Documento Circoli del Pd del Vibonese, Giannini precisa: “Nessuna volontà di essere utilizzato per campagne distruttive che non mi appartengono ”

Zambrone  - “Ho letto il documento dei segretari di Circolo del Pd del Vibonese con il quale viene contestata con irruenza la gestione globale del partito. Ci tengo a chiarire che non è questa la posizione che intendo assumere e che il documento è difforme da ciò che mi era stato prospettato”.
 
Il segretario del Circolo del Pd di Zambrone Marcello Giannini prende le distanze da ogni strumentalizzazione e chiarisce: "ritenevo e ritengo utile e costruttivo alimentare la discussione ed il coinvolgimento nel Partito democratico, ma è fuorviante porsi in posizioni di sostanziale rottura”.
 
In particolare, Giannini spiega di “non voler essere strumento di nessuno e di non volere essere messo in mezzo a beghe di correnti” e ribadisce di “non voler prestare il fianco ad azioni bellicose”.
 
“Mi riconosco esclusivamente nel simbolo e nei valori del Pd – conclude – e non mi appartiene qualsiasi tentativo di destabilizzare il Pd ad ogni livello o di creare gruppi e gruppetti a favore di questo o quel dirigente o candidato, proprio come ha ribadito ed affermato il segretario Letta in questi giorni£.
 
"Ciò detto - conclude Giannini - ribadisco una volta per tutte che il circolo del Pd di Zambrone mantiene la sua piena autonomia di pensiero nel quadro istituzionale della federazione provinciale del Partito democratico."
 

 

Bullismo ed il cyberbullismo, i poliziotti della Questura di Vibo incontrano gli studenti di Tropea

In occasione della ricorrenza della giornata nazionale contro il bullismo ed il cyberbullismo, personale della Questura di Vibo Valentia ha incontrato gli alunni dell’istituto comprensivo “Don Mottola” di Tropea, presso i plessi di Drapia, Zambrone e Tropea.

L’iniziativa, fortemente voluta dal dirigente scolastico, è stata sostenuta dal questore, poiché è proprio la scuola il terreno più fertile per far crescere la consapevolezza dei pericoli della rete e la necessità che i comportamenti prevaricatori debbano essere contrastati sin dalla più giovane età.

Durante gli incontri sono stati proiettati video riguardanti condotte di prevaricazione e sopraffazione poste in essere da uno o più soggetti nei confronti di una vittima individuata come bersaglio. Ci si è soffermati sulle potenzialità dei social media e sull’importanza del corretto uso degli stessi, atteso che postare un video, una foto, una frase, o anche solo un “like” può avere conseguenze anche di carattere giuridico. Per poter contrastare tali fenomeni è necessario farli emergere: se chi subisce informa la famiglia, la scuola e le istituzioni si può intervenire efficacemente, anche con gli strumenti informatici posti a disposizione dalla polizia di Stato. L’applicazione “You Pol”, ad esempio, consente, anche in forma anonima, di segnalare in tempo reale episodi di bullismo, cyberbullismo, spaccio di stupefacenti, violenze domestiche e prevaricazioni di ogni tipo.

Incendi nel Vibonese, interrotta la circolazione dei treni

Sono stati 22 gli interventi effettuati nella giornata di ieri dai vigili del fuoco, per far fronte ad una serie d’incendi divampati nei comuni di Vibo Valentia, Zambrone, Parghelia, Briatico, Cessaniti, Zungri, San Gregorio D’ippona e Ionadi.

In particolare a Zambrone, dove le fiamme hanno lambito alcune villette, per consentire le operazioni di spegnimento è stato necessario interrompere la circolazione ferroviaria sulla linea Eccellente-Rosarno.

  • Pubblicato in Cronaca

In vacanza nel Vibonese, sorpreso con hashish e cocaina: denunciato

E’ stato trovato in possesso di cocaina e hashish.

Per questo motivo, i poliziotti del posto fisso di Tropea (Vv) hanno denunciato un uomo, A.C., residente a Roma.

Al denunciato, che si trovava in vacanza a Zambrone, durante un controllo sono stati trovati due grammi di cocaina nascosti negli indumenti intimi.

La successiva perquisizione nella struttura ricettiva in cui era ospite, ha permesso agli agenti di rinvenire anche 1,5 grammi d’hashish.

Incendio distrugge un capannone nel Vibonese

Un capannone agricolo è andato a fuoco nella frazione San Giovanni, a Zambrone (Vv).

L’incendio, le cui cause sono in corso d'accertamento, è divampato la notte scorsa, ma il proprietario l'ha scoperto solo questa mattina, quando è andato nella sua proprietà.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco del Comando provinciale di Vibo Valentia che hanno domato il rogo.

 

  • Pubblicato in Cronaca

Sorianello: scoperta fabbrica abusiva di botti, due denunce

Aveva allestito a casa una fabbrica per la realizzazione di "botti". Per questo motivo, i carabinieri della Stazione di Soriano hanno denunciato C.A., di 45 anni.

La scoperta è stata fatta dopo che i militari hanno notato l'uomo cedere una busta a N.L., 33 anni, di Zambrone.

Insospettiti dalla circostanza, i carabinieri hanno deciso di verificare il contenuto della busta, scoprendo la presenza di materiale esplosivo non classificato, di chiara fattura artigianale.

La succesdiva perquisizione a casa di C.A. ha portato alla luce una rudimentale fabbrica abusiva di esplosivi e petardi.

Alla luce della scoperta, i militari hanno chiesto l’intervento dei colleghi artificieri di Reggio Calabria e Cosenza che hanno inventario quanto rinvenuto, ovvero: materiale per il confezionamento, diversi tipi di polvere esplosiva, micce per accensione e vari artifizi esplosivi già confezionati.

Complessivamente sono stati sequestrati un centinaio di petardi, per un peso complessivo di circa 10 chili.

I carabinieri hanno quindi denunciato C.A per il confezionamento dei botti e N.L. per l'acquisto.

Rapina nel Vibonese, avviso orale a due persone

Gli uomini della Divisione anticrimine della questura di Vibo Valentia hanno notificato la misura di prevenzione dell’avviso orale del questore, a due persone ritenute responsabili della rapina consumata ai danni della titolare di un supermercato di Zambrone.

Nella circostanza, tre persone, tutte pluripregiudicate per reati contro la persona ed il patrimonio, avevano sottratto con violenza, alla vittima che stava facendo rientro a casa, una borsa contenente denaro contante per alcune migliaia di euro, assegni ed un telefono cellulare.

In seguito alla commissione di tale reato e in considerazione della loro ritenuta pericolosità, nei confronti di due dei tre malviventi, il questore ha emesso il provvedimento dell’avviso orale in misura aggravata, che prevede, tra l’altro, il divieto di detenere o utilizzare apparecchi rice-trasmittenti (tra cui il telefono cellulare), mezzi di protezione balistica, veicoli modificati o blindati, etc.

Sono in corso di valutazione gli elementi previsti dalla legge per l’emissione di analogo provvedimento a carico del terzo rapinatore, attualmente ristretto in carcere.

  • Pubblicato in Cronaca

Realizzano una strada in area sottoposta a vincolo, tre persone denunciate nel Vibonese

Durante un controllo effettuato in localita Licciardo del comune di Zambrone (VV), i carabinieri forestale della Stazione di Vibo Valentia hanno denunciato tre persone accusate di aver effettuato uno sbancamento per realizzare una strada e di aver eseguido lavori di manutenzione straordinaria su alcuni immobili, il tutto in una zona sottoposta a vincolo paesaggistico ambientale.

I denunciati, rispettivamente committente, responsabile della ditta esecutrice dei lavori e tecnico progettista, sono stati denunciati per i reati di natura edilizia ed ambientale e falsità ideologica.

I manufatti sono stati sottoposti a sequestro.

  • Pubblicato in Cronaca
Sottoscrivi questo feed RSS