Redazione

Redazione

URL del sito web:

A Soverato il presidente nazionale di Assoturismo, Vittorio Messina

Il presidente nazionale di Assoturismo, Vittorio Messina, il prossimo 28 marzo sarà a Soverato per concludere i lavori dell'incontro promosso da Confesercenti Catanzaro sul tema: “Economia, commercio, turismo. Soverato e il Basso Jonio. Le piccole e medie imprese per il rilancio del territorio”.

Una presenza autorevole che qualifica, ancora di più, l'importanza dell'iniziativa.

“Una significativa dimostrazione di vicinanza e attenzione da parte dei vertici nazionali della confederazione nei confronti delle nostre attività e delle istanze che vengono espresse a livello locale” ha commentato, con evidente soddisfazione, il presidente di Confesercenti Catanzaro, Francesco Chirillo.

“Con questo momento di confronto e di riflessione - ha continuato - intendiamo ribadire la centralità del settore turistico in un'area dalle enormi potenzialità, tuttora inespresse, qual è quella del Soveratese”. “Il turismo - ha concluso Chirillo - deve trasformarsi da promessa mancata in opportunità, soprattutto per i giovani, che potrebbero trovare in questo comparto l'occasione per non lasciare la propria terra”.

L'incontro, inserito in un programma di attività che abbraccia l'intero territorio provinciale, si svolgerà il prossimo giovedì 28 marzo alle ore 15 presso la sala convegni dell'hotel “Nocchiero”.

Dopo i saluti istituzionali del sindaco di Soverato, Ernesto Alecci, introdurranno: Vincenzo Farina, presidente Confesercenti Calabria; Giovanno Sgrò, delegato Confesercenti per il Soveratese; Mariafrancesca Scaramuzzino, coordinamento imprenditoria femminile Confesercenti Catanzaro.

La relazione del presidente di Confesercenti Catanzaro, Francesco Chirillo, precederà le testimonianze di: Salvatore Riccio, Francesco Leto, Annamaria Procopio, Anna Scaturchio e Azzurra Di Lorenzo. Concluderà i lavori il presidente nazionale di Assoturismo, Vittorio Messina.

Il dibattito, moderato dal giornalista Francesco Pungitore, sarà allargato alla partecipazione dei sindaci dei comuni di Stalettì, Montauro, Montepaone, Gasperina, Satriano, Davoli, San Sostene, Sant'Andrea, San Sostene, Isca, Badolato, Santa Caterina e Guardavalle.

Trasversale delle Serre, "Combatto" lancia l'allarme sul possibile "abbandono" del tratto Vallelonga-Vazzano

"La paventata intenzione da parte di Anas di abbandonare l'appalto del tronco 2 (lotto unico Vazzano-Vallelonga), il superamento del cimitero di Vazzano e il superamento del colle dello Scornari, manderebbe in fumo circa 148 milioni di euro. 

Ci auguriamo che tutte le istituzioni preposte, in particolare i sindaci delle Serre ed in primis quello di Serra San Bruno, vigilino sul rischio di depauperamento delle risorse in atto e non si abbassino i pantaloni per cedere alla opzione di fare della trasversale delle Serre una presa in giro legalizzata. 

I progetti già realizzati in un territorio in piena emergenza, impongono non di abbandonare gli appalti ma di accelerarne l'attuazione. Non esiste alcun compromesso rispetto ad una soluzione diversa, ma si auspica invece comprensione da parte di chi deve dare risposte immediate ad un territorio in completo abbandono. Da parte nostra, continuerà un'attenta vigilanza con nuove forti iniziative affinché quanto fin qui conquistato non vada perduto.

È quanto scrive in un comunicato l'Aggregazione civica "Combatto".  

Accadde oggi, 20 marzo 1986: Michele Sindona viene avvelenato in carcere

Il 20 marzo 1986 nel carcere di Voghera viene avvelenato l'ex banchiere Michele Sindona: nel suo caffè c'era del cianuro.

Sindona morirà all'ospedale di Voghera dopo due giorni di coma profondo.

Scuolabus comunale sorpreso senza assicurazione nel Vibobese, sequestrato

Durante un normale servizio di controllo alla circolazione stradale, i carabinieri in forza al Norm della Compagnia di Vibo Valentia hanno fermato uno scuolabus di proprietà del Comune di Cessaniti, risultato privo di copertura assicurativa.

Per tale ragione il mezzo è stato sequestrato e portato presso il vicino deposito giudiziario.

A rendere surreale l'accaduto, il fatto che la vicenda è avvenuta sotto gli occhi increduli dei passanti, tra i quali genitori e bambini che, poco prima, avevano usufruito del mezzo.

Sottoscrivi questo feed RSS