Redazione

Redazione

URL del sito web:

Ego International e le referenze su export Germania

Ego International fa il punto sulla situazione economica e dell’export della Germania in questo periodo di difficoltà economica.

Ego International e le referenze: il punto sull’economia e l’export tedeschi

Ego International, società che supporta le imprese italiane nel processo d’internazionalizzazione, riporta le proprie referenze relative ad un mercato cardine dell’Europa: la Germania.

Ego International ha raccolto delle referenze sullo stato dell’economia e dell’export tedeschi di natura controversa ed è, quindi, indispensabile soffermarsi sui diversi aspetti. Non solo le referenze rilasciate da Ego International, ma anche quelle dell’autorevole Istituto Economico Tedesco (IFO), sottolineano come le stime di crescita non siano più così rosee come nell’ultimo decennio. Ego International, consultati diversi studi riguardanti il crollo della produttività tedesca, riporta inoltre che le previsioni per la crescita del PIL 2019 s’attestano a poco meno dell’1%, un risultato mai visto per la “locomotiva d’Europa”.

Ego International e l’economia e l’export della Germania: le incertezze

Le referenze che Ego International da sempre riporta hanno visto la Germania in una corsia preferenziale, porto sicuro per la maggior parte del nostro export. Dunque, se ciò che sta succedendo al mercato interno dovesse proseguire, le nostre certezze e le nostre percentuali economiche e d’export potrebbero essere a rischio. Il contesto europeo non aiuta, ricorda Ego International, in quanto tanti eventi avversi si sono concentrati nell’eurozona ed il benessere economico al momento è a rischio. I dazi, ad esempio, toccano le auto europee, l’acciaio e l’alluminio. Il caso Brexit, avvolto nell’incertezza, sembra non portare a nulla di conveniente né per l’Europa né per il Regno Unito. L’accordo tra i due grandi attori, UK e UE, è lontano e ciò porterebbe solo a nuove barriere economiche e burocratiche alla libera circolazione di merci.

Ego International e le referenze sugli investimenti commerciali verso la Germania

Le referenze di Ego International relativamente ai mercati esteri non possono non tener conto delle previsioni riguardanti il PIL tedesco.  Il rischio recessione ed il fatto che l’economia più forte d’Europa versi in queste condizioni impensierisce. Ego International, grazie al suo continuo monitoraggio dei mercati esteri, riesce a portare alla luce eventuali rischi che nessuno sottolinea e che si devono conoscere, soprattutto se questi riguardano il paese che maggiormente contribuisce al benessere dell’export italiano.

Ego International e le conseguenze di una crisi economica in Europa

Ego International sottolinea che, qualora vi sia recessione, non ci potrebbe essere un sostituto nell’area in grado di coprire ciò che la Germania ha fatto nell’ultimo decennio. Francoforte non dispone di grossi margini di manovra di politica monetaria, perciò quello che potrebbe prospettarsi, secondo Ego International, è una politica protezionistica che privilegia l’economia interna a discapito delle importazioni.

Quindi, ricorda Ego International che per tutta l’eurozona sarà fondamentale tenere a mente cosa voglia dire Europa, ovvero proteggere quello che è un accordo economico vantaggioso per tutti i paesi che ne fanno parte in egual misura.

Moto si scontra con un Suv, grave il centauro

Un motociclista è rimasto ferito in maniera grave, in un incidente avvenuto poco dopo le 21 di ieri sulla statale 106, in località Uria, nel comune di Sellia Marina, in direzione di Catanzaro.

Per cause in corso d’accertamento, la due ruote si è scontrata con un fuoristrada.

Dopo aver fornito le prime cure sul posto, il personale del Suem 118 ha trasferito il centauro in ospedale.

Ferite in maniera lieve anche le tre persone che viaggiavano a bordo del Suv.

Sul luogo sono intervenuti i vigili del fuoco del distaccamento di Sellia Marina ed i carabinieri.

Angela Bianco e i Castrum in quartet a Soveria Mannelli per la Sagra del tartufo di Pizzo

Sarà la bellissima piazza Bonini ad accogliere il prossimo lunedì 26 agosto la seconda edizione della Sagra del Tartufo gelato di Pizzo, gestita dall’associazione “Calabria eventi e non solo”, col patrocinio dell’amministrazione comunale di Soveria Mannelli e della locale Pro loco.

La sagra avrà inizio nella tarda serata e si protrarrà sino alle 23.30 circa.

“Per noi sarà un felicissimo ritorno in questa bellissima Città” ha dichiarato Francesca Marchese, presidente dell’associazione Calabria eventi e non solo, “punto di riferimento dell’intera area del Reventino e dell’intera regione. Ricordiamo sempre con emozione la calorosa accoglienza avuta nel 2017 in occasione della prima edizione della sagra. Siamo sicuri che anche quest’anno Soveria Mannelli saprà far pervenire in piazza Bonini turisti da tutta la Calabria.”

Per allietare la serata, l’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Leonardo Sirianni, ha invitato la neocostituita formazione soveritana “Angela Bianco ed i Castrum in quartet”.

Sarà il monumento “Memoria del futuro”, opera conosciuta anche come “Casa cadente”, posta al centro della Calabria, a far da sfondo all’esibizione della band etno popolare, che avrà inizio alle 21.

L’opera del maestro Fabrizio Plessi rappresenta la più grande video-installazione d’Europa.

Una suggestiva location scelta per due motivi: il primo per simboleggiare come dal centro della Calabria “Angela Bianco ed i Castrum in quartet” stiano conquistando il pubblico di tutta la regione e non solo; il secondo perché proprio innovazione e tradizione sono le chiavi vincenti del gruppo.

“Angela Bianco ed i Castrum in quartet” è una gruppo nato dall’unione di Angela Bianco, voce e danzatrice di Invadenze etnoproject, con una selezione dei Castrum Sound, che si pone l’obiettivo di valorizzare le tradizioni attraverso lo studio e la divulgazione della musica popolare calabrese e del sud Italia.

 

Carenze igieniche, chiuso un caseificio

Un allevatore è stato denunciato dai carabinieri forestale della Stazione di Scalea per gestione illecita di rifiuti e abusivismo edilizio.

La denuncia è scattata durante un controllo effettuato, in presenza dei tecnici comunali e della polizia locale, in un’azienda zootecnica in località “Piano del Fico”, nel comune di Santa Domenica Talao (Cs), dove i militari hanno rilevato la presenza di  strutture adibite a stalla, fienile e locale mungitura prive di titolo abilitativo.

Le opere, inoltre, sarebbero state realizzate in un'area sottoposta a vincolo idrogeologico.

Durante l’attività di controllo, gli uomini dell’Arma hanno scoperto anche che i reflui zootecnici e le acque prodotte dal locale mungitura venivano scaricati direttamente sul terreno.

Pertanto, al titolare dell’azienda sono stati contestati i reati di realizzazione abusiva di opere edile e abbandono o deposito incontrollato di rifiuti  non pericolosi  e immissione degli stessi in acque superficiali o sotterranee.

Inoltre, dopo aver riscontrato una serie di carenze igienico - sanitarie e strutturali, oltre alla mancata tracciabilità degli alimenti ed al corretto aggiornamento dei registri previsti dal manuale di autocontrollo Haccp, i militari hanno elevato una sanzione amministrativa di 4.500 euro, disponendo la chiusura del caseificio presente nell’azienda.

Sottoscrivi questo feed RSS