Iniziati i lavori di manutenzione del verde lungo le strade statali del Vibonese e del Catanzarese

Dopo il fermo per l’ emergenza covid-19, continuano le attività di manutenzione del verde lungo le strade statali tra le province di Vibo Valentia e Catanzaro.

Gli interventi, da parte delle Squadre Anas, hanno già interessato nelle scorse settimane i tratti nella provincia di Vibo Valentia e precisamente la Ss182 nel comune di San Gregorio d’Ippona, ed inoltre, in questi giorni, sono in corso le attività lungo la Ss18 'Tirrena Inferiore' tra i comuni di Vibo Valentia e Mileto.

Da venerdì, partiranno le attività di taglio erba lungo la ex Ss110 tra i comuni di Pizzo, Francavilla Angitola, Maierato, Monterosso Calabro e San Nicola Crissa e sulla SS18 da Falerna fino a Rosarno.

Attualmente, le attività in corso lungo la 713 ‘Trasversale delle Serre’ stanno interessando i comuni di Serra San Bruno, Spadola e Simbario.

Anche in provincia di Catanzaro, sono attualmente in corso gli interventi di taglio erba lungo  la la strada statale 106 'Jonica', tra i comuni di Soverato e Montepaone.

 

Omicidio di Rocco Bava e Francesca Petrolini, ergastolo per Gualtieri

Ergastolo. Questa la condanna comminata dal gup di Catanzaro, Matteo Ferrante a Giuseppe Gualtieri, il 53enne che il 23 dicembre del 2018 uccise l'ex moglie Francesca Petrolini, di 53 anni e il compagno Rocco Bava, 43 anni, titolare di un autolavaggio a Simbario, nel Vibonese.

Il duplice omicidio venne compiuto nella tabaccheria della donna, a Davoli.

Dopo aver fatto irruzione nel negozio, l'omicida esplose due colpi d'arma da fuoco all'indirizzo dell'ex moglie che, raggiunta alla testa e al torace, morì sul colpo.

Bava, invece, venne bersagliato con quattro proiettili alla testa e al torace. Ferito a morte, il 43enne, riuscì a trascinarsi fuori dalla tabaccheria, dove il suo cadavere venne trovato dai sanitari arrivati per soccorrerlo.

Coronavirus, Simbario: un’ordinanza di quarantena e 2 di revoca

Un’ordinanza di quarantena è stata emessa nella giornata di oggi, dal sindaco di Simbario, Ovidio Romano.

La misura, adottata su proposta dell’Asp di Vibo Valentia a carico di una persona che non risulta contagiata dal coronavirus, sarà in vigore fino a giovedì 28 maggio.

Contestualmente, Romano ha emanato due ulteriori ordinanze con le quali ha revocato la quarantena disposta l'11 maggio scorso, a carico di due operatori sanitari.

La revoca giunge in seguito alla segnalazione dell'Asp di Vibo Valentia che ha comunicato che, in entrambi i casi, "L’esito del referto analitico del tampone naso faringeo per la ricerca del SARSCOV2 è risultato negativo".

Coronavirus, due persone in quarantena a Simbario

Due ordinanze di quarantena sono state emesse oggi dal sindaco di Simbario, Ovidio Romano.

Le “misure profilattiche contro la diffusione della malattia infettiva Covid-19” sono state adottate in seguito alle comunicazione con le quali l’Asp di Vibo Valentia ha segnalato al Comune, i casi di due cittadini simbariani che necessitano di essere sottoposti “alla misura di quarantena presso le proprie residenze con sorveglianza attiva svolta dal personale del servizio di igiene pubblica”.

Le ordinanze, emesse a scopo cautelativo a carico di persone che non risultano positive al virus, saranno in vigore fino a venerdì  22 maggio.

  • Published in Cronaca

Simbario, visite al cimitero possibili con guanti e mascherina

Il sindaco di Simbario, Ovidio Romano ha emesso ieri l’ordinanza con la quale ha riaperto il cimitero.

Il provvedimento prescrive ai visitatori di evitare “assembramento di persone”, rispettare la distanza di un metro ed indossare guanti e mascherine.

Simbario, dal sindaco Romano stop alla “Fase 2" della Santelli

Le nuove disposizioni, contenute nell’ordinanza emessa dalla presidente della Regione Jole Santelli, per la gestione della “Fase 2” in Calabria (Per leggere la notizia clicca qui), non avranno attuazione nel territorio comunale di Simbario.

A stabilirlo, un’ordinanza del sindaco Ovidio Romano che, “Ritenuto necessario approfondire le disposizioni previste nell'ordinanza regionale n. 37 del 29/04/2020”, al fine di “programmare la riapertura delle attività di ristorazione e somministrazione di alimenti e bevande, attività sportive e amatoriali individuali e dell'organizzazione di spazi pubblici nel rispetto delle misure di contenimento tali da prevenire la diffusione dell'epidemia da Covid-19”, ordina ai cittadini “di attenersi”, fino a nuove disposizioni, “a quanto previsto" dalle misure “contenute nel Dpcm del 26 aprile 2020”.

Coronavirus, una persona in quarantena a Simbario

Un’ordinanza di quarantena è stata emessa nella giornata di ieri, dal sindaco di Simbario, Ovidio Romano.

La “misura profilattica contro la diffusione della malattia infettiva Covid-19” è stata adottata su proposta dell’Asp di Vibo Valentia.

L’ordinanza, indirizzata ad una persona di sesso maschile, di cui, per ragioni di privacy, non è stata resa nota l’identità, sarà in vigore fino a mercoledì 8 aprile.

E' bene precisare che il destinatario del provvedimento non risulta contagiato dal coronavirus.

Coronavirus, Simbario: il sindaco Romano blinda il paese. "Vietato entrare e uscire"

E’ un’ordinanza draconiana quella emessa quest’oggi dal sindaco di Simbario Ovidio Romano.

Sulla scia di quanto sta accadendo in molti comuni calabresi, al fine di contenere la diffusione del coronavirus, il primo cittadino simbariano ha deciso di disporre una serie di “misure urgenti e straordinarie”.

Si tratta di disposizioni con le quali il piccolo borgo delle Serre viene, di fatto, blindato nella speranza di renderlo impermeabile al contagio.

L’ordinanza, “con effetto immediato e fino alla cessazione dello stato di emergenza nazionale" impone "le seguenti misure”:

“ 1) Il divieto di spostamenti in entrata ed in uscita dal Comune di Simbario e all’interno dello stesso Comune per motivi diversi dal Dpcm dell’8 marzo 2020 ovvero comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità, motivi di salute o rientro presso il proprio domicilio,

abitazione o residenza. In ogni caso sono vietati gli assembramenti con l’obbligo di rispettare la distanza di sicurezza minima di un metro fra le persone. Situazioni di necessità riguardano l’acquisto di beni essenziali come ad esempio fare la spesa o recarsi in farmacia. Anche in questo caso si raccomanda di contingentare gli spostamenti (es. limitare al massimo le uscite e in ogni caso un solo componente per nucleo familiare)

2)La chiusura di tutte le attività commerciali nella giornata di domenica ad eccezione delle edicole che possono rimanere aperte fino alle ore 13:00 e le farmacie e le parafarmacie secondo orari e turni prestabiliti;

3)Il divieto assoluto di sostare sulle panchine di piazze, viali e luoghi pubblici;

4)Il divieto di circolazione all’interno del territorio comunale dei veicoli e dei pedoni dalle ore 22:00 alle ore 5:00 se non per comprovati motivi di cui al Dpcm dell’8 Marzo 2020 ovvero comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità, motivi di salute o rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza;

5) Gli animali d’affezione possono essere portati fuori da casa per le esigenze fisiologiche, ma nelle immediate adiacenze della propria abitazione e per il tempo strettamente necessario, mantenendo la distanza di almeno un metro da altre persone”.

Subscribe to this RSS feed