Sequestrata discarica rifiuti speciali: denunciati imprenditore e proprietario del terreno

La Guardia di Finanza di Cosenza, nell’ambito dell’attività di controllo del territorio, ha individuato e sequestrato in Provincia di Cosenza una discarica a cielo aperto adibita a deposito di rifiuti speciali costituiti in prevalenza da tubi in plastica, materiale elettrico e blocchi di cemento. Si tratta di rifiuti derivanti da lavori di ristrutturazione svolti da una società di costruzioni il cui abbandono illecito ha creato una situazione di forte degrado dell’ambiente circostante con rischio di danni irreversibili alle falde acquifere. Grazie ad una serie di sopralluoghi e di appostamenti, i militari della Guardia di Finanza hanno appurato che i materiali di scarto venivano caricati su camion in un cantiere e poi venivano scaricati illecitamente. L’attività di indagine ha permesso ai finanzieri di risalire agli autori della condotta illecita ed alla loro denuncia all’Autorità Giudiziaria per le violazioni previste dal D.lgs. 152/2006. Le persone denunciate sono il rappresentate legale della società di costruzioni produttrice dei rifiuti ed il proprietario del terreno dove avveniva l’accumulo degli stessi senza alcuna autorizzazione. Le violazioni commesse prevedono l’arresto da 6 mesi a due anni ed un’ammenda fino a 26.000 euro. Oltre a ciò, i responsabili dovranno provvedere al ripristino dei luoghi provvedendo a bonificare l’intera area. A conclusione dell’attività, i militari hanno proceduto al sequestro del terreno usato come discarica, esteso per circa 800 metri quadrati, provvedendo alla sua delimitazione per evitare il ripetersi di scarichi illegali di detriti.

 

Tutela della spesa pubblica: scoperta truffa di un'impresa di costruzioni

Il Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Crotone, in esecuzione di un provvedimento di sequestro preventivo emesso dal giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Crotone, Michele Ciociola, ha sequestrato disponibilità bancarie, beni mobili ed immobili fino a concorrenza dell’importo di  391.000 euro nei confronti del legale rappresentante di una società di capitali operante nel settore delle costruzioni. Il decreto costituisce l’atto conclusivo dell’indagine che le Fiamme Gialle crotonesi hanno condotto in esito ad un controllo amministrativo eseguito dai finanzieri pitagorici in materia di tutela della spesa pubblica. Nello specifico, la Guardia di Finanza ha inteso monitorare l’iter relativo all’impiego di risorse comunitarie, erogate attraverso la Regione Calabria, destinate ad incentivare le imprese per l’incremento occupazionale e la formazione in azienda di dipendenti neo-assunti, tratti da particolari categorie di lavoratori svantaggiati (disoccupati di lunga data, donne, diversamente abili, altri soggetti disagiati). La specifica norma agevolativa prevedeva, oltre alla regolare assunzione dei neo dipendenti, anche il rispetto di ulteriori requisiti, quali l’impegno a mantenere impiegati i neo assunti per almeno un triennio e la previsione di una attività di formazione dedicata. Tra i destinatari di finanziamenti è stata individuata una società operante nel settore delle costruzioni, beneficiaria di un contributo di 345.000 euro per le spese relative ai costi salariali e 46.000 euro per quelle inerenti i corsi di formazione. "Gli accertamenti eseguiti dal Nucleo Polizia Tributaria di Crotone - riferisce un comunicato diffuso dalla Guardia di Finanza -  resi oltremodo difficoltosi dalla difficoltà nell’acquisizione della documentazione contabile che non è stata esibita dall’amministratore della società, hanno evidenziato la sussistenza di numerose irregolarità. In particolare, si è appurato che l’impresa ha licenziato i propri dipendenti prima del termine previsto dei trentasei mesi, senza provvedere ad effettuare nuove assunzioni che, rendendo costante il livello occupazionale, avrebbero potuto consentire il mantenimento dei requisiti indispensabili per fruire delle agevolazioni. Inoltre, molti dei lavoratori assunti in realtà provenivano da altre aziende che avevano a loro volta già beneficiato di analogo finanziamento e, pertanto, non potevano essere considerati 'nuovi occupati appartenenti alla categoria dei disoccupati di lunga durata'. Altre irregolarità sono state accertate in merito al corso di formazione che i lavoratori avrebbero dovuto frequentare, che prevedeva moduli di quattro materie per circa 300 ore complessive. Soltanto due lavoratori, infatti, hanno dichiarato di aver preso parte all’attività formativa, peraltro della durata di pochi giorni. A parte alcuni lavoratori stranieri che sono risultati irreperibili, gli altri dipendenti sentiti hanno negato di aver preso parte a corsi o stage in azienda o presso i cantieri, difformemente da quanto attestato sul registro delle presenze predisposto per la rendicontazione della spesa sostenuta alla Regione Calabria In un caso, addirittura, un dipendente ha completamente disconosciuto la paternità della sottoscrizione apposta su tale registro". Alla luce di questi elementi, è stato possibile affermare la sostanziale inesistenza dell’attività formativa e segnalare all’Autorità Giudiziaria l’indebita percezione dei finanziamenti per un totale di 391.000 euro, quale conseguenza dell’utilizzo di documentazione falsa e l’omissione di informazioni dovute all’Ente erogatore. Le situazioni riscontrate sono state altresì oggetto di apposita segnalazione, per i connessi profili di danno erariale, alla Procura Regionale della Corte dei Conti, nonché di segnalazione per la responsabilità amministrativa della persona giuridica ai sensi del D.Lgs. nr. 231/2001. "Anche quest’attività operativa - si legge nella tota trasmessa dalle Fiamme Gialle - testimonia l’impegno quotidiano del Corpo della Guardia di Finanza nel servizio volto alla tutela della spesa pubblica, per garantire che le risorse pubbliche siano correttamente indirizzate ed impiegate a sostegno di attività che possano contribuire a creare, soprattutto in questi tempi di crisi, effettive condizioni di crescita economica e di sviluppo". 

Evasione fiscale: sequestrati beni di un imprenditore edile

I finanzieri del Comando provinciale della Guardia di Finanza di Catanzaro-Gruppo di Lamezia - hanno eseguito un sequestro disposto dal Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Lamezia Terme, nei confronti di un imprenditore, già indagato per reati tributari, per aver evaso le imposte sui redditi e sull'IVA avvalendosi di fatture false. Il sequestro ha riguardato i beni di un'azienda operante nel settore della costruzione di edifici, notificato al suo rappresentante legale, comprende beni mobili, immobili e valori finanziari corrispondenti all'esposizione in dichiarazione di costi fittizi. Il sequestro è scaturito a seguito di controlli fiscali svolti da militari del Gruppo della Guardia di Finanza di Lamezia Terme, completati con l'esecuzione degli accertamenti patrimoniali nei confronti dei soggetti coinvolti, finalizzati ad individuare beni da sottoporre a sequestro a garanzia dei crediti tributari non onorati dall'imprenditore. Il responsabile delle violazioni finanziarie, nei cui confronti è stato eseguito il provvedimento cautelare, è stato anche destinatario di un'informazione di garanzia, notificata nell'occasione dagli stessi finanzieri del Gruppo di Lamezia Terme.

Frodi informatiche: arrestato latitante internazionale

Premiata l’intensificazione dei servizi di prevenzione nella città di Cosenza, predisposta per il periodo festivo, a ridosso di ferragosto. A finire nella rete dei Finanzieri della Sezione Operativa Pronto Impiego della Compagnia di Cosenza è stato un cittadino rumeno, di 36 anni, sul quale spiccava un mandato di arresto europeo. L’uomo, ricercato sul territorio dell’Unione Europea per il reato di associazione a delinquere finalizzata alla frode informatica e telematica, risulta affiliato ad un gruppo criminale specializzato nella clonazione di carte di credito e bancomat grazie alle quali è riuscito a sottrarre ingenti somme di denaro dai conti correnti di cittadini europei. Le vittime, infatti, sono inglesi, olandesi, spagnoli, cechi, austriaci, rumeni ed italiani. Dopo aver scontato una prima condanna nel carcere di Lubiana (Slovenia), nel 2013 S.C. si era reso irreperibile, al fine di evitare la pena definitiva a sei anni di reclusione e per questo l’Autorità Giudiziaria di Romania ha emesso a suo carico un provvedimento di ricerca ed arresto provvisorio a scopo di estradizione a livello comunitario. La latitanza è terminata in Cosenza, dove è stato sottoposto a controllo dai “baschi verdi” della locale Compagnia, impegnati nel dispositivo attuato per l’intensificazione dei controlli in città nel principale periodo di ferie estive. In particolare i finanzieri, insospettiti dall’incongruenza tra la nazionalità della persona e quella del veicolo, munito di targa spagnola, hanno approfondito ed esteso le ricerche al “Sistema di Informazione Schengen”, banca dati nella quale sono riportati tutti i soggetti ricercati dalle Autorità dei Paesi aderenti all’Accordo di Schengen. L’uomo è stato, quindi, tratto in arresto e associato alla Casa Circondariale di Cosenza, a disposizione della Corte d’Appello di Catanzaro che dovrà decidere in merito alla sua estradizione nel Paese di origine per scontare i sei anni di reclusione.

Intensa attività della Guardia di Finanza nel contrasto alla droga

L’attività di contrasto al traffico ed allo spaccio di sostanze stupefacenti costituisce uno tra i compiti prioritari per la Guardia di Finanza, anche per i rilevanti interessi economici che si annidano, connessi a queste attività illecite. Accanto alle investigazioni effettuate dai Reparti specializzati del Corpo, fondamentale risulta l’attività preventiva ed il controllo del territorio, nell’ambito delle quali le pattuglie si avvalgono della preziosa collaborazione dei cani antidroga. Anche in provincia di Crotone le unità cinofile (il labrador Val ed il pastore tedesco Vamos), nei primi sette mesi dell’anno, si sono distinte in numerosi servizi predisposti presso l’aeroporto Sant’Anna, lungo le rotabili di grande comunicazione (Strade Statali 106 e 107) ed in altri ambienti ritenuti particolarmente “sensibili”, quali l’autostazione, la stazione ferroviaria ed i locali da intrattenimento. In tutto sono stati effettuati 18 interventi con esito positivo, nell’ambito dei quali sono stati sequestrati 3,3 grammi di eroina, 0,4 grammi di cocaina, 9,3 grammi di hashish e 12,1 grammi di marijuana ed anche una boccetta di metadone dal peso di 46,7 grammi. Diciotto persone, risultate detentrici ai fini di uso personale delle sostanze stupefacenti, sono state segnalate al Prefetto per l’applicazione delle sanzioni amministrative previste dall’art. 75 del D.P.R. nr. 309/90. Molto intensa, infine, l’attività preventiva che ha riguardato soprattutto gli istituti scolastici cittadini. Ulteriori risultati sono stati conseguiti a seguito dell’intensificazione dei servizi disposta nel periodo ferragostano. Le pattuglie delle Fiamme Gialle, in vari interventi, hanno sequestrato complessivamente 40 grammi di marjuana e 10,3 grammi di eroina, segnalando all’Autorità Giudiziaria tre persone, di cui una in stato d’arresto.

Vibo, Guardia di Finanza: cambio al vertice del Comando provinciale

Dopo quattro anni il Colonnello Paolo Valle lascia il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Vibo Valentia e passa le consegne al Colonnello Elia Carmelo Pallaria. Alla presenza Comandante Regionale della Calabria, Generale di Divisione Gianluigi Miglioli, i due ufficiali si sono avvicendati nel comando. Il Colonnello Valle, destinato alla Capitale quale ufficiale di collegamento presso il Ministero dello Sviluppo Economico ha voluto salutare i collaboratori, il personale dell’Associazione Nazionale Finanzieri in Congedo, ringraziando per l’impegno e la disponibilità dimostrata in ogni circostanza. Inoltre ha ringraziato tutte le istituzioni ed i cittadini onesti della bellissima provincia di Vibo Valentia augurando loro ogni bene. Il Colonnello Elia Carmelo Pallaria, già Comandante del Reparto Tecnico Logistico Amministrativo della regione Calabria, ha voluto sottolineare la volontà di profondere ogni energia nel delicato incarico. L’impegno è quindi quello di continuare nell’efficace opera di servizio e di armonica cooperazione istituzionale finalizzata al perseguimento dell’interesse pubblico e delle esigenze di legalità dei cittadini. Il Comandante Regionale ha concluso la breve ma significativa cerimonia richiamando i caratteri essenziali dei due Ufficiali in avvicendamento: umiltà e attenzione per il personale unite ad una elevata professionalità sempre orientata al servizio

La Guardia di finanza sequestra una tonnellata di fuochi pirotecnici, denunciate tre persone

I “baschi verdi” del Gruppo della Guardia di Finanza di Sibari hanno individuato, nel comune di Trebisacce (CS), un deposito illegale di materiale pirotecnico nel quale hanno sottoposto a sequestro 300 artifici pirotecnici per circa una tonnellata di materiale esplodente. I militari, nell’ambito delle ordinarie attività di controllo economico del territorio, hanno rilevato una serie di movimenti anomali da parte di alcuni soggetti che nei pressi di un immobile in costruzione destinato a civile abitazione erano intenti a caricare su di un’autovettura diverse scatole. La conseguente, immediata, attività di controllo ha permesso di identificare due persone intente a maneggiare il materiale esplodente privo delle necessarie autorizzazioni di pubblica sicurezza.  Le attività di controllo all’interno dell’immobile in costruzione hanno permesso di rinvenire ulteriori scatole di fuochi pirotecnici detenute illegalmente. Dal successivo esame tecnico è emerso che si trattava di fuochi pirotecnici appartenenti alle categorie IV e V, ovvero materiale esplodente molto pericoloso, anche in considerazione dell’ubicazione, in una zona abitata, del deposito. I due soggetti detentori dei fuochi pirotecnici ed il proprietario dell’immobile sono stati denunciati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Castrovillari, per violazione delle norme concernenti la custodia, il trasporto e la commercializzazione di materiale esplodente.

Tutela dei consumatori: sequestrati migliaia di giocattoli e prodotti insicuri

Le Fiamme Gialle hanno sequestrato quasi seimila articoli privi dei requisiti di sicurezza che erano stipati all'interno di un locale adibito al commercio all'ingrosso di giocattoli e prodotti per la casa. Di origini cinesi il titolare dell'esercizio commerciale,a carico del quale gli investigatori hanno notificato una segnalazione all'autorità amministrativa. La perquisizione effettuata dai militari della Guardia di Finanza di Lamezia Terme ha permesso di rinvenire, ad esempio, cuffie per il mare e salvagenti sprovvisti delle informazioni prescritte dalle norme adottate a tutela dei consumatori. Mancavano, inoltre, le etichette che indicano il luogo in cui gli oggetti sono stati fabbricati, nonché le indicazioni relative alla loro composizione. I finanzieri hanno poi sequestrato oltre quattromila prodotti, molti dei quali usati come cancelleria per gli uffici.

Subscribe to this RSS feed