Ruba in un negozio e aggredisce il proprietario, arrestato

I carabinieri della Sezione radiomobile della Compagnia di Crotone hanno arrestato un cittadino extracomunitario di 40 anni, accusato di rapina, lesioni personali e resistenza a pubblico ufficiale.

In particolare, l'uomo, dopo aver rubato alcuni prodotti in un negozio, avrebbe aggredito il proprietario.

Come se non bastasse, il 40enne avrebbe opposto resistenza ai militari intervenuti sul posto.

Il cittadino straniero è stato pertanto arrestato e trasferito nel carcere della città pitagorica.

 

Aggressioni in pieno centro a Reggio Calabria, in manette due 21enni

I poliziotti ed i carabinieri di Reggio Calabria hanno tratto in arresto due 21enni ritenuti responsabili delle aggressioni, a scopo di rapina, consumate nella centralissima piazza Duomo, le notti dell’8 e del 23 febbraio scorsi, ai danni di due giovani reggini.

Al termine delle formalità di rito gli arrestati sono stati condotti nella casa circondariale di Reggio Calabria-Arghillà.

  • Published in Cronaca

Condannato per rapina, arrestato

In attuazione di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Crotone, a seguito della sentenza di condanna divenuta definitiva su pronuncia della Corte di Cassazione, i poliziotti della Squadra mobile hanno tratto in arresto P.S., di 41 anni.

L’uomo, che dovrà scontare una pena a 6 anni di reclusione, per i reati di rapina aggravata in concorso e lesioni personali aggravate, al termine delle formalità di rito è stato condotto nel carcere della città pitagorica.

  • Published in Cronaca

Rapina e lesioni, due persone in manette

Gli agenti della Questura di Crotone hanno eseguito un ordine di carcerazione emesso dalla locale Procura della Repubblica, nei confronti di P. G. e S. L., rispettivamente di 36 e 38 anni.

I due, entrambi residenti nella città pitagorica, sono ritenuti responsabili dei reati di rapina e lesioni gravi in concorso per i quali dovranno espiare una pena a 4 anni e 8 mesi di reclusione, per fatti accaduti a Crotone nel 2017.

Al termine delle formalità di rito, i due sono stati associati alla locale casa circondariale.

  • Published in Cronaca

Condannato a tre anni per rapina e altri reati, arrestato

I carabinieri della Tenenza di Isola di Capo Rizzuto (Kr) hanno arrestato un ventisettenne del luogo, destinatario di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Brescia.

L'uomo dovrà espiare una pena di 3 anni, 10 mesi e 7 giorni di reclusione, poiché riconosciuto colpevole di rapina, ricettazione, lesioni e violazione di domicilio, reati commessi nella provincia di Brescia nel 2019.

L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato tradotto presso la casa circondariale di Crotone. 

  • Published in Cronaca

Tentano di rapinare una pensionata, arrestati

I poliziotti della questura di Reggio Calabria hanno tratto in arresto Mariano Bevilacqua e Enzo Amato, rispettivamente di 50 e 34 anni.

I due sono accusati di una tentata rapina aggravata, compiuta, nel luglio 2018, ai danni di un’anziana donna.

Gli arresti giungono al termine delle indagini avviate nell'immediatezza dell'accaduto, quando gli agenti di una volante, in seguito ad una nota diramata dalla sala operativa per il rintraccio di un’autovettura con a bordo due persone che avevano tentato di rapinare un’anziana donna, hanno fermato l’auto con a bordo i presunti rapinatori.

Il cerchio si è chiuso attorno ai due uomini grazie ad un testimone che ha fornito elementi utili per individuare i responsabili della vicenda.

 

  • Published in Cronaca

Rapinava uffici postali, incastrato dal Dna

I carabinieri della Stazione di Caraffa del Bianco (Rc), supportati dai colleghi della Compagnia di Roccella Jonica, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Tribunale di Locri, nei confronti di C.S., 30 anni, di Gioiosa Jonica.

L'uomo è accusato di una tentata rapina e di una rapina compiute, rispettivamente nel 2018 e nel 2010, all'ufficio postale di Caraffa del Bianco (Rc) e Gioiosa Jonica (Rc).

In particolare, nel dicembre 2018, due persone armate di pistola e coltello, con il volto coperto da un berretto cui erano stati praticati due fori per gli occhi, sono entrate nell’ufficio postale di Caraffa del Bianco e hanno minacciato la direttrice, per farsi consengare i soldi destinati al pagamento delle pensioni.

Ad impedire la rapina sono state le urla di una donna che hanno messo in fuga i malviventi. 

Una volta avviate le indagini, i carabinieri hanno trovato per strada i passamontagna abbandonati dai rapinatori durante la fuga.

Il materiale è stato quindi inviato agli specialisti del Ris di Messina, che hanno effettuato una comparazione tra le tracce biologiche dell’unico indagato e quelle trovate su uno dei berretti di lana.

Dal risultato è emerso un forte rapporto di verosimiglianza – l’ipotesi è di 1,045 milioni di volte più probabile rispetto all’ipotesi contraria – tra le tracce esaminate e quelle dell'arrestato.

Le prove raccolte hanno consentito inoltre di riaprire un altro caso giudiziario irrisolto: quello della rapina all’ufficio postale di Gioiosa Jonica, avvenuta nel 2010.

In quell’occasione un uomo armato di coltello era riuscito a prelevare, minacciando un impiegato, circa 28 mila euro in contanti, per poi fuggire a piedi per le vie del centro.

I carabinieri di Roccella Jonica, controllando minuziosamente la via di fuga del rapinatore, erano riusciti a trovare un berretto di lana e un maglione, compatibili con quelli indossati dal rapinatore.

Elementi che, allora, si erano rivelati insufficienti a proseguire le indagini, ma che, a distanza di dieci anni, grazie al lavoro del Ris di Messina, hanno permesso d'incastrare il presunto rapinatore.

Pertanto, alla luce delle risultanze investigative, i carabinieri hanno tratto in arresto C.S., il quale, al termine delle formalità di rito è stato associato alla casa circondariale di Locri.

Sfondano una parete e rapinano le poste, presunto responsabile incastrato dal Dna

Un uomo, M.P., di 46 anni, di Corigliano Rossano, è stato arrestato dai carabinieri della Compagnia di Corigliano Calabro, perché accusato di aver compiuto una rapina all'ufficio postale della frazione Schiavonea.

I fatti risalgono a maggio 2017, quando due banditi, con volto coperto da passamontagna, fecero irruzione nell'ufficio attraverso un buco praticato nella parete del bagno.

I rapinatori, armati di pistola, dopo aver minacciato i dipendenti, si fecero consegnare 171 mila euro.

Una volta immobilizzati con corde e fascette gli impiegati e un cliente, i due erano riusciti a dileguarsi.

Avviate le indagini, gli investigatori dell'Arma hanno inviato i reperti raccolti, al Ris di Messina che ha comparato il Dna trovato sulla scena del crimine, con quelli presenti nella Banca dati nazionale.

Il risultato della ricerca ha dato esito positivo, permettendo d'individuare uno dei presunti rapinatori.

 

  • Published in Cronaca
Subscribe to this RSS feed