Maltempo in Calabria, allagamenti nel Cosentino

Sono stati numerosi gli interventi che i vigili del fuoco hanno dovuto effettuare sulla costa tirrenica cosentina, in seguito agli allagamenti provocati dai forti temporali avvenuti la notte scorsa.

Le situazioni più difficili si sono registrate nei comuni di Amante e Belvedere Marittimo. In quest'ultimo centro, sono state particolarmente colpite la Ss18 e le zone Calvario, Marina due, Vetticello e Castromurrào.

Interventi di prosciugamento e rimozione di fango e detriti sono stati effettuati anche a Paola, Scalea e Rende, dove è esondato un canale del consorzio di Bonifica.

Al momento non risultano danni a persone.

 

  • Published in Cronaca

Scalea ospita la mostra di Fedele Barletta

Grande attesa a Scalea per l’allestimento della mostra di Fedele Barletta. L'appuntamento è per giorno 14 Dicembre, dalle ore 18.00. L'iniziativa si colloca nel calendario dei festeggiamenti natalizi che la Pro Loco ha organizzato con il patrocinio dell'amministrazione comunale. 

La  “personale” si snoderà nelle vie del centro storico dalla chiesa di San Nicola in Plateis verso Piazza Maggiore de Palma. Una passeggiata alla scoperta dei suoi dipinti fatti di volti, di paesaggi, di scene di vita quotidiana e contemporanea realizzati con tecnica mista di oli e smalti. 

L’artista, originario di Genova da anni vive a Laino Castello, è stato tra i protagonisti dell’edizione 2021 del Premio Vittorio Sgarbi con le sue opere “Angelica”, “Castel del Monte” e “Laino Castello”.

L’allestimento sarà replicato il 23 dicembre.

 

  • Published in Cultura

Reddito di cittadinanza, altri 170 furbetti scoperti in Calabria

I Finanzieri della Tenenza di Scalea, nell’ambito delle attività finalizzate al monitoraggio e al controllo della spesa pubblica legata al“Reddito di cittadinanza”, operando in sinergia con l’Inps, hanno scoperto 170 persone che, con presunti escamotage, hanno indebitamente percepito il beneficio economico.

L’attività investigativa svolta dalle fiamme gialle, condotta su un territorio comprendente 14 comuni dell’Alto tirreno cosentino, si è sviluppata attraverso un’attenta e meticolosa verifica che, partendo dalle informazioni contenute nelle banche dati messe a disposizione dall’Inps sulla base dell’intesa stipulata con il Corpo, ha consentito di individuare una variegata platea di presunti indebiti percettori.

Tra questi figurano anche pubblici amministratori che continuavano silenti a percepire il sussidio omettendo di comunicare all’Inps:

• le variazioni occupazionali e le variazioni di reddito, verificatesi durante il periodo di percezione del Reddito di cittadinanza;

• l’attività lavorativa in essere all’atto della presentazione dell’istanza per il riconoscimento del sussidio;

• la sottoscrizione della prevista “dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro”.

In altri casi, i  militari hanno rilevato che alcune persone risultavano fiscalmente a carico di nuclei familiari differenti da quelli dichiarati nelle Dichiarazioni uniche sostitutive

Particolari, infine, i casi delle “residenze di comodo”, in cui i soggetti controllati avevano trasferito, in modo fittizio, la loro residenza al fine di rappresentare, in fase di dichiarazione, un nucleo familiare che escludeva il familiare produttore di reddito.

L’importo complessivo delle somme indebitamente conseguite, a seguito del calcolo eseguito dalle fiamme gialle, ammonta ad oltre 1,3 milioni di euro.

Al termine dell’indagine sono state avviate le operazioni finalizzate a irrogare le sanzioni amministrative di revoca e/o decadenza del beneficio e il recupero delle somme indebitamente percepite.

Rolex da 25 mila euro rubato a Genova, 38enne arrestato in Calabria

E’ stato rintracciato e arrestato dalla polizia a Scalea (Cs), dove lavorava in una pizzeria, un 38enne di Napoli ricercato per rapina aggravata in concorso.

L’uomo si era sottratto a un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Genova.

Il 38enne, infatti, è ritenuto responsabile in concorso, di una rapina avvenuta il 13 gennaio scorso nei pressi del porto del capoluogo ligure, dove secondo l’accusa avrebbe sottratto un orologio Rolex in oro del valore di circa 25 mila euro.

L’arrestato, al termine delle formalità di rito, è stato condotto nel carcere di Paola.

  • Published in Cronaca

Quindicenne soggiogata per sottrarle denaro, due donne finiscono in manette

Cosenza  - I poliziotti della Squadra mobile di Cosenza hanno dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip del locale Tribunale, su richiesta della Procura della Repubblica del capoluogo bruzio, a carico di due donne, una delle quali appartenente alla comunità rom e residente a Scalea (Cs) e l’altra a Montalto Uffugo, ritenute responsabili del reato di circonvenzione d’incapace ai danni di una quindicenne affetta da problemi psichici.

Il provvedimento giunge in seguito alle indagini, nel corso delle quali è emerso che la donna di etnia rom, con l’aiuto della presunta complice, avrebbe soggiogato la vittima facendole credere di essere vittima di malefici e sortilegi, per liberarsi dai quali avrebbe sistematicamente corrisposto somme di denaro alle indagate.

La malcapitata si sarebbe allontanata dalla famiglia, arrivando ad aggredire i genitori, i quali avrebbero, addirittura subito le minacce e le intimidazioni da parte delle arrestate.

Una volta raccolta la denuncia dei genitori della presunta vittima, gli investigatori hanno avviato l’attività che ha permesso di rinvenire a casa della donna di etnia rom: un libro di magia che sarebbe stato usato per impaurire e soggiogare la presunta vittima e numerose carte postepay ricaricabili sulle quali sarebbe stato depositato il denaro sottratto ai genitori della minore.

Al momento, sono in corso ulteriori accertamenti finalizzati a verificare se ci siano altre vittime dell’azione criminale compiuta dalle indagate.

  • Published in Cronaca

Incendio in uno stabilimento balneare, non si esclude l'ipotesi dolosa

Incendio in uno stabilimento balneare in via Ruggero di Lauria, a Scalea (Cs).

Le fiamme, divampate intorno alle 6 di questa mattina, hanno mandato in fumo la struttura.

Il rogo è stato spento dai vigili del fuoco del locale distaccamento.

Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri che hanno avviato le indagini per cercare di fare luce sull’accaduto.

Al momento non si esclude l'ipotesi dolosa. 

 

  • Published in Cronaca

Stalla abusiva su area sottoposta a vincolo, scattano i sigilli

Un uomo di Maierà (Cs) è stato denunciato dai carabinieri forestale della Stazione di Scalea per aver realizzato abusivamente una stalla in un terreno sottoposto a vincolo sia idrogeologico che sismico, in località Arsieno.

In particolare, i militari hanno constatato che la struttura, destinata ad ospitare bovini, era stata realizzata senza il necessario permesso.

Pertanto, dopo aver sequestro il manufatto, gli uomini dell’Arma forestale hanno denunciato il responsabile della costruzione.

 

  • Published in Cronaca

Vasto incendio di boschi e macchia mediterranea

Squadre dei vigili del fuoco del comando di Cosenza sono impegnate per domare alcuni incendi che si sono sviluppati lungo il litorale tirrenico, nei comuni di Scalea e San Nicola Arcella. 

Le fiamme stanno interessando diversi ettari di macchia mediterranea e zone boscate.

I numerosi fronti di fuoco, divampati a partire dalla tarda serata di ieri, oltre ai vigili del fuoco, stanno impegnando, squadre boschive di Calabria Verde ed un direttore delle operazioni di spegnimento che coordina  sia le unità che operano a terra che un idrovolante.

  • Published in Cronaca
Subscribe to this RSS feed