Fabbricato costruito su suolo demaniale: sequestrata l'area

Un terreno della grandezza di mille metri quadri è stato posto sotto sequesto da personale della Guardia costiera e del Reparto operativo aeronavale della Guardia di Finanza di Vibo Valentia. Gli accertamenti compiuti hanno permesso di appurare, secondo gli investigatori, che un immobile in muratura era stato edificato, nel Vibonese, su una superficie appartenente al Demanio marittimo, senza alcuna autorizzazione o concessione. Una denuncia è stata notificata al presunto autore del reato. 

Deteneva cocaina ed una carabina: arrestato dalla Polizia

Agenti della Squadra Mobile di Vibo Valentia hanno tratto in arresto un quarantaquattrenne accusato di detenzione di sostanze stupefacenti e trovato in possesso di una carabina con la matricola abrasa e dotata di silenziatore.  I 14 grammi di cocaina, l'arma dotata di silenziatore e cento munizioni sono stati scoperti all'interno di sacche plastificate nel corso di una perquisizione nella casa ed in un magazzino di Nicola Cilurzo, l'uomo finito in manette. I controlli sono stati effettuati con il supporto di Baby e Maicon, due cani labrador antiesplosivo.

Pub distrutto da un incendio doloso

E' stato devastato dalle fiamme causate da un incendio di probabile natura dolosa il pub "Pequod" di Vibo Valentia.  La struttura che ospita il locale, ubicato nel centro storico del capoluogo di provincia, ha subito danni gravissimi. Solo il tempestivo intervento dei vigili del fuoco, ha impedito alle fiamme di distruggere completamente l'intera struttura. Sull'episodio sono state avviate le indagini da parte dei carabinieri che hanno già compiuto numerosi accertamenti. Gli investigatori hanno ipotizzato la natura dolosa dell'incendio dopo aver rinvenuto, manomesso, il lucchetto che chiudeva il portone d'ingresso del locale.

Santelli esulta: "Elio Costa riporterà Vibo al suo antico splendore"

“Congratulazioni di cuore al nuovo sindaco di Vibo Valentia Elio Costa". Lo dichiara in una nota Jole Santelli, Coordinatore Regionale di Forza Italia. "Costa, torna a riprendere il lavoro che aveva lasciato forte della stima che ha saputo conquistare - prosegue Santelli - e delle aspettative e speranze che i cittadini hanno riposto in lui. Dai dati in nostro possesso anche la lista di diretto riferimento di FI ha avuto una buona affermazione, cosa particolarmente rilevante considerato che anche nelle altre liste sono state candidate persone vicine al nostro partito. Abbiamo creduto e, con lealtà contribuiremo, nel progetto di città che Elio Costa vuole costruire nella certezza che Vibo sia nelle mani di un sindaco che saprà riportarla al Suo splendore e che riuscirà a farne un modello amministrativo. FI sarà al suo fianco in tutte le battaglie con i propri consiglieri comunali, regionali e la propria deputazione". Un ringraziamento - termina il comunicato del Coordinatore Regionale - al coordinatore Provinciale Domenico Arena al consigliere Mangialavori ed a tutti coloro che hanno contribuito a questo successo". 

Amministrative in Calabria, alle 12 ha votato il 16,76% degli aventi diritto

Sfiora quasi il 17 % l’affluenza al voto, rilevata alle 12, nei sessanta comuni calabresi chiamati a rinnovare gli organi amministrativi. La provincia che ha fatto registrare la percentuale più alta è quella di Crotone (22,09), seguita da Vibo Valentia (18,85), Reggio Calabria (16,46), Cosenza (16,24) e Catanzaro (16,05). Per quanto riguarda, invece, i centri con popolazione superiore ai 15 mila abitanti è stata Vibo Valentia la città che ha fatto registrare la maggiore partecipazione dei cittadini. Alle 12, infatti, si era recato alle urne il 20,72% degli aventi diritto. Poco più bassa la percentuale registrata a Gioia Tauro dove ha votato il 19,39% del corpo elettorale. Più contenuta l’affluenza a Siderno (16,27%), Castrovillari (16,15%) e Lamezia Terme (15,25%). Sembrano piuttosto disinteressati, invece, gli elettori di San Giovanni in Fiore che nella prima fase delle operazioni di voto hanno sostanzialmente disertato i seggi. Nel popoloso centro della Sila, infatti, alle 12 aveva votato soltanto l’11,66% degli aventi diritto.

Vibo, fallisce la Marenostro

Il Tribunale di Vibo Valentia ha decretato il fallimento della "Marenostro", l'azienda vibonese, nata nel 2002, che nel 2006 aveva rilevato l'ex Nostromo. Si tratta del definitivo colpo di grazia alle residue speranze dei lavoratori che da oltre un anno non percepivano lo stipendio. La sentenza arriva dopo che nel giugno del 2014 l'azienda aveva interrotto la produzione. Il provvedimento rappresenta un altro duro colpo al fragile tessuto economico di un territorio che sembra essere definitivamente condannato alla marginalità.

 

Comunali Vibo, La Gamba (Democratici con Lo Schiavo Sindaco): "Bisogna ampliare l'offerta turistica"

“Purtroppo da un po' di anni a questa parte il turismo, sia a Vibo città ma soprattutto nelle Marinate, stenta a decollare. E la responsabilità ritengo sia da attribuire alle varie amministrazioni che negli ultimi anni sono state al governo le quali, non solo hanno fatto sprofondare la nostra bellissima città nel buio più di totale sotto tutti i punti di vista ma, per giunta, non sono stati in grado neppure di investire su un settore strategico come il Turismo che può servire anche per il rilancio dell'occupazione”. È quanto afferma, in una nota, il candidato alla carica di consigliere comunale per la lista “Democratici con Lo Schiavo Sindaco” alle amministrative del 31 maggio prossimo, Francesco La Gamba: “Un paio di anni fa – prosegue La Gamba – Vibo era conosciuta in tutta Italia per gli eventi che venivano organizzati. Pensiamo, ad esempio, ad iniziative come “Canzonissima”, “Campanile Sera”, “L'Agosto vibonese” e tanti altri che hanno portato nella nostra città tantissimi personaggi del mondo dello spettacolo, della televisione e del cinema. Oggi, invece, questo non avviene, soprattutto perché in tutti questi anni si è pensato a spendere quelle poche risorse economiche che si hanno per organizzare un solo evento, piuttosto che investire lo stesso budget in tante iniziative, così da avere anche un'offerta turistico-culturale più ampia”. Queste, dunque, le ricette di La Gamba per rilanciare un settore strategico come quello del turismo: “Se si vuole davvero puntare sul turismo, innanzitutto, bisogna creare un'offerta più ampia, in modo da avere turismo sia nel periodo estivo che in quello invernale. Secondariamente, è necessario valorizzare le tante ricchezze delle quali Vibo può contare, come ad esempio Villa Gagliardi, ormai da tempo abbandonata a sé stessa, per organizzare eventi culturali all'aperto, come del resto avviene anche nelle grandi città”. Per il candidato alla carica di consigliere comunale della lista “Democratici con Lo Schiavo Sindaco”, inoltre, va tenuto in considerazione anche il fatto di “creare un ufficio turistico, che sia in grado di dare consulenza e informazioni ai turisti che visitano la nostra città, ma anche le Marinate. Ciò – conclude La Gamba – significa sia offrire un servizio migliore e più efficace, ma anche dare ai giovani la possibilità di trovare un lavoro, puntando tutto sul turismo 365 giorni all'anno”.

Allarme bomba al tribunale di Vibo, sospese le udienze

Doppio allarme bomba al tribunale di Vibo Valentia. Secondo le prime indiscrezioni pare che a lanciare l'allarme siano state, intorno alle 10, due diverse telefonate. In un primo momento la segnalazione sembrava riguardare il nuovo tribunale, successivamente una nuova telefonata avvertiva della presenza di un ordingo nella vecchia sede di viale Regina Margherita. Ovviamente le udienze sono state sospese. Da segnalare che stamane doveva essere celebrato il processo Balck Money nel quale erano chiamati a rispondere alcuni esponenti del clan Mancuso.

 

Subscribe to this RSS feed