Rachiele e De Caria (Serra al centro): “Continua la presa in giro dell’Asp. Il sindaco intervenga”

"In origine erano 20, adesso solo 6. Continuano i giochi di prestigio, ai danni del presidio ospedaliero di Serra San Bruno, che fanno retrocedere il diritto alla salute nel territorio montano di ben 50 anni".

È quanto dichiarano, in un comunicato, i componenti del gruppo "Serra al Centro", Nensy Rachiele e Gregorio De Caria "in riferimento ai posti letto riservati alla Riabilitazione post acuzie previsti dalla delibera commissariale 193 del 19 aprile 2016 – il cui progetto esecutivo era stato messo in campo dalla delibera 641 del 2018 - che sono stati, a conti fatti, inspiegabilmente ridotti con una nuova delibera del Commissario alla sanità vibonese Giuseppe Giuliano. Una delibera che non soltanto getta una scure su posti letto dopo che il presidio sanitario serrese è stato privato di numerosi altri servizi sanitari, ma che rappresenta una semplice dichiarazione di  intenzione. In concreto la delibera non prevede impegni di spesa, né per gli interventi strutturali, tantomeno per quelli tecnologici e, da quello che ci risulta, nel piano del fabbisogno approvato di recente dalla regione per l'anno in corso è prevista l'assunzione di un solo medico fisiatra. Aprire eventualmente sei posti anziché 20 è inopportuno perché anche per sei posti letto gli standard minimi di accreditamento prevedono l'intero personale di un modulo di 20 pl, ovvero 4 fisiatri, 8 fisioterapisti, 6 infermieri e 12 oss. E siccome - prosegue la nota -come dicevano i latini quod non est in actis non est in mundo, ecco che la traduzione plastica di quanto messo nero su bianco dal management sanitario vibonese ha una sola definizione: presa in giro. Una chiara azione di prepotenza da parte dell’Asp di Vibo Valentia che dopo la partecipazione al consiglio comunale aperto del Commissario Giuliano, dimostra apertamente di non voler ascoltare la voce del territorio. E se gli atti di indirizzo di appena qualche anno fa andavano nella direzione del mantenimento dei servizi e di ampliamento dell’offerta sanitaria del “San Bruno” con la previsione di nuovi, quelli attuativi del Commissario sembrerebbero far trasparire atti d’indirizzo che vanno nella direzione contraria. A questo punto, una presa di posizione del primo cittadino di Serra San Bruno, Alfredo Barillari, non è soltanto opportuna ma necessaria, per viaggiare unitamente agli altri sindaci e alle associazioni sulla strada della protesta, reagendo contro l’ennesimo scippo ai danni di un territorio considerato dalla politica come serbatoio di voti e dall’Azienda sanitaria vibonese come una terra da non considerare. Sull’ospedale di Serra San Bruno - è la chiosa finale - stanno scorrendo i titoli di coda". 

  • Published in Politica

Ospedale San Bruno, Tassone: “Dall’Asp solo fumo negli occhi”

“Un aspetto mi sembra chiaro: presi probabilmente dalla frenesia di placare una legittima protesta che parte dal basso, portata avanti con grande determinazione dal comitato San Bruno, i vertici dell’Asp di Vibo continuano a prendere in giro un’intera comunità oltre che le istituzioni che la rappresentano.
È di ieri, infatti, la delibera dell’Asp di Vibo con la quale si dà mandato ai tecnici per definire i lavori necessari per poter allocare numero 6 posti letto di recupero e riabilitazione presso il primo piano dell’ospedale San Bruno.
Detta così la notizia, sembrerebbe anche una buona cosa. Quasi trionfalistica. Ma di fronte a tale delibera non posso tacere per onestà intellettuale di chi conosce fino in fondo i fatti e per amore di un territorio a cui dedico, con tutti i limiti umani, tutte le mie energie e la mia azione politica.
Ciò detto è doveroso fare alcune precisazioni al fine di ricostruire i fatti e mettere in evidenza l’ennesima presa in giro dei vertici dell’Asp, che spero non abbia avuto l’avallo consapevole del sindaco di Serra San Bruno.
Il Dca 64 del 2016 prevede per l’Ospedale di Zona disagiata di Serra San Bruno ben 20 posti letto destinati a recupero e riabilitazione. A seguito di tale decreto, su continue insistenze dei sindaci del comprensorio, comprese quelle del sottoscritto in qualità di sindaco pro tempore, l’Asp di Vibo procedeva a conferire incarico ad un professionista per la progettazione di un reparto di recupero e riabilitazione, compresa la realizzazione di una palestra all'uopo destinata.
A seguito della realizzazione di tale progetto, che esiste nella sua interezza, non si continuano tuttora a capire i motivi del perché non siano mandati in appalto i lavori necessari, così come invece è stato fatto per il reparto di lungodegenza.
Questi i fatti rispetto ai quali non temo smentite da chi pensa di poter offendere l’intelligenza di un popolo che vive già i disagi di una zona interna di Calabria.
Alla luce di quanto sopra esposto, la delibera emanata ieri è irrispettosa di quanto stabilito dal Dca 64 e quindi non tiene, tra l’altro, conto delle indicazioni di una norma superiore.
Si tratta insomma di un giochino attraverso il quale si vuole gettare fumo negli occhi ad una comunità che magari non conoscendo fino in fondo i fatti, potrebbe pensare ad una buona notizia.
Per tale ragione nei prossimi giorni investirò di quanto sta avvenendo le massime istituzioni regionale del mio partito ed il segretario regionale Nicola Irto al fine di valutare le azioni da intraprendere nei confronti di chi continua a pensare che la sanità possa essere gestita in questo modo”.

Lo scrive, in un nota, il dirigente regionale del Partito democratico e già consigliere regionale della Calabria, Luigi Tassone.

  • Published in Politica

Ospedale “San Bruno”, la minoranza contro il sindaco: “Il nuovo medico è solo in parziale sostituzione di chi si pensiona”

“Poca onestà intellettuale e politica”. I consiglieri di minoranza Antonio Procopio, Luigi Tassone, Biagio Figliucci e Vito Regio criticano il sindaco Alfredo Barillari, reo a loro avviso di aver “annunciato in modo trionfalistico che dal 30 novembre e per tutti i mercoledì, un chirurgo farà prestazione ambulatoriali”.

“Il sindaco - sostengono gli esponenti di opposizione - sa bene che tra qualche settimana l’unico chirurgo, tra l’altro serrese, che presta servizio presso il nostro nosocomio andrà in pensione e quindi il nuovo medico, che appunto verrà una sola volta a settimana, dovrà dalle prossime settimane supplire a questa assenza”.

Quindi, “si tratta di una soluzione tampone che non può passare per rafforzamento di un reparto, una sorta di piccola toppa che non può coprire un vuoto enorme”.

Da qui viene sviluppato il nuovo affondo: “quelle del sindaco sono chiacchiere e mistificazione della realtà. Per tale ragione, e anche se notiamo che è sempre più confuso e distante dalla realtà, lo invitiamo a tenere un atteggiamento più serio in tema sanitario e a non buttare fumo negli occhi ad una popolazione che quotidianamente deve fare i conti con i disagi sanitari”.

  • Published in Politica

"Serra al centro" e il gruppo "In movimento": "Parteciperemo a tutte le iniziative in difesa dell’ospedale"

Riceviamo e pubblichiamo

"Plaudiamo all’iniziativa “Ospedale San Bruno: quale futuro nella nuova riorganizzazione della Rete Ospedaliera Regionale?” che si è tenuta questa mattina presso la sala consiliare del Comune di Spadola e ringraziamo il sindaco di Spadola, Cosimo Damiano Piromalli, per la sua disponibilità, unitamente a quella di tutti gli altri sindaci intervenuti.

Plaudiamo perchè abbiamo partecipato, con i nostri rappresentanti Maria Rosaria Franzè, Bruno Iovine e Giovanni Vellone per "Serra al Centro" e Domenico Zaffino, Bruno Rosi e Francesco Tassone per "In movimento", ad una conferenza stampa dove si è parlato concretamente di diritto alla salute, difesa della sanità nel Comprensorio montano delle Serre e dell’Ospedale di Serra San Bruno, rispetto al cui lento smantellamento per primi abbiamo lanciato l’allarme, in tempi non sospetti, ponendoci come vere e proprie sentinelle che tenevano alta l’attenzione su movimenti sospetti, prontamente denunciati all’opinione pubblica e alla politica, anche a quella parte che ci voleva far passare per delle Cassandre, o che pensava che le nostre iniziative fossero solamente strumentali. Abbiamo provveduto ad una raccolta firme indirizzata al Presidente della Giunta regionale della Calabria, Roberto Occhiuto, affinchè si tenesse conto, nella riorganizzazione della rete ospedaliera regionale, delle caratteristiche dell’ospedale di Serra, quale unico presidio di sanità pubblica in una zona montana caratterizzata da mille difficoltà. L’iniziativa di questa mattina ha rappresentato un momento di dialogo caratterizzato dalla massima convergenza di tutti i partecipanti circa l’indispensabilità del presidio ospedaliero serrese e sulla necessità di difenderlo in maniera forte ed unitaria. E’ giunto, quindi, il momento di avere delle risposte serie e concrete, e considerato che probabilmente non arriveranno, sono in previsione dei momenti di protesta per i quali verrà chiesta la collaborazione della cittadinanza, dei comitati e di tutti quei politici che credono nella sanità pubblica. Si inizierà già da domani mattina presso l’ospedale di Serra San Bruno con un sit-in di protesta dei sindaci del comprensorio e naturalmente noi ci saremo.

“Parteciperemo alla protesta – spiega Maria Rosaria Franzè – perché come movimento “Serra al centro” ci siamo sempre occupati del problema sanitario nel nostro comprensorio, uno svilimento della sanità pubblica che ha portato allo smantellamento di importanti servizi e alla mancanza di personale sanitario, preludio alla chiusura dell’ospedale. Una carenza che, contemporaneamente, impedisce all’utenza di ricevere delle risposte ai propri bisogni e che obbliga alla migrazione sanitaria in ambito regionale e nazionale. Senza contare la grande difficoltà del rimanente personale sanitario che deve fare i conti con enormi sacrifici e rischi continui cui ci raccontano quotidianamente le cronache dei giornali”. All'assemblea è intervenuto anche Bruno Rosi del gruppo "In movimento" dichiarando quanto segue:" Rispetto al piano di riorganizzazione della rete ospedaliera approvato dal Commissario Scura nel 2015 che prevede per Serra, Ospedale di montagna: 18 + 2 posti letto (per acuti) in medicina, 20 posti letto (post acuti) di lungodegenza, 6 posti letto in day surgery con possibilità di appoggio per 2 posti letto in medicina, 10 posti letto di fisioterapia, adeguamento e riqualificazione del pronto soccorso, dialisi trasferita in uno dei reparti non utilizzati, mantenimento del laboratorio analisi e della radiologia. Mantenimento dei posti letto anche dopo la realizzazione del nuovo ospedale di Vibo, naturalmente con la presenza del personale medico e paramedico, il ritorno di questo territorio alla casa madre cioè alla provincia di Catanzaro".

Serra al Centro e In movimento

  • Published in Politica

Ospedale di Serra San Bruno: i sindaci scendono in campo, domani il sit-in di protesta

Si è svolta nella sala consiliare del Comune di Spadola la conferenza stampa dei sindaci delle aree montane, con la quale è stato annunciato un sit-in di protesta davanti all'ospedale di Serra San Bruno.

"L'iniziativa - si legge in una nota degli organizzatori - in programma per le 9.30 di domani, si propone di salvaguardare il diritto dei cittadini alle cure e di sensibilizzare alla causa civica e territoriale. Si ringraziano i comitati e le associazioni per essere intervenuti unendosi alla protesta manifestando unità di intenti".

  • Published in Politica

Ospedale di Serra San Bruno, il sindaco di Brognaturo sul piede di guerra: "Non rimane che avviare una forma più efficace di protesta"

"Negli anni passati si discuteva sul potenziale pericolo di consegnare il Servizio sanitario nazionale e calabrese al privato. Ricordo le conversazioni in cui si evidenziava un servizio destrutturato dalle fondamenta che la pandemia ha messo in luce in modo impietoso. Si  è tanto  parlato della 'Strategia nazionale delle aree interne' come strumento che avrebbe dovuto rafforzare anche il servizio sanitario, fondamentale, utile a garantire i livelli di assistenza di base; mentre, adesso, ci ritroviamo a dover comprendere e accettare che per avere il diritto alle cure dobbiamo prima capire dove viviamo e se abbiamo il sufficiente numero di abitanti per godere di tale diritto".

E' quanto afferma, in una nota, il sindaco di Brognaturo, Rossana Tassone.

"Io - aggiunge - questo non sono disposta ad accettarlo. Credo invece, che non importi dove si vive, i diritti devono essere garantiti senza se e senza ma. E, soprattutto, non ci sono distanze chilometriche che tengano. Sconcerta che più che il diritto debbano essere i numeri a dare l’accesso alle cure essenziali. Si è passati da un diritto sancito ad una semplice questione di 'piano di rientro aziendale' a discapito esclusivamente dei cittadini.

Il 29 marzo 2022 - prosegue il primo cittadino brognaturese - in un precedente articolo, parlando del diritto alla salute lo definì per i cittadini dell’area delle Serre il 'velo di Maya', configurabile come una parvenza, un’illusione. Le riflessioni sui problemi sanitari delle aree montane che si sarebbero dovuti tradurre, in salvaguardia dei piccoli comuni, sono state trasfuse in interventi normativi regionali di scarsa attuazione. 

È dispiaciuto prendere atto di quanto la popolazione delle Serre non è considerata numericamente adatta all’accesso alle cure, ed ancora più sconfortante, è la consapevolezza che quegli incontri con il commissario Giuliano, in cui si assicuravano alcuni servizi e, soprattutto, il potenziamento dell’ospedale San Bruno si sono poi tradotti in azioni di depotenziamento che, ancora una volta, si sono rivelate promesse disattese.

Mesi fa chiedevamo, insieme agli altri colleghi sindaci, il ripristino dell’ospedale di Montagna, abbiamo trascorso l’ultimo mese in maniera istituzionale e nel rispetto dei ruoli reciproci chiedendo un incontro con il presidente e commissario della Sanità calabrese che ad oggi non è stato programmato.

Quando all’interno della 'programmazione delle attività previste per il 2023 dell’Azienda sanitaria vibonese' si prende atto che non è stata presentata alcuna soluzione alle condizioni disagevoli in cui versiamo è indispensabile esprimere un dissenso per le nostre comunità perché l’ospedale di Serra San Bruno è un bene collettivo, pubblico, essenziale per tutto il territorio.

Se c’è una cosa che mi è stata insegnata è l’importanza del territorio fuori da ogni visione partitica e il rispetto dei cittadini 'testimoni delle condizioni disagiate in cui versa il nostro territorio'

Con l’amara certezza che i cittadini delle Serre sono considerati dai partiti quando si necessita di altri numeri.

Non avendo più altri strumenti istituzioni efficaci per farmi ascoltare - conclude Tassone - ritengo che, ad oggi, l’unica cosa che rimane è avviare una forma più efficace di protesta per far tornare i numeri dove per diritto è giusto che ci siano".

 

  • Published in Politica

Sanità, i sindaci di Serre e Preserre formulano un documento unitario: “Proposti interventi per garantire il diritto alla salute dei cittadini”

Facendo seguito a quanto indicato nelle precedenti settimane, il sindaco di Serra San Bruno, Alfredo Barillari, ha convocato l’Assemblea dei sindaci dell’Ambito territoriale sociale – sede deputata alla programmazione degli interventi, alla condivisione degli obiettivi ed all’elaborazione degli indirizzi per il raggiungimento degli stessi – al fine di evidenziare le necessità del territorio e delle comunità di riferimento in ambito sanitario e formulare idonee proposte per garantire la tutela del diritto alla salute.

I sindaci dei Comuni ricadenti nell’Ambito (Serra San Bruno, Acquaro, Arena, Brognaturo, Capistrano, Dasà, Dinami, Fabrizia, Gerocarne, Mongiana, Nardodipace, Pizzoni, San Nicola da Crissa, Simbario, Sorianello, Soriano Calabro, Spadola, Vallelonga, Vazzano) hanno stilato un documento in cui sono state sintetizzate le esigenze territoriali dall’accesso alla sicurezza delle cure per tutta la popolazione e che è stato inviato al presidente della Regione Calabria e commissario alla Sanità Roberto Occhiuto, al presidente della Commissione Sanità, attività sociali, culturali e formative Michele Comito e al commissario straordinario dell’Asp di Vibo Valentia Giuseppe Giuliano.

In particolare, hanno rimarcato il riequilibrio tra ospedale e territorio evidenziando una maggiore ed adeguata attenzione alle cure primarie, emergenziali (attraverso l’ospedale di montagna/zona disagiata di Serra San Bruno) e graduate (attraverso l’ospedale di comunità di Soriano Calabro). Hanno richiesto una più efficace Medicina territoriale con il potenziamento degli ambulatori specialistici all’interno della Casa della Comunità.

Il documento entra dunque nel merito della struttura ospedaliera di Serra San Bruno (ribadendo la necessità di un Pronto soccorso per l’Emergenza-Urgenza, il potenziamento della Medicina, della Dialisi, del Laboratorio Analisi, oltre che dei reparti di Riabilitazione, Fisioterapia e Lungodegenza; la riapertura della Radiologia; la presenza di un anestesista h24; a previsione di una Chirurgia che effettui interventi in Day Surgery, di elisuperfici dedicate e di più ambulanze) e di quella di Soriano Calabro (intesa come struttura sanitaria di ricovero che afferisce alla rete di offerta dell’Assistenza Territoriale e svolge una funzione intermedia tra il domicilio e il ricovero ospedaliero, con la finalità di evitare ricoveri ospedalieri impropri o di favorire dimissioni protette in luoghi più idonei al prevalere di fabbisogni sociosanitari, di stabilizzazione clinica, di recupero funzionale e dell’autonomia e più prossimi al domicilio).

“Lavorando in sinergia e mettendo al centro l’obiettivo del rafforzamento dell’offerta sanitaria, che non ha colori politici - ha commentato il sindaco Barillari – abbiamo in maniera compatta costruito una proposta unitaria che punta a salvaguardare i diritti dei nostri cittadini, a garantire buoni livelli di assistenza e a dare migliori prospettive per il futuro. Continuando con questa determinazione e questa capacità di sintetizzare i concetti intorno a scopi comuni, praticheremo una politica orientata al dare le risposte che le nostre comunità attendono. I sindaci sono uniti nel presidiare la sanità territoriale”.

 

 

Ospedale “San Bruno”, anche il sindaco di Vallelonga: "Pronto a lottare per il diritto alla salute"

"Dove andrà a finire l’ospedale e il distretto del nostro territorio con questi presupposti?".
 
E' quanto si chiede in una nota, il sindaco di Vallelonga Egidio Servello.
 
"Gli evidenti disagi - aggiunge - che da anni ricadono sui cittadini vedendosi negare anno dopo anno il diritto alla salute nel nostro territorio, negli ultimi mesi stanno portando all’epilogo di una situazione oramai incancrenita. La chiusura dell’ufficio ticket fino al 5 aprile è l’ennesimo schiaffo alla popolazione che, giorno dopo giorno, paga a caro prezzo gli effetti territoriali della crisi economica. Tradotto significa che si sta facendo pagare ai cittadini più deboli prestazioni che di diritto dovrebbero essere gratuiti".
 
"Condivido - prosegue Servello - le parole del mio collega e amico Ovidio Romano che l’ospedale 'San Bruno' ha sempre rappresentato e rappresenta la popolazione dei nostri territori, quindi, è giusto difenderlo e preservarlo. Da quindici anni leggo atti aziendali privi di reale attuazione. Ho ascoltato ed ascolto promesse che oggi sono rimaste semplici parole.  Da anni attendo l’attuazione di una gestione delle patologie sul territorio: ospedale di montagna, specialistica territoriale, e soprattutto, una medicina materno-infantile adeguata ai bisogni del nostro territorio".
 
"Invece - conclude la nota - allo stato attuale, emergono solamente disservizi che mi portano a pormi una domanda: dove andrà a finire l’ospedale e il distretto del nostro territorio con questi presupposti? Per queste ragioni, condivido quanto richiesto dal sindaco di Brognaturo: il ripristino del reparto di Radiologia; una prima risposta all’emergenza/urgenza tramite una funzione di pronto soccorso fortemente integrata a livello organizzativo sia con l’emergenza territoriale, sia con i medici ospedalieri; una seconda ambulanza situata a Mongiana".
 
Servello, infine, dà "piena disponibilità" ai sindaci di Nardodipace, Brognaturo e Simbario, "per rivendicare ad ogni livello i diritti eternamente negati alle nostre popolazioni".
Subscribe to this RSS feed