Chiaravalle, la proclamazione dei vincitori di “Chiaravalle Arte”

A Luigi Magli il primo Premio nazionale di arte contemporanea “Chiaravalle Arte”. Seconda classificata Beatrìz Càrdenas. Terzo posto, ex aequo, per Maria Crediddio e Franco Flaccavento.

La proclamazione ufficiale dei vincitori a Palazzo Staglianò. Ultimo atto della prestigiosa manifestazione culturale promossa dall'amministrazione comunale e dalla Consulta della Cultura di Chiaravalle Centrale.

Tanti i riconoscimenti assegnati nel corso della serata. Il premio “Giovani” è andato a Maria Villirillo. Menzione speciale per Salvatore Anelli, Andrea Biffi, Alfredo Celli,  Giuliano Cotellessa, Maria Pia Daidone, Massimiliano Ferragina, Fiorentina Giannotta, Nicola Guarino, Mario Lanzione, Vincenzo Mascia, Viviana Pallotta, Natalia Gillo Pietrova, Salvatore Pepe, Myriam Risola. Menzione speciale giovani per Tiziana Procopio e Cristina Russo.

Spazio anche al voto del pubblico: prima classificata Natalia Gillo Piatrova, secondo Andrea Biffi. Premio del pubblico “giovani” a Valentina Siniscalchi. Non sono mancati gli attestati di merito ai tanti volontari, collaboratori e studenti degli istituti superiori di Chiaravalle che hanno contribuito al successo dell'evento. Applausi, per l'impegno fattivo, a Maria Grazia Pittelli e Asia Geracitano, per la creazione del logo di “Chiaravalle Arte”, e a Pia De Simone e Alessia Marra, per il servizio hostess.

Grande soddisfazione nelle parole dei relatori che hanno introdotto le premiazioni: il sindaco, Domenico Donato, il consigliere delegato alla Cultura, Pina Rizzo, i curatori di “Chiaravalle Arte” (presenti Nicola De Luca e Lara Caccia che hanno portato anche il saluto di Enzo Le Pera e Maurizio Vitiello), il presidente e il vicepresidente della Consulta comunale della Cultura, Teresa Tino e Paola Sangiuliano.

“Chiaravalle Arte” ha testimoniato - hanno spiegato - la forza attrattiva della cultura come motore di crescita e sviluppo per il territorio, in particolare per quelle realtà dell'entroterra, come Chiaravalle, che si aprono al futuro con coraggio e spinta creativa, senza, però, dimenticare la propria identità, la propria storia. Il premio nazionale è solo l'inizio di un percorso destinato a portare, nel tempo, ulteriori, importanti risultati per la città delle Preserre.

  • Published in Cultura

Chiaravalle, domani il gran finale di “Chiaravalle Arte”

Gran finale di “Chiaravalle Arte”. Si conclude domani (27 agosto), con la proclamazione ufficiale dei vincitori, il primo premio nazionale di arte contemporanea di Chiaravalle Centrale. L'attesa cerimonia di consegna dei riconoscimenti è in programma alle ore 18.00 a Palazzo Staglianò. Un evento culturale prestigioso che chiude due mesi altrettanto importanti per la città delle Preserre. Tantissimi i visitatori che hanno decretato il successo del progetto “Chiaravalle Arte” voluto con forte determinazione dall'amministrazione comunale, guidata dal sindaco Mimmo Donato, e dalla Consulta della Cultura, presieduta da Teresa Tino. Punto di riferimento per tutti gli aspetti organizzativi, l'architetto e artista Nicola De Luca, anche tra i curatori del premio. Al suo fianco il saggista e gallerista Enzo Le Pera, il sociologo e critico d'arte Maurizio Vitiello, la critica e storica dell'arte Lara Caccia. Immancabile il supporto della consigliera delegata alla Cultura, Pina Rizzo. Così come è stata preziosa la collaborazione generosa dei soci della Consulta della Cultura, impegnati, da volontari, nel garantire le aperture quotidiane al pubblico della mostra. In breve, tante sinergie positive confluite in un risultato eccezionale per partecipazione popolare, visibilità mediatica, valutazioni positive della critica.

Hanno esposto a “Chiaravalle Arte” gli artisti in concorso: Salvatore Anelli, Andrea Biffi, Beatriz Cardenas, Alfredo Celli, Giuliano Cotellessa, Maria Crediddio, Maria Pia Daidone, Massimiliano Ferragina, Franco Flaccavento, Fiorentina Giannotta, Nicola Guarino, Franca Lanni, Mario Lanzione, Luigi Magli, Vincenzo Mascia, Mauro Molinari, Viviana Pallotta, Natalia Gillo Piatrova, Salvatore Pepe, Tarcisio Pingitore, Myriam Risola, Enzo Spanò.
Claudia Iozzo, Giulia Iozzo, Vincenzo Rauti e Michela Giacchetto sono stati presenti nella sezione degli artisti chiaravallesi in concorso. Ferdinando Catrambone, Vincenzo Lombardi e Paolo Macrì hanno partecipato quali artisti chiaravallesi fuori concorso. Nicola De Luca, Antonio La Gamba e Michele Zappino sono stati gli ospiti fuori concorso.

Allievi ed ex allievi dell'Accademia di Belle Arti di Catanzaro hanno arricchito la sezione a loro dedicata, curata dalla professoressa Caccia: Micaela Arcuri, Francesco Brogno, Francesca Cafarda, Ludovica Catanzaro, Lucy Mey, Giuseppe Mirijello, Tiziana Procopio, Cristina Russo, Salvatore Sart, Valentina Siniscalchi, Maria Tarantino, Emanuela Tavano e Maria Villirillo. 

  • Published in Cultura

Chiaravalle, il fascino dell'antico Convento conquista il docente dell'università di Torino Bruno Maida

“Un posto straordinario”. Non ha nascosto il suo entusiasmo il professore Bruno Maida, docente di Storia contemporanea presso l'Università di Torino. Da “turista” in Calabria ha voluto visitare il Convento dei padri Cappuccini di Chiaravalle Centrale. E ne è rimasto affascinato.

Accolto dal guardiano del Convento, padre Giovanni Loria, e dal consigliere comunale di Chiaravalle delegato alla Cultura, Pina Rizzo, l'ospite si è immerso nella storia e nella particolare atmosfera, carica di profonda spiritualità, dell'importante sito religioso, la cui fondazione viene attestata tra il 1576 e il 1594.

Oltre quattrocento anni di ininterrotta presenza della famiglia francescana nella città delle Preserre, nonostante le due brevi soppressioni del 1811 (napoleonica) e del 1860 (post unitaria) che non hanno mai reciso il solido legame tra la comunità chiaravallese e i confratelli cappuccini. Già sede di Noviziato e di Studentato, il Convento di Chiaravalle rimane uno tra i più importanti della Provincia Monastica. Oggetto di notevoli, recenti lavori di restauro, a breve dovrebbe concludersi anche il consolidamento dell'imponente campanile (sul lato destro della chiesa, misura ben 27 metri di altezza e 2,50 di larghezza), restituendo allo sguardo la classica “cartolina” che da tanti anni fa bella mostra di sé  sull'orizzonte delle colline chiaravallesi. La chiesa, il chiostro, la biblioteca, il giardino: il professore Maida, con i suoi accompagnatori, si è intrattenuto a lungo negli ambienti e nelle sale, ammirandone le ricche testimonianze storiche e artistiche custodite nei secoli, dai frati, con fede, cura e dedizione. Particolarmente prezioso il patrimonio culturale librario, in fase di catalogazione, che verrà presto allocato in nuovi scaffali più comodi anche per rendere pubblica la fruizione dei testi. Numerosi i progetti in cantiere che esprimono l'immutata e straordinaria vitalità del Convento.

A Chiaravalle Centrale l'arte vissuta in modo attivo e consapevole

Immergersi nella bellezza dell'arte in modo attivo e consapevole, non solo come semplici osservatori di opere, ma anche come interpreti.

Questo lo scopo della visita guidata alla mostra “Chiaravalle Arte - Premio nazionale di arte contemporanea”. Iniziativa molto apprezzata che si è svolta nelle sale di Palazzo Staglianò con l'autorevole commento della professoressa Lara Caccia, storica e critica dell'arte, e la brillante esposizione di Giuseppe Bagnato, laureando in Didattica dell'arte presso l'Accademia di Belle Arti di Catanzaro.

L'interpretazione fa l'opera, dà un'identità a un quadro o ad una scultura, trasfigura la percezione che l'autore stesso magari aveva immaginato come evocazione della propria interiorità. Una riflessione che ha fatto da sfondo alla piacevole serata culturale, capace di restituire tracce profonde di pensiero strettamente connesse alle rappresentazioni in concorso e non.

La visita è iniziata con la descrizione delle tecniche pittoriche dei maestri chiaravallesi Nando Catrambone e Paolo Macrì, per poi proseguire nel percorso espositivo con gli artisti in concorso, per finire con la sezione dedicata agli allievi ed ex allievi dell'Accademia di Catanzaro. A pochi giorni dalla conclusione, l'amministrazione comunale e i curatori possono già trarre un bilancio positivo della manifestazione che sta attirando, quotidianamente, presenze dall'intero territorio regionale.

“L'eco del premio - ha sottolineato l'architetto Nicola De Luca, tra i curatori dell'evento - ha avuto vasta risonanza anche sulle riviste nazionali di settore, confermando la qualità di un progetto che punta a confermarsi nel tempo”. Da questo primo nucleo di opere sta per nascere, infatti, il Museo d'Arte Contemporanea di Chiaravalle Centrale. Nelle intenzioni del sindaco, Domenico Donato, un “museo aperto e diffuso” che coinvolgerà spazi e strutture pubbliche su tutto il territorio comunale. La mostra è visitabile ogni giorno, fino al 27 agosto, dalle ore 18 alle 23, grazie all'impegno meritorio e generoso dei soci volontari della Consulta comunale della Cultura e del consigliere delegato, Pina Rizzo.

  • Published in Cultura

Chiaravalle, visita guidata sull'arte contemporanea con la critica e storica dell'arte Lara Caccia

Vivere l'arte consapevolmente, capirla, interpretarla. A Chiaravalle Centrale una serata speciale della mostra “Chiaravalle Arte - Premio nazionale di arte contemporanea”. Oggi (13 agosto) sarà la professoressa Lara Caccia, critica e storica dell'arte, docente dell'Accademia di Belle Arti di Catanzaro, a guidare con il suo autorevole commento l'incontro tra le opere esposte a Palazzo Staglianò e i visitatori.

Appuntamento a partire dalle ore 20 con ingresso libero. La professoressa Caccia compone il gruppo dei curatori di “Chiaravalle Arte” insieme all'architetto Nicola De Luca, al saggista e gallerista Enzo Le Pera, al critico d'arte e sociologo Maurizio Vitiello. Un evento culturale ambizioso “Chiaravalle Arte”, voluto dall'amministrazione comunale e dalla Consulta della Cultura, destinato a durare nel tempo.

A Chiaravalle verrà, infatti, istituito un Museo d'arte contemporanea grazie alle donazioni degli artisti in concorso che lasceranno le loro opere alla città delle Preserre. Fino al 27 agosto a Palazzo Staglianò si potranno ammirare le opere in concorso di: Salvatore Anelli, Andrea Biffi, Beatriz Cardenas, Alfredo Celli, Giuliano Cotellessa, Maria Crediddio, Maria Pia Daidone, Massimiliano Ferragina, Franco Flaccavento, Fiorentina Giannotta, Nicola Guarino, Franca Lanni, Mario Lanzione, Luigi Magli, Vincenzo Mascia, Mauro Molinari, Viviana Pallotta, Natalia Gillo Piatrova, Salvatore Pepe, Tarcisio Pingitore, Myriam Risola, Enzo Spanò. Claudia Iozzo, Giulia Iozzo, Vincenzo Rauti e Michela Giacchetto animano la sezione degli artisti chiaravallesi in concorso. Ferdinando Catrambone, Vincenzo Lombardi e Paolo Macrì sono presenti quali artisti chiaravallesi fuori concorso. Nicola De Luca, Antonio La Gamba e Michele Zappino danno vita alla sezione degli artisti ospiti fuori concorso. Numerosi anche gli allievi ed ex allievi dell'Accademia di Belle Arti di Catanzaro che espongono le loro opere: Micaela Arcuri, Francesco Brogno, Francesca Cafarda, Ludovica Catanzaro, Lucy Mey, Giuseppe Mirijello, Tiziana Procopio, Cristina Russo, Salvatore Sart, Valentina Siniscalchi, Maria Tarantino, Emanuela Tavano e Maria Villirillo.

  • Published in Cultura

Chiaravalle, ambulanza 118 senza medico e infermiere: “Intervenire subito con nuove unità”

“Nel pieno di un affollato fine settimana d'agosto, la postazione 118 di Chiaravalle Centrale si è ritrovata totalmente sguarnita di figure sanitarie”. È il preoccupato allarme lanciato dall'assessore comunale alla Sanità di Chiaravalle Centrale, Maria Isabella De Masi.

“Oggi - comunica l'assessore - nel turno dalle 14 alle 20 risultava operativo solo un autista. In pratica, c'era il mezzo di soccorso, c'era chi lo guidava, ma senza medico, né infermiere a bordo”. “Una situazione di grave rischio per i cittadini - la denuncia di De Masi - che peraltro potrebbe ripetersi nel tempo, date le croniche carenze di personale medico e infermieristico su tutto il territorio”. “Infermieri e medici stanno già facendo i salti mortali, coprendo più turni nei limiti delle loro umane possibilità - sottolinea l'assessore. - Un continuo arrangiarsi che, però, oggi, tra ferie e malattie, ha portato la situazione ben oltre la sopportazione”. “Qui si parla di salvare la vita alla gente, un problema risolvibile con un piano a monte, in termini di migliore organizzazione dei turni e del personale, che evidentemente non c'è stato” l'amara considerazione di Maria Isabella De Masi che chiederà “un incontro urgente a tutti i livelli per ripristinare le unità necessarie con assoluta immediatezza”.

“Questa di oggi è solo la punta di un iceberg molto più grande e grave - secondo l'assessore - e coinvolge tutto un sistema regionale che arranca per rinnovi contrattuali che non arrivano e personale che, di conseguenza, se ne va alla ricerca di posizioni migliorative anche della propria qualità della vita”. “Piena solidarietà va ai medici, agli infermieri e al personale tutto del 118, ma la situazione adesso va risolta con urgenza” le conclusioni dell'assessore De Masi.

Chiaravalle in festa tra musica, spettacoli e grande partecipazione

Prosegue con grande successo l'estate chiaravallese. Anfiteatro di Piazza Liceo gremito per la serata musicale di venerdì 5 agosto con Ciccio Nucera e i Parafoné in concerto.

Evento del “Chiaravalle Folk Festival” che, come una scossa di energia, ha risvegliato in tanti la passione per la tarantella, ballata con entusiasmo e bravura dal numeroso pubblico presente. Un abbraccio corale tra gli artisti sul palco e la gente. La bella serata ha bissato i numeri importanti della due giorni “normanna” che, mercoledì e giovedì, ha coinvolto centinaia di persone nelle rievocazioni storiche e culturali proposte dall'amministrazione comunale, con il momento clou della spettacolare “notte bianca” del 4 agosto.

Soddisfatti, in particolare, il sindaco, Domenico Donato, e il consigliere Gianfranco Corrado. Entrambi, nelle loro dichiarazioni, hanno sottolineato “il clima di festa e partecipazione che sta facendo finalmente trascorrere una estate davvero piacevole e divertente nella città delle Preserre”, dopo gli ultimi anni bui dei lockdown.

Intanto resta aperta e visitabile la mostra “Chiaravalle Arte” a Palazzo Staglianò, con opere in esposizione di livello nazionale e internazionale, in concorso per il premio di arte contemporanea inaugurato proprio quest'anno a Chiaravalle Centrale. 

Chiaravalle, gestione impianti sportivi: stop ai lavori e azione giudiziaria

Sospensione dei lavori e azione giudiziaria nei confronti del soggetto aggiudicatario della manifestazione d'interesse per la gestione degli impianti sportivi di località “Foresta”. Decisioni, prese, rispettivamente, dal responsabile del settore tecnico e dalla giunta comunale di Chiaravalle Centrale.

I dettagli sono stati divulgati pubblicamente dal sindaco, Domenico Donato, e dall'assessore ai Lavori Pubblici, Claudio Foti, nel corso di una conferenza stampa convocata nella sala consiliare comunale. Nel “portare a verità con documenti alla mano” l'intera vicenda sono, in particolare, emersi “i gravi ritardi del soggetto aggiudicatario che, dopo la consegna dei locali in data 24 maggio, ad oggi non ha ancora presentato alcun progetto con annesso computo metrico estimativo dei lavori indicati nel piano economico allegato in gara (pari a 47 mila e 700 euro)”.

“Sono pervenute all'ente, con più invii pec, soltanto una planimetria e una ortofoto estratta da Google” hanno spiegato Donato e Foti. “Elaborati inutili” che hanno portato “inevitabilmente” l'ufficio tecnico a sospendere le attività in corso “che nulla hanno a che fare con quanto autorizzato, nelle more, dallo stesso ufficio, ovvero la sola rimozione di alcune strutture in legno e un intervento di ripristino fognario”.

“Null'altro era stato autorizzato e, soprattutto, né ristoranti, né pizzerie” hanno ribadito sindaco e assessore, rilevando anche “incongruenze palesi tra quanto dichiarato dal soggetto aggiudicatario in sede di manifestazione d'interesse, e cioè di aver effettuato un sopralluogo per poter valutare correttamente i costi di ristrutturazione necessari, e il successivo aumento dell'investimento previsto fino a 70 mila euro per una presunta, mancata possibilità di accesso alla struttura che sarebbe stata negata dal precedente gestore”. Ai fatti in questione si associa la nomina di un legale, formalizzata dalla giunta comunale con delibera n. 65 del 2 agosto 2022, per valutare le azioni giudiziarie da intraprendere a tutela dell'immagine dell'ente dopo i reiterati interventi video, diffusi via social, dal soggetto aggiudicatario. Video nei quali “oltre a confondere tra responsabilità tecniche, politiche e amministrative” il soggetto stesso “pretende di attribuire all'amministrazione comunale responsabilità ad essa non ascrivibili, nei fatti e per legge”.

Dati anche i “contenziosi precedenti” che hanno riguardato la gestione del sito interessato “con pesanti risarcimenti ancora da pagare” per logica conseguenza “si è reso necessario procedere per come spiegato in sede di conferenza stampa, a tutela dell'ente amministrato”. Nel confermare quindi “il corretto operato sia degli uffici che della giunta” resta “il forte impegno” dell'amministrazione Donato per migliorare gli impianti sportivi in questione “dopo trent'anni di sostanziale disinteresse” con un finanziamento che riguarderà l'intera area: “rigenerativo” di 216 mila euro e “di più ampia portata” per oltre un milione e 400 mila euro che coinvolgerà anche la vicina villa comunale.

Subscribe to this RSS feed