Sbarco di migranti in Calabria, fermati i presunti scafisti

Due cittadini ucraini, S. O. e Y. O., di 31 e 25 anni, sono stati fermati dagli uomini della polizia di Stato di Crotone, perché ritenuti gli scafisti dell’imbarcazione dalla quale, lunedì scorso, sono sbarcati 39 migranti di nazionalità irachena.

Le indagini condotte dai poliziotti della Squadra mobile e dai finanziari della Sezione operativa navale della città pitagorica si sono concentrate sui due ucraini, soprattutto per il fatto che erano gli unici di nazionalità diversa rispetto ai migranti.

Inoltre, il recupero dell’imbarcazione impiegata per lo sbarco, ha permesso agli investigatori di acquisire ulteriori elementi di colpevolezza a carico dei due cittadini ucraini ritenuti responsabili del reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

 Pertanto, i due sono stati sottoposti a fermo d’ indiziato di delitto ed associati presso la casa circondariale di Crotone.

  • Pubblicato in Cronaca

Auto in fiamme sotto un portico, intervengono i vigili del fuoco

Tanta paura nel quartiere Fondo di Gesù di Crotone, dove, poco dopo le 14 di oggi, una Volkswagen Polo è andata a fuoco mentre era parcheggiata nel portico di una palazzina.
 
Sul posto sono prontamente intervenuti i vigili del fuoco del locale Comando provinciale, che hanno impedito alle fiamme di raggiungere le tubature del gas poste nelle vicinane
 
Allo stato non sono ancora chiare le origini del rogo.
  • Pubblicato in Cronaca

Trovato con un chilo d'eroina, 23enne finisce in manette

Un cittadino bulgaro, Dimitrov Tododov Dimitar, di 23 anni, è stato arrestato a Crotone dalla polizia di Stato, con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

In particolate, durante una perquisizione a casa del giovane, i poliziotti hanno rinvenuto un chilo e 58 grammi d'eroina.

Una volta sequestrato lo stupefacente, gli agenti hanno tratto in arresto il 23enne.

  • Pubblicato in Cronaca

Agguato in Calabria, arrestato il presunto killer

È stato identificato e arrestato uno dei presunti responsabili dell’omicidio di Giovanni Tersigni, il 36enne freddato sabato scorso, in pieno centro storico, a Crotone (Per leggere la notizia clicca qui).

La polizia di Stato ha, infatti, arrestato Paolo Cusato, 30 anni, di Crotone.

Ad incastrare il presunto killer, sono state alcune immagini acquisite dagli investigatori che hanno immortalato il 30enne mentre si disfava di una busta di platica nella quale sono stati rinvenuti: la pistola semiautomatica calibro 7,65 usata per l'agguato, un berretto da baseball, una polo blu ed un paio di guanti in lattice.

Inoltre, nel corso della perquisizione effettuata a casa di Cusato, i poliziotti hanno trovato indumenti corrispondenti a quelli indossati dall’assassinio.

Il trentenne è stato pertanto arrestato e condotto in carcere a disposizione dell’autorità giudiziaria.

  • Pubblicato in Cronaca

Agguato in Calabria, morto il 36enne ferito ieri

E’ morto la notte scorsa, Giovanni Tersigni, il 36enne che poco dopo le 19 di ieri era rimasto vittima di un agguato consumato nel centro storico di Crotone.

Dopo essere era stato raggiunto alle gambe da alcuni colpi di pistola esplosi da uno sconosciuto, Tersigni era stato portato in codice rosso all’ospedale San Giovanni di Dio di Crotone, dove è deceduto nella notte.

Sull'accaduto indagano gli uomini della Squadra Mobile pitagorica, che stanno cercando di mettere insieme gli elementi necessari per poter dare un volto al sicario. 

Sorpreso a rubare tubi in rame in un cantiere, arrestato

Un crotonese, M.G., di 51 anni è stato arrestato dai poliziotti della questura pitagorica, con l’accusa di furto aggravato.

L’uomo è stato sorpreso in un cantiere edile, mentre era intento a portar via tubi in rame per impianti termoidraulici.

Dopo le formalità di rito, il 51enne è stato posto ai domiciliari.

  • Pubblicato in Cronaca

Prima molesta i passanti, poi aggredisce i poliziotti. Nigeriano 33enne finisce in manette

Lesioni personali volontarie, violenza e resistenza a pubblico ufficiale. Queste le accuse con le quali un 33enne, O.M., di nazionalità nigeriana è stato arrestato a Crotone dai poliziotti della locale questura.

L’arresto è scattato in seguito ad una richiesta, giunta al 113, con la quale era stata segnalata la presenza, in piazza Pitagora, di un uomo intento a molestare alcune persone.

Giunti sul posto, i poliziotti hanno notato O.M. mentre infastidiva i passanti urlando, gesticolando e chiedendo loro denaro.

Alla loro vista, il cittadino extracomunitario si è scagliato contro gli agenti, colpendoli con  calci e gomitate.

Nonostante l’aggressione subita, i poliziotti sono riusciti a bloccare ed arrestare l’esagitato.

Durante la colluttazione, uno degli agenti ha riportato una distorsione al polso ed un trauma all’avambraccio sinistro.

  • Pubblicato in Cronaca

Alla vista dei carabinieri lanciano la droga dal finestrino, arrestati

I carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Petilia Policastro (Kr) hanno arrestato un 21enne e un 22enne, entrambi di Crotone, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

I due giovani, fermati mentre si trovavano a bordo di un’autovettura, hanno tentato di disfarsi di un involucro con all’interno 35 grammi di eroina.

Pertanto, i due sono stati arrestati e posti  ai domiciliari.

  • Pubblicato in Cronaca
Sottoscrivi questo feed RSS