Redazione

Redazione

URL del sito web:

Emergenza Covid in Calabria, il bollettino di oggi: 4 morti e 405 nuovi casi positivi

Quattro morti, 259 guariti e 405 nuovi casi positivi.

Questi i dati giornalieri relativi all'epidemia da Covid-19 comunicati dal dipartimento Tutela della Salute della Regione Calabria.

Complessivamente, quindi, su 454.070 persone sottoposte a tampone dall'inizio della pandemia, 28.427 sono risultate positive.

Territorialmente, i casi positivi sono così distribuiti:

- Cosenza: casi attivi 4.017 (65 in reparto Azienda ospedaliera di Cosenza; 12 in reparto al presidio di Rossano;7 al presidio ospedaliero di Acri; 15 al presidio ospedaliero di Cetraro; 8 all'ospedale da Campo; 10 in terapia intensiva, 3.900 in isolamento domiciliare); v4.222 (3.995 guariti, 227 deceduti).

- Catanzaro: casi attivi 1.807 (29 in reparto all'Azienda ospedaliera di Catanzaro; 4 in reparto al presidio di Lamezia Terme; 24 in reparto all'Azienda ospedaliera universitaria Mater Domini; 9 in terapia intensiva; 1.741 in isolamento domiciliare); casi chiusi 2.356 (2.275 guariti, 81 deceduti).

- Crotone: casi attivi 411 (22 in reparto; 389 in isolamento domiciliare); casi chiusi 2.055 (2.016 guariti, 39 deceduti).

- Vibo Valentia: casi attivi 1.114 (16 ricoverati, 1098 in isolamento domiciliare); casi chiusi 1.351 (1.319 guariti, 32 deceduti).

- Reggio Calabria: casi attivi 2.368 (79 in reparto all'Azienda ospedaliera di Reggio Calabria; 4 in reparto al presidio ospedaliero di Gioia Tauro; 8 in terapia intensiva; 2.277 in isolamento domiciliare); casi chiusi 8.367 (8.216 guariti, 151 deceduti).

- Altra Regione o stato Estero: casi attivi 93 (93in isolamento domiciliare); casi chiusi 266 (266 guariti, 1 deceduto).

I casi segnalati nelle ultime 24 ore sono così distribuiti: 151 in provincia di Reggio Calabria, 117 in provincia di Cosenza, 55 in provincia di Catanzaro, 42 in provincia di Crotone e 40 in quella di Vibo Valentia.

Dall’ultima rilevazione, le persone che si sono registrate sul portale della Regione Calabria per comunicare la loro presenza su territorio regionale sono in totale 176.

 

Giannetta ribadisce la sua appartenenza a Forza Italia

“Il mio partito è Forza Italia e mi fanno abbastanza sorridere alcune ricostruzioni che mi collocano in quota Lega”.

Ad affermarlo, il Consigliere regionale Domenico Giannetta.

"Sono un componente storico di Forza Italia - ribadisce Giannetta - partito che ho scelto di rappresentare anche in Consiglio regionale e in Parlamento, prima di optare per la Regione Calabria. Si tratta di tentativi maldestri di disorientare la stampa e l’elettorato, la mia appartenenza politica non è in discussione. D’altronde - conclude - succede che chi teme l’avversario tenda a sparigliare le carte e metta in giro voci insussistenti. Sperando, poveri illusi, di indebolirlo”.

Minacce e aggressioni ad un familiare: misura cautelare per un 47enne

Ieri pomeriggio i carabinieri della Compagnia di Cirò Marina (Kr) hanno eseguito a carico di un 47enne del luogo un’ordinanza di misura cautelare di divieto di avvicinamento e divieto di comunicazione nei confronti di un familiare, con il quale l'uomo avrebbe avuto svariate discussioni, talvolta sfociate in vere e proprie aggressioni e minacce.  

Sin dai primi episodi, i militari sono intervenuti per effettuare accertamenti e sopralluoghi.

Gli uomini dell’Arma, diretti dalla Procura della Repubblica di Crotone, hanno dunque svolto le indagini del caso ed effettuato gli accertamenti che hanno portato all’emissione del provvedimento.

Positivo al Covid viene sorpreso per strada, 32enne denunciato a Vibo Valentia

Violazione dell’obbligo della quarantena domiciliare.

Questa l’accusa con la quale un 32enne di Vibo Valentia è stato denunciato dalla polizia di Stato.

L’uomo, nonostante fosse stato posto in quarantena perché positivo al coronavirus, è stato sorpreso in auto mentre circolava per le strade del capoluogo di provincia.

Agli agenti che l’hanno fermato, il 32enne ha dichiarato di essere uscito da casa per andare a comprare delle medicine.

Inevitabile, quindi, la denuncia.

Sottoscrivi questo feed RSS