunali di Soverato e Amaroni.

Ma hanno aderito al suo appello anche Confesercenti Catanzaro e la Fondazione Guglielmo.

Ha portato il suo saluto in conferenza stampa anche il progetto culturale “Naturium”, con i propri associati, a sostegno dell'importante manifestazione “che rende onore e merito a una giovane calabrese di talento”. Appuntamento da non perdere, dunque, il 18 agosto a Soverato.

Sottoscrivi questo feed RSS