Calabria, seconda scossa di terremoto in poche ore

Ancora un scossa di terremoto nelle acque del mar Tirreno calabrese.

Dopo il sisma di magnitudo 4.2, registrato alle 4,57 di oggi al largo della costa cosentina (per leggere la notizia clicia qui), la terra è ritornata a tremare alle 12,24, quando l'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia ha registrato un evento tellurico a soli 14 chilometri da Amantea.

Il secondo terremoto, di magnitudo 3.4, è stato localizzato ad una profondità di 108 chilometri.

La scossa è stata avvertita lungo la costa, ma fortunatamente non ha causato danni.

  • Pubblicato in Cronaca

Calabria, seconda scossa di terremoto in poche ore

Ancora un scossa di terremoto nelle acque del mar Tirreno calabrese.

Dopo il sisma di magnitudo 4.2, registrato alle 4,57 di oggi al largo della costa cosentina (per leggere la notizia clicia qui), la terra è ritornata a tremare alle 12,24, quando l'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia ha registrato un evento tellurico a soli 14 chilometri da Amantea.

Il secondo terremoto, di magnitudo 3.4, è stato localizzato ad una profondità di 108 chilometri.

La scossa è stata avvertita lungo la costa, ma fortunatamente non ha causato danni.

  • Pubblicato in Cronaca

Forte scossa di terremoto al largo della costa calabrese

Una forte scossa di terremoto è stata registrata alle 4,57 della notte scorsa, ad una quarantina di chilometri dalla costa tirrenica calabrese.

L'istituto nazionale di geofisica e vulcanologia ha localizzato il sisma in un tratto di mare compreso tra Paola e San Lucido, nel Cosentino.

La scossa, di magnitudo 4.2, si è sviluppata ad una profondità di 267 chilometri. 

  • Pubblicato in Cronaca

Calabria, scossa di terremoto nella notte

Un terremoto di magnitudo 2.6 è stato rilevato dai sismografi dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, nelle acque del mar Tirreno antistanti la costa calabrese, a ridosso delle province di Catanzaro e Vibo Valentia.

Il sisma, rilevato alle 2.35 della notte scorsa, ha avuto origine ad una profondità di 38 chilometri.

L’epicentro è stato localizzato in mare aperto, a meno di 20 chilometri da Falerna, Gizzeria, Nocera Terinese e Briatico.

  • Pubblicato in Cronaca

Lieve scossa di terremoto nel Crotonese

Un terremoto di magnitudo 2.2 è stato registrato dai sismografi dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia alle 4,25 della notte scorsa, al largo della costa jonica calabrese.

La scossa, rilevata ad una profondità di dieci chilometri, è stata localizzata in un tratto di mare compreso tra Strongoli e Cirò Marina, in provincia di Crotone.

  • Pubblicato in Cronaca

Calabria, 3 scosse di terremoto in 24 ore

Un terremoto di magnitudo 2.1 è stato rilevato all'1,34 della notte scorsa nelle acque del mar Ionio, in provincia di Catanzaro.

I sismografi dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia hanno localizzato l'ipocentro ad una profondità di 34 chilometri, davanti alla costa di Sellia Marina.

Ha toccato, invece, una magnitudo di 3.6 la scossa registrata alle 19,45 di ieri nell'alto Ionio cosentino.

L'evento, originatosi ad profondità di soli 11 chilometri, è stato avvertito distintamente in un area compresa tra Rossano e Crosia. 

Poco prima dell'1,30 della notte tra il 14 ed il 15 agosto, la terra ha tremato anche nel Reggino (per leggere l'articolo clicca qui) a causa di un terremoto di magnitudo 3.2.

  • Pubblicato in Cronaca

Calabria, scossa di terremoto di magnitudo 2.1

Un terremoto di magnitudo 2.1 è stato rilevato alle 8,03 di oggi a Sellia Marina (Cz).

I sismografi dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia hanno localizzato l'ipocentro ad una profondità di 17 chilometri.

Si tratta della seconda scossa rilevata nella stessa zona, nell'arco di poco meno di 12 ore.

Un sisma di magnitudo 2.3 era stato, infatti, registrato a Cropani, alle 19,49 di ieri.

  • Pubblicato in Cronaca

Calabria, scossa di terremoto di magnitudo 2.3

Un terremoto di magnitudo 2.3 è stato rilevato a Motta San Giovanni, nel Reggino, alle 23,16 di ieri.

I sismografi dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia hanno localizzato l'ipocentro ad una prondità di dodici chilometri.

Oltre al luogo in cui è stato individuato l'epicentro, la scossa ha interessato diversi centri, trai i quali: Cardeto,  Reggio Calabria, Montebello Ionico e Bagaladi.

 

  • Pubblicato in Cronaca
Sottoscrivi questo feed RSS