Redazione

Redazione

URL del sito web:

Incidente ferroviario in Puglia, sale a 27 il numero delle vittime

 Si fa più pesante il bilancio dell'incidente ferroviario avvenuto ieri in Puglia. Il numero delle vittime accertate è, infatti, salito a ventisette, mentre i feriti sono oltre cinquanta. A causare la sciagura potrebbe essere stato un errore umano. L'ipotesi è stata ventilata dalla procura di Trani, che valuta comunque tutte le ipotesi, compresa quella del guasto. "Non conosciamo il numero dei passeggeri perchè non è un aereo e non abbiamo una lista. Non siamo quindi attualmente certi sul bilancio definitivo della tragedia", ha detto il procuratore aggiunto di Trani, Francesco Giannella, che dirige l'inchiesta sul disastro ferroviario. "Non ci sono indagati, almeno per ora. Siamo ancora in una fase conoscitiva dell'inchiesta, ma non credo che questa fase durerà molto". Ha spiegato Giannella.

Calciomercato: Icardi giocherà nel Catanzaro

S'infoltisce la rosa del Catanzaro Calcio che ha chiuso l'accordo per assicurarsi le prestazioni sportive del centrocampista Simone Icardi. Come si legge in una nota della società giallorossa: "Classe 1966, Icardi, proviene dalla Lupa Castelli Romani, società con cui ha prima conquistato la Lega Pro (23 presenze e 3 reti), per poi collezionare 10 presenze e una rete nello scorso campionato. Il calciatore si lega al club giallorosso con un contratto biennale".

Marko Micevic è un nuovo giocatore della Viola Basket

Accordo raggiunto tra la Viola Basket e Marko Micevic. A darne notizia la società reggina che in una nota sottolinea le caratteristiche del giocatore. "Altezza 2,01 m, cresciuto nel settore giovanile della Mens Sana e poi passato anche dall’Olimpia Milano, Marko è un giocatore forte fisicamente e di intensità costante, adattabile sia al ruolo di Ala forte che di Ala piccola. L’atleta ha colpito immediatamente la società manifestando il suo contagioso entusiasmo verso i nostri colori, l’energia e la voglia di darci tutto il bagaglio tecnico di cui dispone".

 

Chiaravalle: Neri e Maida chiedono di fare chiarezza sulla Casa della Salute

" Il diritto alla salute è definito dalla carta costituzionale come diritto fondamentale del cittadino. Non si può prescindere da questo, nel momento in cui ancora per una volta tale diritto viene calpestato e quando nel silenzio totale continuano i disservizi per i cittadini chiaravallesi e di un intero comprensorio". Questa la premessa di una nota nella quale i consiglieri di minoranza, Emanuela Neri e Pino Maida, evidenziano come il "progetto della casa della salute" sia stato "più volte proclamato, ma mai concretamente realizzato". "Ad oggi - proseguono i due consiglieri - l’unico risultato ottenuto è il rallentamento di alcune prestazioni. Unito addirittura alla totale sospensione di altre. La sospensione di esami come la mammografia, l’ecografia e, da qualche giorno la moc, ha creato gravi disagi, liste di attesa lunghissime  che verranno sicuramente dirottate altrove. Non si può più stare in silenzio di fronte ad un altro impoverimento dei servizi sanitari di questo comprensorio. Chiediamo con forza - prosegue la nota - di conoscere lo stato attuale della situazione se è quando questi servizi verranno ripristinati o se è solo un modo indolore e lento per effettuare l’ennesimo trasferimento verso altre strutture. Chiediamo di conoscere il futuro della casa della salute anche dopo la perizia che ne mette in discussione la struttura. E ancora chiediamo al sindaco di Chiaravalle e a tutta la sua maggioranza di convocare un consiglio comunale ad hoc, vista la centralità della nostra Città rispetto a tutto il territorio delle preserre, per dare un segnale forte a difesa e tutela dei cittadini di un intero comprensorio. Al consiglio comunale - è la chiosa finale - con all’ordine del giorno il tema specifico “sanità e casa della salute”, chiediamo vengano invitati i vertici dell’asp e i rappresentanti politici di ogni colore per discutere unitamente e seriamente sul futuro della sanità di questo territorio".

Sottoscrivi questo feed RSS