Serra finisce in zona rossa: scuole chiuse e mercato sospeso

“È appena arrivata l’ordinanza regionale n.70, con la quale Serra viene posta in zona rossa dalle ore 22 del 14 ottobre fino al 24 ottobre.

Le lezioni in presenza per le scuole di ogni ordine e grado saranno sospese già da domattina per lo stesso periodo. Sospeso anche il mercato”.

E’ quanto comunica il sindaco di Serra San Bruno, Alfredo Barillari.

Covid, situazione ancora critica a Nardodipace: prorogata la zona rossa

E’ stata proroga ieri, con ordinanza del presidente facente funzioni della Regione Calabria, Nino Spirlì, la “zona rossa” nel Comune di Nardodipace (Vv) e nella frazione Barritteri del Comune di Seminara (Rc).

Il provvedimento dispone che le misure restrittive rimangano in vigore fino al prossimo 18 ottobre. 

La decisione si è resa necessaria in seguito alla nota con la quale l’Asp di Vibo Valentia ha comunicato che a Nardodipace “permane una situazione di criticità in termini di soggetti contagiati, con ancora 28 casi attivi dei quali circa il 46% registratisi negli ultimi 7 giorni, dato che rappresenta un’incidenza significativa in rapporto al numero dei tamponi eseguiti e della popolazione residente”.

Situazione analoga nella frazione Barritteri di Seminara, in merito alla quale il Dipartimento di prevenzione dell’Asp di Reggio Calabria ha evidenziato la presenza di “ un numero elevato di soggetti positivi al Covid-19 con n. 30 casi totali su una popolazione di 839 abitanti”.

  • Published in Cronaca

Covid, Serra verso la zona rossa. Sul caos drive in Barillari attacca gli “sciacalli”

“Purtroppo i primi risultati che giungono all’Asp, spingono il paese verso la zona rossa. Il focolaio scoppiato presso l’asilo ha colpito interi nuclei familiari ed i numeri, per essere arrestati, hanno bisogno delle limitazioni previste dalla legge”.

E’ quanto afferma in un post pubblicato sulla sua pagina Facebook, il sindaco di Serra San Bruno Alfredo Barillari, in seguito ai primi risultati del drive in effettuato presso il locale nosocomio.

Proprio in merito al caos scoppiato ieri - con decine di persone in fila per ore - il primo cittadino serrese afferma di aver espresso “rabbia e delusione” ai vertici “dell’Asp, ed in particolare alla commissaria Bernardi”, alla quale avrebbe “chiesto di accertare le responsabilità”.

Il sindaco della cittadina bruninana ha, quindi, rintuzzato gli attacchi dei detrattori, ricordando come la sua “amministrazione, da un anno, collabora attivamente con le autorità sanitarie con tracciamenti, elenchi e mettendo a disposizione uomini e strutture (gratuitamente, come il centro Covid). Così è stato anche in questa circostanza, in occasione della quale sono state inviate tutte le informazioni, lasciando, come dovuto, l’organizzazione delle operazioni sanitarie all’Asp”.

Infine, riferendosi agli esponenti dell’opposizione, il sindaco serrese si chiede quale “contributo” abbiano “mai dato, se non quello di aspettare come sciacalli, disposti addirittura a fare politica sulla pelle dei bambini?”.

La stoccata finale, Barillari la riserva a coloro i quali “probabilmente non più tanto ‘insieme per Serra, in ordine sparso, possono permettersi il lusso di trascorrere giornate su Facebook”.

“L’amministrazione – è la chiosa conclusiva - era impegnata sul campo a risolvere i problemi”.

 

 

  • Published in Politica

Covid, zona rossa prorogata per un comune calabrese

Il presidente della Regione Calabria, Nino Spirlì, ai fini del contenimento della diffusione del Covid-19 e dopo le interlocuzioni con il dipartimento di Prevenzione dell'Azienda sanitaria provinciale di Cosenza, ha firmato oggi l'ordinanza n. 47 con la quale, nel Comune di Terranova da Sibari, vengono prorogate per ulteriori 7 giorni, fino al 28 luglio prossimo, senza soluzione di continuità, le misure di "zona rossa" previste nell'ordinanza n. 45 del 14 luglio 2021.

  • Published in Cronaca

Covid: Ariola di Gerocarne, scatta la zona rossa

Zona rossa nella frazione Ariola di Gerocarne (Vv). Le nuove misure anti-Covid si applicano dalle ore 22 del 19 maggio, fino a tutto il 31 maggio. A prevederlo è la nuova ordinanza firmata dal presidente della Regione Calabria, Nino Spirlì. 

Il provvedimento arriva in seguito alla nota del dipartimento di Prevenzione dell’Asp di Vibo Valentia con cui, lo scorso 17 maggio, è stato comunicato che nella frazione di Ariola «si rileva una significativa circolazione virale tra la popolazione residente, con 20 nuovi casi confermati registratisi negli ultimi 10 giorni, su una popolazione di 275 abitanti e per tali motivi viene proposta l’adozione delle misure restrittive di “zona rossa”».

Il dipartimento dell’Asp, è scritto ancora nell’ordinanza, «procede al costante monitoraggio della situazione epidemiologica locale, segnalando tempestivamente all’Unità di crisi regionale, ogni variazione significativa intervenuta e l’eventuale opportunità di mantenere o di non prorogare ulteriormente le misure di cui trattasi».

  • Published in Cronaca

Covid in Calabria, "zona rossa" prorogata in un centro del Vibonese

Il presidente della Regione Calabria, Nino Spirlì, nell’ambito delle misure di contrasto al Covid-19, ha firmato l’ordinanza n. 37, che proroga, per altri 7 giorni, la “zona rossa” nella frazione di Paravati del Comune di Mileto (Vv).

Le nuove misure sono in vigore fino al 20 maggio 2021.

«Le nuove disposizioni – è scritto nell’ordinanza – si sono rese necessarie perché non sono diminuiti in maniera significativa i casi attivi (quantificati in 80 alla data odierna). Inoltre, permane ancora una significativa circolazione virale tra la popolazione residente, con 30 nuovi casi confermati registratisi nel periodo 1-6 maggio e 15 nuovi casi nel periodo 7-12 maggio».

Nel provvedimento si specifica che «il sindaco del Comune di Melito è stato preventivamente informato circa la sussistenza dei presupposti per un ulteriore prolungamento delle misure della “zona rossa” e della conseguente adozione del presente provvedimento».

«Le misure – è specificato ancora – permangono per la durata fissata, indipendentemente dalla collocazione regionale».

  • Published in Cronaca

Covid in Calabria, zona rossa per un altro comune

Il presidente della Regione Calabria, Nino Spirlì, ai fini del contenimento della diffusione del Covid-19, ha firmato ieri l’ordinanza, n. 32, con la quale viene disposta l’istituzione della “zona rossa” nel comune di Belvedere di Spinello, in provincia di Crotone.

Le nuove misure sono in vigore dalle ore 5 di oggi a tutto il 17 maggio, in considerazione del fatto che «l’incidenza, rispetto alla popolazione residente, registra valori ampiamente superiori ai livelli di allerta».

Sono, inoltre, limitate a non più del 50% della popolazione studentesca le attività scolastiche e didattiche in presenza della scuola secondaria di secondo grado.

«Resta ferma la possibilità, per l’autorità comunale – è scritto ancora nell’ordinanza –, di intervenire con l’adozione di ulteriori provvedimenti in relazione alla situazione epidemiologica caratterizzante il singolo territorio di riferimento, nel rispetto del principio di proporzionalità e adeguatezza correlato al rischio da fronteggiare».

Ai non residenti è consentito l’attraversamento del territorio comunale di Belvedere Spinello «senza possibilità di sosta».

L’ordinanza, infine, riporta che il dipartimento di Prevenzione dell’Asp di Crotone «procede al costante monitoraggio della situazione epidemiologica locale, segnalando tempestivamente all’Unità di crisi regionale, ogni variazione significativa intervenuta e l’eventuale necessità di rimodulazione o di ulteriore proroga delle disposizioni fissate nella presente ordinanza».

Organizzano una festa in piena “zona rossa”, sanzionati per violazione delle norme anti Covid

I Carabinieri della Compagnia di Rende (Cs) hanno sanzionato 21 persone per violazione delle disposizioni anti Covid.

In particolare: 5 soggetti sono stati multati per aver  violato il coprifuoco, 9 per assembramento nei pressi di un’attività commerciale e 7 per violazione del divieto di partecipazione a feste e per il mancato rispetto del divieto di spostamento.

Nello specifico, i militari hanno sorpreso un gruppo di ragazzi intenti a bere alcolici in una casa di campagna, a Montalto Uffugo, in piena “zona rossa”.

 I giovani, inoltre, stati segnalati alla Prefettura di Cosenza perché trovati in possesso di 2 grammi di cocaina e uno di marijuana.

  • Published in Cronaca
Subscribe to this RSS feed