Terremoto giudiziario sui lavori pubblici a Rende, 72 indagati

I finanzieri Gruppo di Cosenza, insieme ai carabinieri del Comando provinciale bruzio e della Compagnia di Rende hanno eseguito 3 misure cautelari di applicazione degli arresti domiciliari, 1 misura cautelare di divieto di dimora nel comune di Rende, 8 misure cautelari interdittive della sospensione dall’esercizio del pubblico ufficio e servizio e 12 misure cautelari interdittive di esercizio di attività professionale ed imprenditoriale.

I provvedimenti sono stati emessi dal gip del Tribunale di Cosenza, su richiesta della locale Procura della Repubblica, a carico di imprenditori, professionisti e persone che ricoprono cariche istituzionali, funzionari e dipendenti del Comune di Rende.
Con lo stesso provvedimento il gip ha disposto anche il sequestro di sei società, di manufatti e somme di denaro, depositate in conti correnti bancari.

Agli indagati vengono contestati, a vario titolo, i reati di corruzione per atto contrario ai doveri di ufficio, rivelazione di segreto di ufficio, falso in atto pubblico, turbativa d’asta, frode in pubbliche forniture, peculato e abuso in atto d’ufficio.

L’indagine, portata avanti dai carabinieri della Compagnia di Rende e dai finanzieri del Gruppo di Cosenza, ha interessato lavori e gare d’appalto del Comune di Rende. Inoltre, sotto la lente d’ingrandimento degli investigatori sono finiti i rapporti economici fra gli indagati e la gestione di società, finalizzata al trasferimento di valori ed utilità economiche.

Complessivamente il procedimento penale riguarda 72 indagati e otto società.

In auto con cento grammi di cocaina, arrestato

I Carabinieri di Rende hanno sottoposto a controllo, a Quattromiglia, a ridosso di viale Marconi, un rendese di 28 anni, che, fermato a bordo della sua auto, è stato trovato in possesso di 108 grammi di cocaina e di oltre 3.600 euro.

Dopo aver sequestrato quanto rinvenuto, i militari hanno  arrestato l’uomo, il quale, al termine delle formalità di rito, è stato associato alla casa circondariale di Cosenza.

 

  • Published in Cronaca

Due chili di marijuana nascosti in un'abitazione, manette per un 32enne

Detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Questa l‘accusa con la quale i carabinieri di Rende hanno tratto in arresto un 32enne del posto.

Come base per nascondere la droga e confezionare le dosi, l’uomo si sarebbe servito di una casa ubicata nella zona Surdo di Rende, dove i militari hanno rinvenuto due chili di marijuana e l’occorrente per la pesatura ed il confezionamento dello stupefacente.

Inoltre, durante il controllo cui è stata sottoposta anche l’abitazione in cui l’indagato risiedeva è stato rinvenuto un allaccio abusivo alla rete elettrica che ha portato alla denuncia della convivente dell’uomo.

L’arrestato, su disposizione del magistrato di turno presso la Procura della Repubblica di Cosenza, è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

  • Published in Cronaca

Picchia la compagna davanti alla figlia minore, arrestato

I carabinieri di Acri (Cs) hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, nei confronti di un trentenne del luogo, ritenuto responsabile di maltrattamenti in famiglia.

La vicenda trae origine nell’agosto del 2018, quando la presunta vittima ha raccontato agli investigatori di aver subito aggressioni fisiche da parte del compagno. Nonostante la donna avesse deciso di abbandonare l’abitazione in cui viveva per trasferirsi a casa dei genitori, l’uomo avrebbe continuato a picchiarla in presenza della madre e della figlia minore.

Come se non bastasse, la giovane donna ha riferito ai militari che l’ex compagno, in virtù della sua dipendenza dalla droga, l’avrebbe costretta chiedere soldi e a sottrarre gioielli in oro ai genitori.

Pertanto, i militari, una volta ricostruita la situazione, hanno messo al sicuro la presunta vittima e i suoi due figli, mentre l’ indagato è stato tradotto nella casa circondariale di Cosenza.

Maltempo in Calabria, allagamenti nel Cosentino

Sono stati numerosi gli interventi che i vigili del fuoco hanno dovuto effettuare sulla costa tirrenica cosentina, in seguito agli allagamenti provocati dai forti temporali avvenuti la notte scorsa.

Le situazioni più difficili si sono registrate nei comuni di Amante e Belvedere Marittimo. In quest'ultimo centro, sono state particolarmente colpite la Ss18 e le zone Calvario, Marina due, Vetticello e Castromurrào.

Interventi di prosciugamento e rimozione di fango e detriti sono stati effettuati anche a Paola, Scalea e Rende, dove è esondato un canale del consorzio di Bonifica.

Al momento non risultano danni a persone.

 

  • Published in Cronaca

Fugge al posto di blocco e getta una pistola dal finestrino: arrestato

La notte scorsa, i carabinieri della Compagnia di Rende hanno arrestato in flagranza di reato, un 28enne del luogo, indiziato dei reati di porto abusivo d’arma, resistenza a pubblico ufficiale e ricettazione.

In particolare, i militari, durante un posto di controllo nella zona di Quattromiglia, hanno intimato l’alt al conducente di un’auto di grossa cilindrata. Per tutta risposta, l’automobilista ha pigiato il pedale dell’acceleratore cercando di dileguarsi. E’ scattato, quindi, un inseguimento durante il quale il fuggitivo avrebbe lanciato una pistola dal finestrino. Una volta bloccato il veicolo e identificato il conducente, gli uomini della Benemerita hanno recuperato una pistola a tamburo Smith & Wesson, lanciata poco prima. In seguito ai controlli del caso, l’arma – che sarà inviata al Ris di Messina per accertamenti tecnici e balistici -  è risultata di proprietà di un uomo di Cosenza morto nel 2020.

L’indagato, quindi, è stato tratto in arresto e posto ai domiciliari, per porto e detenzione di arma da sparo, ricettazione e resistenza a pubblico ufficiale.

  • Published in Cronaca

Nascondeva oltre 6 chili di marijuana, arrestato

Durante una perquisizione a casa di un 29enne, i carabinieri della Compagnia di Rende e le unità cinofile del Nucleo di Vibo Valentia hanno rinvenuto oltre 6,5 chili di marijuana occultati in un magazzino.

Lo stupefacente è stato individuato grazie al fiuto di “Collins”, il pastore tedesco in servizio presso il Nucleo cinofili dei carabinieri di Vibo Valentia.

La droga, dalla quale sarebbe stato possibile ricavare circa 650 dosi, una volta venduta al dettaglio avrebbe fruttato oltre 10 mila euro.

L’arrestato, su disposizione del magistrato di turno presso la Procura della Repubblica di Cosenza, è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

Inoltre, 4 grammi di marjuana sono stati trovati nella disponibilità del padre del ragazzo, il quale è stato segnalato alla Prefettura di Cosenza per “detenzione di sostanze stupefacenti per uso personale”. L'uomo deteneva illegalmente anche 15 cartucce calibro 12 e per tale motivo è stato deferito in stato di libertà per “detenzione abusiva di munizioni”, mentre le armi regolarmente possedute, sono state sottoposte a ritiro cautelativo.

Furti in due supermercati, denunciati i presunti responsabili

Tre persone – due uomini e una donna di 42, 34 e 32 anni – sono state denunciate in stato di libertà dai Carabinieri di Rende, perché accusate di due furti compiuti a distanza di un giorno in altrettanti supermercati.

I presunti responsabili – tutti originari dell’hinterland cosentino – avrebbero approfittato dell’oscurità per forzare le porta posteriori delle attività commerciali e portare via denaro ed elettrodomestici, per un valore complessivo di circa 5 mila euro.

  • Published in Cronaca
Subscribe to this RSS feed