Calabria, vaccini nelle scuole: la Regione chiede supporto gratuito al personale sanitario della società civile

“La manifestazione d’interesse pubblicata dal presidente Roberto Occhiuto, rivolta al personale sanitario da rintracciarsi nella società civile, è l’esempio lampante di cosa vogliamo essere: una Regione che dà risposte coinvolgendo la popolazione. Una Calabria attiva e fattiva, come mai vista prima!”.

Il vicepresidente Giusi Princi fa eco al presidente della Regione Calabria, che ieri ha reso pubblico sul portale istituzionale della Protezione civile la manifestazione d'interesse per personale sanitario volontario, disponibile a prestare prestazioni professionali gratuite per la somministrazione dei vaccini antisars-cov-2 presso gli istituti scolastici della Calabria.

L'obiettivo, d’intesa con i dipartimenti regionali di Tutela della salute, Istruzione, Formazione professionale e Pari opportunità, Protezione civile e Aziende sanitarie provinciali, è “chiamare a raccolta” medici o infermieri (anche in pensione), affinché facciano da supporto al personale fornito dalle Asp e dalle Associazioni di settore negli hub vaccinali temporanei allestiti nei 266 istituti scolastici che fanno parte del sistema Vax school. Una sorta di reclutamento di personale sanitario aggiuntivo che, a titolo di volontariato, sostenga la campagna vaccinale promossa dalla Regione per bambini e ragazzi.

Possono presentare la propria candidatura: medici, infermieri e assistenti sanitari, che verranno adeguatamente formati per le specifiche attività previste. Sarà possibile candidarsi fino all'1 febbraio, seguendo le indicazioni presenti sul portale della Regione Calabria.

 

  • Published in Politica
Subscribe to this RSS feed