Redazione

Redazione

URL del sito web:

Nuovo caso di coronavirus a Vibo Valentia

Nuovo caso di coronavirus a Vibo Valentia.

Si tratta di una ragazza della frazione Longobardi rientrata da fuori regione.

L’esito positivo del primo tampone è arrivato nella serata di ieri. Ora bisognerà attendere i risultati di un secondo esame.

La giovane si trova al momento ricoverata nell’area Obi-Covid dell’ospedale “Jazzolino” del capoluogo di provincia.

Maestra positiva al coronavirus, tampone negativo per i bambini

 Sono tutti negativi i tamponi effettuati sui bambini dell’asilo di Cosenza nel quale, nei giorni scorsi, una maestra era risultata positiva al coronavirus.

 Adesso, come hanno spiegato i medici della task force dell’Asp di Cosenza, i circa trenta bambini resteranno in quarantena cautelare e tra qualche giorno saranno sottoposti a un nuovo tampone.

Scoperta una piantagione di cannabis, 4 persone in manette

I carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile di Villa San Giovanni, della  Stazione di Fiumara, dell’8° Nucleo elicotteri di Vibo Valentia e dello Squadrone eliportato Cacciatori di Calabria, hanno individuato in località “Bolano” del comune di Fiumara una piantagione composta da 400 piante di cannabis.

Una volta fatta la scoperta, i militari hanno attivato un servizio d’osservazione che ha permesso d'arrestare, in flagranza di reato, 4 persone intente a prendersi cura della coltivazione.

Dopo aver sequestrato e campionato lo stupefacente - che sarà analizzato dal Ris di Messina- i carabinieri hanno tradotto gli arrestati nel carcere di Reggio Calabria – Arghillà.

Sorpresi a curare una piantagione di marijuana, arrestati

I carabinieri della Compagnia di Villa San Giovanni (Rc), della Compagnia di Reggio Calabria e dello Squadrone eliportato Cacciatori Calabria, hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale reggino, nei confronti di quattro persone ritenute responsabili di produzione e detenzione di sostanze stupefacenti in concorso.

Il provvedimento cautelare rappresenta l’epilogo di un’indagine avviata dai militari della locale Stazione che hanno sorpreso gli indagati mentre si prendevano cura di una piantagione composta da 200 arbusti di marijuana, in località Lambusa, nella frazione Milanesi del Comune di Calanna.

Gli arrestati sono stati pertanto tradotti nella casa circondariale di Palmi.

Sottoscrivi questo feed RSS