Serra, a Palazzo Chimirri le poesie di Nando Scaramozzino

Appuntamento con la poesia di Nando Scarmozzino, domani (mercoledì 10 agosto), alle 18, presso Palazzo Chimirri, a Serra San Bruno, dove sarà presentato il volume “Odi d’Amore. Ai cinquanta Comuni della Provincia di Vibo Valentia”.

Una raccolta di poesie inedita ed originale, in cui Scarmozzino dedica una poesia a ciascun comune del Vibonese, magnificandone le peculiarità e le bellezze naturalistiche e paesaggistiche.

Alla manifestazione, patrocinata dall’amministrazione comunale, interverrà per i saluti il sindaco della città della Certosa Alfredo Barillari. Introdurrà i lavori il consigliere comunale Sabina Maiolo, mentre le conclusioni saranno affidate all’autore.

Il volume, edito da Libritalia.net, è stato prefato dalla scrittrice vibonese Titti Preta, mentre la postfazione è opera del critico letterario e d’arte, già in forza alla Mondadori, Giuseppe Possa. Proprio quest’ultimo non manca di rimarcare come “è la prima volta che un poeta in questa terra, pur non avara di cantori delle bellezze locali, abbia saputo radunare in un autentico “canzoniere” tutti i comuni di una Provincia, descrivendoli con penetrante voce limpida, evocativa e aggiungerei musicale (cosa che non sempre riesce, anche ai grandi vati, in liriche, come queste, d’occasione).”

  • Published in Cultura

“Odi d’Amore”, Nando Scarmozzino dedica una raccolta di poesie “Ai cinquanta Comuni della Provincia di Vibo Valentia”,

“Odi d’Amore”, con sottotitolo “Ai cinquanta Comuni della Provincia di Vibo Valentia”, è la raccolta inedita di poesie dedicate, appunto, ai singoli Comuni della Provincia di Vibo Valentia. In ordine di tempo, è l’ultima (per l’esattezza la tredicesima) pubblicazione di Nando Scarmozzino, poeta, scrittore, giornalista, di Acquaro (Vv).

   La silloge (Libritalia.ne Editrice, di Vibo Valentia) è stata prefata dalla scrittrice vibonese Titti Preta, mentre la postfazione è opera del critico letterario e d’arte Giuseppe Possa, di Villadossola (VB), già in forza alla Mondadori. Entrambi i critici insistono non solo sul valore poetico delle “Odi d’Amore”, bensì anche sulla chiara “calabresità”, proiettandola in una dimensione coerente di promozione turistica dei luoghi oggetto di ispirazione. “…Nella silloge di Nando Scarmozzino, abbiamo ravvisato sprazzi di meridionalismo nella nostalgia di un Sud quasi verghiano […] Senza pedanterie e sentimentalismi, ovvero con saggezza misurata (frutto di un maturo distacco) l’A. ha avuto la giusta intuizione di trasfigurare il contesto di appartenenza e di creare i petali di un unico fiore: la propria terra, restituita nel suo paesaggio fisico e umano.”

“…Ed è la prima volta che un poeta in questa terra, pur non avara di cantori delle bellezze locali, abbia saputo radunare in un autentico “canzoniere” tutti i Comuni di una Provincia, descrivendoli con penetrante voce limpida, evocativa e aggiungerei musicale (cosa che non sempre riesce, anche ai grandi vati, in liriche, come queste, d’occasione). 

  Dal canto suo l’autore non nasconde di avere scritto ogni poesia per i singoli Comuni della Provincia di Vibo Valentia tenendo conto del vincolo che lega ogni residente ed ogni emigrato al paese natio: una sorta di secondo cordone ombelicale, che per Scarmozzino è indisssolubile. E aggiunge: “Con questa raccolta di poesie, dedicate ai cinquanta Comuni della nostra provincia di Vibo Valentia, cerco di offrire agli abitanti, uomini donne bambini, un motivo in più per amare, alimentando sempre di più questo sentimento, il proprio luogo natio, riconoscendosi nella sua unicità, contribuendo a migliorarlo e non facendo finta di dimenticarlo una volta andati via, pur per valide ragioni. Tanto non sarà mai possibile. Ecco perché credo che il senso di appartenenza deve essere una parola d’ordine.” Nando Scarmozzino così conclude: “Questo mio nuovo libro merita attenzione e considerazione, specialmente in un momento in cui, finalmente, i luoghi della Calabria e della Provincia di Vibo in questo caso, salgono agli onori della cronaca per le loro bellezze, sapori, saperi, unicità.”

 

 

 

 

  • Published in Cultura

“Incommensurabilmente”, il volume di poesie di Nando Scarmozzino sarà presentato a Sarra San Bruno

Un libro di poesie con al centro la consapevolezza che l’amore supera anche la morte.

Il volume “Incommensurabilmente” di Nando Scarmozzino, giornalista scrittore e poeta, originario di Acquaro, verrà presentato venerdì 6 aprile alle ore 18,00 presso lo storico salone di Palazzo Chimirri, a Serra San Bruno.

All’evento, organizzato con il patrocinio del Comune di Serra San Bruno, prenderanno parte: il sindaco Luigi Tassone che porterà i saluti anche dell’amministrazione comunale, il presidente della Rivista “Santa Maria del Bosco” Domenico Calvetta ed il giornalista Maurizio Onda, che farà da moderatore e relazionerà sul contenuto del volume.

Gli intermezzi musicali sono stati affidati a Rocco Zappone, al nono anno di chitarra classica presso il Conservatorio Statale di musica “Fausto Torrefranca” di Vibo Valentia. Per l’autore questo è il terzo, in ordine di tempo, libro di poesie.

Già presentato in 16 Comuni della provincia di Vibo Valentia ed in quella di Reggio Calabria, l’opera ultima di Nando Scarmozzino continua a riscuotere successo di critica e di pubblico.

Un successo che ha varcato i confini regionali, arrivando fino a Domodossola (VB) e a Torino.

Nella città della Mole, in particolare, il poeta ha illustrato il messaggio che scaturisce dalle poesie in un’aula dell’Università degli Studi di Torino al cospetto di una settantina di studenti del corso “Antropologia e Studi di genere” di cui è titolare  Mara Francese.

Mentre in calendario se ne annunciano diverse altre, quella di Serra San Bruno, città impregnata di forte e secolare religiosità, è considerata dall’ utore una tappa importante per ribadire che “l’amore domina e agita tutte le cose ed è il fondamento per la rinascita e la riaffermazione del mondo e dell’umanità”. 

  • Published in Cultura
Subscribe to this RSS feed