Redazione

Redazione

Website URL:

Vibo, Pietro Comito confermato presidente della Commissione Controllo e garanzia

Katia Franzè, capogruppo di Coraggio Italia in seno al Consiglio comunale di Vibo Valentia, esprime soddisfazione per la conferma del consigliere e commissario Pietro Comito a presidente della V Commissione consiliare Controllo e garanzia.

«Pietro Comito – sottolinea la Franzè -  è sempre stato apprezzato non solo dal nostro gruppo (Giuseppe Russo ed Elisa Fatelli gli altri componenti), a cui appartiene ed a cui ha sempre fornito un fondamentale apporto, ma anche dai più della massima assise cittadina, che ne hanno riconosciuto senza se e senza ma impegno, responsabilità e abnegazione».

Franzè, inoltre, si dice certa che la sua dedizione «si  trasformerà in concreta attività politico - amministrativa per il bene comune» e gli augura «una buona e proficua prosecuzione di lavoro».

Lo scorso 2 dicembre si sono svolte le consultazioni per eleggere il nuovo presidente della V Commissione consiliare. Nel corso della prima votazione, 7 sono stati i consensi attribuiti al commissario Silvio Pisani (5 Stelle), 2 quelli riportati da Marco Miceli (Vibo Democratica), 7 i consensi ottenuti da Pietro Comito. L’ex equo ha imposto una nuova votazione. Comito, con 9 voti contro i 7 di Pisani, ha ottenuto la conferma della presidenza. 

Furto di energia elettrica, 31enne finisce ai domiciliari

I carabinieri della Stazione di Reggio Calabria – Modena, hanno arrestato in flagranza di reato, un 31enne del posto, per furto di corrente elettrica.

In particolare, i mlitari, durante un controllo condotto con personale dell’Enel, hanno accertato presso l’abitazione dell’uomo la presenza di un allaccio abusivo diretto al cavo della fornitura pubblica attraverso il quale veniva trafugata corrente elettrica, eludendo in tal modo totalmente la contabilizzazione, per un importo di circa cinquemila euro.

L’indagato, in seguito alla convalida dell’arresto dopo il giudizio direttissimo, è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

Pedone travolto sulla 106, strada chiusa nel Cosentino

Un tratto della strada statale 106 “Jonica”, in corrispondenza del territorio di Calopezzati in provincia di Cosenza, è stato temporaneamente chiuso al traffico.  

Il provvedimento si è reso necessario a causa dell’investimento di un pedone.  

Per consentire le operazioni di soccorso, il traffico è stato deviato lungo la viabilità alternativa. 

Sul posto, oltre ai sanitari del 118, sono intervenuti il personale Anas e le forze dell’ordine.

 

Iovine e Franzé (Serra al centro) dicono "no alla Casa di comunità nell'ospedale"

“Un sistema sanitario prossimo alle esigenze del cittadino non sta a significare che la Casa di comunità debba essere ubicata all’interno dell’ospedale civile di Serra San Bruno. C’è un curioso travisamento tra lo scopo principale di queste nuove istituzioni sanitarie ed il modo in cui viene tracciata la loro prospettiva nel Vibonese. La ragione di queste nuove strutture sta nel fatto che dovrebbero fungere da “filtro” territoriale – quindi devono stare sul territorio – per evitare un imbuto caratterizzato da accessi impropri al pronto soccorso. Dovrebbero, quindi, lavorare in sinergia con la medicina territoriale, i medici di famiglia, onde evitare che pazienti cronici finiscano in ospedale. Ma all’Asp di Vibo Valentia, evidentemente, non la pensano cosi. E anziché capire come meglio dislocare sul territorio la Casa di comunità, hanno pensato bene di inserirla nel corpo del nosocomio “San Bruno”, andando palesemente contromano rispetto alla finalità di questa struttura e creando un doppione il cui scopo, non poi cosi velato visti gli accadimenti degli ultimi mesi, sarebbe quello di sopprimere il servizio ospedaliero. Un piccolo escamotage per svuotare la sanità del Comprensorio delle Serre “da dentro”. Ma qualcosa pare non andare per il verso giusto, infatti se fosse confermato la circostanza che le gare d’appalto per le Case di comunità, portate avanti da Invitalia, sarebbero andate deserte, ci troveremmo in un impasse non previsto dal management vibonese, che rischia di metterne a soqquadro i piani. Sarebbe meglio se il commissario dell’Asp di Vibo Valentia, Giuseppe Giuliano, si preoccupasse di ciò che realmente manca (praticamente tutto) in termini di servizi ambulatoriali sia esterni, al distretto, che interni all’ospedale. Esempio emblematico di un grave disservizio è il fatto che per la scelta del medico di base, o per l’esenzione ticket, un cittadino dell’entroterra deve recarsi a Vibo Valentia. Senza contare, poi, che il centralino dell’ospedale – in costanza di due dipendenti – non funziona. Appare chiaro che dette scelte siano nettamente discutibili rispetto all’interesse pubblico che dovrebbe fungere da unico faro nelle scelte amministrative sanitarie. Un interesse pubblico che sembra cozzare con tante delle decisioni manageriali dell’Asp vibonese. Noi siamo e saremo sempre contrari che la casa di comunità venga ubicata dentro l’ospedale “San Bruno” e per questo non faremo che mantenere alta l’attenzione sulla gestione del diritto alla salute nel Comprensorio delle Serre, affinchè non venga soppresso da un meccanismo decisionale azionato da chi non ha a cuore le sorti del territorio montano”. 
 
E' quanto scrivono in una nota gli esponenti di Serra al centro, Maria Rosaria Franzè e Bruno Iovine
Subscribe to this RSS feed