Alla scoperta dei vitigni autoctoni di Gerace e dei palmenti della Locride

Si svolgerà alle 16.30 di domani (sabato 8 febbraio), presso il Museo Civico di Gerace (Rc), la conferenza sui palmenti della Locride e i vitigni autoctoni di Gerace.

In un momento in cui il turismo enogastronomico è in forte crescita è importante conoscere e valorizzare una delle più importanti tradizioni del territorio calabrese.

L'iniziativa rientra nell'ambito di Passaggi Rupestri nel Mediterraneo, il progetto portato avanti in collaborazione con l'Università di Bologna, nella persona del prof. Adamo Domenico Rombolà, che si propone di valorizzare i territori e contrastare l'abbandono dei luoghi e la progressiva scomparsa delle comunità locali.

Nel corso dell'iniziativa, durante la quale saranno evidenziate le potenzialità inespresse della Locride, sarà proiettando il video sui palmenti, di Antonio Renda e Orlando Sculli.

Al termine della conferenza sarà offerta una degustazione a base di vini prodotti, da Santino Panzera e Orlando Sculli, con uve provenineti da vitigni autoctoni di Gerace conservati in un campo di "salvataggio" nel comune di Ferruzzano.

  • Pubblicato in Cultura

Il Greco di Bianco passito conquista il Parlamento europeo

Nei giorni scorsi, a Bruxelles, nell'ambito del convegno dedicato allo sviluppo sostenibile ed allo stato d'attuazione dei 17 obiettivi per il Terzo Millennio, lo chef e giornalista padovano Efrem Tassinato ha presentato e fatto degustare, tra i prodotti simbolo di economie virtuose, il vino Greco di Bianco passito Doc, del produttore di Samo (Rc) Antonio Caridi.

Al convegno, organizzato dal parlamentare europeo Marco Zullo, sono intervenuti diversi rappresentanti del mondo delle imprese e delle politiche economiche e per l’ambiente, che hanno degustato ed apprezzato il "nettare" calabrese accanto ai Burci, ovvero i Dolcetti di Pontelongo (del Consorzio I Buoni Convivi di Piove di Sacco - Pd).

Importante riconoscimento per un vino calabrese

Ha ottenuto la Medaglia d’oro nella competizione “La selezione del Sindaco 2018” che si è tenuta a Canelli, in provincia di Asti, il rinomato Filù, Igt Calabria della Cantina iGreco di Cariati.

Il vino, porta il nome di Filomena Greco, responsabile marketing dell’azienda, nonché una dei sette figli di Tommaso Greco, fondatore dell’azienda.

Il concorso, organizzato dall’Associazione nazionale "Città del vino", ha visto la partecipazione di 84 commissari provenienti da ogni parte del mondo, tra cui: Cina, Francia, Corea del Sud, Portogallo, Spagna, Germania, Inghilterra, Azerbaijan, Grecia, Romania, Slovacchia, Brasile, Russia, Lussemburgo, Austria.

"Una doppia vittoria che mi ha fatto sorridere e mi ha inorgoglita - ha commentato Filomena Greco - ma al di là degli aspetti legati strettamente alla mia persona, sono contenta perché si tratta di un bel risultato per l’azienda e per tutta la squadra che ha lavorato per ottenere un vino buono ed evidentemente molto apprezzato". 

L'Europa vuole escludere i vini italiani dai fondi Ocm, la denuncia di Wanda Ferro (FdI)

“Chiedere che il nostro Paese riacquisisca la propria sovranità rispetto alle imposizioni burocratiche e ragionieristiche dell’Europa non è parlare di cose astratte o ideologiche, ma significa difendere gli interessi e i sacrifici di imprenditori e lavoratori che ogni giorno affrontano mille difficoltà per produrre qualità e dare valore al made in Italy nel mondo”.

È quanto afferma il deputato di Fratelli d’Italia, Wanda Ferro, commentando l’allarme lanciato dal “Consorzio Vino Chianti” sulla possibile esclusione dei produttori italiani dai fondi Ocm (Organizzazione comune mercato vitivinicolo) a causa di una interpretazione di una norma richiesta dalla Spagna.

“In sostanza i produttori vinicoli nei prossimi cinque anni non potranno accedere ai programmi di promozione dei propri prodotti in paesi chiave come gli Stati Uniti e la Cina. Bloccare l’accesso ai fondi europei significa che i vini italiani, e tra questi i tanti vini calabresi, non avranno la possibilità di consolidare la propria presenza nei mercati emergenti e di maggiore interesse economico, con danni incalcolabili sulle esportazioni e sulle prospettive di crescita di aziende che hanno investito tantissimo sulla qualità del prodotto e sulla internazionalizzazione. Noi di Fratelli d’Italia chiediamo che il governo intervenga per tutelare le produzioni italiane, l’economia e il lavoro”.   

Un vino calabrese conquista Parigi

Un vino calabrese conquista Parigi. A deliziare i palati dell’esigenze pubblico transalpino è stato l’ Italian Blanc - IGP Calabria Sauvignon 2016 delle Cantine De Mare che, nell'edizione 2017 del prestigioso premio Vinalies Internationalies, ha conquistato il Vinalies d’Argent 2017 assegnato all’Italia. Durante le degustazioni, tenutesi a Parigi nelle scorse settimane, i sommelier francesi hanno apprezzato l'aromaticità originale e potente del Sauvignon di casa De Mare. Ne hanno esaltato l'equilibrio e la freschezza, confermando la maturità di una bottiglia che aveva già dimostrato il proprio valore in passato, con la vittoria del Premio Qualità Italia dello scorso anno. 

Grande la soddisfazione del produttore Rocco De Mare, titolare insieme ai fratelli dell’omonima azienda: la giovane cantina di Cirò Marina che, in poco tempo, trasformando in impresa l’antica tradizione familiare di viticoltori, ha saputo farsi apprezzare nella più importante kermesse enologica francese, offrendo una linea nuova, originale sotto molti aspetti, ma rispettando sempre le consolidate verità della storia.

“Alcuni successi contano più di altri – ha affermato De Mare - per la memorabilità del risultato, per l'alto tasso di difficoltà della prova, o per l'avversità logistica della gara. Competere in Francia con un Sauvignon in purezza di origine calabrese è una sfida ardua, intrinsecamente densa di difficoltà. Si gioca in trasferta, nella tana dei campioni. Cercare consacrazione nella terra dove quel vitigno è nato e si è affermato a livello internazionale, è quasi un'idea folle. Per sfidare i maestri – continua - bisogna avere grande coraggio, un pizzico di sana incoscienza, ma soprattutto un'estrema fiducia nel proprio prodotto. Su quest’ultimo elemento non si discute. Siamo consapevoli e certi dell’alta qualità dei prodotti della nostra azienda, che si sta consolidando quale sinonimo di garanzia e di standard elevati. Su queste caratteristiche abbiamo puntato tutto – conclude Rocco De Mare – e non intendiamo transigere, convinti che la strada giusta sia proprio quella della tutela dell’eccellenza, nel solco della tradizione, mista alla giusta dose di sperimentazione”.

Con la nuova attestazione dell’Italian Blanc, si consolida la realtà dell'azienda De Mare. La giovane cantina del Cirò, in poco tempo, ha conseguito un risultato storico con la vittoria del premio di Parigi, segno che la sperimentazione e la qualità pagano sempre. Sintomo che il potenziale innato del territorio dell'antica Doc calabrese, in passato forse sottovalutato, oggi si sta finalmente sprigionando.

E l’esordio in vetrina, per un prodotto come l’Italian Blanc - IGP Calabria Sauvignon, in tutto e per tutto autoctono, dalla coltivazione alla produzione, non poteva essere più autorevole.

Il Vinalies Internationalies è, infatti, il concorso enologico, giunto alla 24esima edizione, più prestigioso che gli enologi francesi organizzano annualmente a Parigi ed il più ambito dalle più importanti cantine del mondo. Istituito nel 1993 per iniziativa di Alex Schäffer sotto la presidenza di Dominique Foulon – già chef de cave  della Moët&Chandon – in oltre vent’anni il concorso è passato dai 438 vini della prima edizione agli oltre 3mila (di 41 Paesi) di quest’anno. Il concorso, organizzato dall’Union des Oenologues des France presieduta da Cyril Payon e diretta da Béatrice Da Ros, si avvale del patrocinio dell’Oiv e dell’Union Internationale des Oenologues.

Una particolarità che lo rende differente dalla maggior parte delle competizioni enologiche internazionali, è che ogni membro della giuria deve compilare una scheda organolettica di ciascun vino assaggiato. Il commento dei vini medagliati, tra questi anche l’Italian Blanc di De Mare, viene poi pubblicato in un’apposita  guida che è tra i libri maestri dei più importanti sommelier d’Europa e del mondo. 

Concluso il tour enogastronomico alla scoperta Greco di Bianco

Si è concluso positivamente il press tour enogastronomico nella zona di produzione del Doc Greco di Bianco che ha visto la presenza di giornalisti specializzati nel settore agroalimentare, provenienti da tutta Italia, alla scoperta di un territorio caratterizzato da luoghi con una storia millenaria, una natura incontaminata ed un notevole patrimonio enogastronomico. L'iniziativa è stata organizzata dal Comune di Bianco (RC) in collaborazione con l'UNAGA (Unione nazionale dei giornalisti agricoli e agroalimentari italiani, Gruppo di specializzazione della FNSI), la Regione Calabria, il Comune di Casignana, la Proloco di Bianco, l'Università Mediterranea di Reggio Calabria, l'ARSAC, l'Associazione Città del Vino e le aziende vitivinicole locali. I giornalisti hanno potuto incontrare i produttori che lavorano con impegno e passione per ridare prestigio a vini e vitigni autoctoni con una tradizione millenaria che rischiavano l'oblio. Particolarmente apprezzati sono stati i pregiati e rinomati vini passiti Greco di Bianco, tra i primi vini ad aver ottenuto la Doc, e il Mantonico Igt. Coinvolgente la vendemmia notturna in cui i partecipanti, partiti per gioco e curiosità, si sono lasciati travolgere dall'attività, vendemmiando per ore, forbici alla mano, il Greco di Bianco al chiaro di luna. Le uve di questo vino, infatti, vanno raccolte rigorosamente a mano, stese delicatamente su graticci di canna al sole (alcuni produttori usano tecniche più moderne) per un processo di appassimento che può produrre, una riduzione fino al 35% del peso. Al termine di questa operazione si procede con la pigiatura e la torchiatura. La resa massima di uva in vino al consumo non deve essere superiore al 45%. Il Greco di Bianco, dal colore giallo ambrato e dal particolare profumo di zagara, è stato più volte definito "nettare degli Dei" e nel 1980 gli è stato attribuito il marchio Doc. Il Mantonico (di colore giallo citrino e sapore pieno) il cui nome deriva dal greco mantonikòs (profeta) era, come il Greco, particolarmente apprezzato dai sacerdoti dell'antica Locri Epizephiri in quanto si credeva che questi vini avessero virtù divinatorie, afrodisiache e terapeutiche. In questo territorio storia e leggenda si intrecciano. Sembra, infatti, che le primi viti siano state portate da alcuni coloni greci sbarcati a Capo Bruzzano nell'VIII secolo a.C.. Un'altra storia narra che, nel 560 a.C, 10 mila Locresi riuscirono nella titanica impresa di sconfiggere l'esercito Crotonese, composto da 130 mila uomini, dopo abbondanti libagioni con un vino locale che infuse loro coraggio e vigore. I partecipanti hanno fatto un tuffo nel passato visitando la Villa romana di Casignana (una sorta di Villa Armerina, splendida ed ancora da scoprire) ed alcuni antichi palmenti risalenti all'epoca della Magna Grecia nel bosco di Rùdina-Ferruzzano. I palmenti, scavati nella roccia, sono vasche per la vinificazione utilizzate fin dall'antichità (nella zona ne sono stati censiti almeno 700) per la pigiatura dell'uva e la fermentazione dei mosti. Tra i punti di attrattiva del tour il Museo del Vino, istituito dal Comune di Bianco per la conoscenza e conservazione degli antichi strumenti del processo di vinificazione e della valorizzazione del territorio, che sarà aperto al pubblico a breve. Di grande interesse è stato anche il convegno sul tema "Il Greco di Bianco Doc e il Mantonico Igt raccontano la storia del territorio: come valorizzarli?" tenutosi, con la presenza di esperti del settore, nella splendida cornice della Villa romana di Casignana. Tra i partecipanti all'incontro, moderato dal presidente Unaga Mimmo Vita: Mauro D'Acri (Consigliere regionale con delega all'Agricoltura), Seby Romeo (Consigliere regionale), Aldo Canturi (Sindaco di Bianco), Rocco Zappia e Maria Teresa Russo (Università Mediterranea di Reggio C.), Claudio Fuoco (ARSAC), Claudio Saporito (Presidente Consiglio comunale di Bianco), Gennaro Convertini (Federazione Italiana Sommelier), Saveria Sesto (Associazione Città del Vino), Carmine Maio (responsabile Settore vitivinicolo Regione Calabria), Vito Crinò (Sindaco di Casignana), Andrea Musmeci (Presidente ARGA Calabria). Tra i punti emersi, la necessità di aggregarsi. I produttori locali, in questi anni, hanno lavorato molto bene recuperando la coltura dei vigneti autoctoni, avviando l'ottimizzazione del processo produttivo, curando la comunicazione dei propri marchi. Accanto alle aziende di eccellenza coesistono aziende che devono migliorare (per es. per controllare le fitopatie, per introdurre la refrigerazione o per migliorare la commercializzazione) ma che, essendo di piccole dimensioni, non possono permettersi un tecnico. Occorre, quindi, che i produttori si consorzino, in modo da ottimizzare le fasi di produzione e fare "massa critica" così da adottare strategie di comunicazione e marketing e costruire un "brand" capace di attestare sul mercato internazionale il vino passito. Il Greco di Bianco e il Mantonico hanno tutte le carte in regola per diventare gli ambasciatori del gusto della Riviera dei Gelsomini.

 

 
 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Al via la prima edizione del Cirò Wine Festival

Prenderà il via questa sera la prima edizione del "Cirò Wine Festival", l'evento enogastronomico, promosso dal Consorzio di tutela e valorizzazione dei Vini Cirò e Melissa DOC. La manifestazione, che  riunirà le migliori case vinicole della regione, si propone come principale vetrina delle produzioni enologiche calabresi. Nell'ambito della rassegna sarà possibile apprezzare sia le etichette che hanno già una storia di successi alle spalle, sia quelle che si stanno facendo conoscere sul mercato e tra i consumatori.

“Rosso Calabria”, il nostro vino conquista Germania e Stati Uniti

Proseguendo nel percorso di promozione dei vini calabresi avviato al "Vinitaly 2016" di Verona, la Regione ha portato il brand "Rosso Calabria" al "Fancy Food Show" di New York, la manifestazione di livello mondiale, riservata ai buyer del settore agroalimentare, dove ha riscosso particolare successo. Nei giorni scorsi la nostra Regione è stata impegnata in un giro eno-gastronomico nei territori calabresi con i rappresentanti della stampa specializzata tedesca. La prestigiosa fiera ha rappresentato un'opportunità importante per le aziende calabresi di affacciarsi sul mercato degli Stati Uniti d'America. Durante la manifestazione, le eccellenze calabresi hanno conquistato la stampa internazionale, che ha lodato la qualità delle eccellenze enogastronomiche regionali, indissolubilmente legate alla storia ed alle tradizioni, nonché al patrimonio paesaggistico della nostra terra. Nel corso della conferenza stampa di "Rosso Calabria", dove la Regione è stata rappresentata da Carmine Maio, apprezzato esponente della vitivinicoltura italiana, sono stati mostrati curiosità ed interesse per i vini calabresi. Durante la conferenza, alla quale ha preso parte anche il Sottosegretario di Stato allo Sviluppo Economico Ivan Scalfarotto, è stato manifestato grande apprezzamento, da parte della stampa statunitense, verso i vitigni autoctoni calabresi, come il gaglioppo, i magliocchi, il nerello, il greco nero, il pecorello, il greco bianco, le malvasie. In particolare, sono state gradite la loro eleganza e la loro originalità nel gusto, nei colori e nei profumi. La storia della viticoltura calabrese, che da oltre tremila anni produce vini, ha conquistato il pubblico e gli "opinion-leader" newyorkesi e, nel corso della degustazione, lo chef e personaggio televisivo di fama internazionale Lidia Bastianich ha dichiarato che la comunicazione del brand "Rosso Calabria", fortemente voluto dal presidente Oliverio, incomincia a dare i risultati attesi. Il progetto di "Rosso Calabria" punta con determinazione a promuovere la qualità delle produzioni calabresi ed a conquistare i mercati internazionali, muovendosi su più fronti. La scorsa settimana, infatti, si è svolto un giro per l'intero territorio regionale, insieme alla stampa specializzata tedesca. Essendo stata scelta la Germania come paese target per "Rosso Calabria 2016", otto reporter tedeschi sono stati accompagnati e guidati lungo un press tour enogastronomico, iniziato con un seminario di presentazione della vitivinicoltura calabrese. Il giro è partito dall'area vitivinicola della DOP Lamezia, per passare in quelle del Savuto e delle Terre di Cosenza, tra Donnici e le colline del Crati, nella zona del Pollino e nella valle dell'Esaro. E ancora sono state visitate l'area IGP Val di Neto, la DOP Cirò, fino al territorio reggino. Il giro ha costituito l'occasione per far assaggiare i vini alla stampa tedesca e, allo stesso tempo, per conoscere i territori regionali, la loro storia e le loro peculiarità, attraverso i racconti dei produttori. Gli ospiti hanno anche avuto modo di assaggiare la cucina tradizionale calabrese e di gustare le numerose eccellenze locali. Entusiasti i giornalisti d'Oltralpe, che hanno gradito molto, sia la visita guidata per i territori calabresi, che la degustazione dei vini, sottolineando d'essere rimasti piacevolmente sorpresi di aver incontrato e conosciuto i Consorzi di Tutela ed un'imprenditoria giovane e dinamica, desiderosa di collaborare in maniera fattiva per la promozione delle produzioni vitivinicole regionali sui mercati stranieri. Il presidente della Regione Mario Oliverio ha espresso la sua soddisfazione per il percorso di crescita del brand "Rosso Calabria", attraverso il quale si punta a far conoscere non solo i vini calabresi di qualità, ma anche i nostri territori ed il nostro patrimonio culturale e paesaggistico. "Tremila anni di storia – ha detto Oliverio – meritano la giusta attenzione. La coltivazione della vite e la produzione vinicola rappresentano un'importante tradizione per la Calabria, e costituiscono uno dei comparti produttivi trainanti per l'agricoltura e, più in generale, per l'economia calabrese. Negli ultimi anni – ha sottolineato Oliverio – il settore vitivinicolo calabrese è cresciuto molto ed i nostri vini hanno acquisito maggiore qualità e notorietà. Il merito spetta ai produttori calabresi, che hanno lavorato con molto impegno, recuperando la coltura dei vigneti autoctoni, avviando l'ottimizzazione del processo produttivo e dedicandosi alla comunicazione dei propri marchi. La Regione intende dare maggiore impulso a questo comparto ed il progetto ‘Rosso Calabria’ ne è la prova tangibile. Intendiamo, infatti, calendarizzare la partecipazione ad eventi internazionali e far diventare una consuetudine, l'ospitare stampa e buyers stranieri nella nostra terra per promuovere le nostre eccellenze".

Sottoscrivi questo feed RSS