Redazione

Redazione

URL del sito web:

Vinicio Capossela apre il Kaulonia tarantella festival

Dal oggi al 20 agosto Caulonia diventa capitale della musica popolare. L’edizione 2019 del Kaulonia Tarantella Festival sarà aperta ufficialmente questa sera da Vinicio Capossela, pronto ad accendere il palco di Piazza Mese, cuore pulsante della kermesse.

 Il concerto è l’occasione per presentare le canzoni del nuovo disco Ballate per uomini e bestie. Un’opera di grande forza espressiva che guarda alle pestilenze del nostro presente travolto dalla corruzione del linguaggio, dal neoliberismo, dalla violenza e dal saccheggio della natura.

La forma scelta da Capossela per questa sua nuova impresa artistica è quella della ballata, come occasione di pratica metrica e di svincolamento dalla sintesi. La ballata prende il caos delle parole in libertà, l’esperienza liquida del divenire, le riduce a storia e le compone nel fluire di strofe. Tra i quattordici brani che compongono l’album non mancano poi canzoni ispirate alla grande letteratura, da testi medievali alle opere di poeti amati come Oscar Wilde e John Keats. In scaletta, oltre ai brani del nuovo album, anche alcuni classici del repertorio di Capossela legati a doppio filo al tema del concerto.

 «Sono diversi anni che ricevo l’invito a partecipare a questo festival così dionisiaco – ha affermato Capossela - Avrei voluto esserci già dai tempi di “Canzoni della cupa”, che è un lavoro sulla radice. Dylan negli anni 60 diceva “non  c’è niente di rassicurante nella  musica folk”. Essa viene dalle  leggende e dalle pestilenze, come rose che crescono nelle orbite dei teschi. Nella musica folk c’è anche una potenza primigenia, vulcanica. C’è l’amore, l’ingiuria, il sonetto. Rappresenta un poema della storia dell’umanità scritta da ognuno».

 Ad accompagnare il pubblico cauloniese verso l’atteso evento di piazza Mese due importanti appuntamenti. Alle 18:30 in piazza Bellavista Vicenzo Santoro, responsabile del Dipartimento Cultura e Turismo dell’Anci e da anni impegnato in iniziative per la valorizzazione della cultura popolare e della musica del sud, presenterà la sua ultima fatica letteraria “Rito e passione”, un’analisi su come si è evoluto negli anni il cosiddetto “movimento della pizzica”, raccogliendo anche interviste a musicisti, danzatori, promotori culturali e intellettuali che di questo fenomeno sono i protagonisti.

 Nella suggestiva cornice dell’Affresco Bizantino il pre-serale (ore 20) sarà a cura di Paolo Sofia e del suo “L’albero di more”, il nuovo album da solista del cantautore e anima creativa del gruppo etno-folk “QuartAumentata”. Il disco, ispirato al romanzo "La Maligredi" di Gioacchino Criaco, racconta lo smarrimento di una generazione che vedeva i padri partire per terre lontane e le madri spezzarsi la schiena nella raccolta dei gelsomini. I brani parlano di aspirazioni, sogni e delusioni di interi paesi a sud del mondo che volevano far sentire la loro voce.

 Una manifestazione che vivrà anche momenti di studio ed approfondimento etnomusicologico pomeridiano nel centro storico e seminari sulla danza e la tradizione popolare. In piazza Seggio sarà infatti possibile, per tutte le giornate della manifestazione, apprendere l’abc della tarantella "riggitana" con Vanessa Macagnino, Fabio Chiera e Mattia Tassone, nonchè nozioni del ballo di Terzigno con Alessandra Mariano e Antonio Esposito e delle danze popolari dell’isola di Creta. Quindi l’apertura a ritmo di tamburello e organetto con l’Abballati-stage di Massimo Diano e il post festival con una tarantella no-stop lungo gli angoli più suggestivi del centro storico cauloniese fino alle prime luci dell’alba.

Badolato: scontro auto-moto, un ferito

Incidente stradale lungo la Statale 106, nel comune di Badolato, dove, intorno alle 6,30 di oggi, una Volkswagen Golf si è scontrata con una moto.
 
Nell'impatto il centauro ha riportato escoriazioni e lievi contusioni.
 
Il motociclista è stato soccorso dai sanitari del 118, che ne hanno curato il trasferimento in ospedale.
 
Sul posto sono intervenuti, inoltre, i vigli del fuoco ed i carabinieri di Soverato.

Barca a vela in difficoltà soccorsa dai finanzieri del Roan di Vibo Valentia

Sei persone, tra cui un minore, sono state soccorse in mare dall’equipaggio di una vedetta del Reparto operativo aeronavale di Vibo Valentia della guardia di finanza, di stanza presso la Sezione operativa navale di Corigliano Calabro.

In particolare, i militari sono intervenuti in seguito ad una richiesta di soccorso.

Giunti sul posto, i finanzieri hanno trovato una barca a vela, con motore in avaria, incagliata sugli scogli del Canale degli Stombi, all’ingresso dei Laghi di Sibari (Cs).

Raggiunto il natane, dove hanno trovato i diportisti visibilmente scossi, le fiamme gialle hanno disincagliato la barca, rimesso in funzione il motore e trasferito le persone a bordo in un approdo sicuro all’interno dei Laghi di Sibari. 

Arena, grande successo per lo ZiccaJanca Fest

Un consistente afflusso di pubblico nel cuore dell’affascinante borgo normanno ha certificato il successo dello ZiccaJanca Fest, giunto quest’anno alla settima edizione e inserito, per l’occasione, nel circuito del “Serre in festival”.

 Con il suo unico bagaglio di gusti, sapori e creative idee culinarie legate al fagiolo bianco tondo Zicca Janca, martedì 13 agosto scorso c’è stato, dunque, un connubio perfetto tra buona cucina della tradizione, prodotti tipici del territorio e percorsi tra le bellezze storiche, artistiche ed architettoniche di Arena che ha nuovamente incontrato il gusto di arenesi e non.

A fare da cornice alla partecipata degustazione itinerante tra le viuzze dell’affascinante borgo medievale l’esplosività dei tamburini guidati dal maestro Antonino Luzza, la danza senza tempo dei giganti, la magia degli artisti di strada e dei musici dislocati per tutto il centro storico e, infine, la grande festa di Studio54Network con la straordinaria partecipazione di Moreno, Daniel e Astol, JuniorLuis e Marvanza.

«Il risultato ci è sembrato assolutamente positivo – hanno dichiarato i vertici dell’amministrazione comunale che ha curato l’evento – abbiamo ormai una formula rodata che piace agli arenesi e richiama tanta gente da fuori. In più nascono ottime e fondamentali collaborazioni con le più importanti aziende del territorio vibonese che ci dimostrano il loro entusiasmo per l’esito della manifestazione».

Lo ZiccaJanca Fest si consolida, quindi, come appuntamento fisso a completamento del ricco calendario di eventi che animano l’agosto arenese e che richiamano nella cittadina normanna migliaia di visitatori.

Sottoscrivi questo feed RSS