Duplice omicidio a Davoli, 43enne di Simbario ucciso insieme alla compagna

Duplice omicidio in pieno centro storico a Davoli Superiore (Cz), dove una coppia è stata uccisa a colpi di pistola in una tabaccheria.
 
Le vittime sono la titolare dell' esercizio commerciale, Francesca Petrolini, di 53 anni ed il compagno, Rocco Bava, di 43 anni, originario di Simbario in provincia di Vibo Valentia, dove gestiva un autolavaggio.
 
La donna è deceduta sul colpo; Bava, invece, è morto mentre i sanitari tentavano di prestargli soccorso.

Sul posto sono intervenuti carabinieri della locale Stazione e della Compagnia di Soverato, che hanno avviato le indagini per cercare di far luce sull'accaduto.

Furto di legname a Simbario, due persone in manette

Durante una vasta operazione di monitoraggio del territorio, pianificata e coordinata dal comandante del Gruppo carabinieri forestale di Vibo Valentia e dal comandante della compagnia carabinieri di Serra San Bruno, effettuata con il concorso dell’ 8^ Nucleo elicotteri di Vibo Valentia, due persone sono state sorprese a tagliare e trafugare legna, in un'area del Parco naturale delle Serre.

In particolare, nel corso di un controllo in località "Morrone" del Comune di Simbario, i militari delle Stazioni di Serra San Bruno e Fabrizia, hanno colto in flagranza di reato, due braccianti agricoli del luogo, N. D., di 51 anni ed L. V, di 26 anni, intenti a tagliare, con l’utilizzo di una motosega, 45 piante di alto fusto di pino laricio. Una volta sezionati, i tronchi venivano trafugati con un trattore.

Effettuati i controlli e verificata l’inesistenza di qualsivoglia autorizzazione, i militari hanno tratto in arresto i due, per il reato di furto pluri-aggravato di legname e danneggiamento.

Il legname, quindi, è stato sottoposto a sequestro, insieme alla motosega ed al trattore.

Dopo le formalità di rito, i due sono stati posti ai domiciliari, in attesa del giudizio che verrà celebrato con rito direttissimo.

Serra: ditta smaltisce rifiuti speciali in maniera illegale, denunciate tre persone

I carabinieri forestale della Stazione di Serra San Bruno, a completamento dell’attività di indagine svolta, anche con l’ausilio dell’aliquota radiomobile, hanno deferito all’autorità giudiziaria tre persone, ritenute responsabili in concorso dello smaltimento illecito di rifiuti speciali non pericolosi.

In particolare, nell’ambito di un servizio di controllo del territorio, i militari hanno accertato che, nel corso dei lavori per la posa di cavi nel comune di Serra San Bruno, per conto di Enel distribuzione, il titolare della ditta esecutrice ed il responsabile di cantiere, avrebbero smaltito illegalmente rifiuti speciali non pericolosi, ovvero materiali bituminosi frammisti a terre e rocce, in proprietà di privati, ubicate nei comuni di Serra San Bruno e Simbario.

Nel corso dell'attività, sono state poste sotto sequestro le aree, rispettivamente di 400 e 300 metri quadri, sulle quali sarebbero stati depositati e distribuiti circa 150 metri cubi di rifiuti.

 

  • Published in Cronaca

Allerta meteo: soglie pluviometriche superate a Vallelonga, Simbario, Filogaso e Brognaturo, la Prefettura convoca l'unità di crisi

La Prefettura di Vibo Valentia sta monitorando, in via preventiva, la situazione di potenziale maltempo sul territorio provinciale.

Dopo aver ricevuto il messaggio d'allertamento "Arancione", che riguardava possibili condizioni meteo avverse su otto comuni del Vibonese, il prefetto ha deciso di convocare un'unità di crisi preventiva.

Nella mattinata di oggi, l'unità è stata convocata, anche, per fare il punto in merito al superamento delle soglie pluviometriche registrate a: Vallelonga, Simbario, Filogaso e Brognaturo.

Al momento non sono segnalate criticità particolari, tuttavia, il monitoraggio continua senza interruzioni.

  • Published in Cronaca

Simbario: sorpresi a rubare in un supermercato, arrestati due romeni

Due cittadini di nazionalità romena, Dumbrava Costel e Dumitrascu Costel, rispettivamente di 44 e 48 anni, sono stati sorpresi, presso un noto supermercato di Simbario, a trafugare alcolici e generi alimentari. 

A fermare i due taccheggiatori, sono stati i carabinieri della Stazione di Nardodipace che, trovandosi nell'esercizio commerciale, hanno notato i due mentre si aggiravano tra gli scaffali con fare sospetto.

I militari hanno, quindi, deciso di entrare in azione e di sottoporli a perquisizione.

Durante il controllo, gli arrestati sono stati trovati in possesso di varie bottiglie d'alcolici e di generi alimentari ben occultati tra i vestiti.

La merce, del valore complessivo di circa 70 euro, è stata restituita al gestore del supermercato; mentre i due cittadini romeni, dopo essere stati arrestati in flagranza di reato per furto aggravato, sono stati posti ai domiciliari, in attesa del processo.

  • Published in Cronaca

A Simbario le audizioni per il Premio Mia Martini

Si svolgeranno sabato prossimo, a partire dalle 17,30, al teatro comunale “F. De Leo” di Simbario, le audizioni del “Premio Mia Martini”, organizzate in esclusiva per la Calabria dalla Mondo Arte.

Ospite e giurato unico nella scelta dei concorrenti delle categorie “Una voce per Mimì” (dai 4 ai 13 anni) e “Nuove proposte” (dai 14 ai 45 anni), sarà il patron del Premio, Nino Romeo che presenzierà la serata e si occuperà delle selezioni tra i partecipanti che aspirano all’ambito premio dedicato a Mia Martini.

«Sono tanti gli aspiranti – ha dichiarato il presidente della Mondo Arte, il Maestro (baritono) Francesco De Leo – che ci hanno contattato per partecipare alle audizioni. È per me un onore, in qualità di rappresentante della Mondo Arte fondata assieme all’imprenditore Cosmo Damiano Umbrello, avere organizzato le audizioni a Simbario presso un teatro che da tempo attendeva il suo pubblico. Durante la serata – ha continuato De Leo – i partecipanti si esibiranno ognuno con un brano (cover o inedito) della durata di massimo 3,30 minuti. Coloro che supereranno le audizioni saranno poi chiamati a frequentare un master formativo a Bagnara, passaggio propedeutico che poi condurrà i più bravi alla finale».

Simbario: bambino non va a scuola, denunciati i genitori

Al fine di accertare eventuali casi d'inosservanza dell'obbligo scolastico, i carabinieri della Stazione di Serra San Bruno hanno effettuato una serie di controlli presso le scuole secondarie di primo grado dei Comuni della giurisdizione.

Nel corso dell'attività di verifica, i militari hanno accertato che un minore non seguiva le lezioni obbligatorie, da oltre due mesi.

Dopo aver effettuato una serie di accertamenti, gli uomini dell'Arma hanno deferito all’Autorità giudiziaria i genitori dell'alunno, entrambi originari di Simbario.

 

  • Published in Cronaca

Il canto e la testimonianza di don Giosy Cento nella chiesa Matrice di Serra San Bruno

“Diffondete il bello e la gioia di essere cristiani”. È stato questo l’invito più caloroso che don Giosy Cento ha rivolto ai numerosi giovani dei cori parrocchiali accorsi sabato pomeriggio nella chiesa Matrice di Serra San Bruno.

Una manifestazione all’insegna del canto e della testimonianza, quella che ha visto come protagonista il sacerdote che ha scelto di servire Dio in un modo del tutto speciale: attraverso la musica e le sue canzoni.

Don Giosy ha inciso più di mille brani, realizzato oltre tremila concerti e di sé dice di amare sentirsi chiamare “il prete che canta”.

Le note di alcuni suoi brani più noti e significativi, ieri, hanno pervaso la principale chiesa di Serra, ma soprattutto toccato il cuore dei numerosi partecipanti, tanto emozionati quanto felici di esibirsi anche di fronte ad uno dei cantautori cattolici più seguiti e suonati nelle chiese d’Italia.

Alle performances dei cori parrocchiali, ha fatto seguito un mini-concerto di don Giosy, apprezzato anche per le meditazioni che hanno fatto da intermezzo ai brani. I cori che hanno preso parte alla manifestazione provenivano da Spadola (coro “Santa Maria sopra Minerva”, con tanti bambini che hanno suscitato apprezzamento e gioia tra il pubblico), Simbario (coro “She’mà”), Roccelletta di Borgia (coro “Santa Maria della Roccella”), Centrache (coro “Onofrio Casalinuovo”) e Serra San Bruno (coro “Parrocchia S. Biagio”).

Il concerto di don Giosy è stato suggellato dalla celebrazione della Santa Messa, animata da tutti i cori presenti e concelebrata dallo stesso cantautore insieme al parroco di San Biagio, don Leonardo Calabretta, al rettore del Santuario di Santa Maria, don Bruno La Rizza (promotore dell’evento) e al sacerdote serrese, parroco di Roccelletta, don Raffaele Zaffino

Al termine della celebrazione, don Giosy si è amabilmente intrattenuto con chi voleva scattare anche solo una foto per avere un ricordo di un pomeriggio che a molti sarà sicuramente rimasto impresso nel cuore.   

Subscribe to this RSS feed