Attenzione
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 983

Serra. Lunghe file per i vaccini al Consultorio familiare, Tassone incontra i vertici dell’Asp

Il sindaco di Serra San Bruno, Luigi Tassone, ha incontrato i vertici dell’Azienda sanitaria provinciale di Vibo Valentia, ai quali il primo cittadino, sollecitato da numerosi utenti, ha elencato “i disagi che, da un po’ di tempo a questa parte, si manifestano presso il Consultorio familiare, riguardanti da un lato le lunghe file ed il mancato rispetto degli orari prestabiliti per l’effettuazione dei vaccini e, dall’altro, la carenza di personale”. All’incontro, oltre al principale inquilino di palazzo Tucci, hanno preso parte anche il direttore generale dell’Asp, dottoressa Angela Caligiuri, il direttore sanitario, dottor Michelangelo Miceli ed il direttore del dipartimento Prevenzione, dottor Cesare Pasqua. “Ai vertici aziendali – evidenzia il sindaco – ho fatto notare queste criticità, così come, allo stesso tempo, ho chiesto esplicitamente un aumento di personale, visto che il Consultorio familiare soddisfa le esigenze di un territorio abbastanza ampio come quello dell’entroterra vibonese.  A breve, dunque, dovrebbe arrivare un altro medico, che andrà ad affiancare il personale già esistente. I dirigenti dell’Asp di Vibo hanno preso un impegno serio e concreto riguardo le problematiche che ho provveduto ad esporre durante l’incontro. Vorrei ringraziare – conclude Tassone - la dottoressa Caligiuri, il dottor Miceli ed il dottore Pasqua per la sensibilità e la disponibilità dimostrata”.

Serra. Guasto all’acquedotto, Spinetto senz’acqua fino a mezzogiorno

Un problema riscontrato all’acquedotto è la causa dei disagi per gli abitanti del quartiere di Spinetto che non potranno usufruire del prezioso liquido che fuoriesce dai rubinetti. Il sindaco Luigi Tassone ha comunque reso noto che i tecnici sono già al lavoro e che la questione dovrebbe essere risolta entro mezzogiorno.

Serra. Visita Lotti, Tassone: “Segnale di attenzione del Governo”

“La visita del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Luca Lotti a Serra San Bruno e alla gente ha rappresentato  un chiaro segnale di attenzione che il Governo nazionale, guidato dal presidente Matteo Renzi, ripone nei confronti del Mezzogiorno, della Calabria ed in particolare del nostro territorio”. È quanto afferma il sindaco Luigi Tassone che aggiunge: “per l’intera amministrazione comunale e per il sottoscritto aver accolto nel palazzo municipale il sottosegretario Luca Lotti ha rappresentato un onore, cosi come altrettanto importante è stato accogliere il presidente della Giunta regionale della Calabria, Mario Oliverio, e diversi altri parlamentari calabresi. Luca Lotti, ha dedicato un’intera giornata alla scoperta e alla visita di alcune realtà positive presenti nella provincia vibonese, sia amministrative, e quindi pubbliche, che aziendali private, come quella fatta all’azienda ‘Colacchio’ di San Costantino. Quella di Lotti – specifica il capo dell’esecutivo - non è certamente stata una passerella politica ma è stata l’occasione per riscontrare, dopo le scelte operate in sede Cipe, di cui è segretario, con importanti investimenti sulla viabilità calabrese, le tante problematiche che ancora attanagliano la nostra terra. Una visita nella quale il sottosegretario Lotti ha saputo dimostrare di essere in grado di leggere le diverse sfaccettature della realtà calabrese alla presenza di molti sindaci dell’entroterra vibonese di cui Serra San Bruno ha il ruolo di comune capofila. Un chiaro impegno è stato assunto anche per l’intero completamento della Trasversale delle Serre sia sul tratto vibonese che sull’ultimo tratto soveratese che ancora deve vedere la luce. Un ringraziamento particolare, infine, lo voglio rivolgere  all’onorevole Bruno Censore per il lavoro che quotidianamente porta  avanti in favore di  questo territorio e della Calabria tutta, e per aver fortemente voluto la presenza del Sottosegretario Luca Lotti a Serra San Bruno. Come amministrazione comunale – conclude Tassone - sapremo sicuramente cogliere le opportunità offerte dal Governo agli enti locali e sono sicuro che in quel contesto non mancherà il sostegno dell’esecutivo nazionale e del sottosegretario Lotti nei confronti del quale riponiamo tanta fiducia”. 

Serra, è ancora scontro in Consiglio comunale sulla raccolta differenziata

Serpeggia ancora la tensione fra i diversi gruppi presenti in Consiglio comunale. Il civico consesso (assenti Cosimo Polito e Francesco Zaffino) vive infatti una seduta caratterizzata da un acceso scambio di vedute fra le parti in causa dal quale emerge uno scontro che sembra andare al di là del profilo prettamente amministrativo. In apertura, il sindaco Luigi Tassone risponde all’interrogazione di “Liberamente” illustrando “la difficile situazione di partenza” con riferimento ai rifiuti e sottolineando “gli effetti del sequestro dell’isola ecologica” e “l’abbandono del parco macchine”. Ammette l’assenza di un piano economico, ma rileva “l’evidente risparmio” derivante dal nuovo sistema di raccolta e “la diminuzione dell’indifferenziato”. Rosanna Federico mostra insoddisfazione per “una risposta che non è stata dettagliata” e ribadisce “la perdita rispetto al servizio svolto in autonomia”. Dello stesso avviso è Alfredo Barillari per il quale “quelle dette dal sindaco sono cose note”, peraltro prive di “cifre precise”, ed indicano “una scelta sbagliata” dell’impostazione del servizio di raccolta che, dato l’abbinamento dell’umido all’indifferenziato, si traduce in “disagi per i cittadini” e “non consente risparmi”. Tassone specifica che “è stata tamponata l’emergenza” ed il vicesindaco Walter Lagrotteria aggiunge che “della situazione è ben cosciente qualche esponente oggi nelle fila di ‘Liberamente’ ”. Jlenia Tucci coglie l’occasione per informare che relativamente al progetto del potenziamento della rete idrica “al momento non c’è nessuna revoca, ma l’amministrazione regionale intende procedere in tal senso. Tuttavia – spiega la rappresentante di ‘In Alto volare’ – il Comune, per evitare la revoca, può presentare una nota facendo presente che è già stata indetta una gara, che è stato sottoscritto il mutuo e che le prime rate sono state pagate”. Il primo cittadino esprime la volontà di “rivedere il progetto” in quanto “carente” e rassicura circa “il distacco da Sorical”. Ma la discussione sorta dal fuoriprogramma di Tucci, allo stesso modo del dibattito sui rifiuti, lascia trapelare un evitabile nervosismo stoppato dalla presidente del Consiglio Maria Rosaria Franzè che procede al passaggio al successivo punto all’ordine del giorno. Sulla deliberazione n. 47/2016 della Corte dei Conti relazione Lagrotteria che pone l’accento sulle “criticità” concernenti “la riscossione dei tributi” e “le erogazioni ai dipendenti”. Il disco verde alla presa d’atto avviene con l’astensione delle opposizioni. Identica votazione poi sul riconoscimento di un debito fuori bilancio con Federico che invoca “una ricognizione delle sentenze esecutive” e Tassone che replica sostenendo che “siamo impegnati in una ricognizione di tutto il contenzioso”, settore additato come “esplosivo”. 

Serra. Vandali all’opera, l’Esecutivo comunale: "Pronta l’installazione di telecamere"

Furti di piante, cartellonistica divelta, muri imbrattati. E poi, deposito indiscriminato della spazzatura in ore e luoghi vietati. "Atti di vandalismo che, oltre a danneggiare l’immagine della cittadina della Certosa alla quale l’Amministrazione comunale di Serra San Bruno - come si legge in una nota - si era operata a restituire il giusto decoro, provocano un vero e proprio danno patrimoniale ai danni dell’intera collettività. Gesti sconsiderati, ma per fortuna isolati, che l’Esecutivo comunale guidato dal sindaco, Luigi Tassone, dopo l’operazione di abbellimento messa in opera durante l’estate, intende perseguire con determinazione per far morire sul nascere un fenomeno che potrebbe inficiare tutta una strategia amministrativa volta al riscatto morale e materiale della cittadina montana, capofila dell’entroterra vibonese dove arte, storia, spiritualità e cultura si prendono per mano. E’ della scorsa notte il totale furto delle piante di abbellimento messe in opera sul lungofiume per riscattarlo dall’annosa dimenticanza e restituirlo ai cittadini come luogo di passeggio per ammirare uno dei panorami periferici più belli di Serra. Così come, ormai, è tristemente nota l’abitudine di abbandonare rifiuti per strada, lungo i parchi ed in altre belle aree della cittadina montana che vengono inquinate sia esteticamente che dal punto di vista naturalistico.  Ma ora la misura è colma e l’Amministrazione comunale intende reprimere questi fenomeni". "Purtroppo – è il commento del Primo Cittadino Luigi Tassone  – dobbiamo riscontrare che non si tratta di singole bravate, ma di veri e propri atti ripetuti frutto di sconsiderati che, pensando di fare un dispetto all’Amministrazione comunale, in realtà lo fanno all’intera comunità serrese, provocando un vero e proprio danno erariale ed un’offesa all’immagine della nostra città che intendiamo difendere con ogni mezzo. Per questo abbiamo predisposto uno studio per mettere in campo delle telecamere di sorveglianza sia sugli scorci maggiormente rappresentativi della cittadina, sia dove indiscriminatamente e senza controllo viene depositata la spazzatura in orari e luoghi vietati. Allo stesso modo è stato assegnato alla Polizia municipale il compito di combattere senza indugi tale fenomeno che dev’essere immediatamente soppresso".

Segnaletica e pulizia stradale, il sindaco Tassone scrive alla Provincia di Catanzaro e Anas

Il sindaco di Serra San Bruno, Luigi Tassone, ha inviato, al presidente della Provincia di Catanzaro, Vincenzo Bruno; al consigliere provinciale con delega alla viabilità, Francesco Mauro e al dirigente del settore Viabilità e trasporti del’ente provinciale, ingegner Floriano Siniscalco, una missiva nella quale il Primo Cittadino serrese ha chiesto la modifica della segnaletica stradale. Più in particolare, il sindaco Tassone, ha comunicato ai suddetti organi di aver riscontrato, lungo la strada che collega la cittadina di Serra San Bruno a quella di Soverato, segnaletica non più valida che necessita una urgente modifica al fine di garantire una migliore viabilità. Il sindaco ha quindi evidenziato la necessità di un intervento urgente sul tratto Satriano – Serra San Bruno (incrocio SS 182 e SP 48 che conduce all’imbocco della Trasversale delle Serre – svincolo Gagliato). Allo stesso modo il Primo Cittadino ha chiesto all’Anas Calabria di Catanzaro, nella persona del geometra Bevilacqua, un intervento mirato alla pulizia dei cigli stradali. E’ stato segnalato, infatti, che nelle strade di competenza dell’Ente SS 182 tratto diramazione DIR 713 (rotatoria di innesto) fino al centro abitato del Comune di Serra San Bruno e rotatoria d’innesto DIR 713 località Cannella da più di un anno non è alcuna manutenzione e pertanto nei tratti di strada che collega Serra san Bruno a Soriano e Serra San Bruno a Spadola la presenza di erbacce ed arbusti pregiudica la sicurezza e la fruibilità delle arterie a causa di una scarsa visibilità. Per questo, e per la vocazione turistica della cittadina della Certosa che vede aumentare in estate il numero di visitatori, turisti e residenti stagionali, il capo dell’Esecutivo serrese ha chiesto un intervento urgente per il ripristino della circolazione stradale in tutta sicurezza. 

 

Serra, il sindaco Luigi Tassone assegna le deleghe

“Come annunciato nel corso del Consiglio comunale svoltosi ieri, oggi procediamo alla comunicazione delle deleghe assegnate a consiglieri ed assessori”. Questo l’incipit con il quale il sindaco Luigi Tassone ha aperto la conferenza stampa svoltasi nella sala Giunta del palazzo municipale. “Forse è la prima volta – ha aggiunto il sindaco – che tutti i consiglieri vengono coinvolti attivamente nell’attività amministrativa. Prima di procedere all’assegnazione delle deleghe non mi sono confrontato con nessuno, ho proceduto sulla scorta del lavoro svolto da ciascuno in questi primi 60 giorni di mandato”. Tassone ha poi stilato un primo bilancio dell’attività svolta finora. “Grazie al contributo di tutti i consiglieri comunali – ha dichiarato – abbiamo ripulito il paese; ripristinato la pubblica illuminazione, il lungofiume, Santa Maria e l’area limitrofa alla Certosa; recuperato un finanziamento con il quale realizzare un portale turistico”. Prima di procedere alla comunicazione delle deleghe il primo cittadino ha annunciato un’ “operazione verità” con la quale nei prossimi giorni “ i cittadini saranno informati sulle condizioni in cui abbiamo trovato il Comune”. Di seguito le deleghe:

Walter La Grotteria (vice sindaco) : Affari generali, bilancio, affari istituzionali, finanze, tributi e personale;

 Francesco Zaffino (assessore): Lavori pubblici, manutenzione e territorio;

Assessore Valeria Giancotti (assessore): Innovazione; progetti strategici, punti wi-fi, gioventù, edilizia sportiva, politiche comunitarie, bandi europei, tutela e valorizzazione dei luoghi di culto con particolare riferimento a Santa Maria del Bosco ed alla Certosa;

Assessore Gina Figliuzz (assessore)i: Contenzioso, commercio, artigianato, partecipazione del cittadino, politiche per la tutela del cittadino;

Consigliere Adele La Rizza (consigliere): Servizi sociali e alla persona, politiche per la famiglia, pari opportunità e politiche per l’immigrazione;

Consigliere Brunella Albano (consigliere): Istruzione e politiche educative, mense scolastiche, servizi per l’infanzia, biblioteca, gemellaggi, e toponomastica;

Consigliere Maria Rosaria Franzé consigliere): Attività culturali e turismo;

Consigliere Antonio Gallè (consigliere): Decoro urbano, verde pubblico, segnaletica, soste e parcheggi

Consiglio comunale. Ok assestamento di bilancio, disco verde ad un nuovo Gal: minoranze astenute

A distanza di oltre due mesi dalle elezioni amministrative, nella cittadina della Certosa non scompaiono i toni da campagna elettorale e gli scontri fra le diverse fazioni. Strano, però, che all’accesa dialettica faccia seguito il voto di astensione da parte delle opposizioni su strumenti dalla particolare valenza politica. Il Consiglio comunale (assente Francesco Zaffino) scorre così sulle continue onde di botta e risposta che lasciano trasparire la visione politica e sociale delle diverse compagini. Dopo l’approvazione del verbale della seduta precedente, passa la mozione per l’adozione della “Carta di avviso pubblico”, presentata da Rosanna Federico come momento di “avvicinamento dei cittadini alla politica”, con le perplessità di Jlenia Tucci (astenuta) concernenti l’effettiva concretezza di questo tipo di codice. Respinta, invece, l’altra mozione di “Liberamente” riguardante “l’introduzione audio/video delle adunanze”: Alfredo Barillari sottolinea l’esigenza di “coinvolgere i cittadini” ed il sindaco Luigi Tassone precisa che “le registrazioni, che devono essere unicamente a cura dell’Ente, saranno effettuate una volta recuperati gli appositi locali del palazzo municipale”. Ne scaturisce una polemica fra lo stesso Barillari, che intravede l’ombra dello “scaricabarile”, e Walter Lagrotteria, che adduce motivazioni inerenti “le risorse tecniche e gli investimenti economici”. Lo stesso vicesindaco indica la presenza di una lettera di revoca del finanziamento concesso dalla Regione, ammontante a 250.000 euro, per il potenziamento del sistema idrico, ma Tucci (presentatrice dell’interrogazione) rileva l’assenza di un decreto di revoca insistendo poi per la velocizzazione del distacco da Sorical. Sull’argomento, Polito specifica di non essere mai venuto a conoscenza della missiva e Barillari auspica “una vera unione di intenti per il distacco da Sorical, andando oltre i tecnicismi”. Meno problematica la discussione sull’interrogazione, anch’essa vergata dalla rappresentante di “In alto volare – Serra pulita”, con ad oggetto il recupero del Parco delle rimembranze, considerato che Lagrotteria garantisce che “stiamo dando corso agli adempimenti”. Disco verde, sempre con l’astensione delle opposizioni, alle “linee programmatiche di governo” - anche se Barillari punta l’indice contro le criticità del nuovo sistema di raccolta differenziata e Tassone replica che “abbiamo 5 anni per attuare il programma” – ed al riconoscimento di 5 debiti fuori bilancio. Stesso canovaccio sulla ratifica della delibera di Giunta comunale con la quale è stata approvata la rassegna “Serrestate” con il discorso che ricade, per effetto delle sferzate di Federico e Barillari, sulla gestione dei parcheggi di Santa Maria e sulle casette ivi presenti. Tassone, che annuncia l’imminente assegnazione delle deleghe, puntualizza che i parcheggi saranno “a breve gestiti con lavoratori socialmente utili che stiamo individuando” poiché nessuna cooperativa si è resa disponibile per il servizio. Il sindaco evidenzia inoltre che “il fascicolo relativo all’assegnazione delle casette è sparito durante la consiliatura di Rosi”. Le minoranze si astengono poi anche sull’assestamento generale di bilancio. Sulla creazione di un nuovo Gal, Tassone riscontra “l’assenza di risultati tangibili” e “la gestione privatistica” del Gal “Monte Poro - Serre Vibonesi”, mentre Tucci, pur riconoscendo la validità dello strumento, chiede maggiori informazioni sulla strategia condivisa da mettere in campo, sui partecipanti e garanzie sulla leadership di Serra. Tassone asserisce che saranno “30 comuni a partecipare” e ammette che si tratta di “una scelta politica” aggiungendo che c’è “la volontà di creare discontinuità”. Accolta la richiesta dell’Anas per la “cessione del relitto stradale sito in località Timpone Tondo”. Infine, alla prima votazione (secondo l’articolo 18 dello Statuto, era richiesta “la maggioranza dei 2/3 dei componenti del consesso per i primi due scrutini e la maggioranza assoluta per gli scrutini successivi”), Maria Rosaria Franzè viene eletta presidente del Consiglio con 8 preferenze (3 schede bianche).

Subscribe to this RSS feed